PRO 12 – GLI AIRONI NON ACCETTANO LA SMOBILITAZIONE FORZATA IMPOSTA DALLA FIR E PASSANO AL CONTRATTACCO. LA DELIBERA SARA' CONTESTATA IN TRIBUNALE. By Giorgio Sbrocco

Ecco il testo integrale del comunicato stampa degli Aironi messo in rete oggi poco prima delle ore 16. I toni sono quelli della dichiarazione di guerra. Nella sostanza: Viadana non riconosce l'autorità Fir in tema di “ritiro della licenza celtica”. 

Con riferimento alla deliberazione assunta dalla FIR in data 6 aprile u.s., con cui la medesima FIR ha ritenuto di revocare la designazione degli Aironi quale franchigia partecipante alla Celtic League, la Società Aironi comunica quanto segue.

Gli Aironi hanno deciso di contestare il provvedimento federale nelle competenti sedi giudiziarie, onde ottenerne l'annullamento con ogni statuizione conseguente anche in tema risarcitorio. Ciò anche allo scopo di tutelare i rilevanti investimenti fatti da tutti i soggetti, pubblici e privati, per supportare un'iniziativa sportiva che è stata accolta dal territorio e dal pubblico con grande entusiasmo, passione e partecipazione, ribadendo l'impegno di sostenere questa esperienza quanto meno sino alla stagione 2013-2014.

Nel merito, si osserva che la Federazione, con il provvedimento adottato, non ha tenuto nel minimo conto la articolata situazione di fatto esposta a più riprese dagli Aironi, limitandosi, senza sostanzialmente darne giustificazione, a ritenere che fosse venuta meno la affidabilità economica degli Aironi. Trattasi di affermazione contraria alla realtà, che si confida verrà smentita in sede giudiziaria, quando occhi obiettivi e non di parte esamineranno la vicenda.

Convinti come sono del loro buon diritto a continuare a partecipare alla Celtic League in conformità agli impegni contrattuali assunti, gli Aironi precisano che non presenteranno una nuova candidatura per la prossima stagione e diffideranno la FIR dal dare seguito alla manifestata volontà di indire un nuovo bando per la candidatura di una nuova franchigia.

Gli Aironi rivendicano con forza il loro diritto a partecipare alla Celtic League, quanto meno sino alla stagione 2013-2014; ringraziano particolarmente la Regione Lombardia, il Comune di Viadana, la Provincia di Mantova,   le Autorità, gli Sponsor, i Sostenitori e gli innumerevoli tifosi  per il grandissimo sostegno sino ad oggi manifestato anche in questa vicenda, che si confida si risolverà nel modo migliore.

 

Facci sapere la tua opinione!
commenta
Commenti chiusi
Rugby Ball