15
luglio


Tags

Top 14 – Il Clermont di Vern Cotter riprende con il pallone. Malzieu: “La fatica si sente meno”. By Giorgio Sbrocco

Il tempo di smaltire le tossine del (non fortunatissimo) finale di stagione, un po’ di salutare vacanza e di nuovo tutti insieme (11 gli assenti giustificati) a faticare e a progettare un futuro di rivincite e successi. Questo, secondo i commenti della stampa francese, lo spirito con cui si è radunato il Clermont di coach Vern Cotter in vista della prossima stagione di Top 14 e di HC. “È bello ritrovarsi e constatare che c’è entusiasmo e voglia di partire per una nuova avventura” ha detto capitan Rougerie. Fra i più motivati e intenzionati a dare il massimo c’è l’estremo Floch, reduce da un lungo infortunio: “Ho passato l’estate in un centro di rieducazione dove ho lavorato molto e bene. Ora comincia a vederne i frutti, il dolore è quasi scomparso e mi sento bene fisicamente”. Contrariamente alla tradizione che vuole la prima parte dei raduni pre campionato dedicata al lavoro fisico, lo staff di Clermont ha messo subito in campo il pallone. Spiega il tecnico della linea arretrata Azéma: “A rugby si gioca con la palla! Ed è importante cominciare a ritrovare i nostri automatismi, i nostri riferimenti comuni, i lanci del gioco, le chiamate…Per ora in forma ludica e non tutti i giorni e in tutte le sedute. Penso comunque che il lavoro con la palla sia fondamentale perché aiuta a sviluppare l’attitudine al gioco”. Entusiasta della scelta operata dai tecnici  l’internazionale Malzieu: “Di solito la ripresa dell’attività è complicata e poco simpatica. Veniamo da cinque settimane di riposo che ci sono servite per recuperare le forze ma nel corso delle quali corriamo poco. E quando torniamo ci tocca correre sotto il sole…per fortuna che c’è la palla. La fatica si sente meno e anche le ripetute sembrano meno massacranti”.
Giorgio Sbrocco

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball