07
settembre


Tags

Pro 12 – Zebre volenterose ma poco consistenti. Connacht vince senza dominare a Parma. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Connacht 17 – 30  (pt 0 – 13)
Marcatori: 11 cp Nikora, 31’ m. O’Halloran tr.Nikora, 38’ cp Nikora, 44’ m. Pace tr. Orquera, 50’ cp Nikora, 58’ m. Naoupo tr. Nikora, 60’ m. Van Schalkwyk  tr. Orquera, 74’ cp Orquera, 80 m. McCarthy tr. NIkora
arbitro: Ian Davies (Galles)
Gialli: 47’ Pace (Z), 61’ Gannon (C), 73’ White (C) e Redolfini (Z)

Secondo tempo

Connacht lascia negli spogliatoi Marmion e O’Connor. Invariate le Zebre, che aprono le ostilità con un lungo possesso che però si spegne su un tenuto di Perugini a metà campo per evidente mancanza di sostegno. Al 44’ la meta! La segna Pace dopo una fuga di 50 metri innescata da un passaggio (in avanti?) di Bergamasco sulla coda della rimessa laterale. Orquera trasforma ed è -7. Al 47’ Pace placca Duffy  in volo e si prende un giallo poco discutibile da Davies. Scellerata entrata laterale di Sole (49’) che porta Connacht con un uomo in più in rimessa laterale a cinque metri. Davies grazia il n.8 delle Zebre e Nikora ringrazia incassando i punti del 16-7. Dentro la panchina bianconera. Un tenuto e le proteste italiane concedono (52’) un’altra rimessa in zona rossa agli irlandesi. Palla a McCarthy, punto d’incontro ma Perugini recupera. Ma la sostanza non cambia. Al 57’ si replica con una ridotta che però Giazzon rovina con un lancio (molto) storto. Mischia Connacht dentro a poco più di cinque metri a destra. Tallonaggio pulito, Tebaldi è in fuori gioco ma Davies concede il vantaggio. Naoupo scava come un trattore e schiaccia (58’). Il Tmo conferma, Nikora trasforma ed è 7-23. Al 59’ (fallo Vanikolo su Venditti) Orquera porta i suoi a cinque metri. Il lancio di Giazzon stavolta è corretto e Caffini abbranca l’ovale Segue pick and drive sul posto fino al fallo della difesa. Le Zebre chiedono mischia e mettono Venditti in posizione zero. Ma la meta la segna Van Schalkwyk  che semina il panico sul lato opposto all’introduzione. Orquera non sbaglia ed è 14-23. Gannon (61’) esce per giallo (placcaggio uomo in volo) e la partita potrebbe riaprirsi. Le Zebre provano a metterla sul drive avanzante ma la difesa irlandese crea problemi all’avanzamento (63’) e guadagna una mischia. Connacht in emergenza: NIkora  mediano di mischia, Jarvis apertura e un uomo in meno.  Il piede di Trevisan fa male, Gajan cambia i piloni (De Marchi e Rdolfini) ma Jarvis fa salire i suoi con un destro davvero ispirato e al 66’ salva la squadra su incursione al piede di uno scatenato Van Schalkwyk  (ancora lui!) con una raccolta in area di meta e successivo super lungo linea. Di mestiere (spinta da dietro senza palla)Sinoti evita la seconda segnatura di O’Halloran lanciato in un’azione fotocopia di quella che nel primo tempo lo aveva portato in meta. Dentro Chiesa (68’) centro al posto di Benettin. Le Zebre per  vincere hanno bisogno di una meta trasformata e tre punti di piede. Un calcio per il bonus difensivo.  Un’incursione di Sinoti al largo regala a Connacht una mischia per in avanti al contato del samoano. Entra Belardo (70’) per Cristiano e anche coach Elwood esaurisce i suoi baby cambi.  Tebaldi mette  sotto pressione NIkora (72’) ma l’azione sfuma. Scambiio di cortesie in mezzo al campo. Davies chiede lumi al collaboratore e manda fuori Withe e Redolfini, concedendo un calcio alle Zebre. Orquera piazza e centra i pali (74’) per il – 6 che vale il bonus difensivo.  Al 75’ un errore di trasmissione di Bergamasco (che tenta l’offload sotto pressione) concede la mischia agli irlandesi. Jarvis spara 60 metri di calcio fino all’area di meta. Tebaldi riparte veloce e innesca un avanzamento (Venditti) che porta Garcia a due metri dalla linea bianca. Trevisan in sostegno c’è, ma commette in avanti. Davies resetta il primo ingaggio a cinque metri. Sul secondo Perugini anticipa l’ingresso ma l’arbitro non perdona. La partita si chiude su un vantaggio concesso e poi negato da Davies che Jarvis sfritta con un calcione su cui, (grazie Chiesa) arriva McCathy e schiaccia per il 30-17 finale. Zebre volenterose e ben disposte in campo. Grande Van Schalkwyk (nella foto) . Poca cosa il resto, purtroppo.
Giorgio Sbrocco

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball