15
aprile


PRO 12 – SCARLETS DI MISURA SUGLI AIRONI ALLO ZAFFANELLA. FINISCE 26-23 PER I GALLESI MA AIRONI DA APPLAUSI E IN BONUS GRAZIE ALLA META DI TONIOLATTI ALL’80’.By Giorgio Sbrocco

Vittoria degli Scarlets allo Zaffanella sugli Aironi nel posticipo della 20esima giornata della stagione regolare del Pro12.
Gallesi contenti solo in parte perché tornano a Llanell senza il quinto punto di bonus che era nei loro piani, e che avrebbe permesso l’aggancio nei confronti dell’Ulster al quinto posto della classifica generale. A un punto dai Glasgow Warriors e dai play off.
Nella settimana più nera della loro storia, scandita da decreti di espulsione federali e annunci di ricorsi alla giustizia ordinaria, gli Aironi di Rowland Phillips hanno giocato, sul piano della consistenza  fisica e del rigore tattico, la miglior partita del 2012. Il rugby, si sa,  è fatto per chi lo gioca. Anche in epoca di professionismo più o meno spinto. E gli Aironi, perfettamente in linea con un tale principio, hanno esibito il meglio del loro repertorio. A fine gara, uscita dal campo a testa alta, superati di misura di misura nel punteggio, non certo quanto a qualità complessiva del gioco espresso. Onore a capitan Bortolami e ai suoi ragazzi, capaci di stringere i denti e di non mollare nonostante le avverse condizioni ambientali e il morale non certo alle stelle,  a due settimane dal decreto esecutivo  di sfratto dalla competizione celtica, dopo due anni di soggiorno tutto sommato dignitoso e a tratti piacevole. Partita molto intensa ed equilibrata, ottimamente interpretata dagli Aironi che hanno dimostrato  carattere e maturità nella gestione delle situazioni critiche. Rischiando grosso ma limitando i danni in occasione dei due gialli del primo tempo (Orquera e Favaro) e ripagando i gallesi con gli  interessi nella ripresa. Quando, fuori Turnbull per tenuto, hanno saputo portarsi dal 6-16 del 40’ al 16-16 del minuto 52, grazie a un piazzato di Orquera e alla meta tecnica (trasformata) concessa  dall’arbitro Lacey dopo i reiterati assetti illegali della mischia in maglia rossa. È il miglior momento degli Aironi: al 55’ Orquera ha sul piede destro la possibilità del sorpasso ma il suo calcio non centra i pali. La reazione degli Scarlets che porta in meta l’estremo Williams (61’), induce coach Phillips (64’) a giocare la carta delle forze fresche, mandando in campo Nick Williams (graditissimo il suo riorno al cento della terza linea dopo la lunga assenza per infortunio), Furno in seconda, D’Apice al tallonaggio e De Marchi a sinistra per potenziare il pacchetto. Dento anche il sudafricano Olivier a rilevare Tebaldi. Ma al 67’ i gallesi segnano ancora (azione viziata da un in avanti non rilevato dall’arbitro?) con il numero 8 Morgan perfettamente lanciato da un’incursione sull’asse dell’ala Fenby  e allungano. Con oltre 10’ da giocare e con la concreta prospettiva di ottenere il quinto punto, buono per agganciare l’Ulster al quinto in classifica, gli Sacrlets alzano i ritmi. O, almeno, ci provano. Perché davanti trovano una squadra orgogliosa e per nulla disposta a concedere favori o a fare regali. La quarta meta, quella del   bonus, non arriva. Arriva invece, allo scadere quella dell’Airone Toniolatti che, trasformata da Orquera, regala alla formazione del presidente Melegari la soddisfazione del 20esimo punto stagionale. A onore e merito di un gruppo che, nonostante tutto, ha dimostrato che non ha alcuna intenzione di arrendersi.

Facci sapere la tua opinione!
commenta
Commenti chiusi
Rugby Ball