30
gennaio


Tags
,

Rabo Pro 12 – Alberto Bianchini (Zebre): “Fisicamente siamo a livello dei nostri avversari”. By Giorgio Sbrocco

In attesa di tornare in campo domenica 10 febbraio al XXV Aprile di Parma contro i Glasgow Warriors  secondi in classifica nella gara valida per il 14esimo turno di Pro 12, e di conoscere il nome del futuro responsabile tecnico che subentrerà a Gajan (Cavinato, Green o Guidi?) parla il preparatore atletico delle Zebre Alberto Bianchini e fa il punto sulla situazione della franchigia dal punto di vista fisico atletico.
Come procede la crescita fisica delle Zebre? Siamo molto contenti del lavoro svolto dai ragazzi, gli obiettivi di crescita fisica che ci eravamo posti ad inizio stagione sono ampiamente raggiunti sia con giocatori che avevano bisogno di crescere sia con giocatori che dovevano ritrovare continuità e minuti giocati dopo momenti di scarso utilizzo. Le ultime convocazioni della Nazionale italiana ci danno soddisfazione in quanto testimoniano che  i giocatori hanno lavorato bene in questa stagione. Il confronto fisico rispetto alle altre squadre affrontate è assolutamente positivo: siamo al livello dei nostri avversari.
Quali sono gli obiettivi dello staff? Non c’è un picco stagionale, dobbiamo essere sempre al 100% in ogni gara. Abbiamo cercato di programmare la stagione gestendo bene il lavoro nelle poche pause dall’attività agonistica con specifiche attività di recupero.
Questa pausa è positiva? Si perché dopo 10 partite consecutive dove i giocatori arrivano stanchi, a questo punto della stagione è utile che abbiano una settimana di scarico.
C'è un reparto che merita più attenzione? Tutti hanno bisogno di lavorare specificamente rispetto al proprio ruolo sia per prevenire infortuni sia per migliorare la condizione a livello fisico per poter essere performanti in campo.  Nel rugby moderno il ruolo del rugbista sta diventando sempre più omogeneo anche rispetto ai diversi ruoli in campo quindi a livello fisico servono giocatori polivalenti.
Quali le metodologie di lavoro più usate? Oltre all’attività ordinaria, il Cardio e il GPS sono attrezzature molto utili che possono aiutare a raccogliere maggiori dati specifici sugli allenamenti dei giocatori a livello individuale e di gruppo sia in palestra sia in campo. Con questi  strumenti elettronici è possibile avere informazioni oggettive sulla condizione fisica quotidiana del giocatore e della squadra.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball