03
gennaio


Pro 12 – Novità nelle Zebre in Galles venerdì a Swansea. Rientrano Quartaroli e Halangahu. By Giorgio Sbrocco

Chrstian Gajan è stato di parola. Cambiamenti aveva promesso e (molti e non tutti per scelta tecnica) cambiamenti di formazione ha operato in vista della trasferta gallese di venerdì al Liberty Stadium di Swansea contro gli Ospreys. La partita sarà l’occasione per festeggiare il rientro del centro Quartaoli, fuori dal match di Newport (agosto, prima giornata di Pro 12) e il ritorno in squadra dell’australiano Halangahu. Resteranno invece a casa i quanto indisponibili per infortunio: Bergamasco, Sinoti, Odiete, Sarto, Sole e Pratichetti. Nel XV di partenza: linea arretrata tutta made in Italy, con l’inedita mediana Chillon – Buso (in meta con Treviso sabato a Monigo), centri Quartaroli e Garcia, gli stessi dello sfortunato debutto a Newport e ali Venditti-Pace, maglia numero 15 al padovano Benettin che torna titolare dopo l’infortunio. Cambi anche in mischia: in prima linea Giazzon tallonatore fra Ryan e De Marchi, confermati Geldenhuys e Van Vuren un seconda e la coppia Ferrarini-Belardo flankers ai lati di Van Schalkwyk, In panchina si rivedono: Chiesa (fuori dal 3 novembre per problemi al ginocchio) e Leibson. ZEBRE15 Alberto BENETTIN*14 Giovanbattista VENDITTI*13 Roberto QUARTAROLI*12 Gonzalo GARCIA (cap)11 Samuele PACE10 Paolo BUSO9 Alberto CHILLON*8 Andries VAN SCHALKWYK7 Nicola BELARDO*6 Filippo FERRARINI*5 Michael VAN VUREN4 Quintin GELDENHUYS3 David RYAN2 Davide GIAZZON1 Andrea DE MARCHIIn panchina :16 Carlo FESTUCCIA17 Carlo FAZZARI*18 Luciano LEIBSON19 Emiliano CAFFINI*20 Daniel HALANGAHU21 Tito TEBALDI22 Alberto CHIESA*23 Ruggero TREVISAN**Accademia Fir OSPREYS 15 Matthew Morgan 14 Ross Jones 13 Tom Isaacs 12 Andrew Bishop 11 Eli Walker 10 Dan Biggar 9 Rhys Webb 1 Duncan Jones 2 Scott Baldwin 3 Adam Jones (Capt) 4 Ian Gough 5 Lloyd Peers 6 James King 7 Sam Lewis 8 Jonathan Thomas In panchina: 16 Richard Hibbard 17 Ryan Bevington 18 Campbell Johnstone 19 Morgan Allen 20 George Stowers 21 Kahn Fotuali’i 22 Jonathan Spratt 23 Richard Fussell Giorgio Sbrocco  

02
gennaio


Pro 12 - Ryan Jones nominato Testimonial degli Ospreys per il 2013. By Giorgio Sbrocco

Il 31enne Ryan Jones (capitano del Galles, 135 caps con gli Ospreys dal 2004, 4 Celtic league vinte, 19 mete segnate) aprirà venerdì, in occasione della sfida di Pro 12 con le Zebre al Liberty Stadium, il suo anno nelle vesti di Testimonial della formazione regionale di Swansea. Fra i numerosi appuntamenti che attendono il forte terza linea nativo di Newport: il pranzo ufficiale di apertura del Sei Nazioni 2013 all’Arms Park di Cardiff in veste di ospite d’onore. Nel corso del 2012 Jons si è distinto per la raccolta di fondi promossa per aiutare le famiglie dei soldati gallesi caduti sul fronte Afgano. Andrew Hore, Chief Operations Officer degli  Ospreys  ha dichiarato: “ Ryan è uno dei nostri uomini più affidabili, uno che sa comandare e farsi seguire con l’esempio. Siamo perciò davvero felici e onorati di averlo nominato nostro testimonial per l’anno 2013 in riconoscimento dei servizi resi”. Giorgio Sbrocco

31
dicembre


Pro 12 – Vittoria degli Ospreys sui Dragons nell’ultima sfida ovale del 2012. By Giorgio Sbrocco

Vittoria degli Ospreys nel derby gallese del Rodney Parade di Newport, ultima gara ufficiale del 2012, recupero dell’11esimo turno di Pro12.  Primo tempo chiuso sul 7-3 per gli Ospreys grazie alla meta, trasformata da Dan Biggar (due errori dalla piazzola per lui nei primi 40’) dell’ala Eli Walker in avvio,  cui il rientrante Pryde replica con un piazzato al 13’. Secondo tempo molto equilibrato ma con poco da segnalare (anche per le condizioni del terreno di gioco reso pesante da 48 di pioggia continua). Almeno fino all’ultimo quarto, quando Ashley Beck , entrato da poco in campo per l’ala Ross Jones,  firma al 62’ la seconda meta degli ospiti. Dan Biggar non sbaglia e porta i suoi avanti 14-3. Punteggio che rimane immutato fino al fischio di chiusura. Grazie alla vittoria così conquistata gli Ospreys salgono  al quinto posto in classifica generale a pari punti (35) con Leinster.Pro 12 – XII giornataNewport – Ospreys  3-14 (pt 3-7) Classifica: Ulster 47, Scarlets 38, Munster 37, Glasgow 36, Leinster , Ospreys 35, Benetton 27, Cardiff 24, Edinburgo 22, Connacht 16, Newport 14, Zebre 5Giorgio Sbrocco

26
dicembre


Pro 12 – Ospreys troppo forti, Scarlets in tilt. Tre gialli e due rossi al XV di Llanelli. By Giorgio Sbrocco

Nel secondo derby gallese del giorno di Santo Stefano andato in scena al Liberty stadium di Swansea davanti a 16 mila spettatori (!) gli Ospreys si sono nettamente imposti sul XV di Llanelli targato Scarlets con il punteggio di 32-3 al termine di un incontro praticamente senza storia e costantemente dominato. Per i padroni di casa, che hanno chiuso il primo tempo avanti 19-3, punti a referto dal piede di Biggar (14) e  una  meta di penalità concessa al 24’. Scarlets mai veramente pericolosi, a segno con Aled Thomas al 27’ e in inferiorità numerica dal 29’ per il giallo alla seconda linea Earle.   Il secondo tempo è tutto degli Ospreys che vanno in meta con la seconda linea King (48’) e il mediano di mischia Kahn Fotuali'i (66’). Scarlets decisamente fuori dai giochi (secondo giallo al mediano di mischia Tavis Knoyle al 65’, terzo all’apertura Aled Thomas al 72’) e dominati in ogni fase del gioco. A completare la serata davvero infelice in casa Scarlets sono arrivati (79’ e 80’) anche i cartellini rossi alla terza linea McCusker e al centro Gareth Owen. Pro 12 – XII giornataOspreys – Scarlets  32-3 (pt 19-3) Giorgio Sbrocco

17
dicembre


HC – Dusautoir (Tolosa): “Sconfitti da un avversario più rapido. E certe decisioni dell'arbitro...”. By Giorgio Sbrocco

Ritorno in campo amaro per  Thierry Dusautoir (50' sul terreno e primo pallone della partita in avanti!) che con il suo Tolosa ha perso a Swansea in casa degli Ospreys (17-6) rendendo molto meno agevole di quanto preventivato l'accesso ai quarti di finale di Hc. “Era fondamentale non lasciarli giocare in tranquillità” è l'analisi del forte terza linea a Rugbyrama il giorno dopo il “fattaccio”. “Ma purtroppo non ci siamo riusciti. In difesa abbiamo tenuto discretamente ma, nel complesso, loro sono stati molto più rapidi e reattivi nelle fasi di transizione e di ripiazzamento. Inoltre: la loro aggressività ci ha mesos in difficoltà e ci ha fatto perdere alcuni palloni cruciali per l'esito dell'incontro”. Una partita cominciata male e finita peggio: “Mi sono subito reso conto che qualcosa non funzionava. Noi ci ripiazzavamo lentamente, loro erano fulminei. Per quanto motivo non siamo mai riusciti a entrare efficacemente nel loro campo e, soprattutto, ad avere palloni giocabili in attacco”. Poche le cose che hanno funzionato. Ammette Dusautoir: “In mischia abbiamo avuto problemi. L'unica fase che abbiamo svolto bene è stato il gioco raggruppato penetrante. Sol oche non siamo riusciti a produrre azioni pericolose. Anche per una serie di interventi fallosi dei gallesi non rilevati dall'arbitro. Il giallo ad Albacete (avversario calpestato, nda) , sinceramente non l'ho capito...”. I rilevamenti statistici diranno che Tolosa ha commesso la metà dei falli commessi dagli avversari ma ha avuto due gialli contro...”Non è giusto cercare le ragioni di una sconfitta negli errori dell'arbitro. Però certe sue decisioni hanno sicuramente pesato”.Giorgio Sbrocco

10
dicembre


Pro 12 – Zebre in Galles con gli Ospresys venerdì 4 gennaio. Il 6 c'è Arsenal - Swansea di FA cup. By Giorgio Sbrocco

Confermate data e orario del primo impegno delle Zebre in Pro 12 del 2013. La formazione italiana sarà infatti di scena al Liberty stadium di Swansea contro gli Ospreys venerdì 4 gennaio con il calcio d'invio fissato per le 20.05 ora italiana. Il ritardo nella definizione della data è dovuto al sorteggio del terzo turno di FA cup (la più antica competizione del calcio britannico). Dall'urna è uscito l'accoppiamento Swansea City – Arsenal e la gara (al Liberty stadium) è stata fissata per il giorno dell'EpifaniaGiorgio Sbrocco

28
novembre


Tags
,

Pro 12 – Ospreys: continua la strage dei piloni destri. Fuori anche Aaron Jarvis. By Giorgio Sbrocco

Stagione finita per il 26enne pilone destro del Galles Aaron Jarvis che ha riportato un serio infortunio al ginocchio nel corso del recente Test match di Cadriff contro la Nuova Zelanda. È il terzo pilone destro degli Ospreys (in un mese!) a essere messo “fuori uso” da importanti infortuni.  La diagnosi parla di “importante lesione ai legamenti del ginocchio destro”. Lo staff medico ha inoltre comunicato che  si renderà necessario un intervento chirurgico di ricostruzione, Decisamente un pessimo futuro alle porte per la formazione di Swansea, impegnata in Pro 12 e in Heineken cup.Giorgio Sbrocco  

23
novembre


Tags
,

Pro 12 - Andrew Bishop è il “Most capped” di Ospreys. Stasera in Scozia farà 181. By Giorgio Sbrocco

Scendendo in campo stasera a Murrayfield contro Edinburgo, il 27enne centro gallese (nativo di Treherbert) Andrew Bishop stabilità il record assoluto di presenza in maglia Ospreys (181), superando il precedente detentore Paul James. Bishop vanta 16 caps con la Nazionale del Galles e ha all’attivo 10 mete personali. Il suo debutto con la formazione regionale di base a Swansea risale al febbraio 2005 (contro la scomparsa franchigia scozzese dei Borders). Gruff Rees, coach della linea arretrata del club ha così commentato l’evento: “Aver disputato tante partite con la maglia degli Ospreys dice più di ogni altra cosa della qualità del giocatore e dell’uomo. Quanto a consistenza, disponibilità al lavoro al sacrificio Andrew non è secondo a nessuno e possiede tutte le caratteristiche che noi cerchiamo un in giocatore”.Giorgio Sbrocco  

15
novembre


Pro12 – Alun Wyn Jones (Ospreys) fermo quattro mesi. Per lui: intervento ricostruttivo del legamento della spalla. By Giorgio Sbrocco

È costata cara al Galles e alla franchigia regionale degli Ospreys la sconfitta del Millenium stadium per mano dell'Agentina nel primo dei test di novembre sostenuti dalla nazionale dei Dragoni. Il capitano degli Ospreys  Alun Wyn Jones ha infatti lasciato ieri il raduno della Nazionale per fare ritorno a Swansea con una spalla in pessime condizioni. Dopo accurati controlli diagnostici sull'articolazione infortunata, lo staff medico che segue il giocatore ha deciso di procedere per via chirurgica alla ricostruzione del legamento lesionato, al fine di consentirgli una continuazione di carriera in linea con le aspettative personal ie dell'ambiente. Ha dichiarato Chris Towers,responsabile del setotre fisioterapico degli Ospreys: “Sarà sottoposto a intervento nel fine settimana e sarà di nuovo in campo entro 12-16 settimane”Giorgio Sbrocco

12
ottobre


HC -Treviso lotta e si arrende solo nel finale. Grande Vosawai. By Giorgio Sbrocco

Ospreys – Benetton  38 - 17(pt 16-3) Marcatori: 3’ , 8, 15’ cp Biggar, 18’ cp Burton, 20’ m. Walker tr. Biggar , 45’ m.Dirksen tr. Biggar, 56’ m. Vosawai tr. Burton, 58’ m. McLean tr. Burton, 64’ cp Biggar, 73’ mnt Dirksen, 80' m. Beck tr. BIggar Gialli: 26’ Pavanello (B), A. Jones (O), 33’ Vosawai (B), 70’ Favaro (B) Treviso manca la clamorosa rimonta e si arrende  agli Ospreys nell'ultimo quarto del primo scontro di Heieneken cup in Gallese. Leoni comunque a testa alta all’uscita dal terreno di gioco. Benetton che rinuncia a Zanni nei minuti immediatamente precedenti il calcio d’invio e parte con Derbyshire flanker e Maistri in panchina.Tanto possesso  gallese nel primo tempo, cui Treviso oppone una discreta organizzazione difensiva che però concede troppo in termini di disciplina (3 calci a Biggar nel primo quarto d’ora) e quanto a placcaggi mancati (almeno tre di clamorosi) in occasione della meta dell’ala Walker al 20’. Dei due gialli subiti: quello a Pavanello è parso decisamente eccessivo, quello a Vosawai (forse) un errore di valutazione dell’arbitro scozzese Patterson che ha giudicato continuo il drive da rimessa laterale degli Ospreys che, invece, continuo e compatto non era. Lungo possesso di Treviso a tempo scaduto ma De Marchi si fa bloccare in piedi a meno di cinque metri dalla linea bianca e l’arbitro concede il turnover sulla sirena. In avvio di ripresa (45’) un bell’inserimento di Fussel sulla destra libera (complice un errore difensivo di Treviso)  Dirksen per la meta (trasformata) del 23- 3. Al 53’ Vosawai innesca una bella azione avanzante del pack dei Leoni che Adam Jones ferma con un plateale fallo di antigioco. Patterson vede tutto ma grazia il pilone gallese già “gravato” di giallo. Sul drive conseguente al lancio di Ceccato (56’), è Vosawai a schiacciare oltre la linea al termine di un imperioso avanzamento dei suoi. È il momento migliore di Treviso che al 58’ trova un perfetto cambio di angolo con McLean all’ingresso dei 22 e gela il Liberty stadium volando in mezzo ai pali per il – 6 che preoccupa gli Ospreys e autorizza a sognare la grande impresa.  Mancano 20’ e tutto può accadere. Il fiato della Benetton sul collo dei Falchi pescatori di Swansea potrebbe generare la sorpresa di giornata.  Ma in chiusa Treviso ha problemi: un fallo di assetto di Di Santo (64’) manda Biggar sulla rampa di lancio. L’apertura non sbaglia ed è +9. Al 70’ il giallo a Favaro (disperata difesa dentro i propri 5 metri) lascia Treviso in 14 con gli Ospreys all’introduzione sulla sinistra dei pali italiani. La prima palla genera un reset, la seconda (solo tentata) pure. Poi il possesso Ospreys è incontestato anche se l’avanzamento viene orgogliosamente negato. Risolve tutto il 9 in maglia nera con un perfetto calcio-passaggio  che Dirksen porta in meta camminando nel deserto del lato destro del fronte d’attacco.  Allo scadere Beck firma la quarta meta e il relativo punto di bonus. Migliore in campo il n. 8 della Benetton Manoa Vosawai. Cartellino giallo a parte, semplicemente: perfetto. Sugli altri campi: Ulster - Castres 41 - 17 Giorgio Sbrocco

Rugby Ball