24
luglio


Super Rugby – L’appello di Carter e Dagg: “Basta fischiare Quade Cooper!”. By Giorgio Sbrocco

Smettetela di fischiare (stop booing) Quade Cooper! L’appello ai tifosi dei Crusaders ma che, vista l’autorevolezza della fonte, assume un valore simbolico che travalica i confini di una città e di una nazione, arriva da Dan Carter e da Israel Dagg, entrambi All Blaks e rispettivamente mediano di apertura e estremo. I due erano in campo a Christchurch sabato scorso nella sfida fra Crudaers e Reds, vinta nettamente dai neozelandesi che si sono qualificati per la semifinale del Super Rugby 2013. E non hanno gradito i continui booh di disapprovazione all’indirizzo dell’avversario, affidando a twitter un generalizzato appello alla correttezza. Quade Cooper è, forse, il giocatore australiano…meno simpatico in Nuova Zelanda. A pesare, oltre a certi atteggiamenti e dichiarazioni non esattamente friendly, anche le sue origini. Essendo, oltretutto, QC neozelandese di nascita (Tokoroa). In pratica, per certo tifo davvero poco intelligente: un traditore della patria. Prossima puntata (forse): Championship 2013.Giorgio Sbrocco

Super Rugby – Taylor (Crusaders): “Quade Cooper? Fortissimo, se lo lasci…giocare”. By Giorgio Sbrocco

“Quade Cooper? È uno che con la palla in mano ci sa fare. E che quando gli viene concesso tempo e spazio diventa veramente pericoloso. Il compito mio e dei miei compagni di linea sarà: non concedergli spazio né tempo per pensare". Così Tom Taylor, centro dei Crusaders, confermato nel XV titolare per il barrage contro i Reds nonostante la botta rimediata nell’ultima giornata di stagione regolare contro gli Hurricanes mentre stava per segnare. “Non so esattamente a cosa stessi pensando – ha dichiarato ricostruendo l’azione – so solo che a un certo punto non ho più visto né il campo né i miei compagni. Non so contro cosa abbia sbattuto, forse il gomito o la spalla di chi è venuto a placcarmi (l’estremo degli Hurricanes James Marshall, autore di un placcaggio da manuale, ndr). Certo è che ho cominciato a sentire suonare un’orchestra di campanelli”. E oltretutto: “Rivedendo l’azione ho capito che ho commesso un grave errore tecnico. Quel pallone dovevo passarlo a Ryan (Crotty, ndr) che era libero al mio fianco”. Il completo recupero di Taylor consentirà ai Crusaders di scendere in campo con Dan Carter schierato nell’abituale ruolo di apertura.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball