16
marzo


Six Nations - Grande Italia all'Olimpico. Battuta l'Irlanda! By Giorgio Sbrocco

Italia – Irlanda 22 - 15
Marcatori: 5’ cp Jackson, 14’, 22’ cp Orquera, 37’ cp Garcia, 49’ m. Venditti tr. Orquera, 53’, 59’,64’ cp Jackson,70’, 80’ cp Orquera
Gialli: 30’ O’Driscoll (Ir), 53’ Parisse (It), 69’ Ryan (Ir), 79’ Murray (Irl)
Arbitro: Barnes (Eng)

L’Irlanda è piena di problemi, ha subito e ha perso qualche pezzo importante. Ma è andata al riposo sotto solo di tre punti…
Kearney (43’) sbaglia una presa al volo e Ghiraldini lancia dentro i 22.
Zanni a due mani e parte il drive. Attacco sull’asse centrale e poi a destra. Barnes (45’) vede un velo degli azzurri in attacco (Masi, plateale ma poco sensato, probabilmente non voluto)
La rimessa irlandese NON funziona! Bisogna approfittarne
Garcia e Parisse bussano sul canale centrale. Poi a sinistra e via sulla chiusa con Zanni (enorme!). Poi a destra con Venditti placcato. Cambio di Canale mette un grubber millimetrico e Kirney (47’) annulla. È mischia a cinque Italia!
*Venditti è in META!!!!!!! Il Tmo conferma e Orquera trasforma
Giallo a Parisse e Italia in 14.
*Due calci di Jackson riportano sotto l’Irlanda, I verdi suonano la carica, Italia placca, subisce il giusto ma non crolla.
Rientra Parisse (64’)
Esce Lo Cicero fra gli applausi
Al 65’ paura per Gori che però si rialza (contatto i volo, secondo Barnes involontario. Boh…)
Fallo irlandese in mischia ordinata e Garcia ci prova da metà campo. CORTO!!
*Giallo a Ryan per crollo volontario del maul. Calcio Italia, ci prova Orquera (70’). DENTRO!!!!!!! Italia avanti di 4
Calcio Italia da mischia ordinata (72’). Rizzo-Ghira-Cittadini fantastici! La mischia è tutta Treviso meno Parisse, e si vede!
Carica Canale lungo l’out di sinistra (73’) penetra e mette palla a disposizione. Poi in avanti di Minto ma in chiusa spingiamo meglio noi. Introduzione sui 22. Murray libera di piede.
Dentro tutta la panchina italiana: Giazzon, Botes e De Marchi (che va a destra).
Errore di Parisse dopo bel drive. Mischia Irlanda (75’)
L’Irlanda deve segnare una meta per vincere!
Anticipano i verdi ma Barnes dice che…reset
Attacco Irlanda. Italia erige muro a metà campo. L’Irlanda ci sbatte contro ma non avanza.
Palla rubata su Murray (Derbishire!) e al 78’ azzurri in controllo. Giallo a Murray.
Orquera butta in rimessa vicino ai cinque metri.
SEMBRA FINITA!!!!!!!!!!
ULTIMO MINUTO: lancia Giazzon: Minto a due mani. Drive. BASTA TENERLA!
*Fallo dell’Irlanda davanti ai pali. Parisse indica i pali. Arriva Orquera che ne mette altri tre.
ITALIA BATTE IRLANDA 22 – 15
E anche San Patrizio dovrà farsene una ragione
Giorgio Sbrocco

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Commenti (4) -

Italy Luca Di Pangrazio:

Bene. Molto bene.
Probabilmente il miglior 6 Nazioni di sempre dell'Italia: 3 vittorie (la partita contro l'Inghilterra io la considero vinta) e tanta qualità nel gioco.
L'Italia, però, deve restare umile e non pensare a quanto ha saputo fare: deve pensare a quanto è in grado di fare, che è molto di più, secondo me.
Arbitraggio buono nel primo tempo. Poi, dopo la meta di Venditti, i soliti aiutini tra fratelli britannici: 2 clamorosi tenuti a terra degli irlandesi, non puniti, nell'azione che li ha poi portati al calcio del momentaneo 16 a 15 (per non parlare di un'entrata laterale piuttosto netta passata in cavalleria); fallaccio da squalifica su Gori non punito nemmeno con il giallo (a parti invertite, il giocatore italiano che avesse fatto un fallo del genere sarebbe stato crocefisso davanti alla Camera dei Lords); 2 ingaggi anticipati della mischia irlandese non puniti (solo mischia ripetuta), a differenza di quelli commessi dagli italiani nel primo tempo. Più di questo, però, Barnes non se l'è sentita di aiutare i nostri avversari (anche perchè l'Olimpico cominciava a dare pericolosi segni di insofferenza rispetto alle solite commedie),con buona pace di chi aveva pensato bene di designare un arbitro irlandese a dirigere Inghilterra - Italia ed uno inglese a dirigere Italia - Irlanda.
E adesso, tutti al Pub a bersi una bella birra italiana alla salute di O'Driscoll e della sua "sportività".
Ah, quasi dimenticavo ... tanti saluti a Clancy, autentico gentlemen, e la prossima volta, cari irlandesi, fateve arbitrà da San Patrizio, magari andrà meglio.

16/03/2013 17:58:21 #

Italy gsbrocco:

salute! gs

16/03/2013 19:49:42 #

Italy Luca Di Pangrazio:

Scherzi a parte, speriamo proprio che questa stagione rappresenti per il rugby italiano una svolta.
Una svolta per la quale dobbiamo essere grati a Brunuel, ai suoi predecessori francesi (Coste e Berbizier) e alla Benetton.
La franchigia veneta ha svolto, negli anni, un lavoro straordinario, passo dopo passo. Ora Treviso se la gioca un po' con tutti in Europa ed ha sfornato una serie impressionante di talenti italiani, veneti e non, che hanno portato il loro contributo determinante in nazionale. Non mi riferisco solo al 15 titolare ma a tutta la rosa: basti penare alla lezione impartita di recente a Munster dalle seconde linee trevigiane (seconde si fa per dire).
Ecco, abbiamo bisogno di un'altra Benetton: le Zebre stanno crescendo e spero che possano diventare la seconda punta di diamante del nostro movimento e che ci possa essere dell'altro ancora.
Molti sostengono che i vari Zanni, Favaro, Sgarbi, Cittadini, Gori, ecc. dovrebbero andare all'estero per fare esperienza e migliorare ulteriormente: non sono d'accordo; stiano in Italia, non hanno bisogno di andare via ... sono i giovani italiani che hanno bisogno di loro.
Forza Italia. Avanti così.

P.S. Da oriundo aquilano della provincia, devo dire che gente come Parisse, Masi e Venditti mi ha riempito il cuore.

16/03/2013 20:34:38 #

Italy Francesco Meani:

grandissimi !!

17/03/2013 00:41:47 #

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball