14
marzo


TOP 14 - Tolosa e Clermont in fuga. E' guerra per l'accesso ai quarti. In coda piange Lione ma la condanna non è ancora definitiva. By Giorgio Sbrocco

Una sola vittoria in trasferta, quella del Clermont ad Agen, il pareggio di Perpignano fra Usap e Tolone e cinque (pronosticate) vittorie delle formazioni di casa nel resoconto della 20esima giornata del Top14 francese. A sei turni dal termine della regular season, e prima della pausa di domenica prossima in occasione dell’ultimo impegno del Sei Nazioni, Tolosa guida da sola la classifica con 73 punti (16 vittorie) dopo la non facilissima vittoria interna (34-27) su Castres. Alle spalle del XV di Yannick Bru, però, incalza Clermont (69), capace di battere (29-20) fuori casa Agen. Dietro alla coppia regina del torneo, compreso fra i 58 punti di Tolone (22-22 a Perpignano) e i 47 dello Stade Francais (tornato alla vittoria 40-19 con il fanalino di coda Lione e in procinto di annunciare l’ingaggio di Chabal), un gruppo di cinque squadre che corrono per i quattro posti che dann oaccesso ai quarti di finale per il titolo di campione di Francia. Fra queste: Montpellier che ha vinto con Bayonne, Castres, il Racing di PB che ha regolato Bordeaux e, anche se solo per l’aritmetica, Agen che si trova a quota 44. In coda non è ancora scritto il destino di Lione, ultimo della classe con 26 punti, dal momento che Bayonne (30), Biarritz (34), Brive e Bordeaux (37) non sono ancora nelle condizioni di considerarsi fuori pericolo. Il Top 14 riprenderà venerdì 23 e sabato 24 marzo con la disputa della gare della 21esima giornata. TOP 14 risultati XX giornataPerpignano – Tolone 22-22Agen – Clermont 20-29Biarritz – Brive 26-11Montpellier – Bayonne 37-26Stade Francais – Lione 40-19Tolosa – Castres 34-27Racing – Bordeaux 22-13 CLASSIFICA – Tolosa 73, Clermont 69, Tolone 58, Montpellier 52, Castres 51, Racing 49, Stade Fr. 47, Agen 44, Bordeaux, Brive 37, Perpignano, Biarritz 34, Bayonne 30, Lione 26 Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

13
marzo


TOP 14 – Il fratello di PB paga per la crisi del Racing Metro. By Giorgio Sbrocco

La classifica piange e la proprietà corre ai ripari. Settimo in classifica del Top 14 (anche se a 28 punti dal Tolosa che guida la graduatoria), ancora in corsa per uno dei sei posti nei play off ma in crisi profonda di gioco e di immagine (la risoluzione del contratto con l’Orco Chabal ha portato, a conti fatti, più danni che benefici), il Racing Metro Parigi conferma la fiducia all’ex ct della Nazionale italiana Pierre Berbizier nel ruolo di capo allenatore ma esonera il fratello Philippe dall’incarico di allenatore degli avanti. A occuparsi della mischia dei biancocelesti sarà Didier Retiere, che ha svolto lo stesso compito per la Nazionale di Francia dal 2008 al 2011. A curare il gioco dela linea arretrata sarà ancora l’argentino Gonzalo Quesada ingaggiato dal club del presidente Lorenzetti in novembre. Responsabile delle relazioni esterne il figiano Simon Raiwalui, ex seconda linea del club della capital. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

10
marzo


TOP 14 – Il piede di Germain e una meta a tre minuti dalla fine regalano al Racing di PB la vittoria interna su Bordeaux nell'anticipo del XX turno. By Giorgio Sbrocco

Parigi - Il Racing Metro di Pierre Berbizier si aggiudica in volata l’anticipo serale della 20esima giornata del Top 14 battendo 23-13 il Bordeaux che aveva chiuso il primo tempo avanti 7-3. Partita molto equilibrata, per lunghi tratti dominata dagli ospiti, decisa dai calci dell’estremo Germain (18 punti personali dalla piazzola) e dalla meta (penaltouche al 77’) della seconda linea Ghezal, entrato dalla panchina al 63’. Per gli ospiti, meta in apertura dell’estremo Reihana (4’) trasformata da Lopez e altri due centri del numero 10 bordolese. Grazie ai quattro punti conquistati la squadra parigina sale al quinto posto della classifica provvisoria a quota 49, mentre l’UBB si conferma in nona posizione con 37 punti. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

06
marzo


TOP 14 - XIX giornata: Canale in meta e Clermont asfalta Tolosa, Castres pareggia con Lione, Racing di misura grazie a Mirco Bergamasco e Stade Francaise male a Brive. By Giorgio Sbrocco

Sorprese e conferme nel turno n.19 del Top 14. Tolosa sconfitta nettamente a Clermont, Tolone che regola Montpellier che perde con bonus, vittoria di stretta misura del Racing su Bayonne, di Brive su uno Stade Francais sempre più lontano dalla vetta e di Biarritz su Bordeaux. Sotto break il successo di Agen su Perpignano.  Inaspettato pareggio di Castres in casa con il fanalino di coda Lione.  In classifica generale Tolosa mantiene il primato con quattro lunghezze di vantaggio su Clermont. Dietro è lotta aperta per i quattro rimanenti posti nella griglia play off. A sette turni dalla fine della stagione regolare, con 35 punti teorici ancora da assegnare, nella corsa per i quarti di finale risultano coinvolte  almeno sei formazioni. In coda, per Perpignano, Bayonne, Biarritz e Lione, ancora tutto da decidere per la retrocessione. Castres – Lione 6-6Pareggio vitale in trasferta per Lione. Un risultato importante, e non solo per il morale della squadra, fortemente voluto e perseguito con lucidità e rigore (grande dimostrazione di organizzazione ed efficacia difensiva) dalla formazione di Raphael Saint-André che alimenta le speranze di salvezza. I padroni di casa, spesso eccedendo quanto a ricerca di soluzioni individuali, non sono mai riusciti a mettere in crisi Lione, apparso equilibrato nell’occupazione degli spazi allargati (bene la difesa rovesciata), consistente nelle zone di impatto e all’altezza dei più titolati avversari in mischia e rimessa laterale. Per il XV della premiata ditta Travers-Labit si tratta della terza partita conclusa senza marcare mete. Di Teulet e Lespinas (6-6 al 23’) i punti dell’incontro. Clermont – Tolosa 35 - 5Senza storia la sfida dei quartieri alti. Pesano in casa Tolosa le assenze degli internazionali e Clermont ha vita relativamente facile a imporsi (senza bonus) al Marcel Michelin e ad avvicinarsi alla vetta della classifica che ora dista solo quattro lunghezze. Skrela dalla piazzola (23 punti personali), l’azzurro Canale al 57’ e Russel allo scadere sostanziano una superiorità mai in discussione ma divenuta concreta solo nel secondo tempo, dopo che i primi 40’ si erano chiusi sul 12-5 con Tolosa in meta con Imperial al 23’. Agen – Perpignan 22 - 17Vittoria sudata ma ampiamente meritata dell’ Agen di Christian Lanta, che ora guarda da vicino la zona play off (un punto dal Racing sesto), su un Perpignano che incassa un punto che si annuncia pesante nella futura lotta per non retrocedere. Basi della vittoria è sono state le fasi di conquista: rigorosa e ben organizzata la rimessa laterale, stabile e in costante controllo degli assetti la mischia ordinata. Quanto a utilizzo dei possessi: poca ricercatezza ma tanta concretezza. E su tutto un Barnard praticamente perfetto (6/7) nel punire il XV “Sang et Or” troppo spesso in palese difetto di disciplina. Per i catalani, sempre in partita nonostante i tanti errori, il bonus arriva a tempo scaduto dal piede del funambolo gallese Hook, autore di 9 punti personali. Due le mete: del centro Pelesasa per l’Agen al 13’ e del flanker Chouly al 71’. Biarritz – Bordeaux 38-13Primo bonus offensivo (quattro le mete segnate) della stagione per il Biarritz Olympique di Serge Mihas (prossimo assistente di Jaques Brunel?) che si impone nettamente al Parc des Sports Aquiléra su Bordeaux (allenato dall’ex tecnico di Calvisano Marc Delpoux) grazie soprattutto alla prestazione del  suo numero 9 Dimitri Yachvili, perfetto ispiratore e prezioso terminale offensivo della squadra (per lui due mete personali). Primo tempo chiuso sul 17-5 per Biarritz, la partita si decide fra il 60’ e il 66', quando i padroni di casa realizzano 15 punti in rapida successione con Yachvili (cp), Ngwenya (meta) e ancora Yachvili (meta trasformata). Qualcuno non ha capito il motivo per cui Yachvili non sia stato impiegato nella Francia del Sei Nazioni, fermata sul pareggio (17-17) dall’Irlanda a Parigi e perciò fuori da ogni possibilità di centrare il Grande Slam. La spiegazione ufficiale (il giocatore non è fisicamente a posto) promette di aprire pesanti fronti polemici sul delicato tema dei criteri di convocazione in uso presso la Ffr. Brive – Stade Francais 25 - 9Vittoria importante di Brive che prevale sui parigini dello Stade di Michale Ceika (che si confermano poca cosa in trasferta) al termine di un match molto combattuto che la squadra di casa ha saputo volgere a proprio favore nel secondo tempo, dopo che il primo si era chiuso sull 11-9. La ripresa, giocata su ritmi nettamente più “ragionati” rispetto ai primi 40’,  è stata infatti caratterizzata da un possesso quasi costante da parte degli uomini di Ugo Mola, da una netta prevalenza della loro mischia ordinata e da un numero davvero elevato di falli dei parigini che ha spianato la strada del successo sotto forma di calci piazzati da posizione agevole. Carminati (9) e Belie (6) ringraziano. Per Parigi tre centri dell’argentino Contepomi e finale in 14 per il giallo (somma di falli di squadra) al tallonatore Sempere.   Racing – Bayonne 22 – 21Una meta al 71’ (l’unica dell’incontro) dell’ala tongana Sireli Bobo (36 anni, nell’occasione capace di “sedere” Mazars et Huget prima di schiacciare oltre la linea), la successiva trasformazione e un calcio di punizione fra i pali (68’) di Mirco Bergamasco regalano al Racing diPierre Berbizier (Lo Cicero in campo dal 47’) una vittoria fondamentale per la rincorsa alla zona play off. Per la formazione di Didier Furegon un’occasione perduta per incamerare punti fondamentali per la salvezza. Per Bayonne: 18 punti dal piede dell’apertura Potgieter e tre dal mediano di mischia Garcia subentrato al 63’ al gallese Phillips.   Tolone - Montpellier 19-6 Una meta tecnica al 71' (falli ripetuti di assetto in chiusa) e 14 punti di Johnny Wilkinson confezionano l'importante successo di Tolone su Montpellier di Fabien Galthié in uno dei match puù caldi e incerti della giornata. Grazie alla vittoria sul verde dello Stade Mayol la formazione di Olivier Azam sale al terzo posto in classifica, alle spalle di Clermont e davanti a Castres. Troppo forti e organizzati in mischia (il gallese Roberts, Bruno e il neozelandese Hayman in prima linea) i tolonesi hanno per lunghi tratti dell'incontro monopolizzato possesso e territorio, affidando alla sapiente e lineare regia del grande Wilko la gestione tattica della gara. Solo due piazzati (uno per tempo) per Montpellier.   Giorgio Sbrozzo, giornalista sportivo. Classifica: Tolosa 69, Clermont 65, Tolone 56, Castres 50, Montpellier 48, Racing 45, Agen 44, Stade Fr. 42, Bordeaux, Brive 37, Perpignan 32, Biarritz, Bayonne 30, Lione 26

29
febbraio


TOP 14 – È Clermont-Tolosa il big match del 19° turno. By Giorgio Sbrocco

Con la disputa (venerdì 24) dei due recuperi della 17esima giornata che hanno visto Agen prevalere in casa su Castres 23-12 e Brive espugnare il campo di Lione con il punteggio di  22-9, il Top 14 francese può (finalmente) stilare una classifica definitiva e preparare al meglio la volata finale con destinazione play off che inizierà il 2 marzo (19esimo turno) con la notturna di Tolone-Montpellier sul verde dello stade Mayol. Tutte in programma sabato le altre sfide, fra cui spicca il big match dei quartieri alti fra Clermont e Tolosa che si disputerà al Marcel-Michelin con calcio d’invio alle 16.15. L’altro posticipo(20.45)  va in scena al Pierre-Antoine di Castres fra l’Olympique e il Lione ultimo in classifica.  Promettono spettacolo e  (tanto) agonismo anche Agen-Perpignan e Brive-Stade Francais. Pronostico sulla carta scontato a favore del Racing di Mirco Bergamasco (che ha recentemente dichiarato di credere ancora nella possibilità di un posto nella griglia play off) contro Bayonne e per il Boreaux in casa del Biarritz. In classifica generale Tolosa si conferma prima forza del campionato a quota 69, seguita a otto lunghezze da Clermont e a 17 dal Tolone terzo. Più distanziata (48) l’accoppiata Castres-Montpelier e al sesto posto (ultimo per l’accesso ai quarti di finale) i parigini dello Stade  con 42 punti, uno sopra i concittadini del Racing di Pierre Berbizier e due sopra Agen . In coda, la lotta all’ultimo sangue per evitare le due retrocessioni coinvolge  Lione, Biarritz, Bayonne e Perpignano, anche se la matematica (a otto giornate dalla conclusione della stagione regolare)  non assolve ancora definitivamente Brive e Bordeaux. Classifica: Tolosa 69, Clermont 61, Tolone 52, Casters, Montpellier 48, St. Francais 42, Racing 41,  Agen 40, Bordeaux-Bègles 37, Brive 33, Perpignano 31, Bayonne 29, Biarritz 25, Lyon 24 Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Rugby Ball