29
gennaio


Top14 – Sul (presunto) caso-Servat Laporte tenta di accendere la polemica. Ma la classe di Guy Noves lo…sbrana. By Giorgio Sbrocco

Quando non c’è campionato e in giro non ci sono partite degne di questo nome…per continuare a tenere accese le luci (e l’attenzione dei media) ci si accontenta di poco. A volte di nulla. Accade nel calcio. Ma anche nel rugby, ultimamente. L’ultimo esempio in ordine di tempo arriva dalla Francia : il (super)manager di Tolone Bernard Laporte (ex ministro dello sport del governo francese), commentando il rinnovo del contratto al tecnico che si occupa di avanti (Olivier Azam) decide, nel rispondere alla domanda di un giornalista circa una presunta crisi interna al club (miliardario) da lui diretto, di citare una (presunta) crisi interna in casa degli storici nemici di Tolosa. “Crisi a Tolone?” le prime parole della piccata e risentita risposta di Laporte al collega di Var Matin.  “Volete saperne una? Nei prossimi gironi date un occhio a cosa succede a Tolosa e seguite le tracce di William Servat”. Con ciò dando fuoco alle polveri di chi vorrebbe Servat (34 anni) deciso a tornare a fare il giocatore e in procinto di lasciare il ruolo di tecnico degli avanti di Tolosa (dove peraltro, a causa dei tanti infortuni, ha già giocato sette partite nel campionato in corso). Pronta la replica di Servat che ha confermato di essere a totale disposizione di Tolosa e di non aver alcuna intenzione di andarsene. Poi ha parlato Guy Noves, che di Tolosa rappresenta l’anima e incarna lo spirito: “Non so cosa stia succedendo a Tolone. Ma vorrei gentilmente suggerire ai tolonesi di occuparsi delle loro cose e di evitare di metter mano o parole nelle vicende relative al mio staff”. Un signore! Poi ha continuato: “Sono vent’anni che dirigo il mio gruppo  senza l’aiuto dei tolonesi. E lo dico con tutto il dovuto rispetto e l’ammirazione per il loro lavoro. Le dichiarazioni di Laporte faranno anche parte dello spettacolo…ma siamo nel rugby professionale, meglio sarebbe rimanere lucidi, corretti e rispettosi”. E per finire: “Mi complimento con Tolone per quanto ha fatto fin a oggi e auguro loro le migliori fortune per  i prossimi quarti di finale di Coppa Europa”. Conclusione con appello accorato: “ Occupatevi  degli affari vostri e lasciate a me il compito di seguire i miei”. La classe non è acqua! Spesso è Champagne millesimato!
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball