11
ottobre


HC – Nel Benetton a Swansea si rivedono Botes e Vosawai. In prima linea dentro "Bees" Roux dal primo minuto. By Giorgio Sbrocco

Debutto al Liberty Stadium Swansea contro gli Ospreys per il Benetton di Franco Smith che in HC è stato inserito nel girone 2 in compagnia di  , Leicester Tigers e Stade Toulousain. Ritorni importanti e qualche assenza di peso nella formazione di Leoni annunciata da Franco Smith. Si rivedono Ludovico Nitoglia (fuori dal 15 settembre) e Tobias Botes con la maglia numero 9 a comporre la cabina di regia con l’azzurro Burton. Al centro della terza linea: graditissimo ritorno di Manoa Vosawai, assente da aprile per problemi alla spalla. Resyling anche in prima linea, con Ghiraldini tallonatore fra Alberto De Marchi e Jacobus "Bees" Roux. Calcio d'inizio fissato per le 20 locali, le 21 in Italia, con diretta testuale sulla pagina twitter di Benetton Rugby e diretta televisiva su Sky Sport 3, canale 203, con telecronaca di Francesco Pierantozzi e Federico Fusetti. Direzione di gara affidata allo scozzese Neil Paterson. BENETTON TREVISO15 Luke McLean14 Ludovico Nitoglia13 Tommaso Benvenuti12 Alberto Sgarbi11 Tommaso Iannone10 Kristopher Burton9 Tobias Botes8 Manoa Vosawai7 Alessandro Zanni6 Simone Favaro5 Valerio Bernabò4 Antonio Pavanello (capitano)3 Jacobus Roux2 Leonardo Ghiraldini1 Alberto De MarchiA disposizione:16 Enrico Ceccato17 Ignacio Fernandez-Rouyet18 Pedro Di Santo19 Francesco Minto20 Paul Derbyshire21 Robert Barbieri22 Fabio Semenzato23 Andrea Pratichetti Giorgio Sbrocco

05
ottobre


Pro 12 – Le Zebre provano a rientrare in partita. In meta con Redolfini ma poi è ancora solo Ospreys. By Giorgio Sbrocco

Zebre – Ospreys  16-34  (pt 6 – 21)Marcatori: 5’ cp Biggar, 10’ cp Garcia, 13’, 19’ cp Biggar, 28’ m. Fussel tr. Biggar, 37’ mnt J.Thomas, 40’ cp Haangahu, 43’ m. Redolfini tr. Halangahu, 54’ cp Halangahu, 58’, 62’ cp Biggar, 73’ m. Biggar tr. BiggarGialli: 23’ Chillon (Z), 62’ PratichettiArbitro: McManemy (Sco) Secondo tempo Tanta buona volontà, grande cuore e (persino) qualche idea in attacco! Ma non basta alle Zebre di Gajan per  ribaltare la situazione. E nemmeno per scendere sotto quota 8, quella del bonus. E Chiesa all’apertura…pare una scommessa da non replicare, un’idea su cui i non insistere. Le Zebre tornano in campo con Sole e Perugini in mischia, si installano palla in mano dentro i22 degli Ospreys che erigono una muraglia difensiva all’altezza dei loro cinque metri. La difesa regge a otto consecutivi tentativi di superamento del vantaggio ma capitola quando lungo l’out sinistro Redofini sbuca da una ruck e dalla chiusa plana in meta. Halangahu trasforma da posizione angolata e la partita, almeno sul piano delle intenzioni, si riaccende. Le Zebre giocano tutto e dovunque, Ammirevole ma dispendioso. Halangahu si conferma debole sulle palle alte (45’). Un banale in avanti dei gallesi di fronte ai pali (47’) conclude una bella penetrazione sull’asse da rl. In prima linea Perugini si fa rispettare e costringe il destro degli Ospreys a stapparsi illegalmente. Garcia prova a centrare i pali (48 metri a sinistra della porta) ma non c’è la necessaria precisione. Dentro Festuccia per (un ottimo!) Giazzon. In campo anche Benettin (51’) per Chiesa (ma davvero il suo futuro è all’apertura?). Altro “gioco di prestigio” della premiata ditta Perugini-Festuccia(53’) frutta un piazzato (35 metri quasi centrale) che Halangahu non sbaglia e porta i suoi a – 5. Un fuori gioco (di Chillon?) su calcio d’invio frutta agli Ospreys una rl a cinque metri: tre palle strette e fuori a Biggar. Geldenhuys lo placca ma sul punto d’incontro c’è fallo. Rigore senza portiere per Biggar e gallesi che vanno oltre bonus. Al 60’ Tripodi sostituisce Redolfini, escono anche Chillon (Martinelil)e Bergamasco (Ferrarini). Le Zebre diventano arrembanti, ma un calcio alto di Biggar crea il panico nell’asse profondo. Sinoti fa il miracolo ma non basta, e sul placcaggio in zona difensiva Pratichetti gioca sporco e viene punito con il giallo. Biggar non sbaglia e il vantaggio odei gallesi torna  in doppia cifra. Non ci voleva. Martinelli formato moviola (64’) viene contrato dentro i 22, ne nasce una rl che genera (dopo un fortuito cambio di possesso) una mischia ordinata sui 10 degli Ospreys. Al 70’ c’è un recupero (?) dubbio su Geldenhuys a terra dentro i 22 (bel contrattacco di oltre 50 metri) che l’arbitro scozzese non giudica illegale e “risolve” con una mischia in favore degli ospiti. La furbata di Perugini (rotazione indotta) viene punita con calcio di punizione e la palla si allontana. Da una rimessa (persa!) nasce una bella partenza dalla chiusa dei gallesi che libera Biggar  (che trasforma e viene eletto Man of the match) per la meta numero 3 al 73’. Sulla partita, che di fatto finisce qui, cala il sipario. Le due squadre continuano a darsi battaglia e a (tentar di) divertire il pubblico. Gli Ospreys rincorrono il bonus, ma non lo raggiugono. Nelle Zebre: molto bene Geldenhuys, Giazzon e Bergamasco. Quando è entrato in campo Ferrarini ha fatto vedere cose (molto) interessanti. Nella foto di Elena Barbini: corpo a corpo fra Pratichetti e Fotuali'i. Giorgio Sbrocco  

05
ottobre


Pro 12 – Solo Ospreys in campo a Moletolo. Zebre sempre in difesa e sotto di 15 al riposo, By Giorgio Sbrocco

Zebre – Ospreys    6 - 21Marcatori: 5’ cp Biggar, 10’ cp Garcia, 13’, 19’ cp Biggar, 28’ m. Fussel tr. Biggar, 37’ mnt J.Thomas, 40’ cp Gialli: 23’ Chillon (Z)Arbitro: McManemy (Sco) Primo tempo senza storia al XXV Aprile di Moletolo fra Zebre e Ospreys che vanno al riposo dopo 40’ di assoluto dominio gallese con i padroni di casa sotto di 15 puntiUna sola squadra in campo, quella gallese. Zebre ben organizzate in difesa (distribuzione efficace) ma desolatamente a zero per quanto riguarda possessi e territorio. Un dato su tutti: le Zebre sono entrate per la prima volta della metà capo degli Ospreys al minuto 34’ (drive da rl e poi bella penetrazione centrale di Garcia). Prima e dopo: solo placcare e difendere lo spazio. I tre punti dei bianconeri sono arrivati al 10’ grazie a una bombarda da 52 metri di capitan Garcia. La partita l’hanno fatta Biggar e i suoi. Praticamente nascondendo la palla alla formazione italiana e concretizzando un paio di situazioni con Fussel al 28’ (cambio di fronte e soprannumero a sinistra con Chillon fuori per giallo) dopo una mischia davanti ai pali regalata dall’errore di presa di Halangahu (nion la sua specialità, i palloni alti) e con il n. 8 Thomas che ha schiacciato vicino alla bandierina dopo aver asfaltato il povero (ma non incolpevole) Chiesa. Allo scadere un calcio in mezzo ai pali dell’estremo australiano riduce (di poco) lo svantaggio. Nella foto di Elena Barbini: Van Schalkwyk sotto pressione per Garcia.             Giorgio Sbrocco  

02
ottobre


Pro 12 – Gajan (Zebre): “Bene il punto di bonus a Edimburgo. Ma certre partite si devono vincere!”. By Giorgio Sbrocco

Venerdì Zebre – Ospresys sarà trasmesso in diretta su Sportitalia. Intanto coach Gajan analizza la sconfitta di misura subita a Edimburgo. Accanto al comprensibile sconforto per la vittoria mancata, l'orgoglio del primo punto in classifica conquistato. Il tecnico francese concia proprio dal bonus: ”Per noi è una prima soddisfazione. Ma vogliamo vincere le partite quando possiamo farlo. In generale c'è una crescita e mi aspetto di crescere ancora per arrivare ai risultati. Venerdì in Scozia abbiamo preso due gialli in sequenza che definirei strani,  a 80 metri dalla nostra linea di meta. Non abbiamo fatto molti falli avendo avuto solo 9 calci contro . Effettivamente abbiamo sbagliato due volte in difesa : dobbiamo correggere queste cose. Nel secondo tempo una buona difesa all’interno dei nostri 22 metri: era possibile portare a casa la vittoria ma non lo abbiamo fatto, ne faremo tesoro per la prossima volta”. In attesa di ricevere al XXV Aprile i campioni incarica gallesi di Swansea: “”Per me tutte le gare sono difficili, non vedo una squadra più forte delle altre. Siamo all'inizio stagione, ogni squadra ha un obiettivo diverso. Tutti sono a un ottimo livello come gli Ospreys cha hanno vinto contro Munste lo scorso weekend. Sappiamo delle difficoltà delle gare, è così ogni settimana per noi". Secondo Vincenzo Troiani, allenatore degli avanti: ”Siamo contenti di aver visto il progresso soprattutto a livello difensivo. Acquisiamo sempre maggior competenza per giocare le gare di questo livello. Siamo stati competitivi per la prima volta, questo è il primo passo necessario per poter vincere le partite. Dobbiamo migliorare la pressione in touche difensiva per contendere maggiormente il pallone in aria. Bisogna mettere più pressione agli avversari in tutte le fasi di gioco per togliere loro diverse opzioni. A Glasgow è stato difficile la gestione dell’arbitro; ritengo che i direttori di gara debbano lasciare giocare di più la mischia e sanzionare solo i falli di anti gioco importanti senza scendere troppo nei particolari, di difficile interpretazione anche per noi tecnici. In più spesso non c’è uniformità di giudizio nell’arco della partita. La squadra deve avere più fiducia nei propri mezzi, sappiamo che possiamo migliorare solo osando qualcosa in più rispetto alla gara precedente” .Giorgio Sbrocco

01
ottobre


Pro 12 - Gruff Rees (Ospreys) dopo il successo su Munster: “Con le Zebre dovremo fare meglio!”. By Giorgio Sbrocco

A proposito di perfezionismo applicato allo sport.  Le prime parole di Gruff Rees, allenatore della linea arretrata degli Ospreys vittoriosi (30-15) su Munster nell’ultimo turno di Pro 12, il giorno dopo la partita sono state: “Abbiamo evidenziato qualche piccolo progresso rispetto al passato. In campo si sono viste, come al solito, molte buone intenzioni, ma anche dosi importanti di concretezza e di senso pratico”. Continua l’analisi: “Ci siamo espressi su buoni livelli di condizione fisica, ma a volte ci siamo smariti nel corso della gara.  Dobbiamo migliorare, non c’è dubbio. Buoni I  primi 25 minuti, ma non bene l’ultimo quarto d’ora del primo tempo. Dobbiamo assolutamente migliorare la media dei punti segnati in rapporto al numero di ingressi nei 22 aversari”. E per finire: una promessa che interesserà coach Gajan e le sue Zebre che venerdì affronteranno gli Ospreys a Moletolo (20.05, diretta Tv su Sportitalia) nella partita valida per la sesta giornata del torneo. “La vittoria su Munster è stata un mattone importante della nostra stagione. Ma la prossima settimana in Italia dovremo fare di meglio”. Detto da uno che ha appena dato 30 punti all’Armata Rossa d’Irlanda…forza Zebre!Giorgio Sbrocco

26
settembre


Tags
,

Pro 12 – Niente squalifica per George Stowers (Ospreys). By Giorgio Sbrocco

 Clemenza per  George Stowers (Ospreys), che oggi è apparso davanti alla commissione di disciplina indipendente presieduta da  David Hurley (Irlanda) per i fatti a lui addebitati nel corso di Scarlets – Ospreys dell'ultimo turno di campionato. L'accusa era di gioco violento e illegale. I giudici (oltre al presidente, irlandesi anche gli altri due membri  George Spotswood e Pat Barriscale) hanno ritenuto credibile la difesa del giocatore, il quale ha sostenuto di aver colpito involontariamente un avversario nel tentativo di strappargli il pallone di mano. Quindi: in azione di gioco.Giorgio Sbrocco

21
settembre


Pro 12 – Impresa Ospreys a Llanelli. Due mete di Van der Merwe nella vittoria di Glasgow su Connacht. By Giorgio Sbrocco

Una sopresa e un pronostico rispettato nelle due sfide del venerdì celtico del Pro 12 che ha visto cadere gli Scarlets in casa nel derby gallese e i Guerrieri di Glasgow prevalere su Connacht allo Scotstoun. Scarlets – Ospreys 16-23 (pt 6-9)Contro tutti i pronostici della vigilia sono gli Ospreys di Swansea ad aggiudicarsi (23-16) il derby del Galles a Llanelli in casa degli Scarlets primi della classe e a invertire una pericolosa tendenza che aveva visto i campioni in carica perdere le prime tre partite della stagione. Dopo un primo tempo molto equilibrato, giocato sul duello a distanza fra Biggar e Piestland, e il pareggio (9-9) firmato Priestland al 48’, gli Ospreys passano in vantaggio al 72’ grazie alla meta di Ryan Jones trasformata da Biggar. A tempo scaduto la meta di George North trasformata da Priestland ottiene per gli Scarlets il punto di bonus difensivo Glasgow – Connacht 27-17 (pt 15-10)Pronostico rispettato allo Scotstoun, dove i Warriors hanno superato Connacht al termine di un match molto equilibrato e combattuto, risolto dalle due mete scozzesi nel primo tempo di Sean Lamont e Murchie, cui gli irlandesi hanno opposto la marcatura di McRea. In apertura di secondo tempo è però Van der Merwe (46’) a siglare la meta della sicurezza scozzese. A nulla serve la pronta risposta di Connacht che trova con Nathan White (49’) i punti del – 5. Ma è ancora il pilone Van der Merwe al 69’ a schiacciare per la seconda marcatura personale che vale il 27-17 finale. Giorgio Sbrocco

16
settembre


Pro 12 - Scarlets al comando. Ospreys in crisi?. Giornata favorevole alle scozzesi. By Giorgio Sbrocco

Non si ferma la corsa degli Scarlets. I gallesi hanno vinto come da pronostico a Galway sul Connacht e mantengono la prima piazza in solitario della classifica generale con due lunghezze di vantaggio sull’Ulster che si è aggiudicato sul filo di lana il derby irlandese con Munster. Terzo Edimburgo che ha capitalizzato al meglio i cinque punti conquistati a Murrayfield contro le Zebre. L’impresa di giornate è comunque scozzese, grazie alla vittoria (esterna!) di Glasgow a Swansea sugli Ospreys campioni in carica. Complimenti ai Warriors, ma in casa Ospreys (terza sconfitta consecutiva) c’è qualcosa che non va, e la parola crisi…Ordinaria amministrazione, ma con una quota di fatica forse non preventivata, per Cardiff che a Newport vince (senza dominare)  il derby del Galles sui Dragons. Tre nazioni diverse (Galles, Irlanda, Scozia) ai primi tre posti. Il monopolio irlandese sul torneo celtico è finito. No! C’è da giurarci. E da scommetterci. Risultati  III giornataOspreys - Glasgow Warriors 10-28Ulster - Munster 20-19Edimburgo - Zebre 41-10Connacht - Scarlets 11-24Newport Dragons - Cardiff Blues 5-16Benetton Treviso - Leinster 18-19 ClassificaScarlets 14Ulster 12Edimburgo 10Munster, Cardiff, Leinster 9Newport, Connacht, Glasgow, Treviso 5Ospreys 2Zebre 0 Giorgio Sbrocco      

13
settembre


Pro 12 – Gli Ospreys in casa con Glasgow inseguono la prima vittoria. Coach Tandy: “Più disciplina e meno errori!”. By Giorgio Sbrocco

Assicura  Steve Tandy, capo allenatore degli Ospreys, campioni in carica ma autori di un pessimo avvio di campionato, alla vigilia del match con Glasgow al Liberty stadium di Swansea: Per noi si tratta di un match molto importante. Ci troveremo di fronte una squadra molto forte, organizzata e pericolosa in reparto. Anche lo, come noi, hanno cominciato male. Ma sappiamo quanto effettivamente valgano, della semifinale che hanno conquistato l’anno scorso e anche due anni prima…e come noi non siamo diventati una squadra scadente per il brutto inizio, lo stesso vale per loro”.  Sulla sconfitta interna con l’Ulster sabato scorso: “Abbiamo rivisto il video di quella partita e compreso a fondo gli aspetti positivi e quelli negativi della nostra prestazione”. Quanto alle formazioni molto “rimaneggiate” schierate nelle prime due giornate: “Abbiamo dato a molti giovani la possibilità di mettersi alla prova. Ma sia a Treviso sia in casa siamo andati in campo con squadre che avrebbero potuto vincere. Più disciplina e meno errori: questa la ricetta per tornare al successo. A cominciare da domani”. Questa la formazione annunciata, con il debutto all’ala di Tom Grabham OSPREYS 15 Richard Fussell14 Hanno Dirksen13 Jonathan Spratt12 Ashley Beck11 Tom Grabham10 Dan Biggar9 Rhys Webb1 Duncan Jones2 Richard Hibbard3 Aaron Jarvis4 Ian Gough5 Ian Evans6 George Stowers7 Justin Tipuric (Capt)8 Joe Bearman In panchina 16 Scott Baldwin17 Ryan Bevington18 Joe Rees19 Alun Wyn Jones20 Sam Lewis21 Kahn Fotuali’i22 Matthew Morgan23 Andrew Bishop Giorgio Sbrocco  

06
settembre


Pro 12 – A Ian Evans (Ospreys) solo un’ammonizione formale per il doppio giallo di Treviso. By Giorgio Sbrocco

Se l’è cavata davvero con poco  la seconda linea degli Ospreys di coach Sean Holley (nella foto) Ian Evans, espulso per doppio cartellino giallo (il secondo per placcaggio illegale) nel corso del primo tempo di Benetton-Ospreys di venerdì 31 a Treviso. Il giocatore è comparso oggi a Edimburgo davanti alla commissione disciplinare indipendente presieduta  dallo scozzese John Kirk che, al termine dell’audizione e dell’istruttoria formale ha ritenuto di non comminare alcuna sospensione. Ian Evans è stato perciò “formalmente ammonito” per il secondo giallo con la raccomandazione a non reiterare in futuro una tale condotta. Giorgio Sbrocco  

Rugby Ball