18
dicembre


Samoa – Lima picchia la moglie. E i valori morali? By Giorgio Sbrocco

Della serie: è nato prima l’uovo o la gallina? La notizia: Brian Lima, leggenda vivente del rugby mondiale, orgoglio e vanto delle isole Samoa, da 3 anni nella Hall of Fame dell’Irb (!) ci è ricascato. Ha picchiato la moglie (ex), stavolta in pubblico. La notizia ha fatto il giro del mondo (ovale e non). Gli hanno ritirato il passaporto, alcuni compagni di squadra gli hanno caldamente consigliato di farsi curare. Da uno bravo, possibilmente. Una volta uscito di galera, osiamo sperare. Cosa c’entrano l’uovo e la gallina? Domanda: i valori morali, il rugby, te li trasmette se lo giochi e se lo frequenti o è meglio se te li porti da casa? La prima non è! Lima è stato un grande del rugby ed è uno che picchia le donne. Bastasse mettersi in mutande e passarsi un pallone ovale…Sarebbe sufficiente rendere obbligatoria la pratica del rugby e avremmo edificato un mondo migliore. Quasi perfetto. È Natale, un consiglio a tutti: piano con la fuffa. Basta un Brian Lima qualunque e il castello di carte crolla miseramente. E le macerie, anche se ovali, non sono mai un bel vedere. Giorgio Sbrocco

08
dicembre


Tags
,
,

IRB – Georgia: una potenza emergente. Le immagini del trionfo di Tiblisi. By Giorgio Sbrocco

Della vittoria della Georgia su Samoa del recente novembre ovale abbiamo già dato (interessata) notizia. Oggi segnaliamo il video realizzato dalla federazione rugby georgiana sull’evento. È reperibile su Youtube (http://youtu.be/-VO3HSjVADA), dura meno di 7’ ed è di una forza comunicativa esemplare. Quasi un monito al resto dell’Europa ovale. Una sorta di “ehi, ragazzi, attenti: ci siamo anche noi!). Poco ricercato tecnicamente, lineare nel montaggio e nella scelta delle immagini, ci consegna la faccia vera (e feroce) di un movimento in grande e costante crescita. Con un pubblico (forse) ancora da educare (i fischi all’haka dei samoani non sono da bon ton del rugby internazionale) ma numeroso e partecipe, una regia televisiva che mal interpreta (o non conosce) i gesti dell’arbitro (time off) e fa terminare la partita al 90’ e un terzo tempo very informal, con camicie a fiori e bambini sulle spalle ma nobilitato da una danza finale che vale l’intero evento. Ma sopra a tutto e a tutti c’è un capitano (Mamuka Gorgodze, 29 anni, gioca a Montpellier in Top14), è il sosia del compianto John Beluschi e perciò risulta immediatamente simpatico. Uno che in campo, però, fa paura davvero. Buona visione. Giorgio Sbrocco PS: Per quanti la domenica ce l'avessero davvero...libera e volessero gustarsi l'intero storico evento consigliamo http://youtu.be/1WaF7dRoGIg. C'è la partita in versione integrale con il commento in lingua

13
novembre


Test match – George Pisi sospeso fino al 23 dicembre. By Giorgio Sbrocco

E andata meno bene che al suo collega giapponese al centro di samoano George Pisi, citato dal Commissioner nel corso di Irlanda-Samoa e accusato di placcaggio illegale. La commissione di disciplina che ha discusso il caso ha ritenuto che il fallo fosse di media gravità, e applicando gli inasprimenti previsti, è giunta a comminare una squalifica di 10 settimane, poi ridotta a 6 tenendo conto dei “fattori mitiganti”. Pisi potrà tornare in campo il 23 dicembre.Giorgio Sbrocco

09
novembre


Irlanda – Cinque mete per stendere Samoa. By Giorgio Sbrocco

Samoa senza scampo all’Aviva stadium di Dublino (arbitro Steve Walsh) contro l’Irlanda che è andata 5 volte in meta (O’Mahoney, O’Brian, Kearney due volte e McFadeen) e ha dato la netta impressione di poter controllare le operazioni con una certa facilità dall’alto di una netta superiorità non solo organizzativa. Per gli isolani sono tre piazzati di Tusi Pisiati e Fotuali’i. Il match sarà teletrasmesso su Sky domani mattina alle 7.30Irlanda – Samoa 40-9Giorgio Sbrocco

08
novembre


Samoa – Contro l’Irlanda con qualche (grosso) buco in formazione. By Giorgio Sbrocco

Isole Samoa settime nel Ranking mondiale Irb e in lutto per la prematura scomparsa (54 anni, infarto) del pilone Fatialofa (che giocò anche a L’aquila) scenderanno in campo a Dublino domani prive di alcune pedine fondamentali: Census Johnston, Alesana Tuilagi, Maurie Fa'asavalu e Gavin Williams. Se nonostante tutto dovessero  vincere o, comunque, mettere in difficoltà l’Irlanda…SAMOA15 Faatoina Autagavaia, 14 Alapati Leuia, 13 George Pisi, 12 Johnny Leota, 11 Brando Vaaulu, 10 Tusi Pisi, 9 Kahn Fotuali'i, 8 Taiasina Tuifua, 7 Jack Lam, 6 Ofisa Treviranus, 5 Teofilo Paulo, 4 Faatiga Lemalu, 3 Logovi'i Mulipola, 2 Ole Avei, 1 Sakaria TaulafoIn panchina: 16 Tii Paulo, 17 Viliamu Afatia, 18 James Johnston, 19 Joe Tekori, 20 Alafoti Faosilivia, 21 Jeremy Sua, 22 Isaia Tuifua, 23 Fautua OttoGiorgio Sbrocco

22
giugno


Sud Africa – Springboks, a valanga su Samoa, vincono le Castle Lager Series. By Giorgio Sbrocco

Battendo Samoa nella finale di Pretoria il Sud Africa ha vinto le Castle Lager Series 2013. È stata una partita molto combattuta, che il SA è riuscito a controllare e decidere nel corso del primo tempo chiuso in vantaggio 32 – 9. Nella ripresa si è avuta la bella reazione di Samoa che ha messo a dura prova la consistenza del sistema difensivo degli Springboks segnando una meta con la seconda linea Leo e una con Mapusua direttamente da rl. Dal 58’ Samoa in 14 per il secondo giallo (placcaggio illegale su uomo senza palla) a Tuilagi che si è trasformato in rosso. Nell’ultimo quarto il SA è tornato a monopolizzare possesso e territorio e ha chiuso il match avanti di  33 punti. Al 70’ giallo a Habana per avanti volontario su passaggio samoano. Migliore in campo: il flanker del SA Louw autore anche di due meteCastle Lager Series 2013Finale 1° - 2° posto  Sud Africa – Samoa 56 - 23Finale 3° - 4° posto Scozia – Italia 30 – 29Giorgio Sbrocco

19
giugno


Sud Africa – Due novità nel pack per la finale con Samoa. By Giorgio Sbrocco

Flip van der Merwe in seconda linea e Francois Louw in terza sul lato chiuso sono le novità annunciate dal ct degli Springboks  Heyneke Meyer in vista deòlal finale del quadrangolare sudafricano contro Samoa in programma sabato a Pretoria. Ancora da sciogliere il dubbio fra Willem Alberts e Siya Kolisi per la maglia n.7. Da decidere a ridosso del match l’impiego di capitan Jean de Villiers ancora alle rpse com i postumi di un infortunio.Sudafrica: 15 Willie le Roux, 14 Bryan Habana, 13 JJ Engelbrecht, 12 Jean de Villiers (capitano) / Jan Serfontein, 11 Bjorn Basson, 10 Morné Steyn, 9 Ruan Pienaar, 8 Pierre Spies, 7 Willem Alberts / Siya Kolisi, 6 Francois Louw, 5 Flip van der Merwe, 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis, 2 Adriaan Strauss, 1 Tendai Mtawarira.In panchina: 16 Bismarck du Plessis, 17 Trevor Nyakane, 18 Coenie Oosthuizen, 19 Juandré Kruger, 20 Siya Kolisi / Marcell Coetzee, 21 Piet van Zyl, 22 Pat Lambie, 23 Jan Serfontein / Juan de Jongh.Giorgio Sbrocco

15
giugno


Italia – L'amarezza di Brunel dopo la sconfitta: “Battuti sui punti d’incontro”. By Giorgio Sbrocco

Scelgono la linea della franchezza e dell’ammissione degli (enormi) limiti della loro squadra il ct Brunel e il capitano Parisse dopo la batosta di Nelspruit contro Samoa. “Possiamo dire che siamo a fine stagione, che contro Samoa non abbiamo giocato spesso, che eravamo stanchi. Sarebbero scuse. La verità è che Samoa oggi è stata migliore di noi e lo ha dimostrato sul campo. Siamo frustrati e delusi, soprattutto perché sappiamo molto bene di poterci esprimere ad un livello superiore a quello mostrato oggi. Abbiamo perso, dobbiamo accettarlo e riconoscere che Samoa è una grande squadra, avere l’umiltà per dire che hanno giocato meglio. Sono settimi nel ranking, abbiamo grande rispetto per loro, ma noi avremmo potuto fare meglio di quanto fatto” la dichiarazione di Parisse in conferenza stampa.Ammette il ct: “Sapevamo benissimo cosa dovevamo evitare. Sapevamo che i punti d’incontro sarebbero stati fondamentali, e proprio nei breakdown siamo stati carenti. Lì, più che in ogni altra fase di gioco, abbiamo perso la nostra sfida e la partita. Non ho molto da aggiungere all’analisi di Sergio se non che nel primo tempo siamo stati, più o meno, a livello dei nostri avversari. Ma anche nei primi quaranta minuti abbiamo sbagliato molto, eravamo in difficoltà, al limite. Abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità, concesso mete da palloni di recupero, nel secondo tempo abbiamo pagato anche su piano fisico ma credo sia normale, avevamo perso il controllo del match, è stata una conseguenza e non una causa. Stiamo giocando sicuramente peggio che nel Sei Nazioni sotto ogni punto di vista". E ancora: “Siamo consapevoli di cosa e dove abbiamo sbagliato e adesso abbiamo una settimana per lavorare ed apportare correttivi a tutte quelle situazioni di gioco che non hanno funzionato”.A Nelspruit si è intanto concluso il primo tempo di Sud Africa – Scozia. Scozia in vantaggio 10-6.Giorgio Sbrocco

15
giugno


Italia – La dura lezione di Samoa: il rugby comincia e finisce al breakdown! By Giorgio Sbrocco

Samoa – Italia 39 – 10 ( pt 10 – 3)Marcatori: 21’ m. Williams tr. stesso, 27’ cp Orquera, 31' cp Williams, 42’ mnt Leiua, 50’ cp Williams, 52’ m. Leota tr. Williams, 64’ m. Tuifu’a tr. Williams, 70’ mT Italia tr. Di Bernardo, 74’ m. So’oialo tr. AnufeGialli: 70’ Leiua (S) IL FILM DELLA PARTITASA – ITA 10 – 340’ Di Bernardo al posto di OrqueraSA – ITA 15 – 342’ grande accelerazione di Samoa e entra nela metà campo italiana, allarga a destra e con Pisi mette un grubber incrociato dietro a Orquera. Arriva il velocissimo Leiua che sprinta, brucia Iannone all’interno e firma la seconda meta.47’ Parisse in sostegno trova il varco dalla chiusa dentro i 22 di Samoa. Sprinta (si fa per dire) e…calcia a seguire. Samoa al volo e mark che allontana la minacciaSA – ITA 18 – 350’ fuori gioco Italia su lunga sequenza di Samoa. Williams piazza da 46 metri centrale. Centrra i pali ed è + 15 SamoaSA – ITA 25 – 353’ Tracollo Italia: perdiamo palla al contatto (Iannone), Pisi recupera dentro ai propri 22 e attacca. Palla a Leota che trova un’autostrada da percorrere in serenità fin sotto i pali. SA – ITA 32 – 364’ Samoa insiste dentro i15 metri di sinistra. Azzurri in affanno. Buca Treviranus perfettamente sostenuto, Parisse alla disperata sul tallonatore Avei che però serve l’accorrente Tuifu’a. Meta (accordata dal TMO) trasformata che vale il bonus.SA – ITA 32 – 1070’ Sono 14 le fasi dell’Italia nei 5 metri samoani. Giallo a Leiua e Parrise domanda la mischia a cinque. Spinta e illegalità volontaria di Samoa. Meta tecnica accordata all’ItaliaSA – ITA 39 – 1074’ Volata di So’oialo, lanciato da Va’aulu che schiaccia vicino ai pali. Meta in inferiorità numerica di Samoa. Ancora su palla di recupero. 78’ Italia brutalizzata in mischia ordinata! Introduzione rubata Nota tecnica1. Migliori in campo: il n. 8 Taiasina Tuifu'a e il tallonatore Ole Avei2. 13 palloni persi sul breakdown dicono che Samoa sui punti d’incontro la guerra l’ha fatta e l’ha vinta3. Le statistiche dicono che il possesso è stato 50-50. Ma loro hanno segnato 30 punti (arrotondati) più di noi. Solo questione di qualità4. Parisse impalpabile e molto (molto) carente in difesa5. Samoa è al 7. Posto nel Ranking, è arrivata due volte ai quarti ai Mondiali, nel recente passato ha battuto Galles e Scozia. Oggi l’Italia. Superiorità evidente e incontestabile6. Con la (sola) superiorità in mischia ordinata non si vincono le partite7. Da quel che si è visto Manici è uno che promette (molto) bene8. È stato il match di addio alla Nazionale di: Canale, Garcia, Mauro Bergamasco, Bortolami e Masi? Giorgio Sbrocco

15
giugno


Italia – A Nelspruit Samoa al riposo in vantaggio. By Giorgio Sbrocco

Samoa – Italia 10 - 3Marcatori: 21’ m. Williams tr. stesso, 27’ cp Orquera  Italia in maglia bianca, sulle gradinate dello stadio di Nelspruit (primo test match nell’impianto dove l’Italia di Lippi pareggiò con la Nuova Zelanda ai Mondiali di calcio) qualche migliaio di spettatori.IL FILM DELLA PARTITA11’ secondo calcio a favore dell’Italia in mischia ordinata. De Marchi domina Census Johnsona sinistra14’ quarto pallone recuperato da Samoa nella zona di collisione. Azzurri in ritardo di sostegno e incapèaci di rimanere in piede a contatto17’ fallo del tallonatore Avei su De Marchi a terra, Orquera piazza da sinistra ma spara fuori sul primo palo20’ Inannone placca il pilone Taulafu e recupera! SA – ITA 7 - 021’ Il calcio di liberazione viene preso da Tuilagi che contrattacca e innesca Pisi, palla a Williams che brucia Parisse in velocità e deposita vicino ai pali. Dentro la trasformazione di Pisi25’ Fuori Ghiraldini, debutto Azzurro di ManiciSA – ITA 7 - 327’ calcio contro Samoa (Avei non rotola via dopo il placcaggio). Orquera ci prova da 33 metri sulla sinistra dei pali e non sbagliaSA – ITA 10 - 330’ fuori gioco di De Marchi dopo che un brutto calci odi liberazione di Masi aveva innescato un contrattacco dei Samoani. Williams chiede i pali e allungaSA – ITA 10 - 333’ fuori gioco di Johnson e calci oche Garcia prova a piazzare da 55 metri (posizione centrale). Corto anche se di pocoSA – ITA 10 - 337’ 9 pick and drive samoani dentro I 22 costringono Parisse (?) al fallo a terra. Williams piazza da 30 metri (linea dei 15) a destra dei pali, Fuori!SA – ITA 10 - 3 40’ Canale da fucilazione sul posto!! Interviene al piede su passaggio sbagliato al largo di Samoa. Rincorre la palla: non la raccoglie, non la controlla e, da terra, se la fa portare via da Lam in versione Superman.Nota tecnica1. Parisse votato (solo) alla distribuzione di palloni al largo pare un lusso che non ci possiamo permettere2. Sette (7!) palloni persi nella guerra del breakdown sono troppi3. Masi estremo che quando usa il piede mette in difficoltà la squadra non è una bella cosa4. Se l’Italia cala ulteriormente in zona di collisione è notte fonda5. Non si possono mancare occasioni come quella mancata da Canale al 40’ Giorgio Sbrocco  

Rugby Ball