16
luglio


Australia – Un Super Rugby B con regole speciali. Sarà "short-rugby"? By Giorgio Sbrocco

Il boss della Aru (la federazione australiana) Bill Pulver ha confermato che è allo studio un campionato riservato alle formazioni B delle franchigie che disputano il Super Rugby. Squadre formate da giovani talenti emergenti che, in futuro, non dovrebbero più transitare per il sistema delle Academy federali ma rimanere all’interno delle organizzazioni delle franchigie. Il problema principale sembra essere la “vendibilità” di un tale prodotto presso il pubblico e presso i canali dell’informazione di massa. “Non è facile convincere i Network a comprare i diritti di partite modello 40+10+40 che si giocherebbero prima di quelle del Super Rugby, quindi intorno alle 17” ha osservato Pulver. “E allo stesso modo sarà assai improbabile che il pubblico trovi interessante gare programmate a quell’ora”. Che fare? L’idea è semplice quanto innovativa, se non proprio rivoluzionaria. “Il pubblico australiano ama il gioco ad alti ritmi e fatto di lunghe sequenze? E noi glielo potremmo confezionare su misura!”. Come ? “Due tempi da 25’ anziché da 40’ e tutti i calci indiretti, quindi nessuna pausa per piazzare e nessun tempo morto”. Un’ora scarsa in tutto e il calcio d’inizio intorno alle 18, molto più vicino e “comodo” per pubblico degli stadi e inserzionisti commerciali. Vedremo come andrà a finire. Il prossimo passo potrebbe essere l’eliminazione della mischia ordinata. Perché quanto a tempo perso…Poi “basterebbe” togliere due giocatori per parte e il gioco (inteso come: delitto perfetto) potrebbe considerarsi fatto! Chissà.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball