20
dicembre


Sei Nazioni – Superata quota 50mila biglietti venduti. By Giorgio Sbrocco

 Procede senza sosta la prevendita per i due impegni interni della Nazionale di Jaques Brunel in occasione del Sei Nazioni 2014 con Scozia (22 febbraio) e Inghilterra (15 marzo) . Superati ieri i 50mila tagliandi. "La prevendita, a cui dalla scorsa settimana abbiamo affiancato una campagna di comunicazione di grande impatto visivo, sta ottenendo risultati confortanti, sia in Italia che all'estero" ha dichiarato il responsabile area eventi della Fir, Pier Luigi Bernabò.  "Aver superato i cinquantamila tagliandi venduti prima di Natale é un primo obiettivo verso il traguardo delle centoventimila presenze che ci siamo dati per il Torneo 2014. La politica di prezzi attuata da Fir sta ottenendo come auspicato il consenso dei giovani e delle loro famiglie: sono loro il pubblico che, insieme ai nostri fans di lungo corso, vogliamo raggiungere e coinvolgere per alimentare sempre di più la passione italiana offrendo come di consueto occasioni di intrattenimento e di divertimento nello spettacolare Terzo Tempo Peroni Village ed anche all'interno dello Stadio”. “Uno dei nostri obiettivi è quello di proseguire lo sviluppo della comunità faccedarugby , nella quale si possono ritrovare tutti coloro che hanno la capacità  e il desiderio di vivere l'evento sportivo come una festosa partecipazione che prescinda dalla competizione sportiva: si tratta di un elemento molto apprezzato e particolarmente caratterizzante del nostro sport” ha aggiunto Bernabò. Giorgio Sbrocco

03
dicembre


Italia – La Femminile in raduno a Parma in vista del Sei Nazioni. By Giorgio Sbrocco

Trenta le azzurre che il ct Andrea Di Giandomenico  ha convocato per il raduno (6-8 dicembre) in programma a Parma in preparazione al Sei Nazioni 2014 ITALIA Cecilia ARPANO (ASD R. Monza 1949) Ilaria ARRIGHETTI (ASD R. Monza 1949) Debora BALLARINI (Sitam Riviera del Brenta) Sara BARATTIN (Rugby Casale) Monica BRUNO (CUS Torino R. asd) Chiara BUONGIORNO (ASD R. Monza 1949) Jessica BUSATO (Benetton Treviso) Lucia CAMMARANO (ASD R. Monza 1949) Irene CAMPANINI (Rugby Colorno) Maria Grazia CIOFFI (US Rugby Benevento) Alessandra DELL’ORSO (Old Rugby L’Aquila) Giordana DUCA (Rugby Red Blu asd) Marta FERRARI (Fed. Francese) Manuela FURLAN (Benetton Treviso) Lucia GAI (Sitam Riviera del Brenta) Silvia GAUDINO (ASD R. Monza 1949) Elisa GIORDANO (Valsugana Rugby Padova) Mirjam KELLER (Umbria Rugby Ragazze) Maria MAGATTI (ASD R. Monza 1949) Cristina MOLIC (Sitam Riviera del Brenta) Alessia PANTAROTTO (Sitam Riviera del Brenta) Beatrice RIGONI (Valsugana R. Padova) Novella RUSSO (ASD R. Monza 1949) Valentina RUZZA (Valsugana R. Padova) Claudia SALVADEGO (Valsugana R. Padova) Veronica SCHIAVON (Sitam Riviera del Brenta) Flavia SEVERIN (Benetton Treviso) Michela SILLARI (Rugby Colorno) Alice TREVISAN (Sitam Riviera del Brenta) Maria Diletta VERONESE (Valsugana R. Padova) Giorgio Sbrocco

26
agosto


Italia – Ale Troncon convoca 28 under 20 al raduno di Parma. By Giorgio Sbrocco

 L’Italia under 20 (28 convocati) del ct Alessandro Toncon  si radunerà a Parma dal 3 al 7 settembre in preparazione alla stagione internazionale 2013/2.14. “Sono appena rientrato dall’Irlanda – ha dichiarato Troncon – dove ho avuto modo di vedere da vicino una buona parte dei convocati, impegnati nel tour con l’Accademia federale. L’obiettivo ora è di allargare il numero degli atleti di potenziale interesse per l’Under 20 che disputerà il Sei Nazioni e il Junior World Championship”. ITALIA UNDER 20PiloniDerrick APPIAH (Marchiol Mogliano)Patrick BIGONI (Accademia FIR)Simon Pietro FERRARI (Marchiol Mogliano)Francesco VENTO (Accademia FIR)TallonatoriAdriano DANIELE (Accademia FIR)Paolo RAGAZZI (Petrarca Padova)Seconde lineeVittorio FLAMMINI (L’Aquila Rugby)Federico RUZZA (Accademia FIR)Andrea TROTTA (Marchiol Mogliano)Davide ZANETTI (Accademia FIR)Flanker/n.8Matteo ARCHETTI (Accademia FIR)Michele BOCCARDO (Accademia FIR)Matteo CATELLAN (Rugby Valsugana)Matteo CORAZZI (Marchiol MOGLIANO)Matteo CORNELLI (Accademia FIR)Filippo SCALVI (Rugby Reggio)Mediani di mischiaKhyan APPERLEY (Rugby Viadana)Simone PARISOTTO (Accademia FIR)Mediani d’aperturaGiacomo DE SANTIS (Accademia FIR)Matteo GASPARINI (Fiamme Oro Rugby) CentriMattia BELLINI (Petrarca Padova)Filippo BUSCEMA (UR Capitolina)Gabriele MANGANIELLO  (Estra I Cavalieri Prato)Samuel SENO (M-Three San Donà)Ali/EstremiSimone BALOCCHI (Rugby Colorno)Daniele DI GIULIO (Lazio Rugby 1927)Gabriele DI GIULIO (Accademia FIR)Alessandro TORLAI (Rugby Reggio) Giorgio Sbrocco

14
marzo


6 Nations Championship Finale 2013

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 This weekend sees the finale of the Championship which started very positively with good, open, attacking rugby but over the last 2 weeks of the Tournament, teams seem to have adopted a very cautious approach. Whether this has been due to the weather, player injuries, or the rapid flow of matches is debatable, but the spectacle has been missing for armchair viewers. The Murrayfield penalty fest last weekend would put many people of the sport, and if nothing else, it highlighted that the IRB need to sort out scrummaging and ensure referees are not again put in the very difficult position trying to adjudicate the aggressor! Scotland v Wales matches in the past have lead to changes in the kicking to touch rules, and perhaps the events of Saturday might force a change to the scrum and engagement rules. Wales deservedly won a poor match by scoring the only try and yet again Scotland, with hardly any possession or field position, still kept the match alive until the very end. Ireland produced a cracking start to their match against France but France eventually found a style and rhythm which they have been lacking, to squeeze out a 13-all draw in Dublin. This raises questions about the Irish teams’ ability to perform for a full match, and indeed whether France have eventually found the form which made them a pre Tournament favourite. By far the best match, and played in the best conditions, and by two teams intend on playing creative rugby was the match on Sunday where Italy gave England , the Grand Slam hopefuls, a lesson on commitment. If only Italy had taken either of the two try opportunities in the final quarter!  The super Saturday planning in now underway- the TV is set up, the food has been bought, the drink is ready, and 3 consecutive matches await! The usual Saturday chores will take a back seat- 7 hours of rugby!  First up, we have Italy and Ireland which promises to be a cracking match in which two committed and talented teams, with nothing to lose, will battle it out in Rome. Parisse and his influence, the crowd and passion of the Stadio Olympico, will swing this match towards an Italian victory, in a season which might even have been better. Ireland will score tries on Saturday but the enthusiasm and discipline of Italy will count. The second match and the 6 Nations Championship decider is Wales v England at the Millennium Stadium, Cardiff. The atmosphere will be electric and Wales, in formidable form this year are proving very difficult to beat. While they have not been playing the open, adventurous rugby of last year, Wales will have the passion and skill-set to test the mental and physical preparation of England. The favourites however must be England and they have played the most varied and technically accomplished rugby this season, and can vary their game plan with key decision makers all over the field. The test of Farrell’s kicking and temperament, the influence of the English back row if the going is tight and heavy as predicted will influence the outcome. Wales, if the game breaks up and becomes loose, will take advantage with their ball winning back row then dominating the match as they did last weekend at Murrayfield. The heart says Wales to win but the calculating head predicts an England victory and 6 Nations Championship. Finishing off the days events at 8.00 UK time, France host Scotland in a match which on the evidence of the season so far, for both sides, is likely to be dire! A mid table spot for Scotland will be a positive and for France a disaster. Both teams need to convince their loyal supporters that they capable teams and can play some creative rugby, so with the pressure off and only pride at stake, I predict a high scoring match with France coming out on top, but with Scotland finishing the season with a try scoring flourish.       The 6 Nations Championship this year has promised much but delivered little, yet will not be decided until the last minutes of the Wales- England match. Hopefully the other two matches will give us all something to celebrate if those teams can relax and enjoy rugby for what it is- a passionate and exciting sport, defined by tries and running rugby, and a sport not dominated by the referee!  It promises to be exciting! Do what we are doing and watch along with your friends and a bottle of your favourite dram!  By R.F.Cunningham, former Scottish Rugby Internationalist, is HR Adviser to Glen Grant Distillery in Speyside.                st1\:*{behavior:url(#ieooui) } /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Table Normal"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;}      

21
febbraio


6 Nations Championship 2013

After the excitement of the first couple of weeks, we have had a bit of a breather and time to reflect on how the Championship is shaping up. The key issue facing each team is that of consistency. Or conversely, from a coaching perspective, inconsistency! Take Ireland for example. They blew Wales away in the first half of the first match at the Millennium Stadium, and for the next a match and half they have been infuriatingly inconsistent. Wales, on the other hand, having given up in that first match, responded with an impressive away win against a French side who have not only been consistently underperforming, but also have been lacking flair and energy. Scotland, so poor against England, rose to the occasion against Italy who were unable to gain the consistency needed at this level and to deliver consecutive high performances. Of all the coaches involved this year, by far the most satisfied must be Stuart Lancaster, the English coach. England has been able to vary their style of play and have recorded 2 outstanding wins, in markedly different styles and circumstances. Open, aggressive rugby against Scotland and a tight, forward dominated performance in extreme condition against Ireland, has given them the consistency needed to set themselves up for a Grand Slam. In terms of player performances, in this a Lions Tour year, a number of names must already be pencilled in to Warren Gatling’s book. Irrespective of the politics, the bulk of the selected Lions party will be English, but the flavour of the Touring party comes from the cross section of other Home Nation players selected. Stuart Hogg, Ryan Grant, Johnnie Beattie, Richie Gray from Scotland, Andrew Coombes, Jamie Roberts, Leigh Halfpenny and Justin Tipuric from Wales are all performing exceptionally well and must come into consideration, especially if they can keep playing consistently well over the last 3 matches of the Championship. The Irish contingent conversely seems to be either playing themselves out of consideration at present, or picking up injuries or suspensions at a crucial time. Jamie Heaslip, an early season favourite to captain the Lions squad is off form, as is Brian O’Driscoll, and an suspension to Cian Healy will not have done his Lions selection chances any good. Rory Best and Sean O’Brien also will want to put their hands up for selection, and both need a good game, as does Rob Kearney, in direct comparison to Scotland’s 6 Nations hero, Stuart Hogg. As for this week’s matches, Wales play Italy in Rome, and that is a trip which has many worrying memories for the Welsh. Playing at home, Italy will wish to repeat their early season performance against France. Playing without their Captain and talisman Sergio Parisse, suspended for 6 weeks for his attempts at instructing a French referee in nuances of the Italian language last weekend, Italy will struggle particularly against a rejuvenated Ryan Jones inspired Welsh team. Wales playing Italy in Rome is a trip which has many worrying memories for the Welsh. Italy will wish to repeat their early season performance against France. Playing without their Captain and talisman Sergio Parisse, suspended for 6 weeks for his attempts at instructing a French referee in nuances of the Italian language last weekend, Italy will struggle particularly against an inspired Welsh team. An away win for Wales to keep alive a 6 Nations play off at the Millennium Stadium, against England. England, on fire and capable of paying rugby in all conditions, must start the second  match of the weekend against France as clear favourites. However, France have not become a poor team overnight, and if they can find some consistency, they may well surprise the 6 Nations favourites and beat England at Twickenham. The safe money however is on England! The Sunday match this weekend is Scotland against Ireland, a match which is likely to be high scoring and open, with Scotland on a high, and Ireland wishing to re-establish their standing in the Championship. Momentum, home advantage and consistency of selection are important factors and that suggests a home win for Scotland. Irrespective of the outcomes of any match this weekend, the 6 Nations Championship will not be decided until the last match, with only France as the team surprisingly out of the running. Yet France has the capability of turning the Championship around completely, and with 8 changes made to their team, they might just do that at Twickenham! So, if you cannot get to one of the matches this weekend, crack open a bottle of 10 year old Glen Grant, and enjoy another instalment of 6 Nations rugby!    By R.F.Cunningham, former Scottish Rugby Internationalist, is HR Adviser to Glen Grant Distillery in Speyside.

17
gennaio


Sei Nazioni – Ronan O’Gara ci sarà. L’ha deciso un giudice saggio ma con poco senso della…misura e del ridicolo. By Giorgio Sbrocco

L’avevamo scritto ieri. Oggi è arrivata la puntuale e scontata conferma: Ronan O’Gara ha pagato con una settimana di sospensione il calcione rifilato (lontano dall’azione) allo scozzese Cox nel corso di Edinburgo – Munster di HC. Salterà la sfida del VI turno di Coppa con il Racing Parigi. Un altro al posto del biondo mediano di apertura irlandese avrebbe pagato con (almeno) un mese di stop. In effetti la condanna formale inflitta dal giudice indipendente Jeff Blackett parla di quattro settimane. Ridotte a due per via del curriculum sportivo e in seguito a una dal momento che Cox (è vero) stava ostruendo la corsa di O’Gara. Tutto “giusto” e soprattutto tutto dovuto, per carità! Siamo (anche noi) uomini di mondo.  Ma sostenere come ha fatto la commissione chiamata a giudicare che “l’intenzione di O’Gara (una volta visionato il filmato!) non era quella di colpire l’avversario con un calcio” è una stupidaggine/baggianata che non fa onore all’estensore della sentenza, ai componenti della commissione e, a conti fatti, nemmeno al grande Ronan. Che come tutti speravamo, sarà così disponibile per (tutto) il prossimo Sei Nazioni. Perché uno come lui, anche se nelle vesti di riserva di Sexton, è sempre meglio averlo in squadra che fuori per squalifica.Giorgio Sbrocco

17
gennaio


Sei Nazioni – Cerimonia collettiva di consegna dei caps. All’Olimpico 400 Azzurri prima di Italia-Francia. By Giorgio Sbrocco

Il 3 febbraio allo stadio Olimpico di Roma, in occasione di Italia-Francia che aprirà il Sei Nazioni 2013, Azzurri di tutte le età, o figli e nipoti in rappresentanza dei giocatori della Nazionale non più in vita, parteciperanno alla prima cerimonia collettiva di consegna dei caps nella storia del rugby internazionale: circa 400 dei 627 giocatori che hanno rappresentato l’Italia tra il 20 maggio del 1929 ed il 24 novembre del 2012 hanno già dato la propria adesione preventiva e domenica riceveranno il cap, tradizionale segno distintivo destinato ai giocatori che abbiano rappresentato il proprio Paese a livello internazionale.“Il cap – ha dichiarato il presidente della Fir Alfredo Gavazzi – è uno dei simboli del mondo del rugby ed è per me motivo di grande orgoglio poter annoverare anche l’Italia tra i Paesi che celebrano questo rito. Abbiamo istituito di recente la consegna del cap, adesso vogliamo regalare un momento indimenticabile a tutti coloro che hanno avuto l’onore di vestire la maglia della nostra Nazionale, offrendo loro un riconoscimento ancor più importante della maglia stessa, un segno d’appartenenza alla ristretta elite di coloro che hanno giocato al più alto livello”. Giorgio Sbrocco

17
gennaio


Sei Nazioni – Gavazzi, Pagnozzi, Alemanno e Dondi alla presentazione del Torneo a Roma. By Giorgio Sbrocco

Oggi a Roma il presidente della Fir Alfredo Gavazzi, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione con il sindaco di Roma Gianni Alemanno, l’Ad di  Coni Servizi Raffaele Pagnozzi, il presidente onorario Fir Giancarlo Dondi, il responsabile territoriale di Cariparma Alfredo Di Liddo e Matteo Mammì di Sky Sport ha illustrato novità ed ambizioni, sul campo e fuori, a diciassette giorni dal calcio d’inizio dell’edizione 2013 del Torneo delle Sei Nazioni.“Non sono emozionato, ma sicuramente entusiasta di questo Torneo che sta per prendere il via. Abbiamo tre partite interne, l’ambizione sportiva di continuare sulla strada che la Nazionale ha intrapreso con i Cariparma Test Match di novembre con Tonga, All Blacks ed Australia, l’obiettivo di consolidare lo straordinario successo di pubblico del 2012 portando in un impianto straordinario come l’Olimpico una media di sessantamila spettatori a partita, un risultato importante in un momento di difficile congiuntura economica” ha dichiarato il presidente Gavazzi, ringraziando gli sponsor, il Sindaco di Roma, il CONI e tutte le istituzioni coinvolte.Raffaele Pagnozzi, ha sottolineato il valore della joint venture con Fir evidenziando come i tre incontri interni porteranno “ad un incremento del fatturato del 35% circa rispetto al 2012, con l’Olimpico che si conferma la nuova casa del rugby. Il Villaggio Terzo Tempo continuerà a rappresentare un aspetto rilevante nper il pubblico e, come già a novembre, l’area riservata ai tifosi si snoderà lungo l’intero Parco del Foro Italico con quattro aree comprese tra Viale delle Olimpiadi e lo Stadio dei Marmi che contribuiranno a rendere unica l’esperienza per i tifosi”.“Il rugby ha messo salde radici all’Olimpico – ha detto il sindaco Gianni Alemanno – portando nella nostra città e nel suo impianto più importante un tifo bello e sano. Quello tra Roma e la palla ovale è un connubio vincente – ha detto il primo cittadino della Capitale – non solo per il 6 Nazioni, ma per l’aumento della pratica di questa disciplina nel nostro territorio. Il rugby offre un messaggio forte e positivo, che spero possa trovare sempre maggiore diffusione tra le nuove generazioni”.Per Giancarlo Dondi, Presidente Onorario della FIR, sarà il primo Torneo in cui “potrò godermi semplicemente le partite. Con questa Nazionale ho vissuto molte sfide e sono certo che il gruppo di Brunel darà al Presidente Gavazzi ed a tutti gli appassionati molte soddisfazioni” mentre Alfredo Di Liddo ha espresso “soddisfazione per una partnership in cui ci riconosciamo a livello valoriale e che ci vede da ormai sei anni e sette edizioni del Torneo sulla maglia della Nazionale” e Matteo Mammì ha ricordato come il rugby “sia per Sky un asset importante”, confermando le dirette per l’edizione 2013. Giorgio Sbrocco

17
gennaio


Sei Nazioni: Irlanda con i cerotti ma con Healsip capitano davvero coraggioso. By Giorgio Sbrocco

Irlanda (39 i convocati) con sei uncapped e qualche assenza di troppo (Tommy Bowe, Stephen Ferris, Luke Marshall, John Muldoon, Paul O'Connell e Dan Tuohy) in vista di un Sei Nazioni che si annuncia con più ombre che luci. Il tutto in attesa di conoscere la sorte (giudiziaria) di O’Gara oggi a processo per il calcione a Cox in HC. I sei debuttanti sono: Lewis Stevenson, Robbie Henshaw, Paddy Jackson, Paul Marshall, Dave McSharry e Ian Madigan. Capitano l’immenso (non solo fisicamente) Jamie Heaslip.IRLANDA Avanti: Michael Bent, Rory Best, Tom Court, Sean Cronin, Declan Fitzpatrick, Cian Healy, Jamie Heaslip (c), Iain Henderson, Chris Henry, David Kilcoyne, Mike McCarthy, Sean O'Brien, Donncha O'Callaghan, Peter O'Mahony, Mike Ross, Donnacha Ryan, Lewis Stevenson, Richardt Strauss, Devin TonerLinea arretrata: Isaac Boss, Darren Cave, Gordon D'Arcy, Keith Earls, Luke Fitzgerald, Craig Gilroy, Robbie Henshaw, Paddy Jackson, Rob Kearney, Ian Madigan, Paul Marshall, Dave McSharry, Conor Murray, Fergus McFadden, Brian O'Driscoll, Ronan O'Gara, Eoin Reddan, Jonathan Sexton, Andrew Trimble, Simon ZeboGiorgio Sbrocco

16
gennaio


Sei Nazioni - Domani conferenza stampa istituzionale a Roma

Domani alle ore 12.00, presso la Sala della Protomoteca del Palazzo del Campidoglio in Roma, è in programma la conferenza stampa di presentazione istituzionale dell’RBS 6 Nazioni 2013. Intervengono il Presidente della Fir Alfredo Gavazzi, il Sindaco di Roma On. Gianni Alemanno, l'Amministratore Delegato di CONI Servizi Raffaele Pagnozzi.

Rugby Ball