02
maggio


Rabo Pro 12 – Il big match è a Dublino. Due gallesi si contendono il quarto posto play off. By Giorgio Sbrocco

 Ultima giornata thrilling nel campionato celtico che, per concedere un’intera settimana di preparazione/riposo in vista  delle semifinali in gara unica previste per il 10 e l’11 maggio, esaurisce il programma venerdì 3 maggio, con tutte le sfide in contemporanea (19.45). Sicure di accedere al penultimo atto della stagione sono, al momento: Ulster, Leinster e Glasgow. La quarta sarà gallese e solo gli ultimo 80’ diranno quale fra Ospreys e Scarlets. La squadra che sembra rischiare meno fra quelle proiettate nella post season è l’Ulster primo in classifica cui il calendario riserva la visita a Ravenhill dei Cardiff Blues, per un match che non presenta alcun (ragionevole) dubbio circa l’esito finale. Fuoco e fiamme sono invece annunciate al RDS di Dublino dove Leinster, secondo (73) riceve gli Ospreys (quinti, 62) che (solo) vincendo, e confidando sul colpo in trasferta della Benetton che è di scena a LLanelli con gli Scarlets (66), potrebbe conquistarsi il diritto di difendere il tiolo che detiene  avendo vinto l’edizione 2012 del campionato. Facile, sulla carta,  il compito che attende Glasgow (terzo a quota 72) che a Galway affronta Connacht. Il resto della giornata, non prevedendo il Pro 12 alcuna retrocessione, offre partite  senza ricadute dirette sulla classifica. Anche se…vincendo in Galles (con bonus) e in caso di contemporanea sconfitta di Munster (50) a Moletolo con le Zebre, Treviso (45) chiuderebbe al sesto posto la sua terza stagione Oltremanica. Rabo Pro 12 – XXII giornataVenerdì 3 maggioConnacht – GlasgowEdinburgo – NewportLeinster – OspreysScarlets – BenettonUlster – CardiffZebre – Munster Giorgio Sbrocco

30
aprile


Rabo Pro 12 – Troiani (Zebre): “Con Munster alla ricerca di una vittoria importante”. By Giorgio Sbrocco

Vigilia di fine della stagione regolare per le Zebre che venerdì chiuderanno la loro prima annata celtica ricevendo gli irlandesi di Munster. L’allenatore degli avanti Vincenzo Troiani: “L’atto conclusivo di una stagione deludente per quel che riguarda i risultati, ma positiva per la crescita del gruppo, dei singoli e del gioco. Lo staff tecnico può ritenersi soddisfatto per alcuni aspetti ma è conscio che si deve migliorare su tanti altri. E’ indubbio che alcuni giocatori hanno fatto ottime esperienze maturando a livello tecnico: sono convinto che alcuni di loro presto faranno parte del giro della nazionale maggiore. Le convocazioni le fa Brunel…ma penso che molti dei miei avanti più giovani, all’esordio in questo campionato, possano far parte del gruppo nazionale per continuare a crescere: questo era uno dei nostri obiettivi tecnici ad inizio stagione. Con il lavoro, la filosofia di questa franchigia e la possibilità di mettersi alla prova questi giocatori hanno dimostrato di non essere inferiori ai loro coetanei gallesi, irlandesi o scozzesi. Il bilancio generale lo faremo dopo la partita di venerdì, ma posso dire che siamo cresciuti rispetto alle prime sconfitte dove non eravamo abituati a giocare un rugby davvero ad un ritmo e  velocità non nostre. Attraverso questa crescita siamo riusciti ad imporre il nostro gioco che più di una volta è stato superiore sui nostri avversari, ma non nel punteggio. Non è bastato per vincere: dobbiamo crescere nel saper concretizzare nei momenti giusti del match, questo si acquisisce solo col tempo. Bisogna essere costanti nella performance di gioco ed avere elementi che riescano a cambiare la partita tirando fuori la squadra dalle difficoltà. Nella nostra classifica mancano almeno 6 vittorie alla nostra portata: ci ritroviamo a cercarla fortemente venerdì contro Munster che certamente è una squadra molto superiore a tante altre nel campionato”.Giorgio Sbrocco

29
aprile


Rabo Pro 12 – Infermeria Leinster: acciacchi in serie alla viglia della sfida con gli Ospresys. By Giorgio Sbrocco

Si contano i feriti e si quantificano i danni in casa del Leinster all'indomani della vittoria nella semifinale di Amlin cup, in vista della sfida di venerdì in Pro12 contro gli Ospreys.Fermi ai box: il numero 8 Jamie Heaslip, suturato con numerosi punti alla gamba destra e indisponibile per le sedute di allenamento della settimana; il pilone  Cian Healy per problemi al ginocchio, l'apertura Jonathan Sexton (gamba). Inoltre: il flanker Kevin McLaughlin ha riportato la frattura del setto nasale nel corso del primo tempo del match di Dublino, mentre le condizioni di  Gordon D’Arcy e Sean O’Brien (problemi muscolari) sembrano autorizzare un cauto ottimismo. La vera e unica buona notizia è che Brendan Macken è tornato ad allenarsi dopo la frattura alla mano. Per il match che, in caso di successo, assegnerà la semifinale in casa alla formazione irlandese, sono già stati venduti 17  mila biglietti (capienza RDS: 18.200).Giorgio Sbrocco

29
aprile


Heineken cup – Paul O'Connell (Munster): “Difficile difendere contro Clermont”. By Giorgio Sbrocco

Niente da fare per Munster (alla sua decima semifinale di una coppa europea) contro Clermont (per la prima volta in finale) nella sfida di Monpellier di sabato che ha mandato la Yellow Army di Vern Cotter in finale a Dublino contro Tolone il prossimo18 maggio. Fra i migliori in campo il capitano degli irlandesi Paul O'Connell (pesantemente e  ripetutamente fischiato dal pubblico francese per via della mancata squalifica) che a fine gara ha datto a tutti l'ennesima dimostrazione di stile e di onestà intellettuale: “Credo che al momento attuale Clermotn sia probabilmente la squadra più forte d'Europa e la naturale candidata a vincere  la finale  chiunque si trovi davanti”. Nello specifico: “I francesi hanno una qualità incredibilmente alta in tutti i reparti, gli avanti sono potenti e capaci di avanzare palla in mano. Dietro di loro c'è una linea arretrata fatta di super atleti”. Il paragone con l'epico scontro del 2008: “Rispetto ad allora Clermont è diventato una squadra imprevedibile, difficile da analizzare. Sanno giocare in maniere molto diverse: nel primo tempo hanno fatto ottimi maul avanzanti, ma ci hanno messo in crisi con gli offload. Possiamo dedicare ore e intere giornate a cercare di decifrare il loro piano di gioco. Senza riuscirci. Sanno fare di tutto e tutto con la massima efficacia. Difendere davanti a una squadra del genere è davvero difficile”.Giorgio Sbrocco

29
aprile


Rabo Pro 12 – Venerdì celtico con Zebre e Benetton su Sportitalia 2. By Giorgio Sbrocco

Tutta in diretta televisiva l’ultima doppia fatica delle due italiane di Pro 12. Venerdì 3 maggio su Sportitalia 2 si apre con Zebre – Munster da Moletolo. A seguire l’impegno dei Leoni Benetton a Llanelli contro gli ScarletsRaboDirect PRO12 – XXII giornata – venerdì ore 19.45 (SportItalia 2)Zebre - Munster________________________________________ ore 21.45  (differita SportItalia 2)Scarlets - Benetton TrevisoGiorgio Sbrocco

29
aprile


Rabo Pro 12 - Jonathan Humphreys lascerà Ospreylia a fine stagione. By Giorgio Sbrocco

Jonathan Humphreys (44 anni, ex tallonatore di Bath), tecnico specialista del gioco degli avanti lascerà lo staff degli Ospreys a fine stagione. Ex capitano del Galles, Humpphreys era arrivato  a Swansea nel 2005. Con lui a occuparsi della mischia gli Ospreys hanno vinto Quattro volte la lega celtica e una Edf Energy cup nel 2008. “Lascio questo club dopo otto stagioni con la morte nel cuore” ha dichiarato. “Ringrazio tutti per l’opportunità che mi è stata concessa di lavorare in un club di alto livello e di essere protagonista del rugby attraversoi suoi cambiamenti e le sue rivoluzioni”. Nel futuro di Humphreys un contratto di due anni nello staff tecnico della nazionale scozzese. Primo impegno, al fianco del ct Scott Johnson, il tour in Sud Africa con annesso quadrangolare cui parteciperanno: Springboks, Samoa, Scozia e Italia.Giorgio Sbrocco

26
aprile


Rabo Pro 12 – Sfuma la vittoria n.10. Connacht pareggia sulla sirena! By Giorgio Sbrocco

Benetton – Connacht  23-23(pt 3 – 10)Marcatori: 4’ cp Di Bernardo, 18’ m. F. Vainikolo tr. D. Parks, 35’ cp D. Parks, 43’ cp Di Bernardo, 48’ m. Gori tr. Di Bernardo, 51’ cp D.Parks, 60’ cp Di Bernardo, 62’ cp D. Parks, 72’ mT Benetton tr. Di Bernardo, 80' m. O'Donohoe tr. D.Parks Parte forte Treviso al rientro sul terreno di gioco dopo il riposo e in 8’ trova il sorpasso grazie a 5 punti di Di Bernardo e alla meta di Gori. Ma al 51’ è ancora Dan Parks che centra i pali e firma il 13-13. All’ingresso nell’ultimo quarto di gara i Leoni passano nuovamente in vantaggio con Di Bernardo che non sbaglia dalla piazzola. Connacht non molla e al 62’ è ancora l’australiano (di nascita) Dan Parks a riportare Connacht in pareggio. L’equilibrio si rompe al 72’ quando Treviso ottiene una (sacrosanta) meta di penalità che l’arbitro assegna per un’evidente illegalità del pack irlandese. La partita sembra spegnersi. Ma all'80' Connacht trova la meta con il  mediano di mischia O'Donohoe. Dan Parks non sbaglia e allo scoccare dell'ultimo secondo di gara mette dentro la conversione che vale il pareggio. Niente vittoria n.10 per Treviso in una serata con più ombre che luci.  Giorgio Sbrocco

26
aprile


Rabo Pro 12 – Primo tempo per Connacht a Monigo. Leoni poco reattivi e poco lucidi. By Giorgio Sbrocco

Benetton – Connacht 3 – 10Marcatori: 4’ cp Di Bernardo, 18’ m. F. Vainikolo tr. D. Parks, 35’ cp D. Parks Treviso meno lucido ed efficace del solito fatica contro Connacht e giunge alla mezz’ora sotto di quattro punti, con Dan Parks che sbaglia due calci da posizione non impossibile. Dell’ala Vainikolo l’unica meta dei primi 30’ siglata al 18’ e trasformata dall’apertura, Per Treviso solo 3 punti dal piede di Di Bernardo in avvio. Al 35’ l’esperto mediano di apertura scozzese aggiusta la mira e allunga . Le squadre vanno al riposo con la formazione di Galway avanti di 7 lunghezze. Treviso ha ancora 40’ per alzare il livello della prestazione e vincere una partita oggettivamente alla sua portata.Giorgio Sbrocco  

26
aprile


Rabo Pro 12 – L'addio al rugby di Rory Lamont (Glasgow). By Giorgio Sbrocco

Si ritira Rory Lamont (31 anni a ottobre, centro, ala, fratello di Sean), talentuoso attaccante della Scozia (29 caps dal 2005), attualmente tesserato per Glasgow con alle spalle esperienze in Premiership (Sale) e Top 14 (Tolone). Decisiva la frattura alla gamba patita nel 2corso del Sei Nazioni 2012 contro la Francia. Da quando aveva fatto ritorno ai Warriors Lanont aveva giocato solo 6 partite e segnato una meta. “Mi addolora allontanarmi dal rugby professionale” ha dichiarato. “Ma ho lottato a lungo, purtroppo inutilmente. Oggi ho capito che non sarei più tornato a giocare ad alti livelli. Smettere è, in questi casi ,l'unica soluzione”. Per un grande campione che se ne va, una giovane promessa che si impone all'attenzione del mondo ovale: Niko Matawalu (24enne mediano di mischia figiano dei Warriors) è stato eletto "giocatore dell'anno" dai tifosi del club e adeguatamente festeggiato nel corso di una serata di gala.Giorgio Sbrocco  

26
aprile


Rabo Pro 12 – Il veterano Paddy Wallace prolunga con Ulster. By Giorgio Sbrocco

Un altro anno con la maglia dell’Ulster per il centro Paddy Wallace che ieri ha firmato il prolungamento del contratto che lo lega alla formazione nordirlandese in corsa per la conquista del  titolo di campione celtico del Pro 12. Wallace (33 anni), ha giocato 188 volte per Ulster dal 2001 a oggi, segnando 439 punti, ha vestito 30 volte  la maglia verde della Nazionale d’Irlanda e nel 2009 ha partecipato alla vittoria del Sei Nazioni con Grande Slam. “Conto di recuperare completamente dall’infortunio che al momento mi costringe a seguire le partite dei miei compagni dalla tribuna e mdi essere disponibile per la prossima stagione”.Giorgio Sbrocco 

Rugby Ball