22
giugno


Scozia in tour – Ad Apia contro Samoa per il 3 su 3 e per il nono posto nel ranking Irb. By Giorgio Sbrocco

C’è in gioco il nono posto nel ranking internazionale dell’Irb domani d Apia (2.30 am ora italiana) fra Scozia e Samoa, nella sfida che conclude il (finora trionfale tour) degli uomini di Andy Robinsob in Australia e Sud Pacifico. Reduci dai successi sui  Wallabies a Newcastle (9-6) e sulle Fiji a Lautoka (37- 25), gli scozzesi puntano a tornare a casa imbattuti e a scalare la nona piazza della classifica mondiale. Al momento la Scozia occupa la posizione numero 10 (76.56 punti), dietro Samoa (77.64). Per il complicato sistema di calcolo che determina le posizioni in graduatoria, la Scozia può puntare al soprasso. Mentre in caso di successo degli isolani, il distacco dovrebbe rimanere praticamente immutato. Per la sfida dell’Apia Park, il tecnico della formazione europea parte con Hogg estremo e la coppia Lamont-Visser (due mete all’esordio nella per il ventenne di origini olandesi nella sua prima uscita da eleggibile) alle ali. Mediana di sicuro affidamento con Cusiter numero 9 e il cecchino Laidlaw all’apertura. Samoa, allenata dal 2009 da Stephen Betham, è reduce dal successo in Pacific cup (davanti a Tonga, Fiji e Giappone) e parete con (leggeri) favori del pronostico. Arbitra il sudafricano Jaco Peyper. Giorgio Sbrocco

17
giugno


Mondiale under 20 – L’Italia sfida la Scozia per la salvezza anticipata e per vendicare Calvisano. By Giorgio Sbrocco

Conclusa la fase di qualificazione con un bilancio di tre sconfitte e zero vittorie, l’Italia under 20 di Craig Green prova domani a conquistarsi la permanenza nell’elite del rugby giovanile  juniores sfidando la Scozia a Città del Capo.  Con differita Raisport alle 19 di lunedì. Calcio d’inizio alle 12.30. Il match sarà (anche) l’occasione per tentare di vendicare la rocambolesca sconfitta del 16 marzo a Calvisano nel torneo delle Sei Nazioni. In caso di sconfitta l’Italia sarà costretta a giocarsi il tutto per tuttocontro la perdente di Fioji-Samoa. Persi Campagnaro per infortunio e Sarto per squalifica, Green parte con la coppia di centri Bettin-Bisegni e Tartaglia all’ala. Mediana Apperley-Calabrese e al centro della terza linea il petrarchino Conforti. La Scozia ha chiuso la fase di qualificazione all’ultimo posto del girone C (2 punti)vinto dall’Argentina. Ha perso nettamente con l’Australia (67-12) e di misura con Francia (30-29) e Argentina (17-12). Giorgio Sbrocco ITALIA UNDER 2015 David ODIETE (Rugby Reggio)*14 Alex MORSELLINO (Petrarca Padova)*13 Giulio BISEGNI (Mantovani Lazio)12 Andrea BETTIN (Rubano Rugby)*11 Alessandro TARTAGLIA (Mantovani Lazio)*10 John APPERLEY (Rugby Reggio)9 Guido CALABRESE (San Gregorio Catania)*8 Federico CONFORTI (Petrarca Padova)*7 Jacopo SALVETTI (Sertori Sondrio)*6 Guglielmo ZANINI (M-Three San Donà)*5 Alfio MAMMANA (L’Aquila Rugby)*4 Matteo FERRO (Femi-CZ Vea Rovigo)3 Pietro CECCARELLI (Stade Rochelais)2 Giovanni MAISTRI (Cammi Calvisano)* - capitano1 Sami DRISSI-PANICO (UR Capitolina)*in panchina:16 Giovanni SCALVI (Rugby Reggio)17 Luca SCARSINI (Udine Rugby)*18 Luca CONTI (Udine Rugby)*19 Alessio ZDRILICH (Ospitaletto Rugby)*20 Vittorio MARAZZI (Sertorio Sondrio)*21 Marcello VIOLI (Rugby Noceto)22 Edoardo PADOVANI (Marchiol Mogliano)*23 Giovanni BENVENUTI (Marchiol Mogliano)**Accademia federale di Tirrenia

17
giugno


Scozia in tour – Battute le isole Fiji. Tim Visser: due mete al debutto. By Giorgio Sbrocco

Franco successo (37-25) della Scozia di coach Robinson al Churchill Park di Lautoka contro le Isole Fiji. Per la Nazionale di capitan Ross Ford è la seconda vittoria nel tour sotto l’equatore dopo l'impresa di Newcastle contro l'Australia. Partita di buoni contenuti tecnici e grande gioco sugli spazi alalrgati. Occhi puntati su Tim Visser, l’olandese volante al suo debutto in un test match con la Nazionale maggiore. Per lui due mete e un futuro nel rugby di alto livello assicurato. Scozia in meta quattro volte (una di penalizzazione) e isolani tre. Dal piede di Laidlow e Raululu il resto del ricco score. Giorgio Sbrocco FIJI - SCOZIA 25-37Marcatori: 5' cp. Ralulu, 7' cp. Ralulu, 16' m. Laidlaw tr. Laidlaw, 21' m.t. Scozia tr. Laidlaw, 24' m. Domolailai, 32' cp. Laidaw, 36' m.Visser tr. Laidlaw, 46' cp. Laidlaw, 48' m. Nayacalevu tr. Ralulu, 64' m. Talebula tr. Ralulu, 72' m. Visser tr. LaidlawArbitro: Jaco Peyper (Sud Africa)

06
giugno


Scotland send the Wallabies into disbelief for the second time in three years. By Mark Ella

When Matt Giteau missed a last minute conversion three years ago at Murryfield to give Scotland an unexpected victory over the Wallabies 9-8, the result caused ramifications in Australian rugby and the back door for Giteau. Last year leading up to the RWC Wallabies coach Robbie Deans picked a young side to tackle an unknown Samoan side in Sydney for their first outing for the season and again Deans was embarrassed when the brave Samoans defeated the Wallabies without too much trouble. And again in 2012 Deans had to face the humiliation of watching the Wallabies lose their first of 15 Tests in 2012 to a young and hugely committed Scottish side who failed to win one of their Six Nations internationals last season. After last years failures Deans is now under more pressure than ever and no matter what excuses he serves up to the Australian media the fans will be baying for his blood. Scotland are currently ranked twelfth on the IRB ranking and the fanciful Wallabies second but reputations mean nothing if teams like Australia cannot deliver results with any consistency. The Wallabies can cry as much as they like about the lack of time to assemble their team because of Super Rugby and that the match was played in almost cyclonic conditions but what they fail to realize it that the brave Scots are in the same position resting some of their seasoned players in order to give the youngsters a go. In the first half playing into a gale with rain constantly in their faces they Wallabies stupidly elected to put up the high ball only to watch it sail back over their heads which makes one wonder if they had any brains at all. After a brief period when the Wallabies dominated early possession the Scots used the wind to their advantage and spent most of the first half in Australian territory and they were rewarded with two first half penalties to No.10 Creig Laidlaw. As you would expect in such trying conditions both sides played the game close to their forwards and this was a match where the three-quarters just made up the numbers with relentless pick and drives from the pigs. Trailing 6-3 going into the second the Wallabies running with the wind at their backs quickly drew level when Mike Harris kicked his second penalty for the day to even the score 6-6 after 42 minutes. One would have thought that the Wallabies would have started to take control of the match  and again it was nine man rugby from the Wallabies with half back Will Genia looking for his forwards to punch it down the middle. There were plenty of opportunities for Genia to send his pass wider to his possession starved backs but no he elected to play wet rugby to the hilt to the extent that most of the Wallabies backs joined the pick and drive machine if only to keep warm but unfortunately to no avail. In the second half the only time Scotland crossed the half way and into Australian territory was with five minutes of play left in the game with the score locked at six all. The Scots maintained control of the slippery football gradually working their way to within striking distance and their efforts were rewarded when referee Jacob Peyper awarded a penalty to Scotland after the Wallabies scrum collapsed. Laidlaw kicked the winning goal in extra time to give Scotland a deserving victory in Newcastle 9-6 to send shivers through out Australian rugby for the third time in as many years. For Australian rugby supporters it was a wet and miserable evening with most supporters getting hypothermia watching the Wallabies make a mess of it all over again. It will be interesting to see what Deans does before the weekend when the Wallabies face Wales, the Six Nations champions in Brisbane because another loss will quickly set the anti Deans faction into over drive. It was a disappointing effort from the Wallabies and it would be a waste of time to offer any excuses for their insipid performance. But Scotland should be proud of defeating Australia at home and away which will give them confidence when they travel to Fiji and Samoa later this week. Rugby is a funny game if you have a sense of humour but in Australia we haven't had much to laugh about for years now and we are beginning to become very depressed and unsettled about our rugby which in my opinion continues to struggle.  Mark Ella

05
giugno


Tour 2012 – Impresa della Scozia in Australia. Vince 9-6 nell’inferno di Newcastle dopo trent’anni di attesa. By Giorgio Sbrocco

Storica vittoria della Scozia (l’ultima in risaliva al 1982) nel match di apertura dei tour estivi delle Nazionali dell’emisfero nord sotto l’equatore. Nel vento e sotto la pioggia battente di Newcastle (NSW, 120 km a nord di Sydney) la formazione di capitan Ross Ford ha battuto 9-6 (pt 6-3) l’Australia al termine di una gara pesantemente condizionata dal meteo ma nel corso della quale è emerso in tutta il suo splendore il livello di affidabilità dell’organizzazione difensiva della formazione europea. Capace, con una lucidità che ha messo più volte in difficoltà i padroni di casa, di difendere ordinatamente (e contro vento)  la propria area dei 22 per 38’ del secondo tempo, concedendo solo un calcio (42’) che Barnes ha trasformato per il provvisorio 6-6. Nel corso di quella che passerà alla storia del rugby mondiale come una vera e propria lezione di organizzazione difensiva (Australia tre volte costretta al tenuto!) e di distribuzione degli uomini nello spazio (oltre che di placcaggio), la Scozia ha esibito grande consistenza sui punti d’incontro e una perfetta salita collettiva sul fronte allargato. Poco, davanti a tante perfezione, ha potuto l’attacco Wallabies, in parte limitato dalla pioggia e dalle condizioni non ottimali del terreno di gioco. Superata (calcio troppo lungo direttamente oltre la linea di pallone morto) la metà campo a due minuti dalla fine, la Scozia ha saputo mantenere il possesso fino al 79’54”. Sulla mischia all’altezza dei 22 a introduzione scozzese concessa sulla sirena, l’arbitro sudafricano Jaco Peyper ha, dapprima concesso (un dubbio) reset, per poi sanzionare la perdita di assetto del pilone sinistro Slipper con una punizione che Laidlow (3/4 per lui alla fine) ha mandato fra i pali al minuto 84 fra il giustificato tripudio dei suoi. Per l’Australia tutti i punti dal piede del centro Harris che al 74’ ha mancato il calci del sorpasso. Prossime avversarie della Scozia saranno Fiji (16 giugno) e Samoa (23). Giorgio Sbrocco

18
marzo


6 NAZIONI FEMMINILE: l’Italia supera nettamente la Scozia e chiude con una vittoria. By Giorgio Sbrocco

Italia – Scozia 29-12 (pt 17-0)Marcatori: 8’ mnt Furlan, 22’ mnt Gaudino, 38’ m. Chindamo tr. Schiavon, 44’ m. Castellarin tr. Schiavon, 55’ m. Harrys tr. Ritchie, 62’ mnt Gibson, 68’ mnt Gai Davanti a un pubblico colorato e festante che ha letteralmente invaso le gradinate dello stadio Pagani di Rovato, l’Italia femminile del ct Di Giandomenico conclude con una meritata vittoria un Sei Nazioni fin qui avaro di soddisfazioni e discretamente tribolato. E replica, a sole 24 ore di distanza il trionfo azzurro di Parisse e compagni nel sole accecante dell’Olimpico festante e commosso. Nella giornata conclusiva e decisiva del Torneo (in palio un altro, e molto meno ufficiale, Cucchiaio di legno in rosa), costrette a scendere in campo contro la Scozia in formazione molto rimaneggiata, praticamente senza la linea arretrata titolare (indisponibili: Zangirolamni, Veronese, Ciofi e Tondilelli) le ragazze azzurre hanno tirato fuori dal cilindro la partita perfetta che in pochi, alla vigilia, avevano pronosticato. Per tuttto il primo tempo in campo c’è stata uina sola squadra: l’Italia. Capace di esercitare un dominio totale nelle fasi statiche (mischia ordinata travolgente) e manifestare un’evidente superiorità tecnica nelle azioni manovrate (ottimo il livello esecutivo). Il tutto condito e arricchito dalla grande dedizione e consistenza difensiva. Semplice la ricetta in attacco: idee molto chiare quanto a gestione dei possessi e modalità di risalita del campo senza inutili orpelli formali, strettamente ancorate ai principi. In una parola: efficaci. Con queste armi l’Italia ha saputo battere la difesa scozzese tre volte nel primo tempo. Nell’ordine con il centro Furlan e con le due monzesi: il numero 8 Gaudino (capitano di giornata) e il mediano di mischia Chindamo, brave a finalizzare   costruzioni di gioco lineari ed efficaci dentro i 22 scozzesi. In avvio di secondo tempo la meta dell’ala Castellarin allunga il distacco. Ma la Scozia non molla, nonostante i pochi palloni a disposizione, e riesce per due volte, a cavallo fra il terzo e l’ultimo quarto a varcare la linea bianca con Harrys e Gibson, per un provvisorio 24-12 che minaccia di riaprire la partita. Ma l’Italia non ci sta e al 68’ è il pilone destro Gai a marcare i punti della sicurezza e a mettere la parola fine alla sfida. “Gruppo fantastico e momenti di grande rugby” è il commento della manager Cristina Tonna. “Nel giorno della partita decisiva del Torneo, con alcune pedine di grande esperienza fuori per infortunio, si è visto il carattere e la qualità di queste ragazze. Che meritano tutte il massimo dei voti e l’abbraccio di questo meraviglioso e competente pubblico bresciano”. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

17
marzo


Tags
,

6 NAZIONI: festa grande all'Olimpico. Il Cucchiaio parte per la Scozia. Decide un drop di Burton. By Giorgio Sbrocco

Italia – Scozia  13-6 (pt 3-3)Marcatori: 10’ cp Bergamasco, 36’ Laidlaw, 44’ m. Venditti tr. Burton, 60’ cp Laidlaw, 77’ drop Burton Roma - Il Cucchiaio del disonore prende la strada di Edimburgo, sospinto dal calore dei 72 mila dell’Olimpico e dalla superiorità di una Nazionale italiana che, nell’occasione, ha riproposto molti dei suoi “antichi” mali, trovando però, per sua fortuna, a contrastarla una Scozia davvero povera di idee e di soluzioni. Così va il mondo. Anche quello ovale. Una squadra, quella del ct Gatland, capace di oltre 800 passaggi e sole quattro mete segnate nei quattro turni che hanno preceduto la sconfitta romana, difficilmente, secondo logica, avrebbe potuto non perdere nella giornata in cui il pallone lo hanno sempre avuto gli avversari. Ma la capacità di utilizzare al meglio tanto ben di Dio non era e non è nelle corde dell’Italia. Si sono così dovuti aspettare il minuto 77’ e il drop di Burton per scacciare (definitivamente) lo spettro di un possibile mortale sorpasso. E per dare libero sfogo a una gioia per troppo tempo repressa che oggi premia, se non il valore assoluto di una squadra che poco ha brillato quanto a qualità di gioco espresso ma che tanto ha dimostrato di sapere soffrire. Apparsa finalmente, anche nel piano di gioco attuato sul verde dello stadio romano, coerente con i mezzi e le risorse a sua disposizione. Che non erano e non sono elevatissimi ma che oggi sono stati sufficienti per battere una Scozia in versione “poca roba” e per riassaporare il gusto infinitamente dolce della vittoria. Il primo tempo (chiuso in pareggio e in superiorità numerica per il giallo a De Luca al 38’) è stata l’immagine purtroppo fedele delle (enormi) difficoltà dell’Italia nel “fare qualcosa di efficace con la palla in mano”. Antico e mai risolto problema di una squadra che non possiede individualità capaci di trasformare in avanzamenti mortiferi e produttivi, possessi e occupazione di territorio a volte davvero notevoli. Ad aggravare le cose, nei primi 40’, i due errori di Bergamasco dalla piazzola e il drop mancato di Burton. Per il resto: tanta buona volontà, schieramenti (molto) profondi per portare la palla lontano dalle zone di impatto (bene un paio di volte da destra a sinistra ma poi, quando si libera il giocatore più esterno sul filo della linea del vantaggio, occorrono spunti e picchi di velocità che, oggi, Masi, Bergamasco e Canale non possiedono) e grande prova di Barbieri e Zanni. Nelle fasi statiche, fatta la tara a un paio di “pasticci” per parte in fase di lancio e archiviato alla voce “errore di percorso” l’asfaltata rimediata dalla mischia azzurra in occasione  del pareggio della Scozia, restano la sostanziale superiorità dell’assetto azzurro in chiusa, la buona prova aerea di Bortolami, Zanni e Parisse, ma anche (30’) l’orrore di un drive avanzante sprecato (in avanti) per un banale ma a questi livelli gravissimo errore di comunicazione. In avvio di secondo tempo, in 15 contro 14, l’Italia trova la meta al minuto 44. La firma Venditti, che trova l’angolo giusto a ridosso della linea bianca per fiondarsi in mezzo ai pali eludendo l’intervento disperato dell’estremo Hoggs in colpevole anticipo di copertura. Burton trasforma e il tabellone disegna un 10-3 che profuma di trionfo. La fortuna aiuta gli Azzurri un minuto dopo, quando Laidlaw sbaglia il piazzato del possibile riavvicinamento (fallo di Castrogiovanni). Al 56’ Hamilton viene punito (pesantemente) da Rowland per un ingresso illegale (da conquista in rimessa laterale) in un raggruppamento, tanto evidente quanto inutile. Per l’Italia, per la seconda volta in superiorità numerica, potrebbe essere l’inizio di un finale travolgente. Ma al 60’ (diverso il fallo in rimessa laterale ma ugualmente stupido) Zanni si fa cacciare e Laidlaw centra i pali per il – 4 scozzese che riapre la partita. Panchine in campo (ovazione per Ongaro che lascia il palcoscenico internazionale dopo 80 test) . Al 62’ l’Italia spreca un altro drive avanzante e due minuti dopo Canale perde palla a contatto. Pessimi segnali. E infatti: al 60’ (professionale su punto di impatto dentro i nostri 22) Zanni si fa cacciare per 10’ e Laidlaw centra i pali per il – 4 scozzese che riapre la partita. L’ultimo quarto è caos allo stato puro e adrenalina a barili. Di rugby di quello buono se ne vede poco (in verità nulla) machisene…Botes entra per fare il mediano ma si fa subito male, al suo posto Toniolatti che terà la posizione fino alla fine. La Scozia (grazie) commette nefandezze inenarrabili in rimessa laterale, subisce due contro ruck nel giro di un paio di minuti, tenta disperatamente di far prendere aria al pallone ma non ottiene nulla. Fino a che, a 180” dal fischio finale, Burton prende il coraggio a due mani e spara fra i pali la palla del 13-6. Il tempo per pareggiare c’è. Anzi, ci sarebbe. Solo che la Scozia, questa Scozia, di pallottole da sparare non ne ha più. Finisce con gli Highlanders in fuori gioco da frustrazione. Calcio per l’Italia, palla in tribuna e che la festa cominci! Di dove andrà questa Nazionale e di cosa potrà fare nell’immediato futuro e in tempi anche più lunghi si comincerà a parlare domani. Meglio: lunedì. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

17
marzo


Tags
,

6 NAZIONI UNDER 20 – L’ Italia di Craig Green sconfitta dalla Scozia a Calvisano. In vantaggio 17-6 al 75’, cede, incassa due mete e perde 17-20. Squadra volenterosa ma di talento se ne vede poco.By Giorgio Sbrocco

Pareva fatta. E invece ha vinto la Scozia. Qualcuno tirerà in ballo la sfortuna. Ma il fato c’entra poco. L’Italia under 20 di Craig Green e Ciccio De Carli si scioglie come neve al sole a  Calvisano e chiude il Sei Nazioni con un bilancio (5 sconfitte) pesantemente in rosso che ne certifica l’oggettiva inconsistenza di squadra e l’estrema povertà quanto a talento individuale. A conferma del fatto che non sono le buon e ricette (progetto Accademie) o gli ottimi allenatori (quelli messi a disposizione di questi ragazzi dalla Fir, lo sono) da soli, a fare di un gruppo di mediocri una squadra vincente. E questa Italia juniores, che a giugno volerà in Sudafrica per  (provare a) guadagnarsi  la permanenza nell’élite mondiale della categoria, ha dato,  nella notte maledetta di Calvisano (San Michele tutto esaurito), l’esatta misura della propria inadeguatezza tecnica e della sconfortante pochezza di alcuni dei suoi elementi. Chiamati, in assenza di alternative (occorre dirlo), ad assumersi responsabilità nettamente al di sopra dei propri mezzi. Tecnici, atletici e, probabilmente, attitudinali. Ha vinto la Scozia, con una meta (trasformata) a tempo scaduto,  nata dall’incapacità di un nostro giocatore di spedire la palla in tribuna. Una Scozia che per  buona parte degli  80’ di gara ha sofferto come previsto nelle fasi statiche, ha amministrato un minor numero di possessi, ha perso la battaglia dell’occupazione territoriale e ha commesso un discreto numero di errori  esecutivi in giro per il campo. Una Scozia che però ha imposto sui punti d’incontro la legge del più forte e del più aggressivo, oltre che del più e meglio organizzato (controruck da manuale) e che ha schierato all’apertura un ragazzo di enorme talento che risponde al nome di Henry Leonard. Uno che a 18 anni ha firmato il primo contratto con Edimburgo, che gioca abitualmente in Pro12 e che, in campo, garantisce ai suoi compagni la giusta e necessaria quota di lucidità e rigore tattico, impreziosita da intuizioni e soluzioni che solo chi possiede talento è in grado di esibire. Quel talento di cui, nella nostra volenterosa e simpatica Nazionale under 20, a mala pena, e molto raramente si intravvedono labili tracce.  Chiuso il primo tempo avanti  8-6 (meta di Sarto al 7’ e poi duello di piede fra Leonard e Apperly), l’Italia in avvio di ripresa ha dato l’impressione di poter condurre in porto la partita mantenendo saldamente nelle proprie mani possessi, fonti di gioco e territorio, giungendo per almeno tre volte (due mischie ordinate a cinque metri e in un’occasione sugli esiti di un calcio rasoterra a seguire di Odiete su ottima difesa avanzante) a ridosso della linea di meta  ma raccogliendo solo tre calci di Apperley (4/4 per lui alla fine dalla piazzola, il solo saldo positivo di una prestazione complessiva ancora lontana dalla sufficienza). Avanti 17-6 a cinque minuti dal fischio finale l’Italia ha subito la pressione scozzese ed è capitolata due volte (il centro Bennet al 76’, Leonard allo scadere), consentendo alla Scozia di cogliere la prima e unica vittoria del Torneo. Nel rugby, anche stavolta, ha vinto il migliore. Purtroppo per noi!   Giorgio Sbrocco, giornlista sportivo Calvisano, Stadio “San Michele”  6 Nazioni U20, V giornata Italia - Scozia 17-20 Marcatori: p.t. 7’ m. Sarto (5-0); 32’ cp. Leonard (5-3); 35’ cp. Apperley (8-3); 36’ cp. Leonard (8-6); s.t. 14’ cp. Apperley (11-6); 20’ cp. Apperley (14-6); 35’ cp. Apperley (17-6); 36’ m. Bennett tr. Leonard (17-13); 42’ m. Leonard tr. Leonard (17-20) Italia: Odiete; Esposito, Bisegni (36’ st. Bettin), Campagnaro, Sarto; Apperley, Calabrese (30’ st. Padovani); Marazzi, Conforti, Salvetti (25’ st. Riccioli); Ferro, Zdrilich (5’ st. Mammana); Ceccarelli (34’ st. Brandolini), Maistri (cap), Drissi (14’ st. Scarsini) all. Green Scozia: Allan T.; Farndale, Bennett, Russell (39’ pt. Fergusson), Crawley (27’ st. Steven); Leonard (cap), Murray (8’ st. Torrance); Reid (8’ st. Swanson), Bordill, Eadie; Gray J., Sinclair (17’ st. Redmayne,); Allan A. (26’ st. Bhatti), Scott (23’ st. Turner), Hislop all. Wright arb. Davies (Galles) Note: San Michele di Calvisano esaurito, terreno in buone condizioni  

16
marzo


Contro la Scozia l'ultimo sforzo del 6 Nazioni 2012, by Sergio Parisse

Allenamento mattutino alla vigilia della partita di domani contro la Scozia che conclude il cammino dell'Italia nell’RBS 6 Nazioni 2012. Noi e i nostri avversari siamo in una situazione simile, abbiamo giocato buone partite e siamo andati vicini a risultati importanti, ma ci troviamo alla fine del 6 Nazioni a giocarci l’ultimo posto. Per noi è una gara ancor più importante perché sentiamo la pressione di giocare davanti al nostro pubblico e regalare loro una soddisfazione, ringraziare i nostri tifosi che ci sostengono sempre con tanto entusiasmo. Nessuno lo dice, ma la Scozia è una grande squadra che come noi avrebbe meritato quest’anno di battere l’Inghilterra e che nel corso del Torneo ha espresso un ottimo rugby. In ogni caso, per tutti noi, giocatori e staff, è importante vincere per continuare a lavorare con serenità come abbiamo fatto sinora. La settimana scorsa in Galles le touche non sono andate bene ma abbiamo lavorato molto per migliorare le rimesse laterali in fase offensiva, mentre credo che complessivamente abbiamo difeso piuttosto bene le rimesse laterali nelle prime quattro giornate. Di certo la nostra capacità di essere performanti più di quanto siamo stati sino ad oggi sui nostri possessi sarà una delle chiavi del match di domani.Siamo tutti convinti che il nuovo gioco portato da Brunel possa permetterci di marcare punti e di imporci sugli avversari. Contro il Galles purtroppo abbiamo perso palloni importanti finendo per difendere la maggior parte del tempo ed in Irlanda è arrivata una brutta sconfitta: quello che ancora ci manca è solo un poco di continuità. Infine un saluto: Fabio Ongaro si ritira dall’attività internazionale al termine della sfida agli highlanders. Fabio è un amico prima che un compagno di squadra, è bello che possa chiudere la sua carriera domani contro la Scozia in una cornice importante come quella dello Stadio Olimpico. Fabio ha dato moltissimo alla Nazionale, è un atleta che trasmette grande sicurezza e ha grande carisma. Sono sicuro che farà una grande in partita, tutti noi faremo un modo che possa finire nel migliore dei modi la sua avventura in Nazionale. Facebook Sergio Parisse "official page" Twitter @sergioparisse

15
marzo


Tags
,

6 Nazioni Under 20: contro la Scozia il ct Green conferma il XV sconfitto in Galles. By Giorgio Sbrocco

Stessi ragazzi in campo (un solo cambio in panchina con Bettin che rileva Morsellino) e solita voglia (finora purtroppo inappagata) di vincere, per l’Italia under 20 di Craig Green che domani a Calvisano (ore 19, diretta Raisport) affronta i pari età della Scozia nell’ultima giornata del Sei Nazioni di categoria. Dopo la sconfitta in trasferta con il Galles (30-23, con meta di intercetto del numero 8 dei Dragoni nel finale), l’Italia affida agli 80’ del San Michele le residue speranze di evitare di concludere l’edizione 2012 del Torneo dei tornei a zero punti. Obiettivo che appare oggettivamente alla portata di una squadra che, pur fra mille difficoltà e numerose carenze, qualcosa ha dimostrato di saper fare. Più in difesa e nelle fasi statiche che con la palla in mano, a dire il vero. Per un match nel quale si prevede che gli azzurrini siano chiamati ad amministrare un discreto volume di possessi, forse il mediano di apertura più adeguato era il parmense Farolini. Più dotato del titolare Apperley quanto a varietà delle soluzioni proposte e a uso tattico del gioco al piede. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Rugby Ball