Six Nations – Saint André (ct Francia): “I nostri giocatori più usurati degli altri. Dobbiamo imparare dagli inglesi!”. By Giorgio Sbrocco

“Seguire l’esempio degli inglesi per quanto riguarda le modalità di programmazione del lavoro e delle attività dei giocatori di alto livello, al fine di non sovraccaricarli”. Parola di Philippe Saint André, ct della Francia che per otto anni ha lavorato dall’altra parte della Manica (Sale, Gloucester). E si sente!  “Con gli attuali volumi di impegni i giocatori non hanno il tempo materiale di lavorare al miglioramento delle loro competenze individuali” ha dichiarato Saint André. “E tutto ciò oggettivamente li ostacola anche quando arrivano in Nazionale”. Quanto all’imminente  Sei Nazioni: “Non so in quali condizioni vi giungeranno i giocatori dopo le fatiche del Top14  e delle Coppe europee”. C’è comunque luce alla fine del tunnel, pare. A patto che si segua l’esempio inglese: “In Inghilterra i giocatori hanno cinque settimane di stop: quattro di riposo e una per curare la tecnica individuale. I nostri ragazzi (in Francia, nda) hanno in tutto quattro settimane di riposo e poi cominciano subito a giocare amichevoli e in Top 14. Siamo l’unica nazione che partecipa al torneo ad aver giocato fino a venerdì…Irlandesi, scozzesi, italiani e  inglesi sono fermi da due domeniche. Noi no. Gli altri corrono i 100 metri piani, noi i 110 ostacoli!”.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball