31
luglio


Tags

Elezioni Fir – Benetton Treviso senza voti seniores. Ma non è uno scandalo né una novità. By Giorgio Sbrocco

Rischia di avvelenare il clima della campagna elettorale in atto la “scoperta” fatta dall’attento Duccio Fumero e dal suo informatissimo Rugby 1823 secondo cui la Benetton Treviso (in comapgnia di ex Aironi e Zebre) non disporrebbe, in sede di assemblea elettiva, di voti propri per quanto attiene all’attività seniores delle ultime due stagioni sportive. Quelle, tanto per intenderci, della Celtic league. Il nocciolo della questione (che da un punto di vista strettamente elettorale costerà al club di Treviso meno di 50 voti, praticamente niente) ruota attorno a quanto previsto dal comma 2 dell’art.20 dello statuto federale da poco approvato dalla giunta del Coni (e redatto dall'avv. Napolitano nelle vesti commissario ad acta nominato dal Coni) che specifica i meccanismi di attribuzione dei voti a ciascun  affiliato. Il (non) problema sta proprio nella (non) affiliazione di Benetton Treviso alla Fir nelle ultime due stagioni sportive. Una situazione che a Treviso conoscono perfettamente dal momento che ha generato, nel tempo,  due distinti effetti correlati: 1. L'impossibilità di formare una squadra under 23 da far partecipare all’attività federale, 2. L’importo del premio di fine stagione legato al piano Sviluppo rugby di base che ha “premiato” la società della Ghirada per l’attività svolta con le formazioni del settore giovanile (Under 16 campione d’Italia) con il massimo degli importi previsti proprio perché (tutta) l’attività giovanile della Benetton Treviso risultava essere classificata come “non obbligatoria”. Mancando a termini di regolamento il collegamento con una formazione seniores. Il fatto che tesserati del settore seniores del club del presidente Zatta non possano concorrere a ricoprire ruoli federali (quota tecnici e giocatori) è un dato di solare evidenza, stante l’appartenenza dell’attività di Pro12 ad altro ente (board). E non risulta che da Treviso siano mai state mosse critiche in questo senso. Leggendo i commenti alla notizia diffusa dal sito milanese, invece, si ha netta la sensazione che stia passando la tesi di un complotto contro Treviso. Di qualcosa di poco pulito imbastito (con la complicità dell’avv. Napolitano?) a danno di un candidato alla presidenza federale. Tutte cose sicuramente estranee alla volontà del collega Fumero ma che, come testimoniano i post dei lettori, rischiano di avvelenare un clima che è, già di suo, non proprio sereno e cristallino.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball