04
novembre


Eccellenza – Prato vince il posticipo con Calvisano e vola al terzo posto. By Giorgio Sbrocco

Sconfitta senza attenuanti dei campioni d’Italia del Calvisano al Chersoni di Iolo. I Cavalieri di De Rossi e Frati si impongono  14-3 nell’atteso posticipo del quinto turno del campionato di Eccellenza e salgono al terzo posto in classifica generale (21 punti) dietro Viadana (25) e Petrarca (23)superando i bresciani (19) ora al quarto.  Se coach Andrea Cavinato si attendeva riscontri e valutazioni  importanti dalla trasferta in Toscana, occorre ammettere che l’esame, i suoi, non l’hanno superato.  E che la prestazione di Erasmus e compagni è stata nettamente  sotto la sufficienza. Organizzazione difensiva e mischia chiusa le uniche due cose da salvare. Troppo poco, in effetti, per pensare di vincere in casa di una pretendente al titolo.
Il primo tempo concede pochi spunti di interesse: Marcato firma il primo vantaggio al 24’ (Petillo non rotola). La disastrosa giornata di Frati dalla piazzola (0-4) tiene in partita Calvisano. Il pareggio arriva al 38’ dopo che l’arbitro Vivarini aveva mostrato il giallo al pilone di Calvisano Lovotti.  Il tallonatore dei bresciani Morelli manca quattro lanci consecutivi in rimessa laterale prima di mandare un pallone regolare fra le mani dei suoi saltatori. Un solo superamento della linea del vantaggio palla in mano nell’arco dei primi 40’: lo realizza Vezzosi sulla coda di una rimessa  lanciata da Giovanchelli in zona 3.
La ripresa si apre con un’interminabile (3’) possesso di Prato, cui Calvisano (in 14 contro 15) oppone una perfetta difesa avanzante che costringe  Pellizzari all’errore decisivo.  Al 50’ è Lovotti a commettere (un altro) fallo di ingaggio e tocca a Frati dai 22 firmare il sorpasso. L’inerzia della partita passa nelle mani dei toscani, Cavinato se ne rende conto e (54’) gioca la carta Picone-Griffen in cabina di regia. Ma le cose non cambiano. Il 9-3 arriva al 59’ con Frati che punisce le proteste dei bresciani. Al 61’ Canavosio spreca malamente all’ingresso dei 22, su perfetto calcio di spostamento di Berne. Appiani (64’) concede una rimessa in attacco a Prato. Cavalieri conquista l’ovale, ne consegue una mischia chiusa che libera Sepe al largo. Ma l’ala di Prato non ha le gambe per sprintare e viene fermato. Dalla conseguente ripartenza è però Bernini a schiacciare oltre la linea bianca.  Partita virtualmente finita. Calvisano in evidente debito di lucidità e di idee chiare aggiunge errore a errori. Prato, senza strafare, tiene ben il campo e alla fine festeggia con pieno merito. Man of the match il flanker Del Nevo. Nota di merito ai piloni Garfagnoli e Roan. Esperimento “Vezzosi all’apertura”: da rivedere. Certo che senza un calciatore decente…Cercasi Wakarua disperatamente! O qualcuno che vagamente gli assomigli.

Cavalieri Prato – Cammi Calvisano 14 – 3 (pt 3-3)
Marcatori: 24’ cp Marcato,  38’, 50’, 59’ cp Frati, 65’ mnt Bernini
Gialli: 38’ Lovotti (C), 74’ Del Nevo (P)
Arbitro: Vivarini (Padova)

Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball