06
settembre


Top 14 – Il Big match è Clermont – Racing. In casa Tolone e Biarritz. Sfida fra matricole a Grenoble. By Giorgio Sbrocco

Niente anticipo del venerdì nel programma del quarto turno del Top 14 che propone interessanti accoppiamenti fra formazioni che hanno iniziato la stagione in maniera a volte diametralmente opposta. Da seguire, fra le altre, la sfida di Grenoble fra le due neopromosse, con Mont de Marsan reduce da due sconfitte di misura con Tolone e Tolosa ma ancora a zero punti che potrebbe realizzare l’impresa di giornata vincendo in casa dell’ottava in classifica. Entrambe in casa le due capolista: Biarritz (13) riceve Montpellier (9), Tolone (13) se la vedrà con Bordeaux (5). Trasferta insidiosa per Castres (9) che scende in campo a Parigi contro uno Stade che qualcuno considera già in crisi e viaggio quasi impossibile per Agen (2) a Tolosa (10). Il Perpignano di Delpèoux (penultimo a quota 2, ma capace di 4 mete a Clermont sabato scorso) dato in netta ripresa se la vedrà in casa con Bayonne (5) che quanto a problemi…. Match tutto da vedere per l’estremo equilibrio annunciato fra le forze in campo, quello di domenica allo stadio Michelin fra Clermont (10) e Racing (9). Top 14  -IV giornata Sabato 15.00 Biarritz – Montpellier18.30 Grenoble – Mont de  Marsan18.30 Stade Francais – Castres18.30 Usa Perpignano – Bayonne18.30 Tolosa – Agen20.35 Tolone – Bordeaux Domenica 21.00 Clermont – Racing Metro   Giorgio Sbrocco

05
settembre


Tags
,

Top 14 – Michalack debutta a Tolone contro Bordeaux. Alla mischia o all’apertura? Non è un problema. By Giorgio Sbrocco

Un anno e mezzo fa ha lasciato Tolosa per il Sud Africa. Da qualche settimana è rientrato in patria e si è accasato a Tolone. Frédéric Michalak: una presenza che promote di pessare assai sulle sorti del Top 14 e sul destino della sua nuova squadra. Sette giorni fa ha debuttato in campionato a Mont de Marsan da mediano di mischia. “Abbiamo vinto, fatto il bonus ma la partita nel suo complesso non è stata gran cosa. Ma siamo appena all’inizio…” osserva con una certo distacco. Sabato debutterà allo stadio Mayol contro Bordeaux. “Un campo dove non ho mai giocato, perché l’ultima volta che ho incontrato   Tolone la partita si disputò a Marsiglia” ricorda ripercorrendo una parte importante della sua carriera. Anche se tanti sono i temi tecnici sul tappeto di questo avvio di stagione che vede Tolone a punteggio pieno (e un punto di bonus) dopo tre giornate, guidare la classifica in compagnia di Biarritz, la domanda più ricorrente riguarda il numero di maglia che Michalak indosserà in gara: il 9 del mediano di mischia come a Mont de Marsan o il 10 dell’apertura come nel Super XV con gli Sharks che ha tanto magistralmente condotto fino a un passo dal titolo? “È una domanda a cui preferisco non rispondere. E che comunque mi sento fare da quando avevo 18 anni” se la cava ridendo. “In questa squadra ci sono giocatori insieme ai quali per anni ho sognato di giocare, un grande staff tecnico e un ottimo ambiente…”. Cosa può significare un 9 o un 10 sulle spalle?Giorgio Sbrocco

04
settembre


Tags

Top 14 – Provale attacca gli arbitri sulla mischia. Simon: “Giustificano l’incompetenza fischiando”. Méné: “Bel sindacato!”. By Giorgio Sbrocco

Botta e risposta dal sapore acido fra l’ex pilone Serge Simon, attualmente numero uno del sindacato dei giocatori francesi Provale e Didier Méné, che presiede la commissione arbitrale. Ad aprire il fuoco è stato l’ex internazionale (2 caps) ora sindacalista, che intervenendo (ai microfoni di RMC) sulla dibattuta questione della mischia ordinata (ultimamente al centro di montanti polemiche nel massimo campionato francese dopo il cambio della tempistica introdotto dall’Irb) non ha neanche cercato di smussare uno dei tani angoli che l’argomento presenta: “I problemi di interpretazione regolamentare nella fase di mischia ordinata – ha tuonato – rischiano di falsare l’andamento delle partite e del campionato. I calci di punizione fischiati sono troppi. Io proporrei un ritorno all’antico: una sorta di deregulations che ci consentisse di tornare a giocare come una volta. Oggi come oggi sono gli arbitraggi (nella foto l'italiano Sironi) a falsare i risultati!”. Poi, come non bastasse: “Gli arbitri giustificano la loro incompetenza trattando i giocatori da truffatori…come presidente del sindacato pretendo che venga al più presto indetta una riunione per fare chiarezza… Fredda, immediata e viperina la risposta del rappresentante degli arbitri Didier Méné; “Ho scoperto che il sindacato considera prioritario discutere della mischia ordinata” la prima stilettata. Seguita dal colpo di maglio: “Credevo che prendersi cura dei giocatori disoccupati fosse la causa più importante per una tale organizzazione Forse il presidente di Provale si annoia e un tale ambito gli va troppo stretto. Comunque sia chiaro: questi attacchi non mi preoccupano, fanno parte di campagne mediatiche da cui qualcuno pensa di poter guadagnare in visibilità” ha dichiarato a La Provence.Giorgio Sbrocco    

03
settembre


Top 14 – Stade Francais già in crisi? Laussucq: “A Grenoble pessima prestazione”. By Giorgio Sbrocco

Aria di crisi alle porte in casa Stade Francais di Sergio Parisse, sconfitto (26-12) a Grenoble dalla matricola terribile di coach Sylvain Begon e atteso, sabato prossimo, dall'impegno interno contro il lanciatissimo Castres. Chiaro che una sconfitta a Parigi renderebbe ancor apiù problematica la gestione di un un gruppo cui la nuova dirigenza del club ha affidato la missione di tornare fra le grandi ma che, da quanto visto in queste prime tre giornate di campionato, non pare adeguatamente attrezzato per affrontare una tanto impegnativa imrpesa.  Consapevole di quanto la squadra riesce fino a questo momento della stagione a esprimere, l'allenatore  Christophe Laussucq che, a margine della sconfitta a Grenoble ha osservato: “Simo stati deboli sul piano strategico e tecnico. La nostra è stata davvero una pessima prestazione. Occorrerà migliorare e rialzarsi in fretta per non andare incontro ad altre cocenti disillusioni”. Giorgio Sbrocco

02
settembre


Tags

Top 14 – Crolla il numeri dei Gialli. Merito degli arbitri o solo un caso? By Giorgio Sbrocco

  Crollo verticale dei cartellini gialli nella terza giornata del Top 14. Nelle sette partite disputate fra venerdì e sabato, il totale delle espulsioni temporanee si è infatti fermato a quota 7, contro le 17 comminate nel turno di apertura e le 20 della seconda giornata. Tre i match “totally yellow-free”: Clermont-Perpignano, Castres-Bayonne e Grenoble-Stade Francais. Due quelli che hanno registrato un solo provvedimento di espulsione: Mont de Marsan – Tolone e Biarritz-Tolosa (il big match). Squadra più indisciplinata: Agen (2). In totale: 8 squadre su 14 non hanno subito cartellini. Un segnale (come aveva anticipato Jaques Bunel nell’intervista al nostro sito) dell’ “adattamento” degli arbitri dopo le prime tre giornate di “tolleranza zero”, la dimostrazione che il pugno di ferro dell’avvio di stagione ha convinto i giocatori a non esagerare in aggressività e illegalità o più semplicemente un caso fortuito che non avrà conseguenze? I numeri delle prossime giornate di gara ci forniranno la risposta.Giorgio Sbrocc  

02
settembre


Tags
,

Top 14 – Lanta (Bayonne): “Indisciplina pagata a caro prezzo”. By Giorgio Sbrocco

Pesante sconfitta esterna per il Bayonne di Christian Lanta che torna da Castres con il peso di 31 punti subiti (solo 10 quelli realizzati) e con alcuni pesanti dubbi sull’affidabilità del collettivo. “C’era modo di fare qualcosa di meglio” ammette il neo allenatore dei Ciel & Blanc di Aquitania: “È stata la nostra indisciplina a costarci la partita. Siamo stati penalizzati troppe volte, e quando accade diventa difficile rialzare la testa”. Accanto a una tale consapevolezza, anche il rammarico per alcune occasioni sprecate: ”Peccato, perché nel primo tempo Castres non ha dato l’impressione di esserci superiore. Ma noi non siamo stati capaci di sfruttare i palloni di recupero e poi, nella ripresa, di palloni buoni non ne abbiamo più avuti. Anche a causa dell’alto numero di penalizzazioni subite. Complimenti ai miei ragazzi per l’impegno e la dedizione che hanno messo sul campo, ma abbiamo pagato a caro prezzo la nostra mancanza di consistenza collettiva”.Giorgio Sbrocco  

02
settembre


Top 14 – Marc Delpoux (Perpignano) in versione Gott mit uns: “Gli déi del rugby sono con noi!”. By Giorgio Sbrocco

Terza sconfitta consecutiva per Perpignano. Stavolta in casa di Clermont, una delle favorite nella corsa al titolo. Il punteggio finale (53-31) dice di due squadre disposte a giocare ogni pallone e con una grande disponibilità a dare continuità all’azione avanzante. Marc Delpoux, pur nella delusione della sconfitta, nel ricostruire gli eventi del sabato per i taccuini della stampa francese trova importanti aspetti positivi nella prestazione dei suoi uomini: “Ci è stato fatale il primo quarto d’ora che, paradossalmente, ci ha reso più forti e consapevoli dei nostri mezzi (infortuni dei due piloni destri Mas e Pulu in sequenza e mischie no contest, ndr). La mia soddisfazione è tutta nelle quattro mete che abbiamo segnato in inferiorità numerica. Sono fiero di quanto ho visto. Si è vista un’anima in campo, quella della nostra squadra, unita a un progetto di gioco nel quale i giocatori si sono ben inseriti. Lo spogliatoio non è abbattuto ma sta prendendo coscienza che gli dei del rugby sono, malgrado tutto, con noi. E che Perpignano può tornare a essere molto competitivo”.Giorgio Sbrocco

02
settembre


Tags
,

Top 14 – Tolone fatica ma vince a Mont de Marsan e affianca Biarritz in testa. By Giorgio Sbrocco

Dopo aver messo vin difficoltà Tolosa a domicilio sette giorni fa, la matricola Mont de Marsan si ripete i casa e tiene sulla corda la super corazzata Tolone fino ai 10’ finali. È infatti il piede di Johnny Wilkinson che al 69’ firma il decisivo sorpasso di Tolone realizzando dalla piazzola i punti del 17-15. Occorrerà poi attendere il 72’ e il 77’ per le mete della sicurezza realizzate da Van Niekerk e Gunther. Il punteggio finale di 29-15 non premia a sufficienza il coraggio e la determinazione della neopromossa allenata da coach Dantin, anche se rende omaggio all’ oggettiva superiorità del XV di Bernard Laporte che  incassando il pronosticato punto di bonus, affianca Biarritz in classifica generale.Mont de Marsan – Tolone 15 - 29Giorgio Sbrocco Top 14  - Classifica generaleBiarritz 13Tolone 13Clermont, Tolosa 10Castres, Racing, Montpellier  9 Grenoble 8Bordeaux, Bayonne 5Stade Francais  4Perpignano, Agen, 2Mont de Marsan  0

01
settembre


Top 14 – Biarritz vince lo scontro al vertice con Tolosa e vola in testa. Tolone nel posticipo delle 20.40 cerca l'aggancio. By Giorgio Sbrocco

Si concluderà i tarda serata, con il posticipo Mont de Mardan – Tolone, il programma della terza giornata di Top 14. Fra i risultati delle sei partite disputate spicca la vittoria di Biarritz su Tolosa nel match che metteva una di fronte all’altra le due capo classifica. Tutte vittoriose e con distacchi abbastanza ampi (nessun bonus difensivo) le altre squadre di casa. Festival delle mete a Clermont dove i gialloblu di coach Azéma hanno avuto la meglio sul Perpignano di Marc Delpoux 53-31, mettendo a segno sette mete (doppietta di Bonnaire) e subendone quattro. Oltre i trenta punti anche Castres che ha battuto Bayonne e Montpellier che si è imposto su Agen. In attesa dei probabili 5 punti di Tolone in casa della matricola Mont de Marsan, Biarritz occupa da solo la prima posizione in classifica generale seguito da  Tolosa e Clermont a tre lunghezze e dal trio Castres, Racing, Montpllier a quattro.Top 14 – III giornata risultatiGrenoble – Stade Fr. 26 – 12Biarritz – Tolosa 22 – 17Racing – Bordeaux 18 – 7Clermont – Perpignano 53 - 31Castres  -Bayonne 31 – 10Montpellier – Agen 32 – 15Giorgio Sbrocco    

Top 14 – Grenoble in casa non perdona e punisce lo Stade di Parisse sotto la pioggia. By Giorgio Sbrocco

“Parigini imprecisi e poco ispirati”. Questa l’analisi di Rugbyrama che così spiega la sconfitta (26-12) dello Stade Francais (Parisse titolare, in campo 80’) nell’anticipo del venerdì sera in casa del neo promosso Grenoble giocato sotto la pioggia e davanti a poco meno di 4mila spettatori. Sugli scudi la mediana di Grenoble, capace di adattarsi perfettamente alle condizioni esterne e a impartire agli omologhi della capitale una vera lezione di acume tattivo nel gioco di spostamento al piede e di occupazione degli assi profondi. Bene lo Stade in mischia chiusa e buono, fino a un certo punto della gara, l’impianto difensivo. Chiuso il primo tempo avanti di 3 lunghezze (9-6 firmato Current/Porical). Raggiunto il pareggio (43’) con Porical (tutti suoi i punti dello SF) dalla piazzola, Parigi ha subito la meta del centro Jaouher (46’) su buco in progressione del centro neozelandese Hunt, e quella dell’ala Dupont (68’) su clamoroso errore di trasmissione  degli ospiti dentro i propri 22, entrambe trasformate che hanno di fatto chiuso la partita. Per la cronaca: azzeccato il pronostico sull’incontro di Jaques Brunel per il nostro sito.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball