11
febbraio


Tags

IRB – La bastonata di Murrayfield ci manda in coda all’Europa che conta. By Giorgio Sbrocco

Addormentarsi al nono posto fra le potenza ovali del mondo e risvegliarsi undicesimi. È quanto è accaduto all’Italia di Jaques Brunel all’indomani della pesante sconfitta di Edinburgo e del successo del Galles a Parigi sulla Francia. Come è noto, il complicato calcolo dei punti del ranking Irb si basa sul principio che vale (molto) di più battere una squadra che ti precede in classifica piuttosto di una che occupa una posizione inferiore alla tua. Esattamente quanto è accaduto fra sabato e domenica sull’asse Murrayfield – Saint Denis. Tolte le prime tre della classe , espressione della strapotenza dell’emisfero sud che pare sempre più difficile da mettere in discussione, le gerarchie del vecchio continente sono ora così stabilizzate: Inghilterra davanti a tutti, seguita dalla Francia (che spende ancora un po’ del credito conquistato a novembre), Irlanda, Galles (tre posizioni guadagnate in un colpo solo) e Scozia. In pratica: ultimi d’Europa. Dietro di noi (a pochi centesimi di punto) c’è Tonga
IRB Ranking mondiale
1 Nuova Zelanda - 90.08
2 Sud Africa - 86.94
3 Australia - 86.87
4 Inghilterra - 84.94
5 Francia - 81.56
6 Irlanda - 80.29
7 Galles - 79.19
8 Samoa - 78.71
9 Argentina - 78.71
10 Scozia - 77.18
11 Italia - 76.247
12 Tonga - 76.10
Giorgio Sbrocco

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball