03
maggio


Italian League Eccellenza – Il mea culpa di Andrea Moretti (Petrarca). By Giorgio Sbrocco

 Così Andrea Moretti, al suo primi anno di esperienza sulla panchina del Petrarca alla viglia dell'ultima giornata di stagione regolar :"Arriviamo a questa partita purtroppo senza possibilità di poter accedere alle fasi finali, e per questo non possiamo che recitare il mea culpa, soprattutto per il risultato svanito per un soffio a Viadana e per alcuni punti persi per strada all'andata negli scontri diretti. Questo non toglie però valore al lavoro che è stato fatto da tutti, società, staff e giocatori, da agosto fino ad oggi. Lavoro che ci ha permesso di lottare per 21 giornate per l'accesso ai play-off, traguardo forse che nessuno in principio si aspettava. Molti giovani si sono messi in evidenza gettando le basi per lavorare sul Petrarcadel futuro. Vogliamo a tutti i costi vincere la partita di domani per noi stessi prima eper congedarci dai nostri tifosi nel migliore dei modi, tifosi che ci hanno sostenuto e ci sono stati vicini in tutti i momenti di questa lunga stagione. Mogliano comunque non ci regalerà niente per cui dobbiamo fare una partita molto attenta in difesa, e disciplinata in attacco, mettendo in campo tutta la rabbia che abbiamo per non aver centrato i play-off".PETRARCA Bellini, Morsellino, Favaro, Bettin, Innocenti, Menniti-Ippolito, Francescato, Sarto, Holmes, Conforti, Mathers, Giusti, Leso, Damiano, Mercanti.  In panchina.: Furia, Gega, Caporello, Tveraga, Sarto, Billot, Sanchez, Bortolussi.Giorgio Sbrocco

03
maggio


Italian League Eccellenza – Domenica a Calvisano si gioca la finale Under 23. By Giorgio Sbrocco

Sarà il romano Tomò a dirigere la finale del campionato under 23 che si giocherà allo stadio San Michele di Calvisano fra Petrarca Padova e Lyons Piacenza. I veneti hanno battuto bin semifinale i romani dell’Urc, mentre gli emiliani si sono imposti sul Cz Rovigo. Calcio d’invio alle 16.Giorgio Sbrocco

17
aprile


Italian League Eccellenza – Moretti (Petrarca): “A Prato ci andiamo per vincere”. By Giorgio Sbrocco

 “A Prato ci andiamo per vincere. Troveremo una squadra in salute e per niente destabilizzata dall’annuncio della partenza di Frati e De Rossi per Rovigo. All’andata, qui a Padova, ci punirono con un quarto d’ora di fuoco nel primo tempo, acquisendo un vantaggio che alla fine di rivelò decisivo”. Parole di Andrea Moretti alla vigilia della trasferta del suo Petrarca in Toscana. “Siamo dentro i play off per un punto, abbiamo alle spalle un Mogliano in piena salute e con il morale alle stelle. Per farcela dobbiamo vincere una partita prima dello scontro dell’ultima giornata proprio con Mogliano”. I prossimi avversari dei bianconeri padovani si chiamano: Prato e Viadana. “Il calendario non ci aiuta. Mi pare evidente. Ma lo sapevamo. Fossimo riusciti a spuntarla a Calvisano due settimane fa…Ma recriminare non serve. La squadra sta bene, la voglia di fare una grande partita e un gran risultato c’è. Prato è forte ma non credo abbia niente di particolarmente superiore a noi. Né in mischia né dietro. Vincerà chi giocherà meglio e farà meno errori. Tanto per cambiare…”Giorgio Sbrocco

11
aprile


Italia League Eccellenza – Moretti (Petrarca): “Mi spiace per i Crociati. Ma sabato noi dobbiamo vincere per forza!”. By Giorgio Sbrocco

“È  vero, ho dichiarato che avrei firmato per tornare da Calvisano con un punto. Ma dop oaver visto la partita...”. È un Andrea Moretti come al solito lucido e sereno quello che parla a mente freda della sconfitta del suo Petrarca a Calvisano nel posticipo del XVIII turno del campionato di Eccellenza. “Una partita che, se fossimo riusciti a portarla a casa...I play off sarebbero stati molto più vicini. Molto!”. E invece non è bastata una delle migliori prestazioni dell'anno (grande prestazione di Holmes) per vincere in casa dei campioni d'Italia. Nonostante l'impegno e l'equilibrio quasi costante nel corso di tutta la gara. “Bisogna farsene una ragione” taglia corto il tecnico bianconero. “E girare pagina. Da sabato comincia un altro campionato. Fatto di sole quattro partite e che si chiuderà con la sfida al Mogliano che, attualmente, è il candidato più accreditato per il quarto posto nella griglia play off. Dopo di noi, s'intende!”. Charisce Moretti a scanso di equivoci. “Sabato giochiamo con i Crociati del mio amico Stefano Bordon. Lui è arrivato a Parma a metà stagione con la missione di salvare una squadra messa davvero male in classifica e con tanti giovani ni rosa. Forse troppi. Finora non ha avurto fortuna, è a 6 punti da L'Aquila...e a Padova escludo che possa trovare la vittoria di cui ha bisogno. Non voglio dire che sarà facile e scontato il nostro successo. È che non possiamo permetterci altro risultato! Il Mogliano con  il San Donà farà fatica ma sono sicuro che riuscirà a vincere. Forse senza bonus. Speriamo”.Giorgio Sbrocco

04
aprile


Italian League Eccellenza – Moretti (Petrarca): “A Calvisano a viso aperto”. By Giorgio Sbrocco

Vigilia nel segno della volata play off per il Petrarca quarto in classifica che sabato al San Michele sfiderà i campioni d’Italia del Cammi Calvisano con l’obiettivo di non concedere punti alla rimonta del Mogliano che insegue a cinque lunghezze e rende visita ai quasi retrocessi Crociati di Stefano Bordon. “E' il primo degli scontri diretti con le squadre che puntano ai play-off” spiega il tecnico del Petrarca Andrea Moretti. “Calvisano è seconda in classifica, ha uno dei miglior attacchi dell'Eccellenza, è una squadra di esperienza e schiera giocatori di grande livello”. Quanto al piano di battaglia: “A Calvisano andiamo a giocarsi la partita senza tatticismi, ma con lo stesso spirito che ci ha contraddistinto fino ad oggi: passione, entusiasmo e intensità”. Il XV di partenza e la panchina dei padovani saranno annunciate domaniGiorgio Sbrocco

05
marzo


Italian league Eccellenza – Il pilone di Rovigo che soccorre “il nemico” del Petrarca. Anche questo è derby. By Giorgio Sbrocco

Rugbisti brava gente. Anche nella partita che due volte l'anno (di più se poi c'è di mezzo una finale) oppone le due rive opposte dell'Adige e mette in campo la voglia di vincere di Petrarca e Rovigo (una stella a testa nel firmamento degli scudetti ovali dell'Italia del rugby). Anche se il Rovigo-Petrarca di questo 2013 è il numero 150 di una storia antica e al tempo stesso infinita. Anche se la partita è stata di quelle ruvide e tutta spigoli come da tempo non accadeva. Senza prigionieri, come dicono gli anglosassoni che di rugby e di battaglie vinte se ne intendono. Ebbene, in uno scenario che ha riproposto ed esaltato l'immagine di uno sport e nobilitato la composita umanità che in esso si riconosce , Alice Sponton (Il Gazzettino, redazione di Rovigo) trova le parole giuste per raccontare di un giocatore del Petrarca (Lorenzo Innocenti, l'autore della meta del vantaggio dei padovani) e di uno del Rovigo (Otis Lombardi, pilone) che si incrociano sul terreno di gioco quando mancano poco meno di 10' al fischio finale e le squadre sono in perfetta parità. Lombardi corre (quanto può correre un pilone, ma corre) verso il cuore dell'azione. Il petrarchino no. È a terra svenuto dopo che un placcaggio portato all'altezza del bacino di un avversari in divisa rossoblu lo ha mandato ko. Il gioco continua e l'attenzione di tutti gli attori, i 33 in campo, le panchine e i 4500 sulle gradinate, inesorabilmente si allontana. Non quella del pilone di Rovigo che passando vicino all'avversario a terra capisce immediatamente cosa è accaduto e cosa potrebbe accadere. Non ci pensa due volte. Non si sbraccia, non chiama e non cerca soccorsi. Si disinteressa dell'azione e della partita. Si ferma e si china su quella maglia nera stesa al suolo. “Gli ho aperto la bocca perché la lingua non gli bloccasse il respiro” racconterà nel dopo gara alla giornalista. Arrivano i medici. Il padre di Lorenzo, Marzio, capitano della Nazionale italiana alla WC del 1987, stimato otorino, freme dagli spalti. Lui di derby al Battaglini ne ha giocati tanti. Sempre con la maglia nera dei nemici padovani. “A sostenerlo e a fargli coraggio mentre con la testa fra le mani passeggia avanti e indietro in cima alla tribuna sono i tifosi del Rovigo” racconta Alice Sponton. Che splendidamente chiosa: “Perché il rispetto e l'umanità, anche fra rivali, è una questione di dna”. Tutto questo è derby, conclude il pezzo della collega. Lorenzo Innocenti sta bene. Giorgio Sbrocco

03
marzo


Italia League Eccellenza - Petrarca avanti di un punto al riposo sul Rovigo nel derby n.150. By Giorgio Sbrocco

  Una meta di Innocenti e un numero incredibile di calci sbagliati (4 Minniti, 3 Basson, più 3 drop) nel primo tempo del derby n.150 fra Rovigo e Petrarca che si sta disputando allo stadio Battaglini davanti a 4 mila spettatori. Rovigo superiore in mischia chiusa e in dominio territoriale quasi costante. Nella foto di Elena Barbini: il presidente del Petrarca Enrico ToffanoCz Rovigo – Petrarca 6 – 7  (primo tempo)Giorgio Sbrocco  

01
marzo


Italian League Eccellenza – Moretti mette i campo un Petrarca molto giovane nel derby 150 con Rovigo. By Giorgio Sbrocco

Andrea Moretti ha scelto un XV molto giovane per il derby di domenica contro Rovigo allo stadio Battaglini (ore 15, differita Raisport 22.30). Titolari Bellini all’ala, Menniti e Billot in mediana, Sarto e Conforti in terza e la coppia di piloni Leso-Furia in prima linea. In panchina l’esperienza di Damiano, Caporello, Ansell, Travagli e Chillon.Petrarca: Bortolussi, Bellini, Sanchez, Bertetti, Innocenti,Menniti-Ippolito, Billot, Sarto, Conforti,Holmes,Mathers, Tveraga, Leso, Gega, Furia. In panchina.: Damiano, Caporello, D'Agostino, Targa, Ansell, Travagli, Favaro, Chillon.Giorgio Sbrocco

01
marzo


Italian League Eccellenza – Moretti (Petrarca) e il blocco delle retrocessioni. Favorevoli o contrari? By Giorgio Sbrocco

Intervistato da onrugby.it alla vigilia del derby d’Italia n.150 contro Rovigo, l’allenatore del Petrarca Andrea Moretti lancia un’idea per il futuro del massimo campionato. La riportiamo integralmente e ci schieriamo idealmente al fianco del tecnico bianconero nell’attesa di conoscere le opinioni dei nostri lettori“Non so se sia possibile farla a termini di statuto CONI ma “bloccare” l’Eccellenza per due, tre o quattro anni non sarebbe male. Decidere a tavolino che per quel periodo non ci siano promozioni o retrocessioni. Questo darebbe il tempo ai club di fare una programmazione anche qualitativa su un periodo medio-lungo. Il Pro12 è cresciuto di qualità grazie a questo sistema bloccato. Gioverebbe anche ai club delle serie inferiori”.Giorgio Sbrocco.

25
febbraio


Italian League Eccellenza – Presentazione a Padova e a Rovigo del trofeo per il derby n.150. By Giorgio Sbrocco

Fervono i preparativi per il derby del campionato di Eccellenza Rovigo – Petarca n.150 che si disputerà allo stadio  Battaglini domenica 3 marzo (diretta su Rais sport ore 15). Mercoledì 27 febbraio alle 10.45 in municipio a Padova, sarà presentato il trofeo che verrà messo in palio domenica. Il girono dopo alle 12 si replica nel capoluogo polesano: presentazione ufficiale del derby in municipio alla presenza di una delegazione del Petrarca con il presidente Enrico Toffano.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball