19
aprile


Rabo Pro 12 – Vittoria n.9 per i Leoni di Franco Smith con Edinburgo. By Giorgio Sbrocco

Benetton - Edinburgo 30 - 10 (pt 13 – 10)Marcatori: 3' cp Laidlaw, 13' m. Scott tr. Laidlaw, 26', 34' cp Di Bernardo, 40' m. Vosawai tr. Di Bernardo, 57’ cp Di Bernardo, 60’ m. Rizzo tr. Di Bernardo, 80’ m. Favaro tr. Di BernardoGialli: 34' Brown (E), 72’ Gori (B), 77’ Rpuyet (B)Spettatori: 3200Rientra La Grange (suturato) nella Benetton dopo l’intervallo. Nell’Edinburgo non c’è Laidlaw, al suo posto Kennedy che si presenta con una buona penetrazione da rimessa laterale (42’) nella propria metà campo.Numero di alta scuola di Visser (43’) schierato apertura, attacca la linea del vantaggio, assorbe Loamanu e confeziona un super assist (a una mano) per Scott che accelera, punta Williams, calcia a seguire ma non raccoglie l’ovale al volo davanti alla linea di meta.Ristabilità la parità numerica.Minto e Vosawai fanno danni (47’) in penetrazione dentro i 22 scozzesi. Fallo in attacco sulla trasformazione al largo.Piove a dirotto su Treviso!! Non se ne sentiva la mancanza.Entra McLean per Williams (48’)Dentro Rizzo e Rouyet per De Marchi e Cittadini in prima linea (50’)Bella presa in salto di McLean che contrattacca (52’) e innesca un lungo possesso. Loamanu entra nei 22 palla in mano. Poi è mischia per Treviso in zona d’attacco.Non piove più.Treviso avanza ma per l’arbitro la mischia è da resettare. Fallo di assetto di Edinburgo ed è calcio in mezzo ai pali (55’) . Di Bernardo centra il palo (!!|), Ghiraldini si avventa sull’ovale ma la pressione scozzese su Loamanu frutta una mischia a favore*Ancora prima linea di Treviso devastante e altro calcio a favore da posizione molto favorevole. Di Bernardo (57’) ci riprova e stavolta è 16-10* Ghiraldini costruisce (grande penetrazione) e Rizzo conclude oltre la linea bianca a sinistra dei pali servito da Semenzato per la meta del meritato allungo (60’). Di Bernardo a segno e Treviso vola sul + 13Edinburgo cambia la prima lineaLa Grange-Semenzato-Nitoglia (50 caps!) lungo l’out sinistro (63’), ma l’ala romana scivola al momento dello sprint decisivo.Dentro Gori per Nitoglia (64’)Reazione Edinburgo che trova e gioca veloce un cp per fuori gioco cpon Kennedy (65’)Rimessa scozzese a 5 metri. Treviso mette un uomo in più nell’allineamento. Calcio contro.Arrembaggio Edimburgo, Treviso placca e non concede metri. Fallo a terra di Rouyet (67’) davanti ai pali. Niente pali! Ancora lancio in rimessa sui 5. Grande Zanni che ruba a una mano. Ma sul successivo punto d’incontro Favaro viene penalizzato.In avanti di Yapp (69’), mischia per Treviso che libera con Di Bernardo faticando assai.Penetrazione di Talei sul canale centrale (71’). Ma la difesa di Treviso sale (super placcaggi La Grange-Favaro) e si riprende con una mischia Edinburgo sui 10.Bel buco di Kennedy che innesca Scott (72’). Azione convulsa, Gori prende un giallo difficile da comprendere (antigioco/professionale?)Scintille e calcio a favore di Treviso (74’) che pressa e difende bene in 14 contro 15.La partita ha poco da dire. Tanti falli, poca efficacia. Energie al lumicino.Al 77 giallo a Rouyet che trattiene un avversario senza palla. Edinburgo vuole la meta ma i 13 rimasti in campo per Treviso sono davvero 13 Leoni!Si fa male anche Vosawai (78’)! Treviso in 12. E dalle tribune l’incitamento si sente.Calcio per Treviso (79’) per tenuto di Parker. Rimessa a 5. Lancia Maistri, fallo di Jacobsen. Altro calcio (80’)*Treviso gioca e trova la meta con Favaro!!!!I migliori della Benetton: Di Bernardo, Ghiraldini e FavaroPer Edinburgo: Talei, Scott e VisserGiorgio Sbrocco  

02
aprile


Amlin Challenge cup – Quarti di finale con quattro del Top 14. By Giorgio Sbrocco

È tempo di Amlin Challenge cup: da giovedì a sabato si disputeranno i quarti di finale, mentre le semifinali sono fissate per il 26 aprile. La finale si giocherà al RDS di Dublino il 17 maggio. In lizza: quattro formazioni francesi di Top14, tre inglesi di Premiership e solo una proveniente dal campionato celtico di Pro 12, il XV irlandese di Leinster. Questo il calendarioQUARTI DI FINALEGiovedì 4 aprile GLOUCESTER - BIARRITZ ore 21.00 (Kingsholm)Venerdì 5 aprile  WASPS – LEINSTER ore 21.00 (Adamas Park)                         PERPIGNANO - TOLOSA ore 21.00 (A. Giral)) Sabato 6 aprile BATH – ST. FRANCAIS  ore 14.00 (Recreation Ground)SEMIFINALI – venerdì 26 aprileFINALEVenerdì 17 maggio RDS Dublino ore 21.00Giorgio Sbrocco

29
marzo


Tags
,
,

Rabo Pro 12 - La spunta Edinburgo nonostante gli errori di Laidlaw. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Edinburgo  7-9 (pt 7-6)Marcatori: 4’ cp Laidlaw, 30’ m. van Schalkwyk tr. Orquera, 40’, 45', cp Laidlaw Arbitro: Sean Gallagher (Irl) Niente prima vittoria dell'anno per le Zebre che a Moletolo si arrendono a Edinburgo al termine di un match equilibrato che gl iscozzesi hanno però controllato per lunghi tratti grazie alla superiorità in chiusa e alla buona gestione tattica della mediana (bene Francis). Inizio guardingo delle due squadre con le difese (ottimo Ferrarini in pressione) che condizionano molto gli attacchi. Un fuori gioco (Geldenhuys, 45') delle Zebre dentro i 22 regala a Laidlaw i punti del sorpasso. Una palla assassina di Sarto (50') a Tebaldi porta Edinburgo a cinque metri con una mischia a favore. Neal stappa (?) e l'arbitro assegna un calcio a favore delle Zebre. Poi è Tebaldi (avanti su ricezione al volo al 53') a riportare Edinburgo nei 22, dove trova un altro facile piazzato che però Laidlaw manda clamorosamente al lato. Brivido al termine di un lunghissimo possesso avanzante: Francis serve Tonks (58') che si mangia una meta già fatta per l'intervento in extremis della difesa italiana. Sulla successiva mischia a cinque Perugini (appena entrato) viene colto in fallo di assetto. Sulla ripetizione Laidlaw ha la palla giusta sul lato chiuso (60') ma scivola al momento di schiacciare e Sarto libera recupera. Un'altra mischia Edinburgo al 61'ma McInnaly spreca davanti ai pali. Le Zebre si affacciano ai 22 di Edinburgo (66') ma non concretizzano. Un bel calcio incrociato di Laidlaw (70') riporta gli scozzesi in attacco. Al 74' Orquera innesca Venditti di piede ma l'ala azzurra parte davanti e l'arbitro se ne accorge. Laidlaw manca i pali e la partita resta aperta. Migliore in campo: Ferrarini. Non male l'"arbitro ragazzino". Giorgio Sbrocco    

23
marzo


Rabo Pro 12 – La mischia Benetton distrugge Cardiff. Vittoria meritata dei Leoni. By Giorgio Sbrocco

Benetton – Cardiff Blues  26 – 17  (pt 13 – 10)Marcatori:12’ cp Sweeney, 15’ m. Zanni tr. Di Bernardo, 30’ m. Hewitt tr. Sweeney, 35’, 38’ cp Di Bernardo, 48’ m. Reed tr. Sweeney, 57’ Mt Benetton tr. Di Bernardo, 67’, 76’ cp Di BernardoGialli: 55’ Paterson (C), 74’ Andrews (C)Arbitro: Vivarini (Padova) Cardiff con Breeze al tallonaggio che sostituisce Dacey e Hobbs pilone per Borrust.In chiusa non c’è partita (43’). Troppo forte Benetton.Errore di ricezione del mediano di mischia gallese Williams (44’, bravo De Marchi in pressione!) concede una mischia sui 22 a introduzione Semenzato. Parte Vosawai, due fasi e cross di Di Bernardo per Loamanu a destra. Presa mancata e Tovey accusa il colpo.Fuorigioco di Budd sulla linea di meta di Cardiff (46’). Evitabile.Pasticcio di Treviso su palla vinta a due mani da Minto. Mischia Cardiff (48’). Pioggia sempre più fitta e battente.*Altro mancato controllo in rimessa laterale (lancio su Minto) di Treviso. Sulla palla vagante si avventa Reed che schiaccia sulla sinistra dei pali. Sweeney non sbaglia ed è sorpasso 17-13Fallo a terra di Cardiff sotto pressione (dopo un lancio di Ghiraldini rubato). Di Bernardo (50’) calcia per il -1 ma stavolta sbaglia!Dentro Pavanello e Favaro per Van Zyl e Vosawai.Ancora fallo a terra gallese su Inannone placcato d’incontro (54’). Di Bernardo porta i suoi a cinque metri dopo fallo plateale di Hamilton (giallo?) che filtra illegalmente nel drive dei Leoni.Attacca Treviso (55’), Cardiff in fuori gioco e calcio a favore. Fallo del flanker Paterson considerato ripetuto da Vivarini : giallo.Benetton chiede mischia (56’). Doppio reset sui cinque metri a sinistra dei pali. *Meta tecnica!!!!!!!!!!! Su evidente fallo di assetto (57’) di Cardiff. Arbitro severo. Treviso passa in vantaggio e si porta a +3Errore di Dingo Williams (62’) sotto pressione. L’in avanti è gallese ma l’arbitro assegna l’introduzione a Cardiff. Escono l’estremo Tovey (63’) e l’8 Hamilton entrano Gareth Davies e YoungL’uno contro uno di Treviso tiene alla grande! Buon segnoRissa d’altri tempi al 64’ dopo che sul punto di collisione accade quasi di tutto. Qualche pugno, molti a vuoto, fischi dalle tribune. Nessuna sanzione. Scelta oculata. Bravo Vivarini!Prima linea gallese distrutta (65’). Rientra Paterson dal giallo.Fuori Budd e De Marchi, dentro Rizzo e Derbyshire (66’)*Fallo su Pavanello in rimessa laterale (e il giallo?). Calcio contro Cardiff . Di Bernardo piazza e la mette!!! Benetton 23 – Cardiff 17Ancora fallo di Cardiff a metà campo (70’). Blues scarsamente lucidi. Hanno già perso?Super drive dopo presa a due mani di Pavanello (72’) e lunga sequenza di attacco. Fallo del pilone Andrews che prende il secondo giallo.Di Bernardo sbaglia! E Treviso rimane sotto break (73’)*Cardiff maltrattato in chiusa (bene Rizzo a sinistra) e altro calcio. Piazza Di Bernardo (76’) e stavolta non sbaglia. Treviso a + 9. È fatta!   Treviso batte Cardiff per la prima volta nella storia. Bravi Leoni!! Giorgio Sbrocco  

23
febbraio


Six Nations – Due mete del Galles, il giallo a Castro e un’Italia piccola piccola. By Giorgio Sbrocco

ITALIA – GALLES  9  – 26 (pt 6-9)Marcatori: 8’ cp Halfpenny, 10’ cp Burton, 16’, 19’ cp Halpenny, 30’ cp Burton, 45’ m. Davies tr. Halpenny, 50’ cp Burton, 53’ cp Halfpenny, 62’ m. Cuthbert tr, HalpennyGiallo: 60’ Castrogiovanni (I) Il calcio d’invio è di Burton.Perfetto calcio dietro la linea (41’) di Burton! Ricezione sbagliata, arriva Masi di piede e l’Italia carica. Benvenuti TENTA LA RACCOLTA ma sbaglia. Placcato in anticipo?Venditti (42’) carica sulla liberazione di Phillips. Zanni attacca radente, Minto in sostegno e poi drop di Burton: FUORI!*Numero di Biggar (44’)che calcia per se stesso e va a recuperare palla su ricezione di McLean, Poi Burton si impappina su un chip galles e il centro Davies raccoglie segna una meta fortunosa ma cercata e pesante. Due punti di Halpenny fanno 16-6 sul tabellone.Masi (48’) riporta l’inerzia della partita nel campo gallese. Lancio dentro i 22 difensivi. Pasticcio, palla fuori e lancia Ghira a cinque metri.Lancio su Zanni (50’) placcato prima di toccare terra. Castrogiovanni vuole i tre punti e chiede: pali.*Burton fa centro! Italia a distanza di break*Burton sfortunato di piede, il suo lungo linea esce in pallone morto. Mischia per il Galles sul punto. Poite vede un fallo azzurro (Lo Cicero?) e assegna un calcio (53’) da 40 metri a sinistra dei pali. Halfpenny ci prova e non sbaglia. Gran calcio davvero! Galles avanti di 10North sale i cielo (56’) su invito di piede della sua apertura. Poi Tipurich commette fallo a terraBrunel toglie Lo Cicero, Ghiralndini e Minto. Possesso Italia e calcio rasoterra di Burton (57’) dentro i 22. Lancio sbagliato!Attacca Giazzon sulla coda dell’allineamento con Favaro. Continuità Italia! Ma Galles è fantastico nella salita difensiva e costringe gli azzurri all’errore. Mischia per loro. In prima linea comandano loro!Poite chiama Castro e gli sventola sotto il naso il cartellino giallo. Come volevasi dimostrare…*Super drive gallese fino ai 22, poi Faletau carica, Palla fuori (61’) e Biggar lancia Cuthbert (velo su Canale?) che pare penetrare nel burro. Meta. Ben costruita, oltretutto. Dentro la conversione e fa 26-9 La 64’ fallo gallese a terra su penetrazione degli avanti azzurri. Burton non piazza.Dentro Garcia, fuori CanaleRimessa laterale Italia sui cinque metri. Partono Geldenhuys e DeMarchi. Proviamo fuori con Burton. Galles impietoso in difesa placca e mette pressione. Gori si impappina e commette in avanti (66’). Lo sostituisce Botes.Un calcio contro Favaro (67’) colpevole di un’ostruzione sulla chiusa porta la rimessa del Galles in territorio italiano.Vantaggio Galles (69’) per entrata laterale dentro i 22 (Zanni?). Niente pali. Rientra CastroIl Galles manda in campo Hook e Warburton che prende il posto di Ryan Jones anche nel ruolo di capitanoBenvenuti (70’) placca (bene!) Halpenny inserito nella linea sul terzo canale e conquista un’introduzione in mischia ordinata.L’Italia muove palla ma la difesa del Galles è qualcosa di molto vicino alla perfezione!Recuperano palla e la amministrano con calma a cavallo della linea mediana.Al 73’ in avanti di Zanni lanciato al largo da Botes. Ma le linee di corsa sono poca cosa e le energie…Bel recupero a terra di Vosawai (74’) sul mediano Williams.Ancora palla persa dall’Italia e Galles che calcia lontano e libera (79’).Derbyshire fa il finto penetrante al largo ma gli passano la palla…in avanti Finisce con il Galles che calcia fuori per consentire il fischio di Poite.Piccola Italia, purtroppo. E Galles impietoso.Prepariamoci per Twickenham, fra due settimane ci aspetta l’Inghilterra.Giorgio Sbrocco      

22
febbraio


Tags

Six Nations u20 – Il Galles controlla e vince. Italia una volta in meta ma poco efficace nel gioco al piede. By Giorgio Sbrocco

Italia – Galles 10 – 25 (pt 3-19) Marcatori: 2’ m. D.Thomas tr. Davies, 23’ cp Padovani, 28’ mnt Williams, 33’ mT Galles tr. Davies, 60’ m. Mbanda tr. Campagnaro, 68’, 74’ cp Davies La pioggia non accenna a scemare. Pozze d’acqua, fondo sempre più pesant e campo quasi completamente allagato.Fuori gioco gallese (43’) su ricezione sbagliata dopo pedatone di Padovani che prova a centrare i pali ma sbanana a destra in maniera clamorosa.Drive Italia (48’) e fallo della seconda linea gallese. Padovani ci porta sui cinque col piede.Palla a due mani e penetrazione sul primo canale. Andreotti viene placcato a men odi un metro. L’arbitro fischia palla “tenuta alta” e concede la mischia agli azzurri. Fallo di D.Thomas (52’) e altra rimessa a cinque.Italia avanza e il pilone destro Lewis (54’) prende il giallo per mancato rispetto dei 10 metri.La difesa gallese tiene e l’Italia conquista un’introduzione a cinque metri. Il Galles potenzia la prima linea e fa uscire il flanker D.Thomas (55’).Al secondo reset (56’) l’Italia viene penalizzata (Scarsini) per fallo di assetto all’ingaggio.Andreotti contra il tentativo di box di Williams ma il Galles si salva di piede (57’)Giocano solo i pacchetti. Fallo gallese sul drive azzurro e vantaggio non conseguito.Ancora calcio fuori (58’) e lancio Italia a cinque metri sulla sinistra dei pali. Fallo gallese a terra e altro giallo al capitano n. 8 Jenkins.Italia gioca 15 contro 13 e ha una mischia a favore a cinque metri.Se non segna adesso…*Parte Mbanda e trova il deserto sulla destra della mischia ordinata. Campagnaro trasforma ed è 10-19Al 62’ ancora in avanti di Esposito su palla alta, Galles in 14 contro 15. Introduzione galleseFuori Padovani dentro Buscemi (66’).Fallo in chiusa della prima linea italiana. Il Galles piazza da destra ma la palla è fuori (67’)Dentro Conti per Moriconi*Fuori gioco su calcio alto ma corto di Violi. Davies prova un’altra volta, stavolta da sinistra e non sbaglia. Galles avanti 22-10Parità numerica al 71’È ping pong rugbyIl Galles sembra più a proprio agio con i piedi*Al 74’il centro gallese penetra fin quasi nei 22, Fallo del placcatore. E calcio per i baby Dragons che Davies trasforma per il 25-10Non piove più!Al 79’ altro calcio di punizione per il Galles (fallo in mischia ordinata). Davies ci prova ma prende il palo. Finita. Galles imbattuto nel TorneoI migliori dell’Italia: Andreotti e Violi, nel Galles l’apertura Davies e la prima linea in bloccoGiorgio Sbrocco  

16
febbraio


Rabo Pro 12 – Troppo forte Leinster per Treviso. Partita chiusa nel primo tempo a Dublino. By Giorgio Sbrocco

Leinster – Benetton 40 – 5 (pt 26-0)Marcatori: 10’ mnt Ryan, 13’ m. Cronin tr. Madigan, 23’ m. Ryan tr. Madigan, 27’ m. Cronin tr. Madigan, 46’ m. Ryan tr. Madigan, 49’ mnt Nitoglia, 69’ m. Auva’a tr. McFaddenUna prestazione monstre del 23enne flanker Dominic Ryan (autore di tre mete) e una marcata superiorità nella gestione dei possessi ha confezionato il netto successo finale di Leinster sulla Benetton Treviso nella sfida valida per il 15esimo turno del Pro 12 celtico. In evidenza anche il tallonatore Cronin, due volte a segno nel corso del primo tempo che si è chiuso sul 26-0 per i padroni di casa. Per Treviso in meta Nitoglia.Giorgio Sbrocco

15
febbraio


Rabo Pro 12 – Ulster in bonus a Ravenhill contro Zebre più che dignitose. By Giorgio Sbrocco

Ulster – Zebre   26 -3 (pt 12 – 3)Marcatori: 8’ m. Herring tr. Pienaar, 34’ cp Halangahu, 40’, mnt Diack, 57’ m. Diack tr. Pienaar, 73’ m. Andrew tr. Pienaar Troppo forte l’Ulster per le volenterose e determinate Zebre che a Ravenhill hanno confermato i progressi delle ultime uscite ma che si sono arrese alla strapotenza del XV nordirlandese che guida la classifica del Pro 12 Celtico. Primo tempo in sostanziale equilibrio, con i padroni di casa in meta in avio con il tallonatore Harring (8’) e con il terza centro Diack nei minuti di recupero. In mezzo, al 34’ il piazzato di Halangahu che al 19’ aveva sbagliato di poco da posizione non impossibile. A metà ripresa è ancora Diack a violare la meta della formazione italiana e al 73’ tocca all’estremo  firmare la meta che vale il punto di bonus.Sugli altri campiNewport – Glasgow 3 – 60Edinburgo – Cardiff  16 - 17Connacht – Ospreys  19-10Giorgio Sbrocco

10
febbraio


Rabo Pro12 – Per Glasgow vittoria e bonus grazie a un grande Matawalu By Giorgio Sbrocco

Zebre – Glasgow 20 - 36 (pt 20 -17)Marcatori: 4’ m. van Schalkwyk tr. Halangahu, 7’ m. McGuigan tr. Wight,  9’ m. Tebaldi tr. Halangahu, 11’ m. Dunbar tr. Wight, 15’ cp Wight, 25’ cp Halangahu, 35’ cp Halangahu, 52’ mnt McGuigan, 62’ m. James tr. Matawalu, 75’ m. Murchie tr. WightGialli: 42’ Morrison (G) Al 42’ esce Morrison per giallo (fallo su Ferrarini) Non piove ma il numero dei palloni mal controllati è molto elevato.Dentro Festuccia con Redolfini in prima linea al 48’ Un tenuto dentro i 22 di Quartaroli giocato veloce regala 10 metri a Glasgow che non piazza e opta per la rimessa laterale a cinque.*Al 51’ McGuigan (Warriors ancora in 14) segna la sua seconda meta, libero sulla sinistra dei pali dopo una bella penetrazione del n. 8 Wilson (errore di Tebaldi in liberazione). Sorpasso Glasgow che si porta a +2Al 58’ entra Perugini. La vecchia guardia delle Zebre è (quasi) tutta in campo. Manca solo SoleFuori il calcio di Halangahu (fallo scozzese a terra) che centra i pali al 59. Niente  controsorpasso bianconero*James  (62’) segna sull’angolo destro perfettamente servito  da Matawalu (passato all’ala) autore di un grande buco nel canale centrale della difesa italiana (Pratichetti placcaggio mancato?). Glasgow scappa a +9Bella azione delle Zebre sul lato dell’introduzione. Bacchetti placcato a un passo dalla bandierina sinistra.Bella progressione centrale di Campbell che porta il gioco dentro i 22 delle Zebre.Bianconeri che muovo palla rischiando molto in zona difensiva.*Murchie firma la quinta meta al ancora una volta imbeccato da Matawalu, perfetto nel ritornare un calcio poco accorto di Halangahu. + 16 Glasgow e partita virtualmente finita.Al 78’ grande occasione per Festuccia che a un metro dalla meta viene placcato (regolarmente?) e guadagna una mischia a cinque.Reset al 79’. Meta tecnica pe le Zebre  in arrivo?No, perché la prima linea dei Warriors tiene alla grande e chiude la partita con i cinque punti che aveva messo in bilancio al momento di scendere in campo.Nelle Zebre i migliori; Bergamasco, Bacchetti e van SchalkwykGiorgio Sbrocco

09
febbraio


Six Nations - In campo solo Scozia. Di Zanni la meta dell’onore. Bella ma del tutto inutile. By Giorgio Sbrocco

Scozia – Italia 34-10 (pt 13 -  3)Marcatori: 15’, 23’cp Laidlaw, 29’ m. Visser tr. Laidlaw, 40’ cp Orquera, 44’ m. Scott tr. Laidlaw, 48’ m. Hogg tr. Laidlaw,  70’ m. Sean Lamont tr. Laidlaw, 75’ m. Zanni tr. BurtonGialli: 80’ Cross (S) Arbitro: Peyper (Rsa) Pavanello penalizzato (63’) e Laidlaw porta i suoi dentro i 22 a sinistra dei nostri pali.Ross Ford ha problemi al collo ma non esce.Italia ruba lancio sul fondo ma di piede restituisce palla.Grey pressa (64’) su calcio lungo di Hogg e placca Gori a meno di cinque metri. Altro lancio per la Scozia. Dentro Cittadini per Castro.Provano il drive dopo una bella presa in zona 3 ma l’ Italia tiene. Provano al largo. Maitland passa in avanti a Scott che schiaccia in meta. L’arbitro (giustamente) annulla. Fuori Favaro (68’), entra Derbyshire*L’Italia ha veramente finito le riserve, Di tutto. A metà campo (70’) Sean Lamont mette la punta del piede su una palla appena uscita dalla ruck…il tempo di raccoglierla e di sprintare fino in mezzo ai pali per il 34-3 che (ci) ammazza.Al 72’ torniamo nei loro 22 grazie a un calcio di Burton.Esce Hogg fra gli applausi.Perdiamo (un altro!) pallone sulla linea dei cinque a terra.*Mischia Italia (74’) a men odi 10 sulla destra dei pali. Parisse si esibisce in una “vecchia” giocata 8-7 con passaggio sottomano a rientrare. Mauro Bergamsco ci ha segnato belle mete. Stavolta tocca a Zanni firmare i cinque punti della bandiera. Fanno 34-10 con la conversione di Burton.Bella Italia che parte palla in mano dai propri 22. Buca Masi ma lo prendono per la maglia (77’). Gli scozzesi non mollano, anche se la fame e la sete dei primi tre quarti sono solo uno sbiadito ricordo. Controllano e aspettano il fischio di chiusura.Sui punti d’incontro siamo più cattivi noi. Ma è troppo tardi. Serve solo per il morale. Cioè a nulla!Al 79’ è ancora calcio contro di noi (Giazzon). Finisce che attacchiamo (!!) da dentro la nostra area di meta. Senza raccogliere niente di interessante. A parte qualche inutile applauso. Ridicolo Peyper  che manda fuori Cross sulla sirena per fallo professionale.Man of the match viene eletto Laidlaw.Il nostro ha i capelli rosso fuoco e si chiama Hartley.Italia davvero piccola. Giorgio Sbrocco  

Rugby Ball