27
settembre


Rabo Pro 12 – Zebre in partita con Glasgow. Scozzesi avanti di sette. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Glasgow 3 - 10Marcatori: 24’ cp Pygros, 27’ m. McGuigan tr. Pygros, 31’ cp OrqueraGialli: 34’ Perugini (Z) Non…è pieno il XXV Aprile di Moletolo. Poca gente, a dirla tutta ma non è una novità. La storica vittoria di Cardiff non è bastata a smuovere una città che, almeno per il momento, fa fatica a identificarsi con la franchigia federale e ad entusiasmarsi per le imprese e per le vicende degli uomini di Andrea Cavinato.IL FILM DELLA PARTITA 2’ Lancio storto di Manici alla prima rimessa laterale. Mischia Glasgow e fallo di assetto Zebre5’ In avanti di Leonard su ruck impostata da Orquera. Mischia Glasgow. Problemi di assetto. Reset.8’ Fallo scozzese in chiusa (pilone sinistro?). Orquera trova una rimessa sui 22 ma Manici sbaglia il secondo lancio e Glasgow attacca10’ Sciocchezza di Orquera che commette in avanti su una facile raccolta da terra nei 22. Mischia scozzese ma (ancora!!) fallo a sinistra e Zebre salve12’ Placcaggio in ritardo su Orquera dopo rimessa vinta non rilevato dall’arbitro irlandese16’ Lungo possesso Glasgow, buona difesa Zebre che però non rallentano i riutilizzi dopo punto d’incontro. In avanti scozzese. Ritardata introduzione di Leonard che poi immette storto. Calcio contro e Glasgow vuole una mischia. Reset. Disastro in chiusa! Incursione di Pyrgos sulla chiusa (sguarnita!). Pratichetti contrattacca!20’ Strauss in progressione nella difesa italiana, lo ferma Sarto poco fuori dai propri 22.• Primo quarto in quasi totale controllo di Glasgow per territorio e possesso22’ Terzo calcio contro Reid (sinistra) che soffre Chistolini24’ Bella sequenza di Glasgow che cambia fronte da rimessa laterale e poi torna verso i pali. Avanti di Pygros sopra la linea bianca (placcaggi odi Bortolami) e in avanti dl mediano di mischia. Meta mancata di un soffio. Ma c’era vantaggio davanti ai pali e Pygros non manca i primi tre punti della serata27’ Scozzesi in meta da mischia chiusa, palla a rientrare nel terzo canale, penetrazione di Maitland che lancia McGuigan facile per la prima meta. Trasforma Pygros ed è 10-0. Facile: troppo!31’ tentativo falloso di contro-ruck di Glasgow  Orquera prova da metà campo e trova i 3 punti33’ Perugini non lascia Fusaro placcato a terra: giallo! 34’ Pygros piazza da 40 metri ma sbaglia40’ ingresso laterale di Glasgow su Manici. Calcio per le Zebre e Orquera cerca i pali ma non li trova.Giorgio Sbrocco

24
settembre


Rabo Pro 12 – Cardiff battuto? Per J.D. solo colpe interne. By Giorgio Sbrocco

La pacatezza è merce rara. Figurarsi l'onestà intellettuale. Soprattutto in Galles. Il tecnico dei Cardiff Blues Jonathan Davies non ha fatto tanti giri di parole per commentare la sconfitta dei suoi contro le Zebre in Pro 12. Ha parlato apertamente di “gente morbida al contatto”, di “scarsa attitudine al combattimento”, di “mancato equilibrio in mezzo al campo” di “pigrizia nell’azione difensiva” e di “troppe responsabilità lasciate al giovane (mediano di apertura, ndr) Rhys Patchell”. Nella squadra battuta dalle Zebre, ha notato BBC Sport, c’erano 11 internazionali e due B&I Lions del livello di Halfpenny e Cutberth. “Nessuna creatività nel gioco della linea arretata” ha osservato Davies. “E un pessimo uso dei nostri due attaccanti migliori, mai messi nelle condizioni di vincere l’impatto e di correre negli spazi”. Qualche merito anche delle Zebre? Dalle dichiarazioni dell’allenatore gallese non si direbbe. Gran cosa il fair play! È che di complimentarsi con l’avversario battuto sono capaci tutti. Ma riconoscere il valore di chi ti ha messo sotto in casa, davanti al tuo pubblico, con l'aggravante del paese di provenienza...è impresa alla portata solo di gente di qualità. Vero Mr Jonathan Davies?Giorgio Sbrocco

24
settembre


Rabo Pro12 – Zebre senza Geldenhuys e Ferrarini infortunati. By Giorgio Sbrocco

Un problema alla retina per la seconda linea Geldenhuys e una caviglia in disordine per il flanker Ferrarini. Non c’è solo (la legittima) voglia di festeggiare, dopo la storica vittoria di Cardiff di venerdì sera all’Arms Park, in casa delle Zebre. Ma anche la presa d’atto di due defezioni importanti che si prospettano (i medici non hanno ancora quantificato le prognosi) di media-lunga durata. Intanto c’è da registrare la franca considerazione del capo allenatore Andrea Cavinato (“L’uomo che sussurrava alle Zebre” ha titolato la Gazzetta di Parma) circa la partita che venerdì sera la franchigia federale disputerà a Moletolo contro la capolista Glasgow: “Dopo l’impresa compiuta in Galles – ha osservato il tecnico trevigiano – se lo stadio non sarà pieno di gente, vorrà dire che il problema non siamo noi”.Giorgio Sbrocco

23
settembre


Rabo Pro 12 - Zebre vittoriose a Cardiff. Spiega Umberto Casellato…By Giorgio Sbrocco

Umberto Casellato (vice di Andrea Cavinato) e il trionfo delle Zebre a Cardiff: il giorno dopo. Così il tecnico trevigiano, l’anno scorso alla guida del Mogliano campione d’Italia, ha sintetizzato le ragioni di una vittoria storica, la prima da quando è stata costituita la franchigia bianconera di base a Parma: "Un po’ di buona sorte , un po’ di Brendon Leonard che è un fenomeno e abbiamo portato a casa una partita che per il morale è importantissima !!!!”.Giorgio Sbrocco

21
settembre


Tags
,
,

Rabo Pro 12 – Phil Davies (Cardiff) accetta la sconfitta con le Zebre. Quasi. By Giorgio Sbrocco

 Doveva capitare a qualcuno! Di passare alla storia come il primo sconfitto dalle Zebre (dopo 24 sconfitte consecutive)! La sorte ha voluto che il prescelto fosse il Director of Rugby di Cardiff Phil Davies. Che non l’ha presa benissimo: “In termini di percentuale abbiamo dominato” ha dichiarato a caldo dopo la sconfitta di ieri sera all’Arms Park. “Oltre il 60% di possesso e di territorio non ci è bastato per vincere. E sono dati che non servono a nulla se una squadra non riesce a tradurli in punti e a cogliere le opportunità che essi offrono”. Passata (in parte) l’arrabbiatura, Davies ha cambiato registro: “Delusione a parte occorre dire che le Zebre si sono dimostrati squadra di buon livello. Durante la settimana l’avevo detto chiaramente ai miei giocatori che gli italiani erano molto migliorati. Ma che nonostante tutto avremmo potuto e dovuto batterli”. Poi, tornato nelle vesti del pacato osservatore, quasi sopra le parti, riferito alla sua squadra: “Stiamo crescendo e sviluppando il nostro piano di gioco. Che dovrà risultare migliore di quello esibito con le Zebre, questo è poco ma sicuro! Siamo ancora u cantiere tipo “lavori in corso” ma è frustrante perdere partite come questa, anche se un risultato negativo non mi indurrà a mettere in discussione quanto stiamo facendo”. Mirrors climbing?Giorgio Sbrocco

18
settembre


Rabo Pro 12 – Il pronostico di Antonio Liviero (Il Gazzettino). By Giorgio Sbrocco

 Antonio Liviero della sede veneziana de Il Gazzettino pronostica per noi le partite del terzo turno del Pro12 celtico.  Scarlets che vince a Newport il derby gallese, Ulster che (finalmente) centra una vittoria nell’impegno esterno di Galway, Benetton che la spunta su Munster, Zebre senza scampo all’Arms Park contro i Blues, Glasgow che supera Leinster e Ospreys vittoriosi in casa con Edinburgo.RABO PRO 12 – III giornataNewport – Scarlets 1-4Cardiff – Zebre 5-0Benetton – Munster 4-1Glasgow – Leinster 4-1Ospreys – Edinburgo 4-0Connacht - Ulster 1-4Giorgio Sbrocco

13
settembre


Rabo Pro 12 – A Moletolo passa Munster. Zebre devastate nella ripresa. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Munster 21 – 43 (pt 18 – 9)Marcatori: 5’, 14’ cp. Hanrahan, 18’ cp Orquera, 21’ mnt Orquera, 31’ cp Hanrahan, 36’ cp Orquera, 39’ m. Manici tr. Orquera, 44’ cp Hanrahan, 46’ m. Butler tr. Hanrahan, 50’ cp Hanrahan, 59’ m. CJ Stander tr. Harahan, 64’ cp Orquera, 66’ m. Cj Stander tr. Hanrahan, 74’ m. Kealry tr, HanrahanGialli: 31’ Ratuvou (Z), 73’ Berryman (Z)Arbitro: A. McMenemy (Sco)Debutto casalingo amaro per le Zebre al XXV Aprile di Moletolo (buona l'affluenza di pubblico!) contro Munster nella partita valida per il secondo turno di Pro 12Zebre in grande evidenza (ottima l’organizzazione difensiva)nel primo tempo che chiudono in vantaggio grazie a due mete firmate da Orquera (furbata da calcio di punizione) e da un travolgente Manici su servizio del giovane Leonardo Sarto, con la squadra in inferiorità numerica dopo il giallo a Ratuvou (31’). Nella ripresa Munster alza il ritmo e mette a frutto il dominio territoriale e la netta supremazia nel possesso. Arrivano così le mete di Butler (46’) e del flanker CJ Stander (59’) che scavano il solco fra le due squadre. La reazione della franchigia di Parma non si fa attendere e nell’ultimo quarto gli uomini di coach Andrea Cavinato si mettono in evidenza con alcune ottimi avanzamenti collettivi. Al 64’Orquera riduce le distanze e porta i suoi a ridosso della zona bonus. Ma al 66’ un buco di Sheridan alla base di una ruck nei 22 italiani libera CJ Stander che vola in mezzo ai pali per la seconda marcatura personale. Ultimi 10’ con Munster che insegue l’extra punto e Berryman (appena entrato) che esce per giallo. La quarta meta porta la firma di Keatly che al 74’ trova il giusto intervallo interno e schiaccia vicino ai pali sugli sviluppi di un lungo possesso avanzante dei suoi.Migliori in campo: Leonard, Manici e Ferrarini nelle Zebre: Butler, Hanrahan, CJ Stander e la coppia di mediani fra gli irlandesi.Giorgio Sbrocco

11
settembre


Tags
,

Zebre – Tullio Ferrari e Nembo Bonetti tifosi d’eccezione venerdì a Moletolo. By Giorgio Sbrocco

Debutto stagionale di lusso venerdì a Moletolo contro Munster per le Zebre di Andrea Cavianto e del presidente Bernabò che, nell’occasione, avranno a sostenerle un paio di tifosi davvero speciali: Renato Tullio Ferrari, uno dei padri fondatori delle Zebre, coloro che per primi nel 1973 lanciarono il club ad inviti bianconero cui la Fir quarant’anni più tardi, si è ispirata per dare vita alla propria franchigia federale, sarà in tribuna a Parma insieme con una folta rappresentanza di ex Azzurri che hanno vestito la maglia bianconera dello storico invitation team milanese. A guidare le Zebre di ieri al fianco delle Zebre di oggi Salvatore “Nembo” Bonetti, storica terza linea del Brescia, dell’Italia e delle Zebre di cui fu anche capitano.Giorgio Sbrocco

10
settembre


Rabo Pro 12 – Zebre in diretta, Benetton in differita su Italia 2. By Giorgio Sbrocco

Zebre in diretta venerdì alle 19.30 in chiaro su Italia 2  e Benetton in differita da Llanelli lunedì a ora di pranzo (ma un altro buco non c’era? Alle 13.40 sono a casa solo disoccupati e qualche impiegato pubblico) nel palinsesto della seconda giornata di Pro 12PRO12 – II giornata Venerdì 13 – ore 19.30 – diretta Italia2Zebre -  MunsterLunedì 16 – ore 13.40 – differita Italia2Scarlets - Benetton TrevisoGiorgio Sbrocco

09
settembre


Italia – Cavinato & Moretti concordano: “Servono cattiveria e determinazione”. By Giorgio Sbrocco

Gran cosa la determinazione e l’aggressività! Componenti irrinunciabili di un gioco – il rugby – che senza di esse snatura in uno dei tanti giochi collettivi con la palla smarrendo contenuti e peculiarità. Due allenatori: Andrea Cavinato delle Zebre Pro12) e Andrea Moretti del Petrarca (Eccellenza) sull’argomento hanno idee coincidenti. Ha osservato l’allenatore della franchigia federale negli spogliatoi di Galway dopo la sconfitta contro Connacht nella prima uscita ufficiale della stagione celtica: “Abbiamo fatto una partita troppo timorosa in attacco, regalando troppi punti al Connacht senza avere la giusta rabbia per segnare”. Ha replicato, a migliaia di chilometri di distanza Moretti all’indomani del trofeo Pedrini di Badia e della sconfitta del suo i Petrarca nel derby con Rovigo: “In campo non abbiamo messo la giusta carica, siamo stati troppo a lungo passivi, subendo le iniziative del loro pacchetto di mischia”. Concludendo: una cosa è l’organizzazione del gioco, una cosa è la strategia, un’altra ancora la “filosofia” cui un allenatore  si ispira nel dettare ai suoi giocatori canoni comportamentali da esibire in partita. Altro è il fattore aggressività. L’unica componente sulla quale nessuno pare intenzionato a fare sconti. E senza la quale, a qualsiasi latitudine, vincere diventa davvero una missione impossibile.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball