29
aprile


Consiglio federale a Bologna: Viadana vuole la Celtic. La Fir ne verificherà i requisiti. L'Eccellenza partirà il 22 settembre. By Giorgio Sbrocco

Fumata grigia alla riunione del consiglio federale a Bologna in tema di licenza internazionale targata Celti league. Al bando di concorso voluto dal presidente Dondi per sostituire i decaduti Aironi nel torneo di Pro 12 ha risposto solo il Rugby Viadana, che ha presentato formale richiesta di un posto in Celtic nelle stagioni 2012/2013 e 2013/2014. Preso atto della situazione la Fir “ha disposto di effettuare tutte le verifiche del caso al fine di valutare l’esistenza dei requisiti necessari alla concessione della licenza di partecipazione”. Resta inteso (e il comunicato stampa ne fa esplicito riferimento) che “nel caso tali presupposti non dovessero sussistere, il Consiglio Federale ha ribadito la volontà di prendere parte alla competizione con una franchigia federale”. In altre parole: Viadana sostiene di essere in grado di mettere sul tavolo 7 milioni di euro. La Fir, come in ogni tavolo da poker che si rispetti, andrà a vedere...e poi deciderà se fidarsi o meno. Il recente passato insegna che una tale cifra  da destinate al rugby, gruppo Benetton a parte, non è nelle disponibilità di alcun altro gruppo nazionale. Però, prima di mettere in piedi  una (costosissima) Sotto-nazionale a guida federale, occorre averne la certezza. Le altre decisioni prese dal governo del rugby italiano riguardano: l'inizio dei campionati di serie A,B e C che è stato fissato per il 7 ottobre, e quello dell'Eccellenza fissato per il 22 settembre. Inoltre  sono stati approvati all’unanimità il bilancio consuntivo 2011 e la Circolare Informativa 2012/2013.

Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo

Facci sapere la tua opinione!
commenta

Aggiungi Commento

  Country flag

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading

Rugby Ball