17
agosto


Rugby in carrozzina – Il comunicato ufficiale da Anversa.

Gli azzurri del rugby in carrozzina trovano finalmente la primavittoria ai campionati europei di rugby in carrozzina di Anversa. LaRepubblica Ceca, ovvero la nazione che solo venti mesi fa ci aveva
“asfaltato” alla prima uscita in un match internazionale e annichilito sotto una differenza di ben 50 punti, ha dovuto subire oggi las uperiorità degli azzurri che, apparsi come una “tempesta perfetta”,
sono stati in grado di travolgere gli avversari sovrastandoli in tutti gli aspetti tecnici, tattici e fisici. “Il match è stato molto intenso fin dall’inizio e quando siamo riusciti a raggiungere le quattro mete
di vantaggio non abbiamo più mollato fino alla fine, anzi abbiamo incrementato la nostra superiorità e finito con ben otto punti di differenza” – così si esprime, tra gli abbracci dei compagni, Massimo
Girardello, soprannominato “superman” per i numerosi voli con cadute acrobatiche che ha fatto vedere in tutto il torneo, frutto non solo della sua grande intensità di gioco, ma anche della grande
determinazione nell’affrontare ogni avversario senza la minima paura. Questa è una dote fondamentale dello sport del rugby dove il contatto fisico, anche duro, è ritenuto uno dei momenti tipici di tale sport. Ora, con la partecipazione alla nona edizione di questi campionati
europei e questa bella vittoria, il nostro ranking europeo guadagna due posizioni e raggiunge l’undicesimo posto. Non è poca cosa se si pensa che il progetto, così fortemente voluto dalla Fispes, è iniziato solo un paio di anni fa. I complimenti ricevuti dalla viva voce di John Bishop, presidente del board mondiale dell’IWRF, durante la cerimonia di premiazione, ci hanno fatto grande onore, così come tutte le dichiarazioni di stima ricevute dalle altre nazioni presenti via via che le nostre prestazioni in campo diventavano sempre più convincenti. “Dobbiamo rimanere con i piedi per terra – afferma il coach Rene Schwarz, felicemente convinto di tale risultato – Dobbiamo
considerare quanto fatto in questo europeo non come un punto di arrivo, ma l’inizio di un cammino che ci deve portare a raggiungere un posto tra le prime quattro nazioni in Europa. L’Italia ha dimostrato che i presupposti per fare bene ci sono tutti ed ora ci aspetta la parte più dura del progetto: confermare quanto ottenuto e migliorare le nostre capacità”. Quello di cui ora in effetti abbiamo più bisogno è costruire una base molto più ampia di atleti disposti a sacrificarsi per questo sport, incrementare la diffusione e promozione della disciplina e, non ultimo, reperire risorse economiche importanti che ci consentano di fare il vero salto di qualità, permettendoci di sviluppare un programma che sia coerente con le prospettive che ci attendono. Siamo certi che la Fispes saprà cogliere l’importanza di quanto raggiunto oggi e assieme ai vari partner ed istituzioni, che sino ad oggi ci hanno accompagnato in questo cammino, vorrà sostenere il progetto di crescita già in un immediato futuro.  I buoni risultati ottenuti dai nostri atleti sul campo in questo super evento europeo sono da condividere con tutto lo staff che li ha supportati in questi due anni e con gli altri ragazzi rimasti a casa, ma che hanno costruito assieme parte di questo primo importante risultato.

Risultati: Italia – Repubblica Ceca : 50 - 42

Tutte i risultati possono essere visti sul sito del torneo
www.ecwcrugby2013.be

Claudio Da Ponte- Team Manager – Relazioni Esterne
Wheelchair Rugby Italia

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball