27
luglio


Olimpiadi – Vince su tutta la linea la (bella) campagna Edison a cinque cerchi. Ma Castro e il rugby…By Giorgio Sbrocco


Bravo Castro, geniale Edison!  Rispettivamente: impacciato protagonista e illuminato “autore” della campagna pubblicitaria a tema olimpico più ricordata e apprezzata dal pubblico italiano, secondo i rilevamenti  condotti dall'Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione presieduto da Renato Mannheimer. E come tale premiata recentemente dalla trasmissione Special Games (Sky Tv). Giusto per infrescare la memoria dei meno attenti sulla fortunata produzione: tre sport di 60”, uno in ambiente acquatico (Nazionale italiana pallanuoto), uno in palestra (Farfalle, la Nazionale italiana di ginnastica ritmica, la parente povera della ginnastica “vera” secondo la Ferrari) e uno sotto rete in compagnia delle (bellissime) azzurre del volley. Presenza ricorrente: quella del pilone delle Tigri di Leicester e della Nazionale di Jaques Brunel (sponsorizzata Edison) Martin Castrogiovanni. Uno di quellio, come ricorda il saluto di chiusura: “…che alle Olimpiadi non ci potrà andare”. Lo stesso che, nell’ordine: rischia di annegare, di strozzarsi con i nastri colorati e trova finalmente la sua dimensione riponendo i palloni usati nell’apposita sacca a fine allenamento. Gran cosa la scienza (?) delle comunicazioni! Domanda numero 1: se al posto di Castro ci fosse stato Nibali, ne avrebbe guadagnato (in immagine, se non in nuovi tesserati) il ciclismo? Domanda numero 2: perché, essendo Castrogiovanni un pilone, dovrebbe trarne giovamento il rugby?
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball