14
agosto


ITM Cup – Australia – NZ e ritorno. La lunga stagione di Beau Robinson. By Giorgio Sbrocco

Il lavoro è lavoro. E se non ti chiami Dan Carter o Richie McCaw…le ferie (pardon: periodo sabbatico) sono un lusso che non ti puoi permettere. Un esempio?  Beau Robinson, terza linea australiana (un cap nel 2011) che, appena chiusa la stagione di Super Rugby con i Reds (più che altro in panchina), è volato in Nuova Zelanda per disputare l’ITM cup (Premiership) con Bay of Plenty (Tauranga). Robinson, uno dei tanti ottimi "John Doe" del circuito ovale, debutterà domenica a Dunedin contro Otago. Finito il campionato neozelandese, a fine ottobre,  tornerà in Australia giusto in tempo per il pre campionato dei Reds. Molti anni fa i giocatori dell’emisfero sud facevano la “doppia stagione” salendo in Europa al termine dei loro impegni australi. Il motivo, più o meno apertamente confessato, era che si trattava dell’unico modo per portare a casa qualche palanca. Oggi, invece, si tratta di sopravvivenza. Vogliamo chiamarlo progresso?Giorgio Sbrocco

01
agosto


Australia – Anthony Fainga: niente Championship. Spalla da…ricostruire. By Giorgio Sbrocco

 Una spalla in pessime condizioni, oltretutto “usata” impropriamente per tutta la stagione, è alla base della rinuncia del centro Anthony Faingaa (Reds) alla maglia dei Wallabies in vista dell’edizione 2013 del Championship Four Nations. “È con grande dispiacere che ho dovuto rinunciare alla convocazione” ha scritto il giocatore in Fb. “Ho giocato per tutto l’anno con la spalla in disordine. Adesso mi sono reso conto che non è nel mio interesse, in quello dei miei compagni di squadra e della Nazionale continuare a farlo. Mi spiace davvero non poter essere presente lunedì al raduno al fianco di mio fratello Saia”. Ottimista sul futuro: “Mi sottoporrò a un intervento di ricostruzione in settimana. Penso di recuperare in tempo per il Super Rugby 2014 che disputerò con la maglia dei Reds”.Giorgio Sbrocco

24
luglio


Super Rugby – L’appello di Carter e Dagg: “Basta fischiare Quade Cooper!”. By Giorgio Sbrocco

Smettetela di fischiare (stop booing) Quade Cooper! L’appello ai tifosi dei Crusaders ma che, vista l’autorevolezza della fonte, assume un valore simbolico che travalica i confini di una città e di una nazione, arriva da Dan Carter e da Israel Dagg, entrambi All Blaks e rispettivamente mediano di apertura e estremo. I due erano in campo a Christchurch sabato scorso nella sfida fra Crudaers e Reds, vinta nettamente dai neozelandesi che si sono qualificati per la semifinale del Super Rugby 2013. E non hanno gradito i continui booh di disapprovazione all’indirizzo dell’avversario, affidando a twitter un generalizzato appello alla correttezza. Quade Cooper è, forse, il giocatore australiano…meno simpatico in Nuova Zelanda. A pesare, oltre a certi atteggiamenti e dichiarazioni non esattamente friendly, anche le sue origini. Essendo, oltretutto, QC neozelandese di nascita (Tokoroa). In pratica, per certo tifo davvero poco intelligente: un traditore della patria. Prossima puntata (forse): Championship 2013.Giorgio Sbrocco

20
luglio


Super Rugby – La felicità del capitano. Read: “Importante passo avanti”. By Giorgio Sbrocco

Raggiante per il risultato raggiunto be per la prestazione complessiva della squadra. Così il capitano dei Crusaders Kieran Read dopo la vittoria sui Reds nel barrage di Super Rugby dell’Ami stadium di Christchurch: “Sono davvero soddisfatto per come sono andate le cose. Penso che oggi abbiamo disputato davvero una buona partita. I ragazzi si sono impegnati e hanno dato il massimo. La squadra è partita subito molto e poi è stata capace di mantenere alto il livello della prestazione. Un importante passo avanti rispetto a una settimana fa. Le condizioni ambientali ci hanno sicuramente aiutato e il gioco prodotto è stato di buona qualità. Siamo stati capaci grande dinamismo e abbiamo alternato le forme di gioco in maniera intelligente e equilibrata”.Giorgio Sbrocco

20
luglio


Super Rugby – Super Crusaders. Annientati i Reds. By Giorgio Sbrocco

Crusaders – Reds  38 – 9 (pt 21-6) Marcatori: 2’ cp Carter, 10’ m. Crotty tr. Carter, 13’ cp Cooper, 25’ cp Carter, 29’ cp Carter, 31’ mnt Carter, 39’ cp Carter, 46’ cp Cooper, 51’ m. Marshall tr. Carter, 68’ m. Crotty tr. Carter, 72' cp Taylor Il film della partita42’ fuori gioco della linea dei Crusaders che sale in anticipo sul calcio di Carter. Cooper piazza ma il calcio è di molto lontano dai pali.46’ fuori gioco della linea Crusaders davanti ai pali su lunga sequenza Reds dentro i 22. Cooper non sbaglia. 21 – 951’ Marshall conclude in mezzo ai pali una prolungata azione avanzante dei Crusaders nel corso della quale l’organizzazione difensiva degli australiani viene messa in grande difficoltà. Monumentale il pilone Crockett Dentro la conversione di Carter. 28-960’ Buco e fuga di Samu (36 anni!) che penetra nel campo dei Crusaders ben sostenuto da Genia. Azione isolata, alla fine inefficace (mischia Crisaders) ma tecnicamente da incorniciare.61’ Bel drive Reds dentro i 5 metri a destra dei pali che frana in meta. Il Tmo non concede la meta. Discutibile. Ma “l’ immagine della palla che tocca terra non c’è”. La moviola vede ciò che viene inquadrato. Non ciò che effettivamente accade nella realtà64’ Sesto (!!) recupero Crusaders nella zona di collisione. Stavolta dentro ai propri 5 metri e sotto pressione! Immensi.66’ Entra in campo Richie McCaw! Pubblico in piedi. Il capitano è tornato (dalle ferie)68’ Carter trova lo spazio al limite del secondo canale e serve Crotty. Meta! È Accademia Crusaders. Carter ne aggiunge due. 35-9 IN CAMPO I 4 FRATELLI WITHELOCK 72' Taylor piazza da 35 metri (Carter appena uscito) una punizione concessa per fallo a terra. Bel piede. 38-9 75' Heinz perde palla sopra la linea di meta al termine di un'azione travolgente dei neozelandesi  79' Recupero Crusaders n. 7!! 80' Recupero Crusaders n. 8!! Finita Duelli personali: Ellis-Carter hanno battuto nettamente Genia-Cooper Grande partita di Crotty, Taylor e della prima linea Crusaders. Reds: annientati Giorgio Sbrocco                                                                                     

Super Rugby – Taylor (Crusaders): “Quade Cooper? Fortissimo, se lo lasci…giocare”. By Giorgio Sbrocco

“Quade Cooper? È uno che con la palla in mano ci sa fare. E che quando gli viene concesso tempo e spazio diventa veramente pericoloso. Il compito mio e dei miei compagni di linea sarà: non concedergli spazio né tempo per pensare". Così Tom Taylor, centro dei Crusaders, confermato nel XV titolare per il barrage contro i Reds nonostante la botta rimediata nell’ultima giornata di stagione regolare contro gli Hurricanes mentre stava per segnare. “Non so esattamente a cosa stessi pensando – ha dichiarato ricostruendo l’azione – so solo che a un certo punto non ho più visto né il campo né i miei compagni. Non so contro cosa abbia sbattuto, forse il gomito o la spalla di chi è venuto a placcarmi (l’estremo degli Hurricanes James Marshall, autore di un placcaggio da manuale, ndr). Certo è che ho cominciato a sentire suonare un’orchestra di campanelli”. E oltretutto: “Rivedendo l’azione ho capito che ho commesso un grave errore tecnico. Quel pallone dovevo passarlo a Ryan (Crotty, ndr) che era libero al mio fianco”. Il completo recupero di Taylor consentirà ai Crusaders di scendere in campo con Dan Carter schierato nell’abituale ruolo di apertura.Giorgio Sbrocco

18
luglio


Super Rugby – Le formazioni del barrage di Christchurch. Genia in campo, McCaw in panchina. By Giorgio Sbrocco

Tutto è pronto a Christchurch per il barrage stellare fra Crusaders e i Reds che mette in palio un posto in semifinale del Super Rugby australe 2013. Squadre al gran completo, con McCaw che parte dalla panchina col n.19 mentre Romano è titolare in seconda linea. Fra gli australiani: in campo la mediana Genia-Cooper e in seconda il capitano dei Wallabies Horwill accanto a Simmons. Crusaders15 Israel Dagg, 14 Tom Marshall, 13 Ryan Crotty, 12 Tom Taylor, 11 Zac Guildford, 10 Dan Carter, 9 Andy Ellis, 8 Kieran Read, 7 Matt Todd, 6 George Whitelock, 5 Sam Whitelock, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Corey Flynn, 1 Wyatt Crockett. In panchina: 16 Ben Funnell, 17 Joe Moody, 18 Luke Whitelock, 19 Richie McCaw, 20 Willi Heinz, 21 Tyler Bleyendaal, 22 Adam Whitelock.  Reds15. Ben Lucas, 14. Dom Shipperley, 13. Ben Tapuai, 12. Jono Lance, 11. Chris Feauai-Sautia, 10. Quade Cooper, 9. Will Genia, 8.Jake Schatz, 7. Liam Gill, 6. Eddie Quirk, 5. James Horwill, 4. Rob Simmons, 3. James Slipper, 2. Saia Faingaa, 1. Greg Holmes.In panchina: 16. Albert Anae, 17. Jono Owen, 18. Ed O'Donoghue, 19. Radike Samo, 20. Beau Robinson, 21. Nick Frisby, 22. Luke Morahan. Giorgio Sbrocco

16
luglio


Super Rugby – McCaw in panchina contro i Reds. Che partita! By Giorgio Sbrocco

Un nostro affezionato lettore ha definito il primo barrage del Super Rugby 2013, quello fra Crusaders e Reds in programma sabato a Christchurch quando in Italia saranno le 9.35 del mattino: “quasi una finale”. Vero. Ad aumentarne il fascino contribuiscono anche le previsioni riguardanti l’altro barrage, quello di Canberra fra Brumbies e Cheetahs (approdati per la prima volta ai play off), che appare sulla carta molto meno incentro nell’epilogo. Troppa risultando (sempre sulla carta, dal momento che trattandosi di partita secca…) la differenza di caratura e di esperienza dei due organici. A infiammare la vigilia dello scontro fra neozelandesi di Canterbury e australiani del Queensland concorrono almeno due fatti: il ritorno alle competizioni di alto livello (dopo il debutto di sabato in Division 1 con la maglia del CFC) di Richie McCaw. Il capitano dei campioni del mondo non partirà titolare. “Perché non è ancora al 100% della condizione” ha fatto sapere coach Todd Blackadder. Tacendo il fatto che (giustamente), prima di cambiare anche una singola virgola da una terza linea  “George Whitelock - Matt Todd - Kieran Read”…occorre pensarci duemila volte. Altro tema caldo sarà la presenza di Ewen McKenzie sulla panchina del Reds. Al tecnico di Melbourne (grazie alla cittadinanza che è in grado di esibire?) è stata infatti affidata la guida della Nazionale post Deans che il 17 agosto aprirà, proprio contro gli AB, l’edizione 2013 del Championship- Four Nations. Quanto agli equilibri interni: il pilone James Slipper, il flanker Liam Gill e la seconda linea Rob Simmons, stabilmente tra fra i migliori nel corso dell’intera annata, hanno prolungato ieri (fino a fine 2015) il contratto con i Reds. Una mossa che intende trasmettere serenità e infondere fiducia nei giocatori che, reduci da una stagione regolare di grande spessore, tenteranno l’impresa di estromettere una delle concorrenti più accreditate per la vittoria finale del campionato australe. Comunque la si voglia vedere: ha ragione il “nostro” Salvatore Galati (l’affezionato di cui sopra): “Sarà quasi una finale”. Forse persino senza quasi. Comunque da non perdere.Giorgio Sbrocco

13
luglio


Super Rugby – Chiefs: semifinale in casa. Reds: barrage a Christchurch. By Giorgio Sbrocco

Reduci dalla pesante sconfitta della scorsa settimana con i Crusaders (43-15) i Chiefs si sono presi una pronta rivincita battendo a Auckland i Blues di John Kirwan in 14 dal 23’ per il rosso con cui l’arbitro Pollock ha sanzionato lo stamping del flanker Kane Barrett e in serie negativa da sei giornate. Con i cinque punti conquistati i Chiefs conquistato il primo posto i classifica generale, l’accesso diretto al turno di semifinale e il diritto di disputare la partita in casa. Per i Blues: meta di C.Piutau e 11 punti dal piede di Kerr. Per i Chiefs: mete di B.Aki, H.Elliot, B.Tameifuna (2) e 4 punti dalle trasformazioni di Criden  e AnscombeA Sydney, un errore di Berrick Barnes dalla piazzola a due minuti dalla sirena ha consentito ai Reds di conquistare il successo e il quinto posto in classifica generale nel derby australiano contro i Waratahs. Nel turno di barrage i Reds saranno impegnati a Christchurch contro i Crusaders di Richie McCaw e Dan Carter. Per i Waratahs di coach Michael Ceika, che chiude con un builanci o8-8 la sua prima stagione su una panchina del Sueper Rugby: mete di C.Crawford, B.Barnes, per i Reds: meta di Lucas e 9 punti di Quade Cooper Super Rugby -  XX giornataBlues – Chiefs 16 – 26 (pt 13-13)Waratahs – Reds 12 – 14 (pt (12-8)Giorgio Sbrocco

09
luglio


Tags
,

Australia – Deans si “dimette”. Il nuovo ct è Ewen McKenzie. By Giorgio Sbrocco

Avesse vinto la Serie con B&I, o avesse limitato i danni nell’ultimo Test match, sostituirlo sarebbe stato un problema. Di natura politica, si intende. Perché mandare via prima della scadenza del contratto un allenatore vincente non è facile per nessuno, anche nella terra dei canguri. E invece Robbie Deans e la sua Australia non hanno vinto la Serie e dalla sfida decisiva sono usciti sotto il peso di 40 punti sul groppone. E allora: per la serie tutto il mondo è paese, ecco pronta la successione. Arriva Ewen McKenzie: australiano, 48 anni, 51 caps da pilone con la Nazionale downunder, attualmente tecnico dei Queensland Reds (Super Rugby 2011) e con esperienze ai Waratahs (suo ex club) e Stade Francais. Il contratto che ha appena firmato scadrà nel 2015 dopo la World cup. Per l’occasione la procedura scelta dall’Aru e dal presidente Pulver è stata quella dei classici due tempi. Prima Deans ha pubblicamente “fatto un passo indietro" e poi, qualche ora dopo, è giunta la comunicazione dell’avvenuta sostituzione. Il tutto a Brisbane. “Ringrazio tutti gli australiani che mi sono stati vicini in questi fantastici cinque anni alla guida della Nazionale e soprattutto i giocatori per l’impegno profuso e la dedizione dimostrata” la scontata formula di rito del saluto del tecnico neozelandese sulla panchina dei Wallabies dal 2008. “Allenare i Wallabiesa è un grande onore oltre che una eccezionale opportunità. Guiderò la squadra di cui sono stato parte come giocatore e come tecnico (nel 2000 come assistant coach, ndr). Un impegno di così alto livello corrisponde perfettamente alle mie aspirazioni in quanto sento di avere le capacità per fare la differenza a vari livelli. Ritengo che sarò in grado di fare la differenza sia dentro sia fuori dal campo di gioco” ha dichiarato McKenzie al Guardian al momento dell’investitura. Prossima puntata: Championship 2013Giorgio Sbrocco

Rugby Ball