19
febbraio


Tags
,

Fir – Il presidente onorario Dondi sull'elezione di Malagò: “Ha vinto con il fascino delle sue idee”. By Giorgio Sbrocco

 “Non ero presente all'assemblea elettiva, non ho sentito i discorsi programmatici, però conosco bene Giovanni Malagò. È simpatico, sa parlare bene, sa convincere, è una faccia nuova nel panorama della politica sportiva italiana...complimenti al vincitore. Credo che sarà un buon presidente del Coni”. Così il presidente onorario della Fir Giancarlo Dondi che, da consumato politico, parte dalle cose ovvie e incontestabili per dire cosa effettivamente pensa dell'ascesa di  Malagò (15esimo presidente del Coni) ai vertici dello sport italiano. “La sua vittoria mi ha sorpreso” ammette Dondi. “Ero convinto, come molti altri, che Raffaele Pagnozzi (l'altro candidato in gara con il sostegno dell'uscente Gianni Petrucci, ndr) avrebbe avuto vita facile. Gente di cui abitualmente mi fido mi aveva assicurato che poteva contare su una dote di almeno 50 voti. Leggo che ne ha presi 35...Qualcuno ha cambiato idea all'ultimo momento. Tanti, in verità. Siamo o siamo diventati un paese di voltagabbana. Non una grande notizia, a ben vedere”.
*La Fir ha votato Pagnozzi?
-Ripeto: io non c'ero, il voto lo ha espresso il presidente Gavazzi. Ma per quel poco che so della faccenda...sì, il rugby era con Pagnozzi. Niente contro Malagò, sia chiaro! Ma l'indirizzo credo proprio fosse quello.
*Paolo Vaccari concorreva per un posto in giunta. Non gli è andata benissimo...Elette la May e la Sensini.
-Mi spiace per lui. Ma è la legge del tempo che passa. Quando stai fuori dal giro per qualche anno la gente si scorda di te. Se non ti vede e non ti sente dire qualcosa con regolarità ti cancella dalla memoria. Figurarsi se ti vota! Quando parlo degli azzurri che batterono la Francia a Grenoble e cito alcuni nomi dei protagonisti di quella storica impresa, vedo intorno a me facce vagamente stranite. Gente che si chiede: ma di chi parla? Ecco, a Paolo (Vaccari, ndr) è accaduta la stessa cosa. Si fosse presentato Castrogiovanni dopo la performance di San Remo avrebbe vinto a mani basse. Le due elette, se non sbaglio, lavorano nella pubblicità televisiva...
*Ma lei si è fatto un'idea del coma abbia fatto Malagò a portare via 15 voti sicuri al suo rivale?
-Delle due l'una: o quei voti non erano tanto sicuri come sembrava anche al povero Pagnozzi o...
*O?
-O li ha conquistati con il fascino. Delle sue idee sul come innovare lo sport italiano, ovviamente!
--------------------------------
Giovanni Malagò è stato eletto alla presidenza del Coni con 40 voti di preferenza contro i 35 andati al competitor Pagnozzi (una scheda non valida).
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball