19
giugno


Lions – La Union gallese ne fa una questione di palanche. By Giorgio Sbrocco

Magica l’atmosfera, fantastico lo sport, febbrile l’attesa per l’inizio della Serie, nobili, anzi, nobilissime le radici. È il grande rugby, bellezza! Sono i British & Irish Lions, bambola! Ma le palanche…Dove le mettiamo le palanche, avrebbe ammonito il grande Gilberto Govi. A riportare (tutto) a dimensione di (laico e aridissimo) terzo millennio, nella settimana che precede il primo Test con i Wallabies a Brisbane, poche ore dopo la sconfitta con i Brumbies (da 41 anni una Provincia non batteva gli Immensi), ci pensa Roger Lewis, capo della federazione del Galles il quale, davanti allo spettacolo della spedizione della Super Nazionale Britannica nella terra Downunder, non trova di meglio che opinare circa le modalità con cui vengono spartiti (fra Inghilterra, Irlanda, Scozia e Galles) gli utili dell’impresa. L’intervento di Lewis si riferisce a due distinti aspetti della questione: l’ammontare degli utili e la destinazione degli stessi. Tanto per essere chiari: “Qui gli unici che ci guadagnano qualcosa sono gli australiani” ha spiegato Lewis. “Saranno loro a mettere in cassa 40 milioni si sterline che sono l’indotto calcolato dell’intera campagna. Mentre le quattro Union britanniche si divideranno la briciole”. Trattasi di 6 milioni di sterline derivanti (solo ed esclusivamente) da sponsor commerciali. Ma non è tutto: “Il Galles contribuisce al Tour con 15 giocatori e 7 elementi dello staff…” ha rincarato Lewis, appena sbarcato dal Giappone dove ha portato in Tour una (mezza) Nazionale che è stata battuta dal XV di Eddie Jones. “Finanziariamente un’operazione a perdere” l’ha definita. “Portata a termine solo per una questione di cortesia istituzionale di buona convivenza (ecology, nel testo originale)”. E alla fine un’amara riflessione: “Occorrerà riflettere a fondo sulla validità di certe iniziative. I Lions hanno smesso di vincere nel 1997. Ma fino al 2009 il mondo del rugby nel quale si muovevano era una cosa. Ora tutto è cambiato. È giunto il momento di riconsiderare la questione dalle radici”. Questione di palanche, insomma.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball