29
dicembre


Aviva Premiership – A una svolta la telenovela Sale. Mitchell lascia la squadra e torna in Sud Africa. By Giorgio Sbrocco

Non sarà John Mitchell a portare Sale alla salvezza. Il 48enne ex allenatore della Nuova Zelanda ha infatti lasciato oggi ufficialmente la guida tecnica del club di Manchester per “ragioni di carattere personale”, come si legge nel comunicato emesso dalla società. Il suo incarico (ufficialmente di consulente part time), che doveva protrarsi fino al termine della stagione in corso si è invece concluso dopo un mese di lavoro.Toccherà ora a Steve Diamond, Bryan Redpath e Pete Anglesea portare a termine il campionato ed evitare la retrocessione di una squadra che dopo la vittoria su Worcester (la seconda della stagione)  si trova all’ultimo posto con 11 punti, una lunghezza sotto i London Irish. La “partenza” di Mitchell arriva dopo l’esonero di Bryan Redpath (30 ottobre), la sua sostituzione pro tempore con Steve Diamond, la nomina di Redpath a membro del "rugby strategy management board" del club in compagnia di Diamond, Mitchell e i rappresentanti della proprietà. Lo scorso 5 novembre si era sparsa la voce di un accordo di Mitchell e i Golden Lions sudafricani. Il 15 dello stesso mese la notizia veniva smentita e Mitchell dato nelle vesti di consulente tecnico di “una squadra del Super 15”. Il 28 Mitchell viene nominato responsabile tecnico della prima squadra del Sale per l’intera stagione. E oggi si apprende che Mitchell torna in Sud Africa per ragioni personali. Giorgio Sbrocco

21
dicembre


Aviva Premiership – Sale contro Wasps senza Cipriani. Divorzio alle porte? By Giorgio Sbrocco

Giocarsi la salvezza (o buone parte di essa) lasciando a casa il miglior talento presente in rosa può essere, nell'ordine: azzardo scriteriato, mossa geniale o atto dovuto. Lo sapremo, insieme con i tifosi del Sale, nel tardo pomeriggio di domenica, al termine di Wasps – Sharks, match delle 11esima giornata di Premiership che, per la disastrata formazio ne di Manchester, potrebbe rivelarsi decisivo per  il prosieguo della stagione. Per l'ultima sfida del 2012 coach John Mitchell, ha pensato bene di non inserire Danny Cipriani nella lista dei convocati. Apertura giocherà  Nick Macleod, concreto (e sostanzioso) 29enne gallese di Cardiff con Sale dal 2008. A causare l'estromissione di “Danny il bello” (ex dei Wasps e secondo alcuni osservatori molto vicino all'ennesimo divorzio/ripudio della sua tormentata carriera) la penosa esibizione (non solo sua, in verità) contro Tolone in Heineken cup (0-62) la scorsa settimana.Giorgio Sbrocco

28
novembre


Aviva Premeirship – Sale tenta di risalire con John Mitchell in panchina. By Giorgio Sbrocco

A mali estremi…I Sale Sharks, ultimi in Premiership (Redpath rimosso, una sola apertita vinta) e con “ottime” prospettive di retrocedere in Championship al termine di una stagione cominciata nel segno di una oggettiva inadeguatezza agli standard del massimo campionato inglese, hanno chiamato al capezzale della squadra  il neozelandese ex ct degli All Blacks John Mitchell (48 anni) che oggi ha diretto il suo primo allenamento nelle vesti (provvisorie) di componente del  Rugby Strategy Management Board (Commissione tecnica) del club di Manchester. Mitchell,  che attualmente risulta ancora legato ai Lions di Johannesburg (la franchigia di Super Rugby retrocessa d’autorità a favore dei Southern Kings per il 2013) con un incarico di consulenza, conosce molto bene la realtà di Sale, dal momento che ne è stato giocatore-allenatore alla fine degli anni ’90.Giorgio Sbrocco

16
novembre


LV=Cup – Negli anticipi vincono Harlequins e Sale. By Giorgio Sbrocco

Harlequins – Bath 21 – 12Partita combattuta conclusa senza mete segnate al Twickenham Stoop di Londra. Con 5 cp di Botica nel primo tempo (15-9) e due di Grimoldby nella ripresa i Quins hanno superato Bath nell’anticipo della seconda giornata di LV=Cup. Per Bath: 3 calci di Donald e uno di Heathcote. Due gialli per Bath: Perenise (25’) e Sharman (65’) Sale – Saracens 25-23Decisivo il piazzato di Rob Miller al 72’ nella vittoria di Sale sui favoriti Saracens nella sfida del Salford stadium di Manchester. Per i padroni di casa, sempre sotto nel punteggio fino al 56’: due mete di Cueto, una di McKenzie e una di penalità (19’), cui si sono aggiunti 4 punti di Davies e 3 ciascuno dai piedi di Cipriani e Miller. Per i  Saracens (giallo a Sheriff al 47’); mete di Ratuvou (7’) e Tomkin (40’), 10 punti dala piazzola firmati da Mordt e 3 da Spencer.Giorgio Sbrocco

03
novembre


Aviva Premiership – Steve Diamond (Sale) suona la carica: “Nove vittorie per la salvezza. Lotteremo fino alla fine”. By Giorgio Sbrocco

“Siamo in piena zona retrocessione ma adesso abbiamo almeno sei punti e siamo a quattro lunghezze dai London Welsh e dai London Irish che occupano la decima posizione. Quindi: dalla salvezza”. Contento del successo ma misurato come impongono il ruolo e le circostanze il Ceo degli Sharks Steve Diamond, che in settimana è diventato Director of rugby del club di Manchester al posto di Bryan Redpath, degradato ad  allenatore capo. “Credo che stasera i giocatori abbiamo mostrato di aver capito cosa ci aspettiamo da loro” ha dichiarato Diamond dopo Sale-London Irish. “Sono stati rigorosi nell’applicare il piano di gioco concordato, commesso pochi errori e controllato larghi tratti del match”. Nello specifico: “Abbiamo costruito la vittoria con la mischia. Gli avanti hanno giocato molto bene e hanno esibito un’ottima organizzazione. Bravi tutti, ma una menzione speciale per Ross Harrison (pilone sinistro, nda), che per essere un ragazzo di 19 anni …è stato davvero grande!”. E per finire: il messaggio/appello  del condottiero alla truppa: “Sarà una lotta senza esclusione di colpi, navigheremo in acque inesplorate. Dovremo lottare fino a maggio e le cose da fare sono veramente tante. Dobbiamo vincere almeno otto o nove partite per poterci salvare. Quello di stasera è solo il primo passo”.Giorgio Sbrocco

03
novembre


Aviva Premiership – Sale vince la prima partita della stagione nel giorno del compleanno di Cipriani. By Giorgio Sbrocco

Bello, atteso (da troppo tempo) e immensamente gradito il regalo di compleanno che Danny Cirpiani ha fatto a se stesso e ai suoi compagni del Sale che si sono imposti (21-9) sui London Irish nell’anticipo dell’ottavo turno del massimo campionato inglese disputato ieri sera al Salford City stadium di Manchester. Due le mete per i padroni di casa, a segno con l’estremo McLeod e il centro Leota nel primo tempo chiuso 15-3. Di McLeod e di Super Danny i tre calci che hanno consolidato vantaggi e score. Per gli irlandesi di Londra solo tre centri di Humphreys dalla piazzola. Lo “spostamento” di Redpath ad allenatore capo e l’interim del Ceo Diamond nel ruolo di Director of rugby funziona? Per il momento: ha funzionato Premiership -  VIII giornataSale – L.Irish 21 – 9 Giorgio Sbrocco  

02
novembre


Aviva Premiership – Redpath retrocesso: sarà (solo) l’allenatore dei Sale Sharks. By Giorgio Sbrocco

I contratti sono contratti! E quando si tratta di rispettarne uno di durata quadriennale appena sottoscritto…anche nel ricco campionato inglese ci si pensa su un buon numero di volte. Accade perciò che il dimissionato Bryan Redpath (sette sconfitte di fila da inizio stagione) resterà a Manchester con il Sale fino alla scadenza legale dell’accordo che lo lega al club. Solo che (la forma, a volte, coincide con la sostanza…) il suo ruolo, da adesso in poi, sarà di “capo allenatore”. Non più quello di Director of rugby. Ruoli intraducibili in italiano ma che, grosso modo potremmo intendere come: direttore generale con responsabilità su tutta l’area tecnica e allenatore della prima squadra. Diversa la sorte toccata a Steve Scott, tecnico della mischia di Salee collaboratore dello scozzese, probabilmente titolare di un contratto meno lucroso o meno blindato, che è stato cacciato dopo quattro giornate. Probabilmente il nuovo Director sarà l’ex ct della Nuova Zelanda John Mitchell. “Da oggi  Bryan Redpath è il capo allenatore di Sale” ha dichiarato il proprietario del club Brian Kennedy. Così va il mondo (ovale) al di là della Manica.Giorgio Sbrocco

30
ottobre


Aviva Premiership – Sale, ultimo e disperato, esonera Redpath. Arriva John Mitchell? By Giorgio Sbrocco

Per la serie: tutto il mondo è paese. Quando le cose vanno male, ma talmente male che all'orizzonte non si vedono soluzioni adatte a invertire la tendenza, una squadra cambia allenatore. Nel calcio. Anche nel rugby. Ne sa qualcosa Bryan Redpath, tecnico del Sale (Premeirship, club cui era tornato nel corso dell'estate lasciano l'incarico che aveva nello staff tecnico di Goloucester) che dopo sette giornate di campionato occupa l'ultimo posto in classifica generale con un “bottino” di sette sconfitte e 206 punti subiti. Lo scozzese esonerato resterà a disposizione del club dove gli è stato offerto di assumere il ruolo di specialista della linea arretrata (come a Gloucester). L'incarico di director of rugby sarà assunto (manca la conferma ufficiale) dall'ex ct degli All Blacks  John Mitchell.Giorgio Sbrocco

27
ottobre


Aviva Premiership – Vince Worcester ma Sale c’è! By Giorgio Sbrocco

Successo secondo pronostico, ma con uno scarto (7 punti, ospiti in bonus) che dice di un sostanziale equilibrio delle forze in campo, di Worcester al Sixways sul Sale nell’anticipo del settimo turno del massimo campionato inglese. Il punteggio finale di 23 – 16 (pt 16-8) è maturato grazie alla meta di Lemi e ai 18 punti Sale: mete di McLeod e Cueto, con Cipriani due volte a segno dalla piazzola. Aviva Premiership – VII giornataWorcester Warriors – Sale Sharks 23 - 16 Giorgio Sbrocco

15
ottobre


Tags
,

HC – Sale Sharks: prima vittoria stagionale! Finale thrilling al Salford City stadium contro Cardiff. By Giorgio Sbrocco

 Prima vittoria stagionale per i “poveri” Sale Sharks, ultimi in classifica dell’Aviva Premeirship e naturali candidati alla retrocessione nwel massimo campionato ingelse. A fare le spese della tanta fame di punti della formazione di Mark Cueto sono stati i gallesi di Cardiff, giunti a Manchester con (tutti) i favori del pronostico e usciti dal Salford City stadium battuti 34-33. Tutto si è deciso nell’ultimo quarto, iniziato con gli ospiti avanti 30-17 ma raggiunti e superati grazie alle mete di Jennings e Buckely (giallo al mediano di mischia Lewis Jones al 73’) cui si è aggiunto (77’) il piazzato dell’estremo Rob Miller del 30-34. A  120” dalla sirena Halfpenny ha messo fra i pali il calcio del – 1. Ma gli ultimi scampoli di partita non ne hanno cambiato l’esito.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball