31
agosto


To p14 – Il “nuovo” Perpignano di Delpoux non convince. E Clermont non perde in casa dal 2009! By Giorgio Sbrocco

Cosa succede agli equilibri interni di una squadra quando i cambiamenti (radicali) della linea tecnica e del piano di gioco imposti dall'allenatore non danno i risultati sperati? Saltano. Con esiti non sempre prevedibili, spesso infausti. Prima o poi. Ed è proprio sul “quando” che tifosi e osservatori di Perpignano si stanno interrogando in questi giorni. Dopo “due sconfitte due” nelle prime due giornate e alla vigilia di una trasferta difficile (eufemismo) a Clermont. “Marc Delpoux è arrivato con la volontà di realizzare un progetto di gioco diverso rispetto al passato, fatto di tanta circolazione e velocità” ha spiegato la tera linea dell'Usap  Bertrand Guiry sul sito del club catalano. “Noi tutti crediamo nella validità di una tale impostazione e cercheremo di renderla operativa sul campo al più preso possibile. Si tratta, in sintesi, di produrre numeri elevati di fasi di gioco e di conservare il pallone per controllare la partita”. Consapevole che andare a fare punti in casa di Clermont (che non perde al Michelin dal novembre 2009!) non è impresa facilmente realizzabile,  Guiry però indica la strada da percorrere, almeno per provarci: “A Bordeaux abbiamo sprecato molto nei pressi della linea di meta. Un errore che se vogliamo battere Clermont non dobbiamo ripetere. Anche perché sabato, di occasioni da meta, di sicuro non ne avremo tantissime!”.Giorgio Sbrocco

31
agosto


Top 14 – Contepomi (Stade Francais) titolare a Grenoble ma con un occhio al Four Nations. “Se l'Argentina chiama io vado!”. By Giorgio Sbrocco

 Felipe Contepomi, “el doctor” di Buenos Aires in forza allo Stade Francias, stasera partirà titolare nell'anticipo contro Grenoble, dopo aver trascorso le prime due giornate di campionato in tribuna. “A noi interessa poco dimostrare che sappiamo fare punti anche in trasferta” osserva l'apertura a chi gli cheide conto della nota difficoltà dello Stade a imporsi lontano da Parigi . “Se vogliamo tornare fra le grandi del Top 14 dobbiamo semplicemente.,.vincere con regolarità. Il viaggio a Grenoble non sarà dei più semplici. Loro sono neopromossi e giocano per la prima volta sul loro terreno. Hanno vinto a Bordeaux, il morale è alto, hanno una buona squadra. Logico che ci abbiano preparato un'accoglienza all'altezza delle aspettative”. Nessuna polemica sull'esclusione nei due turni precedenti: “Se i tecnici mi mandano in tribuna vuol dire che devo impegnarmi di più per meritarmi un posto in campo. Nello sport di squadra funziona così! Altrimenti uno sceglie il golf o il tennis, dove si deve rendere conto solo a se stessi”. Sul pareggio dei “suoi” Pumas nel Four Nations con il Sud Africa. “Risultato incredibile, soprattutto dopo la sconfitta di Città del Capo. L'Argentina è entrata nel modo migliore nella competizione. Mi auguro che continuino così e che non ci siano troppi infortuni”. Appunto! Dopo l'incidente a Hernadez...”Sto bene fisicamente, mi sono preparato bene con il mio club. Se i Pumas hanno bisogno di me e mi chiamano, io li raggiungo subito! Ma per il momento la priorità e Grenoble”. Giorgio Sbrocco

31
agosto


Tags
,

Top 14 – Jaques Brunel e i cartellini gialli: “Rigore arbitrale che porterà a risultati positivi”. By Giorgio Sbrocco

 Le prime due giornate del Top 14 francese hanno portato all’attenzione di tutti una serie di dati di un certo interesse: l’alto numero dei cartellini gialli (20 nella seconda giornata), l’alto numero dei calci di punizione (32 in un solo incontro, inconcepibile epr Top 14!) e il basso numero delle mete segnate rispetto ai punti di piede. Questo il commento del ct della Nazionale italiana Jaques Brunel per www.Glengrant.it:“Sono tre le questioni che a mio avviso hanno determinato questa situazione. La prima è legata a una decisione “strategica” che gli arbitri hanno assunto in vista della ripresa del campionato e che va nella direzione del massimo rigore applicato a tutte quelle situazioni che se sottovalutate, potrebbero generare equivoci o perdita di controllo. A questo si aggiunga che, sempre gli arbitri, si sono accordati per ridurre al minimo le mischia resettate. Una tale convenzione, sommata all’introduzione della nuova tempistica all’ingaggio, ha alzato in maniera decisiva il numero delle penalità in questa fase di ripresa del gioco. E, conseguentemente, di molto ridotto la possibilità di un attacco efficace da questa piattaforma. Terzo fattore: l’elevata aggressività dei giocatori che, spesso, sconfina nell’indisciplina e nell’illegalità. Delle tre concause, però, quest’ultima si può considerare quella più “naturale” e prevista. È comunque mia opinione che con il prosieguo della stagione le cose miglioreranno. Anche perché gli arbitri, una volta mandato il “segnale” di massimo rigore e di nessuna tolleranza, cominceranno a raccoglierne i frutti di una tale linea di condotta. I giocatori, io penso, saranno i primi a capire che certi comportamenti vanno evitati”. Giorgio Sbrocco

31
agosto


Tags
,

Top 14 – Il pronostico di Jaques Brunel . By Giorgio Sbrocco

Consueto appuntamento del venerdì con il ct dell’Italia Jaques Brunel alle prese con i pronostici della terza giornata del Top 14. Queste le sue previsioni, alcune “condite” da qualche osservazione supplementare. Grenoble – St. Francais : vince Grenoble perché ha dimostrato di possedere una struttura affidabile e ottime individualità Biarritz – Tolosa: vince Biarritz ma sarà una partita molto tirata con scarto finale ridotto Castres – Bayonne: vince Castres Clermont – Perpignano: vince Clermont ma con grande difficoltà. Perpignano attraversa un brutto momento e farà di tutto per uscire dalla crisi Racing – Bordeaux: vice Racing Montpellier – Agen: vince Montpellier  Mont de Marsan – Tolone: vince Tolone perché dispone di forse troppo superiori. Anche se Mont de Marsan, a Tolosa, vinceva fino a un quarto d’ora dalla fine.Giorgio Sbrocco

30
agosto


Tags

Top 14 – Sfida fra prime della classe a Biarritz e fra compagni di banco a Castres e a Parigi. Facile solo per Tolone? By Giorgio Sbrocco

È Grenoble (4 punti) – Stade Francais (4) l’anticipo della terza giornata di Top 14 che andrà in scena domain sera alle 20.50 allo stadio Lesdiguières della capitale delle Alpi francesi. Tutto di sabato il resto della programmazione, con il big match Biarritz (9) – Tolosa (9) alle 15 al Parc des Sports Aquiléra. Da seguire anche Castres (4) – Bayonne (4) e Racing (5) – Bordeaux (5). Già (in parte) decisivo per il prosieguo della stagione (e per la sorte della panchina degli ospiti) lo scontro fra Montpellier (4) e Agen (2). Favorevole sulla carta alla squadra di casa la sfida del Marcel-Michelin fra Clermont (5) e Perpignano (2). Bonus in vista per gli ospiti nel match fra la matricola Mont de Marsan (0) e la super corazzata Tolone (8) che si disputerà in serata (20.30) nella capoluogo delle Lande.  Mont de Marsan, sabato scorso, ha fatto letteralmente sudare freddo Tolosa all’ Ernest-Wallon. Potrebbe essere questa la partita su cui puntare (forte?).Top 14  - III giornataDomani ore 20.50Grenoble – St. Francais Sabato Ore 15.00 Biarritz – TolosaOre 18.00 Castres – Bayonne                 Clermont – Perpignano                 Racing – Bordeaux                 Montpellier – AgenOre 20.40 Mont de Marsan – Tolone Giorgio Sbrocco

28
agosto


Tags
,

Top 14 - Mourad Boudjellal (Tolone): “Vincente e unico il nostro modello economico”. By Giorgio Sbrocco

Nell’attesa di tornare a parlare di violenze subite e di ingiustizie patite, il patron di Tolone Mourad Boudjellal, sicuramente soddisfatto dall’ottima partenza della sua squadra in campionato, ha ritenuto doveroso spiegare al mondo il “miracolo-Tolone”. Lo ha fatto dalle colonne de La Provence soffermandosi sugli aspetti economic-gestionali della sua presidenza. L’uomo che è riuscito a portare a Tolone campioni del calibro di Michalak, Wilkinson, Giteau, Bastareaud e Botha ha spiegato che: “Non siamo in una regione particolarmente ricca, non abbiamo un gran numero di aziende, non disponiamo di un grande stadio. Il tutto in un momento storico in cui sono proprio questi i parametri su cui i grandi club sportivi costruiscono il loro modello di sviluppo economico. Io ho fondato il mio modello sull’identificazione di Tolone con un marchio e una filosofia. Voglio che la gente si identifichi attraverso l’immagine dei giocatori. È stata questa la scommessa economica che abbiamo deciso di fare e che ha moltiplicato per cinque le nostre entrate”. Il bilancio di Tolone nel 2006, anno della prima presidenza di Mourad Boudjellal era intorno ai 6 milioni di euro. Oggi è di 25! “E in  Nuova Zelanda, Tolone è più conosciuto di Tolosa!”Giorgio Sbrocco

28
agosto


Tags
,

Top 14 - Alain Tingaud (Agen) dopo due sconfitte i casa: “Dagli arbitri pretendo parità di trattamento”. By Giorgio Sbrocco

Due sconfitte in casa nelle due prime giornate di campionato con Racing e Biarrtiz, il primo posto fra le predestinate alla retrocessione nel  sondaggio condotto da Midol fra gli allenatori di Top 14 e sabato: trasferta a Montpellier! Un pessimo modo di iniziare la stagione quello “scelto” da Agen. Cui ha fatto da contraltare l’esternazione del presidente Alain Tingaud che, tanto per gradire, se l’è presa con gli arbitraggi. In particolare con quello dell’internazionale Poite reo, secondo il massimo dirigente di Agen “di non aver punito un chiaro fallo di anti gioco (di Traille, ndr)  con il cartellino giallo e di aver penalizzato in maniera ingiustificata la nostra mischia”. Sul problema della mischia ordinata il presidente Tingaud vuole essere ben compreso: “La mia impressione è che la nostra squadra stia pagando le difficoltà incontrate in mischia chiusa nella passata stagione. Difficoltà che quest’anno, grazie al grande lavoro  dello staff tecnico, sono state superate. Mi pare, invece, che arbitri come Poite, continuino ad arbitrarci come se tutto ciò non fosse accaduto. In più mettiamoci il fatto che secondo l’opinione corrente siamo destinati a retrocedere…”. Intanto, il tecnico Philippe Sella ha redatto un rapporto dettagliato su Agen-Biarritz e l’ha inviato al capo degli arbitri francesi Didier Méné. “Faremo lo stesso per tutte le partite del campionato” ha spiegato Tingaud. “Per dimostrare che la nostra è una posizione collaborativa nei confronti dei direttori di gara”. E per quanto ritenessero Agen già condannato: “Siamo una bestia ferita che non ha alcuna intenzione ni farsi abbattere. Se retrocessione deve essere vogliamo che avvenga per nostri precisi demeriti, non pert altri fattori. Agli arbitri chiedo solo serenità di giudizio e parità di trattamento”. Argomenti già sentiti anche in Italia. Nel calcio, però!Giorgio Sbrocco

28
agosto


Tags
,

Top 14 – Palisson sta meglio. Forse in campo l’8 settembre grazie alla nuova procedura di controllo voluta dall’LNR. By Giorgio Sbrocco

Sta meglio l’ala del Tolone Alexis Palisson, uscito malconcio sabato (60” di perdita di conoscenza) sul finire del match contro i parigini del Racing. Eseguite tutte le indagini del caso è stato emesso il seguente comunicato su lsito fdel club, a cura del medico sociale Pascale Lambrechts.: “Il giocatore è stato vittima di un Ko con perdita di conoscenza di circa un minuto senza serie conseguenze. Dopo l’uscita dal campo è stato trasportato all’ospedale Pitié-Salpetriere dove è stato sottoposto a uno scanner completo cerebro-cervicale. Tale esame non ha rilevato alcuna anomalia e il soggetto ha riacquistato tutte le sue capacità nelle ore successive al trauma”.Per quanto riguarda il ritorno in campo, il caso di Palisson terrà a battesimo la nuova procedura introdotta dalla Lega a partire da quest’anno che ha sostituito la “vecchia” (in vigore anche in Italia) che prevedeva, in caso di trauma cranico, lo stop obbligatorio e automatico di 3 settimane e il ritorno all’attività agonistica solo dopo il   una visita neurologica che attestasse le buone condizioni del giocatore. La nova procedura (che, di fatto, accorcia i tempi e che qualcuno ha giudicato “troppo sbrigativa”) prevede, invece, che tutti i giocatori, in fase di pre stagione, si sottopongano a un articolato test cognitivo. Tale test, in caso di infortuni come quello occorso al giocatore di Tolosa, deve essere ripetuto entro le 48 ore successive al trauma. Se le risultanze di tale  test dovessero essere positive, l’infortunato può riprendere gli allenamenti. Per poi ripetere il test dopo 10 giorni. Stavolta, in caso di risultanze positive, il giocatore è autorizzato a riprendere l’attività. La LNR ha definito tale nuova procedura “longitudinale”. Palisson potrebbe perciò tonare a disposizione della squadra il prossimo 8 ottobre per la partita contro Bordeaux-Bègles. Giorgio Sbrocco

26
agosto


Tags

Top 14 - Battuto il record. I gialli sono arrivati a quota 20! By Giorgio Sbrocco

 Se è vero che i record sono fatti per essere superati…promette davvero poco di buono il Top 14 edizione 2012/2013 che, alla seconda giornata di campionato, ha già battuto due volte il “primato” dei cartellini gialli stabilito nella passata stagione. Dopo i 17 della giornata di apertura sono attivati i 20 (venti! Uno dei quali trasformato in rosso) della seconda. Cartellini che sono stati “distribuiti” nel corso di tutte le 7 gare disputate. Con il dato minimo rilevato in Bayonne – Stade Francais (1) e il massimo (5) in Castres – Grenoble. Per una media-partita di 2.85 e una media-squadra di 1.42. Raffinando però il secondo dato, togliendo dal computo Bayonne e Tolosa che sono risultate le uniche formazioni a non aver avuto espulsioni temporanee, si ottiene un (preoccupante?) 1.66. A Castres e Bordeaux (3) il primato di giornata. Questo il quadro riassuntivo della II giornataAgen – Biarritz 2 (1+1)Bayonne – Stade Fr. 1 (0+1)Castres – Grenoble 5 (3+2)Montpellier – Clermont 4 (2+2) Tolosa – Mont de Marsan 2 (0+2)Racing – Tolone 2 (1+1)Bordeaux – Perpignano 4 (3+1)Giorgio Sbrocco

26
agosto


Tags
,

Top 14 – Noves (Tolosa): “Mai avuto paura di perdere. Ma ci sono mancate lucidità e pazienza”. By Giorgio Sbrocco

A Tolosa nessuno vuole ammetterlo, ma contro la matricola Mont de Marsan (il budget più basso del campionato) qualcuno se l’è vista davvero brutta. La vittoria (37-22 con bonus)  è poi arrivata. Ma quanta fatica! Con il tabellone che al 60’ diceva 22-20 per la neopromossa. “L’importante era vincere a l’abbiamo fatto” puntualizza coach Guy Noves. “Ma è vero: non siamo soddisfatti della nostra prestazione. Ci siamo messi in difficoltà da soli. Abbiamo provato muovere la palla quando non avremmo dovuto farlo e viceversa. Ci sono mancate la lucidità, la pazienza, la velocità e un sacco di altre cose. Onestamente non ho mai pensato che avremmo perso, dal momento che avevamo subiti pochi calci contro. Sentivo che le cose sarebbero cambiate e che ce l’avremmo fatta. A vincere. Ma temevo di non arrivare a segnare quattro mete. In alcune circostanze siamo stati negligenti e individualisti”.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball