13
settembre


Top14 – Aria di derby stasera a Perpignano. Arriva il super Montpellier. By Giorgio Sbrocco

Anticipo di lusso stasera all’Aimé Giral di Perpignano fra i Sang et Or di Marc Delpoux (Purll titolare, Benvenuti in tribuna) reduci dalla sconfitta esterna con bonus contro il Racing a Parigi e il rivitalizzato Montpellier che dopo un avvio di stagione negativo (solo nei risultati) ha preso a marciare in linea con la potenza (enorme) del proprio motore e ha raggiunto il secondo posto in classifica a una sola lunghezza dalla vetta (Tolone). Così il tecnico del Perpignano (Hook fino al 2017 e sulle tracce di Cittadini e Zanni): “Grenoble e Montpellier sono due vittorie che abbiamo inserito nella nostra tabella di marcia. Ma questo è un campionato in cui raramente quanto programmato si traduce in realtà”. Sull’altro fronte ha replicato l’ex Robins Tchale-Watchou (seconda linea del Camerun a Perpignano dal 2009 al 2013): “Ho condiviso parte della  mia vita con Perpignano, una squadra atipica, fuori dal comune. Giocare là è un’esperienza molto particolare. Nonostante il clima da derby che ci sarà sul terreno di gioco, spero che tutto rimanga all’interno dello spirito del gioco”. L’anno scorso il bilancio degli sconti diretti si chiuse in parità: Montpellier si impose in casa 50-22 ma perse in trasferta 19-30.Giorgio Sbrocco

13
settembre


Top14 – Parra (Clermont) torna in campo. “Ma’a Nonu? Giocatore di classe…”. By Giorgio Sbrocco

 Messo ko nella (sfortunata in tutti i sensi) trasferta a Oyonnax, il mediano di mischia di Clermont Morgan Parra sarà regolarmente in camp domani contro Grenoble nel sesto turno di Top14. Sulla partita, che tutti i pronostici assegnano alla Yellow Army osserva che: “Le partite interne sono sempre delle trappole. Non si sa mai con quale spirito e con quale voglia di giocare arrivi la squadra avversaria. È vero, siamo imbattuti in casa e sapendo della nostra forza molte squadre scendono in campo senza pressione, con lo stesso stato d’animo di Oyonnax. Sanno di avere qualche problema ma accettano la sfida e la affrontano serenamente. Occorrerà stare molto attenti!”. Due parole anche sulla presunta/annunciata venuta a Clermont del centro neozelandese Ma’a Nonu: “Si tratta di un giocatore di classe internazionale e le sue competenze possono fare del bene alla squadra”. La banalità al potere, il minimo sindacale di “benvenuto fra noi” o il ricordo doloroso di una finale (2011) Mondiale persa davvero per poco?Giorgio Sbrocco

12
settembre


Tags
,

Top14 – Huget (Tolosa) : “A Montpellier è stato un non-match”. Due partite per risalire. By Giorgio Sbrocco

Yoann Huget (27 anni) ala di Tolosa e internazionale di Francia ha sulla crisi di risultati della sua squadra (tre sconfitte in altrettante trasferte e la media di un cartellino giallo a partita) un’opinione precisa che ha illustrato nel dettaglio a Gregory Letort di Midol. “Semplicemente non abbiamo seguito  le indicazioni dei nostri tecnici e questo ci si è rivoltato contro portandoci, soprattutto a Montpellier (0-25), a disputare un non-match”. Quanto ai gialli ricorrenti: “Se avessimo fiducia nel nostro piano di gioco non saremmo così indisciplinati”. I prossimi due impegni (entrambi in casa) con il Biarritz di Josh Fruno, ultimo in classifica e in evidente stato di crisi, e con i campioni in carica di Castres dirà quanto di effettivamente preoccupante c’è nell’attuale posizione di classifica dei rossoneri di Guy Noves.Giorgio Sbrocco

12
settembre


Top14 – Ma’a Nonu a Clermont: è fatta. Mourad Boudjellal: “A Tolone non serviva”. By Giorgio Sbrocco

Ma’a Nonu andrà a giocare a Clermont in Top14, dove troverà il suo ex compagno di maglia tuttonera Sitiveni Sivivatu, guadagnerà 650mila euro all’anno e molto probabilmente non tornerà più in patria. Questo sostiene Espn Scrum che riporta (fonte: Var Matin) anche l’opinione del presidente del Tolone Mourad Boudjellal che si è ritirato dall’asta per il centro ex Hurricanes, Highlanderts e 81 volte AB perché: “Costa troppo e gioca in un ruolo che da noi è super coperto da gente del calibro di Bastareaud, Maxime Mermoz, Matt Giteau, Rudi Wulf, Bryan Habana e Drew Mitchell”.Giorgio Sbrocco

12
settembre


Top14 - Racing e Galles perdono Jamie Roberts. By Giorgio Sbrocco

Qualcuno adesso, dalle parti di Cardiff (leggasi: uffici WRU), potrà alzarsi in piedi e affermare: “io ve l’avevo detto”. Che in Francia vi pagano bene, a volte: benissimo, ma in cambio pretendono molto, di solito moltissimo. Il centro 26enne del Galles e dei B&I Jamie Roberts (recentemente laureatosi in medicina e passato al Racing in Top14) è stato vittima di un brutto infortunio alla caviglia che lo terrà lontano dai campi per un lungo (e non ancora stimato) periodo di tempo. Si parla genericamente di “numerose settimane”. Niente HC e, probabilmente, niente Test match di novembre.Giorgio Sbrocco

11
settembre


Top14 – I pronostici di Jaques Brunel. By Giorgio Sbrocco

Fattore campo decisivo nella VI giornata del Top14 nelle previsioni del ct dell’Italia Jaques Brunel. Tutte vittoriose le formazioni che partiranno con il fattore campo a proprio favore, anche se in alcuni casi (Perpignano e allo Jean Bouin) lo scarto sarà sotto break. Top14 – VI giornataVenerdì 13Perpignano – Montpellier: vince Perpignano (MP in bonus)Sabato 14Castres – Tolone : vince CastresBordeaux – Oyannax : vince BordeauxClermont – Grenoble : vince ClermontStade Fr. – Brive : vince Stade Français (Brive in bonus)Tolosa – Biarritz : vince TolosaBayonne – Racing: vince BayonneGiorgio Sbrocco

11
settembre


Italia – Jaques Brunel: “Troppi calci in mischia e troppo TMO nei campionati francesi”. By Giorgio Sbrocco

Reduce dal tour in Francia al seguito dei suoi azzurri impegnati nei campionati Oltralpe, il ct Jaques Brunel interviene per i lettori di www.glengrant.it su due questioni che in questo avvio di stagione sono al centro di molte discussioni fra tifosi e addetti ai lavori. Sulla mischia ordinata: “I problemi c’erano anche prima della nuova tempistica. Che però un aspetto positivo ce l’ha, dal momento che, annullando gran parte della fase di impatto, si propone come oggettiva limitazione dei problemi e delle illegalità. Però ci vuole tempo prima di vedere i risultati. Al momento i dati sono allarmanti. Ho visto Tolone-Brive: 7 calci assegnati nelle prime 8 mischia disputate, in La Rochelle-Albi (ProD2, ndr) ci sono stati 14 calci di punizione su 28 mischie…Io dico che occorre aspettare, avere fiducia negli arbitri e collaborare”. Altra questione: il TMO, che in Francia è Arbitre – Video. “Ridicolo – osserva Brunel – ci sono state partite in cui è stato interpellato fino a 7 volte. Arbitri che hanno richiesto l’intervento del collega in cabina di regia per un piede sulla linea o per un fuori gioco dubbio su gioco al piede. Non si deve esagerare! L’arbitro deve prendere su di sé le responsabilità della scelta. Non delegare sempre! Oltretutto ne risente la qualità del gioco, cade la continuità, il pubblico si annoia, le partite durano più di due ore”. Su questa delicata questione è intervenuto ieri l’Irb che ha concesso agli arbitri la possibilità di visionare l’azione sul grande schermo dello stadio prima di chiedere intervento del TMO. Ovviamente: solo in quegli stadi che ne sono dotati. Sarà una buona idea? O andrà a finire che la strada che conduce all’assoluta oggettività della decisione arbitrale diventerà un cimitero di buone intenzioni e una teoria infinita di croci alla memoria del direttore di gara “capace di assumersi autonomamente le responsabilità che il ruolo gli impone” ? Ai posteri…Giorgio Sbrocco

10
settembre


Heineken cup – Francesi e inglesi alleati! Si va verso il divorzio? By Giorgio Sbrocco

Per Rugby Rama si tratta di un sensazionale coup de théâtre nella trattativa che  da un anno vede impegnati inglesi, francesi e celtici nella difficile trattativa che ha per oggetto il futuro forma t della Heineken Cup. Dopo che in settimana il padrone dei Saracens Nigel Wray, aveva avanzato l’ipotesi di una diserzione delle squadre di Premeirship dall’edizione 2015 della manifestazione, è Arrivata la reazione dei club francesi che, come un sol uomo si sono schierati al fianco dei loro colleghi d’Oltremanica. Attraverso una nota ufficiale dell’LNR si è quindi venuti a sapere che”…tenuto conto della gravità e dell’urgenza della situazione, i club di Top14 tengono a precisare che non parteciperanno ad alcuna competizione che non veda ai nastri di partenza le squadre inglesi in situazione di parità. Proprio i club hanno chiesto che la LNR assuma il compito di strutturare l’edizione 2014/2015 della Heineken cup coinvolgendo squadre inglesi e francesi  secondo un format che comprenda anche squadre di altri paesi europei”. In altre parole: francesi e inglesi insieme o non se ne fa più nulla! La mossa è stata interpretata come un tentativo di forzare la mano da parte delle due potenze continentali. All’orizzonte, secondo  i rumors che circolano a Parigi, ci sarebbe una “nuova” Coppa d’Europa con le squadre del Pro 12 invitate ma a forte “connotazione” (leggasi: sia chiaro da subito chi comanda!) franco-inglese. E se un accordo in questo senso non si trovasse? Secondo Rugby Rama: “Il rischio non è mai stato così forte”.Giorgio Sbrocco

09
settembre


Top14 – Delpoux agli arbitri: “Perpignano non è una piccola squadra!”. By Giorgio Sbrocco

Siamo solo alla quinta giornata ma dopo i primi assaggi (per lo più legati alle polemiche sui nuovi tempi dii ingaggio in chiusa) nel Top14 comincia a farsi manifesta una (generalizzata?) contrapposizione fra allenatori e arbitri. L’ultimo in ordine di tempo a scendere in campo è il manager di Perpignano Marc Delpoux, che dopo la sconfitta di misura a Parigi con il Racing ha tuonato: “Credo di averne abbastanza. Non possiamo, tutte le settimane, essere arbitrati e trattati come se fossimo una “petite équipe”. Occorre che la gente capisca che il Perpignano non è una “petite équipe”. Tutte le volte che il placcatore rimane nella zona di impatto l’arbitro non fischia. Siamo, ancora una volta, davvero amareggiati. Non vogliamo che questa storia si ripeta ogni settimana. Adesso basta! Ne ho piene le…tasche di assistere a spettacoli come quello di oggi”. Una domanda: ma come vengono arbitrate le piccole squadre di cui parla Delpoux? E un’altra: chi sono, queste piccole squadre, nel Top14?Giorgio Sbrocco

08
settembre


Top14 –Sergio Parisse trascina lo Stade alla vittoria su Clermont. By Giorgio Sbrocco

Torna a vincere lo Stade Francais, che nel posticipo della quinta giornata del Top14 mette sotto Clermont al Jean Bouin segnando due mete (a una) ed esibendo un Sergio Parisse in formato super star sotto gli occhi di Jaques Brunel in tribuna. Decisiva la meta dell’ala Arias al 73’.Top 14 - V giornataStade Francais – Clermont 23-16 Classifica: Tolone 17, Montpellier 16, Clermont 15, Stade Fr. 14, Castres, Racing, Oyonnax, Grenoble 12, Perpignano, Tolosa 11, Bordeaux, Bayonne 10,  Brive 9, Biarritz 6Giorgio Sbrocco

Rugby Ball