13
ottobre


Tags
,

HC – Tanta buona volontà delle Zebre. Ma prevale la concretezza di Connacht. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Connacht  10 – 19 (pt 3 – 9)
Marcatori: 5’ cp Parks, 8’ cp Halangahu, 18’, 40’, 60’ cp Parks, 63’ m. Muldoon tr. Parks, 74’ m. Ferrarini tr Halangahu

Ancora una sconfitta (la seconda contro Connacht dopo il 17-30 in Pro 12) per le Zebre di Gajan. Squadra poco consistente e individualità di alto profilo purtroppo assenti. Persino il modesto Connacht ne esce bene, anzi benissimo. E non solo grazie a “nonno” Parks.
Si riparte sotto la pioggia e con le Zebre in inferiorità numerica. Il primo attacco al largo è di Orquera (41’) che serve Sinoti all’interno ma in avanti. Zebre in sofferenza in mischia chiusa (42’). Brutto segno. Connacht prolunga il possesso fin dentro i 22 ma raccoglie poco. Vainikolo buca dalla chiusa (44’) e dopo un numero infinito di fasi Griffen spreca lungo l’out e si riprende fiato. Accenni di confusione irlandese mentre rientra in campo Bergamasco (parziale 0-3) con Festuccia e Fazzari per la pima linea. Mani di pietra Belardo (50’) manca il passaggio all’interno (colpa della pioggia?) per Bergamasco dalla base della mischia e l’attacco sfuma.  Idem: Geldenhuys al 52’. E in campo si vede Ferrarini (22 anni): talento e idee chiare su due gambe molto esplosive. Orquera libera sotto pressione (54’) e Connacht riparte da un lancio in zona di attacco. Ne nasce un drive che avanza e crolla a un metro dalla linea bianca. Poi Marmion spara una sassata a Swift che non controlla. Numero di O’Halloran (57’) che si riprende un chip al volo e alimenta un attacco dei grigi che non arriva in meta solo perché a un certo punto qualcuno chiude entrambi gli occhi in situazione di tre contro nessuno, o quasi. Da mischia a cinque (giocatore non legato) c’è un cp per Parks (60’) che non si fa pregare e trova i punti del +9. Otto fasi delle Zebre davanti ai 22 di Connacht per perdere palla e subire un calcio profondo e sanguinoso. Ci arriva (male) Orquera, lo assiste Bergamasco ma commette fallo. Tutti aspettano Parks dalla piazzola e invece il flanker Muldoon parte come un freccia e atterra in mezzo ai pali. Partita finita. Gli avanti (bel drive) suonano la carica. Ma finisce con un tenuto di Bergamasco. E i minuti alla fine sono solo 15. Nel corso dei quali Connacht rischia di segnare un’altra meta (70’, fallo in attacco), si vedono in campo: Sarto (avanti da galera appena entrato), Trevisan e Van Vuren. Ma soprattutto, la bella meta di Ferrarini e la difficile trasformazione di Halangahu al 74’ (bravo Sarto!). Venditti (77’) manca la presa al volo sotto pressione dento i 2 e induce al fuori gioco il sostegno. Parks  si incarica di chiudere il match ma stavolta sbanana sul palo esterno. Zebre ancora in avanti, ma tocca a Garcia (80’) sparare sugli stinchi di Pratichetti l’ultima palla al largo della giornata. È andata così. Pazienza

Sugli altri campi

Edimburgo - Saracens 0-45

Racing Metro - Munster 22 - 17

Giorgio Sbrocco
 

 

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball