08
giugno


Italia – La sconfitta con il Sud Africa: prevista e ampiamente giustificata. Sono più forti! By Giorgio Sbrocco

Di giocare alla pari con il Sud Africa non se ne parla. Se c’è una cosa sicura in questo strano gioco con la palla ovale è che i più forti hanno sempre la meglio. Nel calcio può capitare che Danimarca o Grecia vincano un Campionato europeo. Nel Rugby: no. A Durban è andato in scena un copione ampiamente annunciato: Sud Africa in dominio di territorio e di possesso per tutto il promo tempo nel corso del quale fa e disfa a piacimento tenendo l’Italia fuori dalla partita. Prima metà ripresa con il piede dei sudafricani sollevato dall’acceleratore e appoggiato sul freno. L’Italia onestamente ne approfitta e si porta a – 10. Poi il Sud Africa decide che si può riprendere a fare fatica vera. E ce ne hanno fatti altri 24. Nel momento in cui loro hanno (ri) accelerato i nostri hanno pagato dazio in termini di freschezza atletica e di velocità di base (materia prima di cui disponiamo in dosi molto limitate). Resta la bella prova di Morisi, e quelle ampiamente insufficienti di Parisse e Di Bernardo. Le mete sudafricane del secondo tempo sembrano facili, frutto di “inaccettabili regali” della nostra difesa. Non è così: è che loro (e tutti quelli grandi e forti come loro) giocano a livelli di intensità che noi al momento non siamo in grado di riprodurre. Il giorno che anche noi potremo disporre di  uno con le gambe (e le mani) di Le Roux, Basson e Habana, di sicuro ne riparliamo!  Fra sette giorni ci tocca Samoa. Occhio!
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball