09
settembre


Aviva Premiership – Andy Goode (Wasps): il destino di un calciatore. “Either a hero or a zero”. By Giorgio Sbrocco

Mancare la vittoria a tempo scaduto a Twickenham per un pallone calciato da posizione super angolata che invece di entrare in porta…colpisce il palo interno e torna in campo è un modo davvero poco simpatico di chiudere la prima di campionato. È quanto accaduto a Andy Goode e ai suoi London Wasps, sconfitti nel tempo londinese del rugby dagli Harlequins nel giorno del tradizionale Double header di inizio stagione. Mani nei capelli e un solo punto di bonus per le Vespe che, contro i pronosticati avversari, avevano per qualche attimo accarezzato l’idea dello storico sorpasso. “È normale che Andy (Goode, ndr) sia abbattuto e deluso” ha detto a fine gara il manager dei Wasps Dai Young. “Vorrà dire che ci farà vincere altre partite. Lui ha giocato una grande partita. Ma purtroppo questo è l’amaro destino dei calciatori. Come si dice: either a hero or a zero. La verità è che si vince o si perde insieme. Loro sono una delle quattro squadre più forti del campionato. Li abbiamo tenuti sotto pressione fino alla fine. Sono soddisfatto di come abbiam giocato”.
Giorgio Sbrocco

 

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball