05
settembre


Pro 12 – Venerdì italiane in diretta su Sportitalia. By Giorgio Sbrocco

Doppia diretta televisiva (Sportitalia 2) venerdì in occasione della seconda giornata del Pro 12. Alle 19.05 dallo stadio XXV Aprile di Parma-Moletol o andrà in onda il debutto casalingo delle Zebre contro  la provincia irlandese di Connacht (Galway). Due ore più tardi  toccherà a Munster – Benetton dal Thomond Park di Limerick , una partita che mette una di fronte all’altra la sorpresa della prima giornata (Treviso che ha battuto 12-6 gli Ospresy campioni in carica) e l’ex Armata Rossa irlandese che al debutto si è imposta  (23-18) a Edimburgo e che punta decisamente ai play off.Giorgio Sbrocco  

04
settembre


Pro 12 – Giovedì a Edimburgo “processo” a Ian Evans (Ospreys) espulso venerdì a Treviso. By Giorgio Sbrocco

Giovedì pomeriggio a Edimburgo è stata fissata l’udienza del procedimento disciplinare a carico della seconda linea degli Ospreys Ian Evans, espulso (doppio giallo per fallo sul punto d’incontro e per placcaggio illegale) dall’arbitro irlandese John Lacey  nel corso del primo tempom di Benetton – Ospreys giocata venerdì a Treviso e vinta dai Leoni di Franco Smith (12-6). La commissione che giudicherà il giocatore gallese sarà composta dagli scozzesi John Kirk (presidente), Paul Minto e dall’irlandese  Barry O’Driscoll .Giorgio Sbrocco  

02
settembre


Pro 12 - Leinster asfaltato a LLanelli, Munster vittorioso in Scozia, Cardiff di misura a Galway. By Giorgio Sbrocco

Con la disputa delle partite del sabato inserite nel programma della giornata di apertura del Pro 12 si è concluso il primo round della regular season celtica che qualificherà alle semifinale le prime quattro della classifica generale. Dopo l’impresa della Benetton di Franco Smith che a Monigo ha messo sotto gli Ospreys campioni in carica, e la “falsa partenza” delle Zebre a Newport, oggi è toccato a Connacht sfiorare il colpo in casa con Cardiff. Alla fine hanno prevalso i gallesi (13-9) ma la “cenerentola” irlandese ha incassato nu meritatissimo punto di bonus. Da segnalare, per le dimensioni del punteggio che sono la fotografia dell’andamento della gara, la larga vittoria degli Scarlets a Llanelli contro Linster. Il successo esterno di Munster a Edimburgo (unico del week end) con gli scozzesi in bonus difensivo e il 18-10 con cui ieri l’Ulster ha avuto ragione dei Guerrieri di Glasgow a Belfast completano il quadro. Pro 12 Risultati Prima giornataNewport – Zebre 37 – 6Ulster – Glasgow 18 – 10Benetton – Ospreys 12 – 6Connacht – Cardiff 9 – 13Scarlets – Leinster 45 – 20Edimburgo – Munster 18 – 23Classifica Newport, Scarlets 5Ulster, Benetton, Munster 4Connacht, Edimburgo, Ospreys 1Glasgow, Leinster, Zebre 0 Giorgio Sbrocco  

01
settembre


Pro 12 – Gajan (Zebre) dopo la sconfitta in Galles: “Una delusione. Lavorare tanto per reagire subito”. By Giorgio Sbrocco

Commenti nel segno dell’autocritica e della voglia di voltare subito pagina, dal quartier generale delle Zebre dopo la pesante sconfitta in Galles contro i Dragons al Rodney Parade di Newport affidati al canale Youtube della neo costituita franchigia federale di Parma. Il capo allenatore Christian  Gajan: “Una delusione per tutti: per i giocatori e per lo staff perché il punteggio di 37-6 non rispecchia quanto visto sul campo. Abbiamo avuto più possesso e occupato maggiormente la metà campo avversaria  ma abbiamo perso troppi palloni e concesso ai Dragons l’opportunità di sfruttare i nostri errori. Abbiamo subito 4 mete su cambio di possesso proprio mentre eravamo vicini alla segnatura. Una delusione che non deve fermare la volontà di costruire e di giocare: bisogna solo trovare l’equilibrio tra il gioco e la sua efficacia. Deludente non aver fatto almeno 2 mete quando crei 6, 7 occasioni. Questo ha fatto la differenza. Questo è il risultato finale; abbiamo bisogno di lavorare tanto per reagire subito”. Capitan Gonzalo Garcia :”Esordio non molto positivo per il risultato. Anche per il modo in cui abbiamo giocato. Penso che ci sia molto da migliorare e da lavorare. Una botta ad una gamba mi ha impedito di continuare la gara nel secondo tempo in cui, da fuori, ho visto la squadra un po’ meglio. 40 minuti con molte più occasioni e molto più possesso grazie ad un atteggiamento cambiato. Sappiamo che quando stiamo al 100 per cento sapremo fare meglio”Alberto Chiesa, subentrato nel secondo tempo a Garcia :”Non mi aspettavo un esordio così. Abbiamo mancato un po’ nell’atteggiamento ma abbiamo costruito molto. A questo livello ogni errore viene subito punito. Cercheremo di mantenere l’alto volumen di gioco prodotto riducendo al massimo gli errori”Il mediano di mischia Tito Tebaldi :”Alcuni di noi non ricordavano che non possiamo permetterci errori a questo livello. Le squadre di questo campionato ti puniscono: quando va bene con 3 punti quando va male come stasera con 7. In quattro occasioni d’attacco con la palla a terra a disposizione abbiamo subito meta in contrattacco. Un punteggio finale con un divario troppo severo”L’azzurro Quintin Geldenhuys, alla sua terza stagione in Pro12 :”Abbiamo commesso  errori individuali in momenti cruciali dell’incontro che i Dragons hanno saputo sfruttare. Abbiamo sempre cercato di tenere il gioco in pugno mentre loro difendevano. Nel secondo tempo abbiamo protetto di più l’ovale. Buona l’intesa generale con Caffini”.L’esordiente pilone argentino Luciano Leibson, in campo nel secondo tempo al posto dell’irlandese Ryan :”Un esordio decisamente amaro. Cominciare il campionato subendo un tale scarto non è piacevole. Dobbiamo migliorare in mischia”.Giorgio Sbrocco

01
settembre


Pro 12 – Zebre sconfitte in Galles dai Dragons. Decisivo il primo tempo. By Giorgio Sbrocco

Pesante sconfitta delle Zebre al loro debutto in Celtic league. Puniti (forse) oltre misura dai Dragons che hanno raggiunto il bonus sul finire del primo tempo con la quarta meta firmata dall’estremo Evans, gli uomini di coach Gajan hanno disputato un a riresa molto più ordinata e rigorosa in fase difensiva, concedendo ai padroni di casa solo tre punti dal piede del precisissimo Prydie (6/6 per lui al termine della gara). Sabato 7 a Moletolo – stadio XXV Aprile – debutto casalingo per la franchigia bianconera contro gli irlandesi di Connacht.Giorgio SbroccoDragons  Zebre 37-6 (p.t. 34-6)Marcatori : 11’ cp Prydie, 13’ m Tuilagi tr Prydie, 16’ d Stef.Jones; 19’ m Harries tr Prydie; 24’ cp Orquera 27’ m Evans tr Prydie 38’ cp Orquera, 40’ m Evans tr Prydi, 68’ cp Prydie (37-6)Dragons: Evans, Harries, Leach, Tuilagi (18’ s.t. Smith), Prydie, Stef.Jones (72’ Robling), Jon.Evans, Faletau (65’ Brown), Groves, Lydiate, Coombes (58’ Adam Jones), Nimmo, Way (61’ Buck), Stev.Jones ((58’ Wiliams), Price (58’ Gustafson).all.EdwardsZebre: Sinoti (51’Trevisan), Venditti, Quartaroli, Garcia (cap) (41’ Chiesa), Pace, Orquera, Tebaldi (68’ Chillon), Van Schalkwyk (72’ Ferrarini), Cristiano, Cattina, Caffini (63’ Cazzola), Geldenhuys, Ryan (40’ Leibson), Festuccia (51’  Giazzon), Perugini (51’ s.t. De Marchi).all.Gajanarb. George Clancy  Calciatori: Orquera (Zebre) 2/3, Prydie (Dragons) 6/6 , Stef.Jones 1/1 (Dragons)Cartellini:Note: cielo coperto,serata umida. Temperatura 17°, terreno in buone condizioni. 4450 spettatori. Man of the Match : Leach (Dragons)

Pro 12 - Treviso soffre, rischia ma non molla. Battuti gli Ospreys! By Giorgio Sbrocco

Benetton – Ospreys  12 - 6Marcatori: 7’, 11’ , 13’ cp Butron, 19’ cp Biggar, 31’ cp Burton, 47’ cp BiggarGialli: 9’, 30’  Evans (O), 61’ Budd (B) Fiammata  Ospreys in avvio di ripresa ma Treviso c’è e non concede campo. Jonathan Thomas  (43’) attacca dalla base di una mischia ordinata, la sua incursione genera un lungo possesso che Treviso interrompe con un fallo in zona di collisione. Biggar piazza (44’) ma non è la sua serata e il pallone passa “largo” sul palo esterno. Grande Fussell  (46) che raccoglie al volo un box del suo mediano di mischia lungo l’out destro. L’azione sfoga sul fronte allargato e Biggar trova un altro calcio, stavolta da sinistra ma sempre sui 22 (47’) e stavolta non manca il – 6. Splendida dimostrazione di organizzazione difensiva dei gallesi che (49’) respingono un lungo tentativo di avanzamento di Treviso all’altezza dei 22 e dalla successiva mischia ottengono un calcio a favore per entrata anticipata. Beck plana oltre la linea bianca al termine di una tambureggiante azione gallese iniziata da un errore iniziale di Burton (presa al volo). Lacey chiede lumi al Tmo: non è meta. Mischia ai 5 per gli ospiti. Che provano due volte ad andare al largo ma il placcaggio –recupero di Favaro (55’) davanti ai pali su Bishop non perdona. Dentro la panchina di Treviso al 58’. Un fallo in attacco di Rizzo (60’) sui 22 davanti ai pali regala agli Ospreys una rimessa sui 10 di attacco. Poi ci pensa il neozelandese Budd, appena entrato, a ristabilire la parità in campo (placcaggio alto su Fussell) al 61’. Giallo severo assai, ma non inventato. Al 63’ Biggar ci prova da 35 metri a sinistra dei pali, ma anche stavolta il suo destro non lo assiste. Al 65’ entra Semenzato per McLean. Gori va all’ala. Assetto illegale della prima linea biancoverde al 66’ e Ospreys in rimessa esattamente sui 22 di Treviso. Ne segue una mischia sulla destra dei pali da cui Thomas e Beck confezionano una penetrazione che porta la palla sul terzo canale per una meta 70.’) che pare fatta. Ma l’ultimo passaggio di Fussell a Dirksen è davvero…poca cosa e Treviso è salvo. Si continua a giocare nei 22 Benetton. Treviso ne esce con il piede di Burton cu punizione. Al 71’ rientra Budd con Derbyshire (per Favaro migliore in campo) e si gioca in 15 contro 14. Biggar bombarda da metà campo ma Burton si salva in salto. Sbaraglini sbaglia il lancio, attacco furibondo delle maglie nere ma, anche stavolta (75’) , Treviso è maestro nel recupero e con Rizzo sbroglia la situazione. Il pilone padovano si ripete un minuto dopo ma l’azione non è adeguatamente sostenuta dai compagni. Al 78’ il direttore di gara  concede una punizione (fallo a terra) ai gallesi, che da metà campo sparano dentro i 22. Sulla conquista a due mani Treviso è ancora colto i fallo. La partita si decide (80’) su rimessa a 5 metri: palla agli Ospreys che per due interminabili minuti provano a sfondare il muro biancoverde. Che però non cede. E alla fine è trionfo Benetton che con grande sofferenza e rischiando (forse) più del dovuto, esce dal campo fra gli applausi e può mettere in bacheca una storica vittoria con i campioni in carica. Sugli altri campiNewport – Zebre 37-6Ulster – Glasgow 18 – 10 Giorgio Sbrocco    

31
agosto


Pro 12 - Un grande Treviso domina gli Ospreys e chiude in vantaggio il primo tempo. By Giorgio Sbrocco

Benetton – Ospreys  pt 12 - 3Marcatori: 7’, 11’ , 13’ cp Butron, 19’ cp Biggar, 31’ cp BurtonGialli: 9’, 30’  EvansPioggia battente in versione quasi monsonica su Monigo fino a un’ora prima del fischio d’inizio della sfida con i campioni in carica di Swansea. Pubblico comunque numeroso e festante, che occupa ben presto l’unica tribuna coperta dell’impianto e ritardatari che si distribuiscono, armati di ombrelli e teli impermeabili, sui gradoni poco ospitali e battuti dal vento di quella scoperta. Di acqua ne è caduta comunque tantissima e sono numerosi i volontari armati si scope e spazzolini che cercano di liberare il terreno di gioco che presenta vaste aree quasi allagate. Il tempo per un giro d’onore dei Leoni Benetton under 16 campioni d’Italia di categoria 2012 e per una premiazione del sindaco al centro del campo in occasione degli 80 anni del rugby a Treviso e la partita può cominciare. Treviso attacca da  sinistra a destra e indossa la nuova maglia da gara biancoverde a strisce orizzontali con il logo Glen Grant sopra la numerazione. Divisa nera per i gallesi. Dopo il tenuto della seconda linea Evans (2’), Treviso si installa al limitare dei 22 gallesi. Ottiene una buona rimessa laterale ma Ceccato sbaglia i tempi del lancio e l’arbitro lo punisce con un calcio indiretto. Sugli sviluppi del contrattacco biancoverde,  Treviso trova il calcio del 3-0 con Burton che punisce un placcaggio irregolare della difesa in maglia nera. Dan Biggar (8’) trova un buona touch sui 22 Benetton, ne nasce un maldestro tentativo di drive e un fallo di antigioco a terra di  Ian Evans che paga con il giallo. Burton non sbaglia all’11’ da posizione centrale (fuori gioco) e Treviso allunga. Ospreys ancora sotto pressione, non  reggono il confronto nella zona di impatto e la linea finisce spesso in fuori gioco. Al 13’ Burton ci prova da destra, non sbaglia e i Leoni volano oltre il break. Fussel e Dirksen (15’) pasticciano su un calci o lungo di Di Bernardo e Treviso guadagna una mischia sui 10. Ma l’assetto non funziona e Ruyet viene penalizzato dal direttore di gara irlandese. BIggar  trova l’interno di De Bernardo (17’) ma non arriva il sostegno e la minaccia è sventata con pallone in tribuna. Attaccano gli Ospreys sul secondo canal con il centro Bek, sul punto d’incontro nasce l’illegalità dei veneti (19’) che Biggar manda agevolmente fra i pali. Il vento soffia alle spalle di Treviso, ma i gallesi (21’) si portano  al limitare dei 22 con una mischia ordinata che però Treviso ruba in spinta e Barbieri trasforma in un buon avanzamento purtroppo senza esito. Pasticcio di Fpotulai’i su un lancio mal controllato dai suoi saltatori a metà campo. Pressione Benetton e Isaacs si salva (26’) con un tenuto a terra  che Burton da 38 metri manda di un soffio al lato sulla destra dei pali. Furioso maul avanzante Benetton (27’) ma l’azione si spegne al largo su tenuto di McLean. Azione fotocopia degli Ospreys (28’) che si esaurisce  su un in avanti del pilone Yarvis dentro i 22. Evans (30’) stende irregolarmente Di Bernardo lanciato al limitare dei 22. L’arbitro  non ha dubbi: secondo giallo e rosso definitivo. Ospreys in 14 fino alla fine del match. Dalla piazzola Burton non perdona e firma il + 9. I gallesi provano a muovere al largo nonostante l’inferiorità numerica. La difesa di Treviso però è lucida e rigorosa.  Al 37 un’entrata laterale di Gori concede a Biggar un piazzato da sinistra che il n.10 gallese però spreca clamorosamente. Sugli altri campi Newport - Zebre 34 - 6 Ulster - Glasgow 8 - 3 Giorgio Sbrocco    

30
agosto


Pro 12 – Gajan, Manghi e Garcia da Newport. By Giorgio Sbrocco

A 24 ore dalla sfida con i Dragons, da Newport parlano allenatore, dg e capitano delle Zebre. Christian Gajan, capo allenatore: “Adesso si fa sul serio: non siamo più in preparazione. Siamo fuori casa contro una squadra gallese che, come tutte le gallesi, ci opporrà un rugby molto aggressivo e duro. Mi aspetto una risposta soprattutto su questo piano dalla mia squadra , se sarà positiva poi potremo far valere il nostro gioco. Al ritorno dalla Francia anche a Parma abbiamo dato continuità al lavoro svolto con tanti allenamenti di rugby la settimana scorsa. Ora dobbiamo cominciare al meglio possibile con umiltà questa competizione, con tutta la voglia dimostrata in questi mesi di lavoro. Il nostro incarico al di la dei risultati è di lavorare con i giovani. Abbiamo 23 giocatori in rosa con meno di 24 anni: questa è una grossa fortuna per la squadra e per il rugby italiano. Dobbiamo portarli al più alto livello possibile.” Roberto Manghi, dg :”Dopo mesi di grande attività su tanti fronti siamo arrivati a questo primo appuntamento ufficiale. Sono contento di poter vedere questa squadra alla prova in questo campionato davvero impegnativo. Cominciamo su un campo ostico dove mi aspetto una gara aggressiva da parte dei Dragons, vogliosi di ben figurare in casa dopo i molti cambiamenti tecnici rispetto all’ultima stagione. Allo stesso modo sono certo che le Zebre dimostreranno lo stesso carattere mostrato nelle partite francesi” Gonzalo Garcia, capitano nominato in assenza di Marco Bortolami :”E’ risaputo che i risultati delle amichevoli contano poco; abbiamo fatto il massimo per arrivare a questo esordio, le vittorie del tour francese ci hanno aiutato soprattutto nel morale. Non sono un capitano che parla tanto, ma ho cercato fortemente di trasmettere a tutti la convinzione che la squadra ha bisogno del 110% da parte di tutti. Per fare risultati c’è bisogno della fiducia di ognuno nel proprio compagno. Avremo una spinta positiva in più nella grande motivazione dei tanti compagni che domani esordiranno in questo campionato”. Giorgio Sbrocco

30
agosto


Pro 12 – È Biggar – Foutali’i la mediana Ospreys a Treviso. By Giorgio Sbrocco

Assenti Ryan Jones e Justine Tupuric negli Ospreys che domani cominceranno la stagione celtica  a Monigo contro la Benetton (ore 20, diretta su Sportitalia). In mediana coach Steve Tandy si affida alla coppia Biggar – Foutali’i, con la maglia numero 8 sulle spalle di Jonathan Thomas  e capitan Alun Wyn Jones in seconda linea. 15 Richard Fussell 14 Hanno Dirksen 13 Andrew Bishop 12 Ashley Beck 11 Tom Isaacs 10 Dan Biggar 9 Kahn Fotuali'i 8 Jonathan Thomas 7 Sam Lewis 6 James King 5 Ian Evans 4 Alun Wyn Jones (cap.) 3 Aaron Jarvis 2 Richard Hibbard 1 Ryan Bevington. In panchina: 16 Scott Baldwin 17 Duncan Jones 18 Joe Rees 19 Joe Bearman 20 Morgan Allen 21 Rhys Webb 22 Matthew Morgan 23 Tom Grabham. Giorgio Sbrocco

30
agosto


Pro 12 – Burton 15 e Di Bernardo 10 nel Benetton anti Ospreys. By Giorgio Sbrocco

 Burton estremo, Di Bernardo all’apertura, McLean ala e capitan Pavanello fuori per infortunio sostituito da Van Zyl nel ruolo di skipper, nel XV di partenza della Benetton che domani sera a Monigo apre la sua terza stagione celtica ospitando i gallesi Ospreys campioni in carica. In terza linea, con Zanni sul lato aperto e Barbieri numero 8, debutta con la maglia numero 6 di Treviso il trevigiano Favaro. In prima linea debutta anche De Marchi (ex Aironi come Favaro) che avrà Ceccato e Ruyet compagni di reparto. Dalla panchina partiranno, fra gli altri: Dingo Williams e il neo acquisto Dean Budd. Arbitrerà l’incontro l’irlandese Lacey. BENETTON TREVISO15 Kristopher Burton14 Ludovico Nitoglia13 Tommaso Iannone12 Alberto Sgarbi11 Luke McLean10 Alberto Di Bernardo9 Edoardo Gori8 Robert Barbieri7 Alessandro Zanni6 Simone Favaro5 Corniel Van Zyl (capitano)4 Francesco Minto3 Ignacio Fernandez-Rouyet2 Enrico Ceccato1 Alberto De MarchiA disposizione:16 Franco Sbaraglini17 Michele Rizzo18 Lorenzo Cittadini19 Dean Budd20 Paul Derbyshire21 Marco Filippucci22 Fabio Semenzato23 Brendan Williams   Giorgio Sbrocco

Rugby Ball