25
maggio


Italia League Eccellenza – Casellato raggiante. Frati deluso. By Giorgio Sbrocco

Umberto Casellato, dopo la finale scudetto vinta al Chersoni sui Cavalieri Prato. “Non potevo sognare epilogo migliore per questa avventura, siamo felici, abbiamo ottenuto una grande vittoria contro un grande avversario. Prato era l’avversario più ostico che avremmo potuto trovare lungo la strada, siamo riusciti a superarlo con merito. Avevo chiesto alla squadra un gioco diverso, molto più gioco al piede viste le condizioni meteo. Hanno scelto di fare di testa loro, e va benissimo così” . Poi riconosce: “ Aver perso Majstorovic ha penalizzato molto le loro soluzioni offensive, ma siamo stati bravi a tenere in ogni situazione di gioco, a non perdere la testa nel finale quando eravamo sotto pressione e in inferiorità numerica. E’ una gioia immensa”.Secondo Filippo Frati, allenatore della formazione sconfitta: “La perdita di Majstorovic nei primi minuti di gioco è stata decisiva, abbiamo perso molte opzioni e McCann da solo ha fatto quel che ha potuto in mezzo al campo. Pieno merito al Mogliano, ha portato a casa questa finale e questo scudetto giocando al meglio. E’ una vittoria meritata, non voglio dire altro se non che per me ed Andrea De Rossi è una grande delusione lasciare questa squadra e questo gruppo con una sconfitta in finale. La squadra è rimasta unita sino alla fine, ha superato molte difficoltà, avremmo voluto lasciare un discorso diverso. Grazie alla squadra e ai tifosi che ci sono sempre stati vicini ed oggi hanno sostenuto” . Nessun accenno alla decisione del TMO Damasco che non ha concesso a Prato la meta all’80’ che avrebbe potuto ribaltare l’esito della sfida tricolore.Giorgio Sbrocco

25
maggio


Rugby Donne - Riviera campione d'Italia. By Giorgio Sbrocco

Imponendosi nella finale disputata a Favaro Veneto sulla Benetton Treviso il XV del Sitam Riviera del Brenta si è confermato campione d'Italia Riviera del Brenta - Benetton Tv 23 - 7 Sitam Riviera del Brenta: 15. Raffela Plunger; 14. Martina Silvestri, 13. Deborah Ballarini, 12. Marta Ferrari, 11. Cristina Molic; 10. Veronica Schiavon (cap.), 9. Valentina Schiavon; 8. Alice Trevisan, 7. Maria Chiara Nespoli, 6. Lucia Gai; 5. Alessia Pantarotto, 4. Eleonora Vaghi; 3. Chiara Danieli, 2. Elisa Vigato,  1. Anita Nespoli. A disposizione: Giulia Raneri Chiuso, Alessandra Colangelo, Lidia Fanfoni.  All. Faggin. Benetton Treviso: 15. Manuela Furlan; 14. Michela Tondinelli; 13. Virginia Pinarello, 12. Federica Renosto (76 Giorgia Pegorer), 11. Gaia Costa; 10. Jessica Busato, 9. Emma De Nicolao; 8. Giovanna Bado (cap.), 7. Flavia Severin, 6. Chiara Menuzzo; 5. Francesca Agnoletti, 4. Caterina Bacci; 3. Nicoletta Tosello ( 41 Sara MAGINI), 2. Licia Stefan, 1. Irene InnocenteA disposizione:  Ludovica Manfrè, Eleonora Banzato, Monica Bortoletto, Anna Barro, Zanello. All. Perin Marcatori:  3 cp Schiavon Veronica;  8 Mt Molic tr Schiavon Veronica;  17 Mt Severin tr Tondinelli;  23 cp Schiavon Veronica;  39 cp Schiavon Veronica;  II° Tempo:  80 Mt Trevisan tr Schiavon Veronica. Arbitro: Barbara Guastini (Prato)Gdl: Sgardiolo (Rovigo) e Masetti (Roma) Quarto Uomo: Righini (Prato) Giorgio Sbrocco

25
maggio


Italian League Eccellenza – Mogliano campione. Decide il TMO. By Giorgio Sbrocco

PRATO – MOGLIANO  11 – 16 (pt 5 – 8)Marcatori: 2’ mnt Onori, 6’ mnt Nifo, 30’ cp Fadalti, 43’ mnt Onori, 46’, 55’ cp Ragusi, 60’ cp Nathan, 80’  Arbitro: VivariniGialli: 60’ Ruffolo (P), 69’ Caccato (M), 79’ Maso (M) *Steyn ritorna un (pessimo) calcio di liberazione di Ngawin (43’) e innesca un lungo ed efficace possesso di Mogliano che si conclude con la meta di Onori dopo un perfetto buco di Swanepoel, abile a raccogliere al volo una pennellata di Lucchese*Reazione di Prato che cerca fortuna al largo e sull’asse con Roan e Ruffolo. Fallo di Mogliano e Ragusi prova a ridurre le distanze (46’) e ci riesce. Prato a - 5 Nathan libera sotto pressione (52’) e Prato contrattacca ma viene colto in fallo di tenuto*Ragusi centra i pali al 55’ e porta i suoi a una segnatura dal titoloPlaccaggio in ritardo di Ruffolo su Rodriguez e Fadalti tenta la fortuna da quasi 50 metri. Ma sbaglia nettamente.*Fadalti (60’) calcia a seguire ma viene caricato senza palla da Ruffolo (spalla) che guadagna il primo giallo di giornata. Calcio sul punto per Mogliano. Ci prova Nathan e allunga. Mogliano a + 5In avanti di Saccardo su calcio d’invio, Ragusi vola verso la meta ma è mischia per Mogliano (63’)Ceccato placca Ragusi (64’) lanciato da un perfetto contrattacco di Ngawini e ferma l’avanzata di PratoPrato (ANCORA!) falloso in attacco (65’). Stavolta è Saccardo colpevole di affossamento .Stupidata colossale di Prato (68’): calcio di punizione a favore sparato da Ragusi oltre la linea di pallone morto.Cravatta di Ceccato ai danni di Vezzosi. Giallo al centro di Mogliano (69’) quando rientra in campo Ruffolo.Drive di Prato fermato fallosamente da Swanepoel (71’). Mischia ordinata sui cinque.Prato ha l’occasione per la meta che vale lo scudetto.Ha ripreso a piovere. Diluvio sul ChersoniPrima mischia: reset.  Alla seconda Vivarini vede Garfagnoli in fallo (jQuery15205000958927935213_1369500101073). Mogliano allontana la minaccia.Mogliano prova a controllare il possesso. Prato non può commettere fallo.Palla ingiocabile (73’) e mischia Mogliano.Parte il drive di Prato da rimessa vinta a due mani dentro i 22 di Mogliano.  Calcio a favore (78’)Ancora rimessa laterale. Cavalieri a due mani. Sacking illegale di Maso (appena entrato) e giallo.Ancora Cavalieri ma il drive non si muove. Pick and go PratoRoan sembra schiacciare (79’) ma Vivarini concede mischia per palla ingiocabile.Mischia a cinque introduzione Prato: difficoltà nella formazione. Galon flanker .Crollo di Mogliano e calcio contro. Altra mischia.Meta tecnica nell’aria!Parte Saccardo, poi Cavalieri, poi Garfagnoli, ancora Roan che alla terza volta schiaccia in mezzo ai paliVivarini non concede (perché?)Parola al TMO!!Minuti di terrificante tensioneCarlo Damasco NON concede la meta e MOGLIANO E’ CAMPIONE D’ITALIAMigliori in campo: Nathan, Steyn e Lucchese per Mogliano; Ruffolo, Ngawini, Siale, SaccardoGiorgio Sbrocco

22
maggio


Rugby femminile – Barbara Guastini dirigerà la finale scudetto a Favaro Veneto. By Giorgio Sbrocco

Barbara Guastini di Prato dirigerà sabato a Favaro Veneto la finale  fra Benetton e Riviera del Brenta che assegnerà lo scudetto 2013 del rugby femminile. Tutta al maschile la terna dei collaboratori:  giudici di linea Giorgio Sgardiolo e Marco Masetti, quarto uomo Maurizio Righini.SERIE A FEMMINILE – FINALE SCUDETTO  – sabato ore17 Benetton Treviso - Sitam Riviera del Brentaarb. Guastini (Prato)Giorgio Sbrocco

Scudetto – Cammi Calvisano campione d’Italia

Cammi Calvisano  - Cavalieri Prato   16-14 (pt 10-3 )Marcatori: 17’ cp Bocchino, 21’ m Hehea tr. Griffen, 37’, 43’, 46’ cp Griffen, 54’, 59’  cp Bocchino, 74’ mnt Leonardi Cammi Calvisano: Berne; Canavosio, Visentin, Castello, Appiani; Griffen (cap), Palazzani; Vunisa, Scanferla, Birchall; Hehea, Erasmus; Costanzo, Morelli, Lovotti a disposizione: Violi, Nicol, Maistri, Beccaris, Marcato, Smith, Bergamo, Gavazzi Cavalieri Prato: Berryman; Von Grumbkov, Majstorovic, Chiesa (cap), Ngawini; Bocchino, Patelli; Saccardo, Leonardi E., Petillo; Nifo, Boscolo; Stefani, Lupetti, Borsi a disposizione: Giovanchelli, Garfagnoli, De Gregori, Bernini, Belardo, Frati M., Tempestini, Murgier Arbitro: Mitrea (Treviso)Tmo: Dordolo M. (Udine)Note: 47’ giallo a Majstorovich, 54’ Vunisa. Mn of the Match: Vunisa Calvisano –Lo scudetto del rugby torna a Calvisano, dove era stato l’ultima volta nel 2008, prima dell’autoretrocessione e dei due anni trascorsi nelle serie inferiori. Ci torna, e con pieno merito, al termine di una partita che si è infiammata negli ultimi 10’ ed è tornata in equilibrio grazie alla bella reazione di Prato che si è concretizzata (74’) con la meta di Leonardi. Ultimi minuti di grande tensione. Al 79’ Mitrea ordina il turnover da mischia a introduzione Cavalieri. Sulla ripetizione, a tempo quasi scaduto Prato commette fallo e capitano Griffen manda in rimessa laterale. Lancio corto e conquista sicura. Giovanchelli “fa il giro” e cade nel più classico dei fuori gioco. Fischio del direttore di gara e stavolta Griffen, a tempo scaduto, chiama Vunisa (migliore dei suoi) e gli concede l’onore di spedire il pallone in tribuna. È il segnale che la festa può cominciare. De Rossi mastica amaro a bordo campo ma, alla luce di quanto visto nelle due gare di finale, Prato non poteva puntare a molto di più che a una onorevole (onorevolissima) sconfitta. E a un secondo posto che, di sicuro, non ripaga dirigenza, staff e atleti del grande lavoro svolto, ma fotografa perfettamente il diverso peso specifico delle squadre in campo. Più quadrato e di sostanza Calvisano, solo a sprazzi concreto ed efficace Prato. Il rugby non è una scienza esatta ma il più forte, alla fine, vince (quasi) sempre. Così è accaduto nell’anno del ritorno dei bresciani in Eccellenza. La cronacaI primi 10’ sono tutti di Prato, che occupa stabilmente la metà campo bresciana senza però raccogliere punti. Calvisano mostra qualche problema in rimessa laterale (lancio storto e la prima rubata di una lunga serie), Prato ha una prima linea che non convince. Al 10’ Mitrea penalizza (?) Costanzo per un ingresso fuori asse. Bocchino cerca i pali ma non è Wakarua e l’occasione sfuma. Un bel buco esterno di Berne al 14’ innesca la prima vera azione d’attacco del Calvisano, che Erasmus vanifica (dopo 5 ottime fasi) con un in avanti. Lo stesso Erasmus (17’) sale troppo velocemente ai lati di una ruck e Bocchino  stavolta no sbaglia per il primo vantaggio di giornata. La meta dei gialloneri arriva al 21’, la firma Hehea sulla bandierina benservito da Vunisa al termine di un’azione nata da una palla persa da Nifo. Griffen si supera dall’angolo ed è 7-3. Comincia a piovere. La partita gira e Calvisano sale nonostante una rimessa laterale inguardabile. Al 31’ Bocchino colpisce il palo e al 36’ solo l’arbitro vede un in avanti di Castello su pallone vgante dentro i 22 di Prato. Dalla successiva mischia per i toscani arriva però la punizione che Griffen manda fra i pali per il 10-3 del riposo. L’avvio di ripresa (con Prato in campo con una prima linea tutta nuova) è tutto giallonero. Griffen centra due volte i pali (43’ e 46’) su falli di De Gregorio e Majstorovich (giallo nell’occasione) e scrive sul tabellone un 16-3 che pare l’anticamera della resa per i toscani e il segnale dell’imminente trionfo dei padroni di casa. In superiorità numerica Calvisano domina le operazioni e al 51’, con Canavosio, manda in area di meta un chip che chiede sol odi essere schiacciato. Ma sull’ala giallonera che sprinta verso la palla interviene Chiesa che platealmente lo carica senza palla e gli impedisce di segnare. Mitrea vede tutto ma non ha il coraggio di assegnare la meta tecnica. E nemmeno quello di ordinare i 22. Passa perciò la patata bollente al collega Tmo Dordolo, ponendogli una domanda ai limiti della follia: “dimmi se senza il fallo di Chiesa il giocatore di Calvisano avrebbe segnato”. Dordolo accusa il colpo, non se la sente di decretare (di fatto) la fine della partita, e perciò decide di negare l’evidenza e di assolvere Prato. L’arbitro rincara la dose due minuti dopo espellendo (giallo) Vunisa per placcaggio “non chiuso” all’altezza dei malleoli. Bocchino ringrazia ed è 16-6. Al 56’ Griffen manca l’unico calcio di giornata. De Rossi manda in campo la panchina e ordina l’assalto all’arma bianca che al 59’ frutta altri tre punti dell’apertura azzurra (non buona la sua prova) per il – 7 che riapre i giochi. Poi la meta di Leonardi e Prato che ci crede. Griffen che sbaglia il calcio d’invio, il miracolo di Vunisa che recupera con Erasmus che rovina tutto. Poi il turnover finale e Calvisano sale in paradiso. Con pieno merito.Giorgio Sbrocco

12
maggio


Scudetto – Prato-Calvisano: finale inedita che si annuncia molto equilibrata. Il pack dei bresciani contro le frecce della linea arretrata toscana.By Giorgio Sbrocco

Nei Cavalieri non ci sarà Nifo (De Rossi e Frati hanno deciso di non forzare il suo recupero in attesa di gara 2) ma il cecchino Wakarua sarà regolarmente in campo, nonostante il reclamo pendente di Mogliano, domani  nella prima finale scudetto in programma alle16.30 (diretta su Raisport, dirige il napoletano internazionale Damasco) allo stadio  Chersoni di Iolo fra Cavalieri e il Cammi Calvisano vincitore della regular season. Sarà una finale senza squadre venete (, Rovigo e Mogliano eliminate in semifinale) come non accadeva dal 2002, con in campo una neopromossa e con una formazione  toscana a correre, per la prima volta nella storia del rugby italiano, per la conquista del titolo tricolore. Il pronostico appare oggettivamente impossibile e la partita che si annuncia in assoluto e sostanziale equilibrio. Calvisano potrà far pesare la miglior organizzazione nelle fasi di conquista e l’efficacia del gioco dei propri avanti nelle zone di impatto. Prato è invece accreditato di una maggior varietà di soluzioni offensive soprattutto grazie a una linea arretrata (su tutti: Ngwaini e Barrymann) con giocatori capaci di incidere pesantemente sulle sorti della sfida. Ruolo di assoluto primo piano sarà quello relativo alla disciplina. Con due calciatori del calibro di Wakarua e Griffen, ogni calcio piazzato entro 50 metri dai pali diventa equivalente a tre punti sul tabellone. Importanti anche le condizioni meteo. Un terreno asciutto potrebbe diventare l’ arma in più dei padroni di casa, mentre un fondo pesante e un pallone difficile da controllare potrebbero favorire il gioco raggruppato avanzante che Calvisano ha da sempre in repertorio e che sa eseguire in maniera alquanto efficace. “Per noi questa finale è un già un grande risultato” ha dichiarato il tecnico dei gialloneri Andrea Cavinato. “Raggiungere la finale scudetto da neopromossi significa possedere qualità tecniche e caratteriali di tutto rispetto. Essere a un passo dal titolo nonostante i tanti infortuni e qualche passo falso non previsto, depone a favore della solidità del gruppo e dell’affidabilità dei singoli”. Quanto alla ricetta per vincere la finale: “Commettere almeno un errore meno dell’avversario e segnare un punto più di lui”. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo

Rugby Ball