Francia – Il Boudjellal furioso ce l’ha con Saint-Andrè. By Giorgio Sbrocco

Non le pensa di notte, non se le prepara, non usa ghost writers, assicura chi lo conosce bene. Gli vengono così. Lui è  Mourad Boudjellal, il presidente-padrone del Tolone (dove pare che stia per arrivare la seconda linea Ali Williams dalla Nuova Zelanda...) campione d’Europa e vice campione di Francia che, richiesto di un commento sul deficitario Tour della Nazionale francese in Nuova Zelanda ha pensato bene di prenderla…alla larga. Parlando di Philippe Saint-André, ct della squadra che ha chiuso la Serie con un pesante 0-3 e che, fra le altre cose, è stato anche allenatore di Tolone, il grande MB ha detto: “Quello che più mi ha deluso (di Saint-André, ndr) è la sua comunicazione. Sarebbe bene che la smettesse di fare affermazioni stupide come quella con cui si è assunto la responsabilità delle sconfitte. Mi domando: ma cosa c…significa “mi prendo la responsabilità delle  sconfitte”. Per me significa una sola cosa: che te ne devi andare! Quindi occorre che la smetta con queste frasi stupide che non vogliono dire niente e soprattutto che si concentri sul suo lavoro. Ma soprattutto…che la smetta di parlare”. Un’altra dichiarazione del ct che ha mandato in bestia il patron dei rossoneri della Rada è stata quella legata al “tentativo che sto facendo di portare i giocatori a esprimersi con competenza nell’alto livello internazionale”. Frase che MB davvero non ha digerito: “A un allenatore che perde tre partite contro gli All Blacks non si può rimproverare nulla. Ma dire che lui è lì per …portare i giocatori all’alto livello è una sciocchezza!” ha tuonato dalle colonne virtuali di  leparisien.fr. “Giocano nel campionato migliore d’Europa, forse del mondo, sono vice campioni del mondo. E lui vuole insegnare loro come si gioca nell’alto livello? Saint-André non è un educatore di bambini, è un allenatore! Parlare di alto livello da raggiungere è offensivo nei confronti dei suoi giocatori. Così facendo li umilia. Vorrei che fosse chiaro: noi nell’alto livello ci siamo, e non abbiamo aspettato Saint-Aindré per arrivarci!”. Nulla di personale, ovviamente, Avrebbe chiosato Woody Allen.Giorgio Sbrocco

28
giugno


Tags
,

Top 14 – Tolone multato per eccesso di sponsor sulla maglia. By Giorgio Sbrocco

I tifosi, almeno quelli che usano esprimersi attraverso la rete e non solo tolonesi, non l’hanno presa benissimo. I fatti: la LNR (la Lega delle società professionistiche) ha multato il Tolone per non aver rispettato le norme circa l’esposizione di marchi pubblicitari sulla divisa da gioco in occasione della finale di Top 14. Quella persa contro Castres. L’ammenda di 35mila euro (non proprio bruscolini) pare sia stata generata dall’inserzione della scritta “Città di Tolone” sulla maglia da gioco dei campioni d’Europa. Una città considerata uno sponsor commerciale? Si è chiesto qualcuno. Sì,  gli ha prontamente risposto un altro rammentando un preciso disposto del protocollo sulle sponsorizzazioni commerciali. “Dal momento che l’Edf (sponsor storico del massimo campionato francese, ndr) non mette più soldi, dovranno pure procurarselo da qualche altra parte” ha postato un pungente Vive le Bearn. “Altrimenti con cosa pagheranno i ristoranti, gli alberghi di lusso e le…maitresses i potenti della Federazione?” ha concluso.Giorgio Sbrocco

25
giugno


Top 14 – Castro è a Tolone: “Giocherò con il club più forte d’Europa”. By Giorgio Sbrocco

Reduce dal Tour in Sud Africa, il pilone destro della Nazionale italiana Martin Castrogiovanni (campione d’Inghilterra con la maglia di Leicester Tigers) è stato presentato oggi alla stampa francese in occasione del suo arrivo a Tolone, con cui ha firmato un contratto biennale. Castro si è detto: "Felice di aver firmato con il Tolone” in quanto “Si tratta del  miglior club d'Europa. Io sono latino, un italiano e un argentino e sono emozionato all'idea di giocare in un club dove la passione e la pressione sono così forti". Auguri!Giorgio Sbrocco

14
giugno


Top14 – Castro giocherà a Tolone. By Giorgio Sbrocco

La faccia che campeggia sui manifesti e al centro dell’home page del sito ufficiale del club campione d’Europa è quella di Bryan Habana, ma c’è anche Martin Castrogivoanni nel comunicato con cui Tolone ufficializza i nomi dei nuovi acquisti per la stagione 2013/2014. Oltre al pilone italo-argentino proveniente da Leicester e all’ala degli Sprinboks sono giunti alla corte di Bernard Laporte:  Emannuel Felsina, Benjamin Noirot, Michael Claassens, Drew Mitchell. Per ora.Giorgio Sbrocco  

02
giugno


Top 14 – Laporte (Tolone): “Castres ha meritato la vittoria”. By Giorgio Sbrocco

Le immagini televisive ci hanno proposto un Bernard Laporte livido in volto al triplice fischio finale che ha consegnato nelle mani di Castres il simbolo del comando del rugby francese, il mitico scudo di Brenno che a Castres aspettavano da due decenni. Il tempo di metabolizzare la cocente delusione e il manager di Tolone è ritornato al format che ben conosciamo: onestà intellettuale, linearità di analisi e, soprattutto, rispetto per l’avversario. Probabilmente recitando un copione. Ma di quelli scritti bene! “Occorre riconoscere che i giocatori di Castres sono stati molto efficaci e atleticamente consistenti. La loro vittoria è meritata e meritano che ciò venga riconosciuto. È stata una partita molto combattuta. Credo che nel primo tempo ci siamo complicati la vita da soli, commettendo alcuni errori che hanno permesso ai nostri avversari di andare al riposo  in vantaggio, mentre avremmo dovuto chiudere noi in vantaggio. Complimenti a Castres! La stagione è stata lunga e faticosa. L’entusiasmo e la freschezza sul campo sono state di Castres. Nulla da rimproverare ai miei giocatori. Si sono battuti con valore”. Non una parola sui pali di Wilkinson e sul velo di Diarra nell’azione della meta di Kockott alla fine dei primi 40’. Chapeau!Giorgio Sbrocco

01
giugno


Top 14 - CASTRES CAMPIONE vent'anni dopo. By Giorgio Sbrocco

Tolone - Castres 14 - 19(pt 3 - 10) Marcatori: 5' cp Wilkinson, 13' cp Kockott, 40' m. Kockott tr, Kockott, 46', 66' cp Wilkinson, 71', 74' dr Tales, 80' cp Kockott, 81' mnt Armitage Castres vince con pieno merito la finale dello Stade de France e a distanza di 20 anni riconquista il prestigioso scudo di Brenno (il quarto della sua storia), simbolo del potere ovale al di là delle Alpi. Tolone (seconda finale consecutiva persa) manca lo storico double per i due pali di Wilkinson (40% per lui alla fine, davvero poco), per l’inadeguatezza  dimostrata in rimessa laterale e, sorpattutto, perché Castres in fase difensiva è stato praticamente perfetto. Da segnalare il mortifero doppio drop dello specialista Tales che a cavallo del 70’ e 75’ ha praticamente chiuso la contesa. Il calcio di Kockott all’80’ e la meta di Armitage a tempo scaduto hanno solo infiammato gli ultimi fantastici minuti di un match forse di non eccelsa caratura sul piano tecnico ma semplicemente stupendo quanto a intensità e a rigore tattico. Migliori in campo: Kockott, Tales, Claassen e Diarra per i campioni; Masoe, Armitage, Bastareaud e Wilkinson (nonostante tutto) per Tolone. Giorgio Sbrocco

01
giugno


Top14 - Tolone sembra dominare. Ma Castres chiude avanti di 7 punti il primo tempo a Parigi. By Giorgio Sbrocco

Tolone - Castres 10 - 3 Marcatori: 5' cp Wilkinson, 13' cp Kockott, 40' m. Kockott tr, Kockott Fa tutto Tolone nel primo tempo: monopolizza i possessi, si installa nella metà campo di Castres ma trova solo un calci ocon Wilkinson nei primi minuti di gioco. Il grande Wilko manca poi di poco un drop e di pochissimo un piazzato da 50 metri per fallo a terra su Fernandez Lobbe. Castre si dimostra semplicemente perfetta in fase difensiva (3 falli di Tolosa in attacco!) e trova il pareggio con Kockott (13') dopo che Giteau regala una introduzione in mischia per in avanti sulla linea di meta. Al 39' il regalo lo confeziona Mchalack che commette in avanti nei pressi dei prorpi 22. Dalla conseguente mischia parte Claassen che resiste al placcaggio di Russow e libera un pallone in ruck. Lo raccoglie Kockott che trova(grazie a un "blocco"?) il corridoio per filare sotto i pali per la prima meta della serata. Sua la trasformazione che vale il 10-3 per Castres al riposo. Giorgio Sbrocco

01
giugno


Top14 – Super finale allo Stade de France. Tolone favorito. By Giorgio Sbrocco

Stasera grande rugby allo Stade de France di Parigi. In campo (ore 21) Tolosa neo campione d’Europa e Castres che in semifinale ha abbattuto Clermont. Fra i tanti duelli della serata, da seguire quello fra i calciatori: da una parte Jonny Wilkinson (Tolone), dall’altra il sudafricano Kockott. E per gli amanti del gioco dei pack: occhi puntati sulla sfida Masoe - Claassen, talento, potenza e determinazione al servizio di una leadership straboradante e carismatica. I pronostici dicono: Tolone che, in caso di vittoria incasserebbe uno storico double.Tolone: 15 Delon Armitage, 14 Rudi Wulf, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Matt Giteau, 11 Alexis Palisson, 10 Jonny Wilkinson (c), 9 Frederic Michalak, 8 Chris Masoe, 7 Juan Fernandez Lobbe, 6 Danie Rossouw, 5 Nick Kennedy, 4 Bakkies Botha, 3 Carl Hayman , 2 Sebastien Bruno, 1 Andrew Sheridan. In panchina : 16 Jean-Charles Orioli, 17 Xavier Chiocci, 18 Jocelino Suta 19 Joe van niekerk, 20 Steffon Armitage, 21 Maxime Mermoz, 22 Sébastien Tillous-Borde , 23 Davit Kubriashvili. Castres: 15 Brice Dulin, 14 Romain Martial, 13 Romain Cabannes, 12 Seremaia Baï, 11 Marc Andreu, 10 Remi Talès, 9 Rory Kockott, 8 Antonie Claassen, 7 Yannick Caballero, 6 Ibrahim Diarra, 5 Rodrigo Capo Ortega, 4 Christophe Samson, 3 Karena Wihongi, 2 Brice Mach, 1 Saimone Taumoepeau. In panchina : 16 Mathieu Bonello, 17 Yannick Forestier, 18 Joe Tekori, 19 Janie Bornman, 20 Romain Teulet, 21 Daniel Kirkpatrick, 22 Paul Bonnefond, 23 Mihaïta Lazar. Arbitro: Jérôme GarcèsGiorgio Sbrocco

Top 14 – Il presidente Hollande tifa Castres? Boudjellal si infuria, poi accetta le scuse e promette un bacio. By Giorgio Sbrocco

Succede anche questo. In Francia, a margine di una finale di campionato che potrebbe incoronare l’incontrastata regina d’Europa o consegnare il titolo di miglior squadra del paese a una formazione che è arrivata alla finale partendo dal barrage. Una barragiste, come la chiamano dall’altra parte delle Alpi. Ma si diceva dell’imprevista deriva “politica” del match più importante dell’anno che vedrà Tolone e Castres sfidarsi domani sera allo Stade de France. Succede che monsieur  François Hollande, presidente della République in carica incroci all’aeroporto la comitiva di Castres appena sbarcata nella capitale. E che all’indirizzo dei giocatori appena scesi dall’aereo se ne esca con un: “A chi consegnerò sabato la coppa?” e poi guardandosi circospetto in giro e fingendo complicità: “Non ditelo in giro, ma io spero di consegnarla proprio a voi!”. Tempo un paio di minuti e Mourad Boudjellal, presidente del Tolone, ne viene informato e commenta prontamente l’accaduto dicendosi “sorpreso” e lasciando intendere che, comunque vada a finire la finale, lui non stringerà  la mano a Hollande. E per sovrapprezzo butta là un: “Voglio sperare che una tale dichiarazione non influenzi l’arbitraggio”. Immediata la telefonata di Hollande al padre padrone del club campione d’Europa. “Ho parlato con una persona imbarazzata e confusa” spiegherà alla stampa Boudjellal. “Nel corso dei dieci minuti che siamo stati al telefono il presidente ha precisato che la sua frase non era e non voleva essere in alcun modo una scelta di campo. E che se invece di Castres avesse incontrato Tolone avrebbe pronunciato la stessa frase. Abbiamo anche parlato d’altro, il presidente era molto ben informato su di me e sul mio percorso e ci ha tenuto a specificare che non era sua intenzione apparire sgradevole. Per me l’incidente è chiuso”. Ha riferito ai colleghi de La Provence. Aggiungendo che il capo dello Stato ha formalmente invitato lui e la squadra del Tolone all’Eliseo per festeggiare la vittoria in Heineken cup. “E se dovessimo vincere noi – ha concluso – vorrà dire che mi sentirò autorizzato a baciarlo”. Giorgio Sbrocco

29
maggio


Top14 – Jaques Delmas a Tolone per sostituire Azam con gl iavanti. By Giorgio Sbrocco

Dal mercato francese: movimenti (molto controllati, a lungo ponderati e con una quota di azzardo vicina allo zero) nello staff del Tolone, fresco campione d'Europa e (molto) vicino a un fantastico e storico double HC + Top14. Partito per Lione (missione  promozione) lo specialista della mischia -  Olivier Azam, arriva Jacques Delmas, che per qualche tempo ha collaborato con il gran capo dei rossoneri Bernard Laporte e che nel recente passato ha lavorato con lo Stade Francais (2009/2010) e Perpignano (3 mesi nella stagione 2011/2012). In carriera Delmas (56 anni, ex tallonatore) ha allenato Narbonne, Perigeux, Grenoble e Biarritz.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball