20
novembre


Italia – Rizzo, Bergamauro e Minto: “A Firenze per una grande prestazione”. By Giorgio Sbrocco

 Minto, Mauro Bergamasco e Rizzo dal ritiro azzurro sul match di sabato con l'Australia.
Michele Rizzo (pilone Benetton):“Dopo i settantamila i dell’Olimpico dico ai nostri tifosi di seguirci in massa anche sabato a Firenze, perché abbiamo bisogno del loro sostegno e perché questa Italia vuol fare qualcosa di importante. Io ho voglia di giocare, spero di ritagliarmi il mio spazio dopo aver saltato Brescia per infortunio e Roma per scelta del ct: di certo la gara con gli All Blacks ci ha lasciato tanta fiducia ed ha fatto vedere molte cose buone, peccato solo per la stanchezza nella fase finale, quando il gap è aumentato. Non credo che la formazione si discosterà molto da quella vista a Roma, di certo l’obiettivo è migliorare ancora rispetto a sabato scorso contro un avversario come i Wallabies che non ha nulla da invidiare ai neozelandesi, ne come collettivo né come individualità”
Mauro Bergamasco (flanker Zebre): “Abbiamo alzato il nostro livello, la nostra assicella, e contro la Nuova Zelanda abbiamo portato molte cose buone in campo sia tecnicamente che fisicamente. Peccato per lo scarto finale, che non rispecchia il divario reale tra le due squadre. Per questo ora vogliamo ripeterci contro l’Australia, fare una partita importante sapendo di avere di fronte un grande avversario, non una squadra in crisi o lacerata da problemi interni. Sottovalutarli sarebbe un grave errore”.
Franceso Minto (seconda linea Benetton) : “L’Australia ha giocato una grande partita contro l’Inghilterra, anche la mischia che in passato non è stata il suo punto di forza ha offerto una performance di livello. Sono contento della mia partita all'Olimpico, i complimenti ricevuti mi hanno fatto piacere, io ho semplicemente cercato di mettere in pratica quello che avevamo preparato in settimana. Abbiamo analizzato il secondo tempo della partita con la Nuova Zelanda, forse avremmo potuto attaccare di più e sfruttare maggiormente gli spazi lasciati liberi al largo ma abbiamo pagato molto la stanchezza nelle fasi finali di gara, finendo per perdere un po’ di vista le cose da fare. Purtroppo a questo livello la mancanza di lucidità e la stanchezza di pagano. Ora puntiamo a fare una bella partita contro l’Australia, sapendo che sarà dura e che i Wallabies sono una squadra allo stesso livello di quella All Black”.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball