11
novembre


Test match – AB vincono a Murrayfield ma la Scozia segna tre mete. By Giorgio Sbrocco

Pronostico rispettato, ma Scozia capace di segnare 22 punti con tre mete (due dell’olandese volante Visser) ai campioni del Mondo (e noi a Roma sabato prossimo?) e di competere alla pari per un’ora a Murrayfield prima di arrendersi alla mare nera e chiudere con sei mete al passivo il test match che ha aperto il novembre internazionale degli invincibili All Blacks. Scozia – Nuova Zelanda 22 – 51Marcatori: 1' cp. Carter, 12' m. Visser tr. Laidlaw, 18' m. Dagg tr. Carter, 24' cp. Laidlaw, 28' cp. Carter, 29' m. Savea tr. Carter, 33' m. Jane tr. Carter, 37' m. Hore tr. Carter, 40' m. Cross tr. Laidlaw, 50' m. Visser, 53' cp. Carter, 62' m. Savea tr. Carter, 75' m. B. Smith tr. CarterGiorgio Sbrocco

31
marzo


PRO 12: GIORNATA DA DIMENTICARE PER LE GALLESI; CARDIFF MALTRATTATO A GLASGOW, SCARLETS BATTUTI A EDINBURGO E NEWPORT SUPERATO IN CASA DA CONNACHT. By Giorgio Sbrocco

Risultati contro pronostico nelle partite del 19esimo turno di Pro 12 giocate venerdì. Il più clamoroso e inatteso, che però non incide nella lotta play off, è quello di Newport, dove la cenerentola irlandese Connacht ha messo sotto i Dragons (27-19) e negando ai gallesi anche la consolazione del punto di bonus difensivo. Serata nata male e finita peggio  anche per gli attesissimi Scarlets, sconfitti a Murrayfield (26-23) da Edinburgo dopo essere andati al riposo sotto 6-20. Largo e in parte pronosticato successo interno di Glasgow  su Cardiff. Il finale di 31-3 a favore della formazione di Sean Lineen dice di un’ evidente supremazia degli scozzesi, sempre più vicini a una storica qualificazione.

Scozia vs Inghilterra - Meta o NON Meta: Decisivo l’Arbitro alla Moviola! by Maurizio Vancini

Mamma mia! Che grande inizio di 6 Nazioni, tre bellissime gare tutte di grande intensità e la Calcutta Cup, la storica sfida tra Scozia e Inghilterra decisa da una meta siglata dal XV della Rosa dopo un contrasto, cioè un pallone calciato e stoppato regolarmente da un avversario ad inizio secondo tempo e da una successiva  decisone del TMO (Television Match Official) o “Arbitro a Video” che non ne convalida una scozzese. TMO : chi è costui ? dove segue la partita ? quando viene chiamato in causa? quali sono i suoi poteri d’azione? quante immagini ha a disposizione ? Ecco le risposte a queste domande! Il Rugby è da sempre una disciplina all’avanguardia. Le sue regole si sviluppano e si modernizzano insieme  al gioco. C’è molto rispetto per gli Ufficiali di gara e per le loro decisioni. Ah ..Lo sapevate che per ogni partita del 6 Nazioni tra Campo e Tribuna ne sono impegnati ben 10?   Un Arbitro, 2 Assistenti - Giudici di Linea, 4° e 5° Uomo (Responsabili del controllo delle sostituzioni ed espulsioni temporanee), Arbitro a Video (TMO), Match Commissioner (Punteggio e liste gara dei giocatori), Citing Commissioner (Disciplina), P.R. o Assessor (che giudica la performance del Team arbitrale) e infine il Time Keeper che ferma e fa ripartire il tempo di gioco ogni qualvolta l’Arbitro gliene dà indicazione. Vi descrivo l’episodio Meta o NON Meta: un giocatore in attacco e uno in difesa corrono verso l’area di meta per schiacciare il pallone a terra. L’azione è veloce e concitata,  perché se la palla subisce la pressione dell’attaccante (in questo caso lo scozzese) è META!  5 Punti + una comoda trasformazione da 2 = 7 Punti! Se arriva prima il difensore (inglese): “annulla” e si riparte con un rinvio dalla propria area dei 22 metri. Murrayfield è gremito e l’arbitro non è in grado di giudicare nell’immediato. Ferma il tempo e si rivolge via radio al TMO. L’attesa è spasmodica ed anche il pubblico rivede sul mega schermo il perché del suo dubbio.  Il TMO, che è un arbitro tutt’ora in attività oppure ha un passato da Direttore di gara assiste alla stessa fuori dallo stadio, all’interno del Van della Televisione e può essere interpellato solo per situazioni che portino alla realizzazione di punteggio. Ha la possibilità di rivedere l’azione dubbia da almeno 4 diverse angolazioni. Gli viene fatta una precisa domanda e quindi prende la sua decisione rispondendo alla richiesta dell’arbitro. Così sabato l’irlandese Redmond prende tempo, vede e rivede ogni fotogramma e decide: NO! Non è meta!  Sono d’accordo nel sostenere che stare in mezzo al campo è molto più difficile che starsene comodamente seduti in poltrona…Anche in un caso come questo? Maurizio Vancini Ex Arbitro internazionale, 150 gare dirette tra Serie A e Top Ten

Rugby Ball