16
dicembre


Tags

Amlin cup – Pesante sconfitta del Mogliano in Galles. By Giorgio Sbrocco

Pesante sconfitta del Mogliano di Umberto Casellato al Rodney Parade di Newport contro i Dragons nel match che ha chiuso il programma del quarto turno di Amlin cup. Otto le mete dei gallesi (una di penalità decretata dall‘arbitro Wilkinson al 29’). La prima (6’) firmata dall’apertura Daniel Evans, l’ultima a tempo scaduto dal centro 18enne Dixon. Per Mogliano solo un calcio a referto dal piede di Endrizzi al 9’. Newport Dragons – Mogliano 53-13 (pt 29-3)Giorgio Sbrocco

13
dicembre


Eccellenza – Un baby Springbok a Mogliano in terza linea. Ingaggiato Braam Steyn. By Giorgio Sbrocco

 Dopo un avvio di campionato stentato e contrassegnato da una serie davvero infinita di (gravi) infortuni, il Mogliano di coach Umberto Casellato comincia a (intra)vedere la luce alla fine del tunnel e decide di passare al contrattacco alla vigilia di un finale di girone di andata che potrebbe riservare sorprese. Perso (Bath) la terza linea gallese Matthew Ian Gilbert,, con l'obiettivo di non perdere peso specifico in mischia il club trevigiano ha ingaggiato il terza centro sudafricano Braam Steyn (classe 1992, Springboks under 20) che sarà in Italia la settimana di Natale.Giorgio Sbrocco

08
dicembre


Tags
,

Amlin cup – Sconfitte per Prato e Mogliano. By Giorgio Sbrocco

Partita e bonus per lo Stade Francais (assente Sergio Parisse)  che al Chersoni di Iolo ha superato nettamente (e con bonus) i Cavalieri Pratyo di De Rossi e Frati capaci, nonostante la sconfitta, di rimanere in partita per tutto il primo tempo e di marcare due mete con Ruffolo (11’) e Sepe (21’). Prestazione più che dignitosa anche quella del Mogliano di Umberto Casellato che al Quaggia si è arreso 31-0 ai gallesi del Newport in 14 dal 30’ per il rosso subito dal flanker Groves ma caoaci di controllare la partita e di incassare il punto di bonus.Amlin cup – III giornataCavalieri Prato - Stade Français 23-37 Marcatori: 6' m. Fainifo tr. Bezy, 9' m. Fillol tr. Bezy, 11' m. Ruffolo, 14' cp. Bezy, 18' cp. Frati, 21' m. Sepe tr. Frati, 31' cp. Bezy, 52' cp. Frati, 53' m. Fainifo, 66' m. Tecnica tr. Bezy, 77' mnt Fainifo, 80' mnt CannoneMogliano – Newport Dragons  0-31Marcatori: 5' m. Tuilagi tr. Prydie, 22' m. Jones tr. Prydie, 27' m. Harries tr. Prydie, 44' m. Jones, 70' m. PrydieGiorgio Sbrocco

04
dicembre


Amiln cup – Rovigo può farcela in e Mogliano con Newport…By Giorgio Sbrocco

È tempo di Amlin cup per le quattro formazioni del campionato italiano di Eccellenza che sabato saranno impegnate nelle gare valide per il terzo turno della fase di qualificazione dell'edizione 2012/2013 della seconda coppa ovale europea. Sulla carta, e volendo vedere il bicchiere mezzo pieno: Rovigo può vincere a Guernika, Mogliano giocarsela in casa con Newport, Calvisano limitare i danni a Bath e Prato, in casa, provare a restare in partita un tempo contro lo Stade Feancais di Sergio Parisse.Amlin cup – III giornataSabato 8 dicembreGirone 3 – Mogliano – Newport Dragons (ore 14.00)Girone 5 Cavalieri Prato – Stade Francias (ore 14.00)Girone 4 Bath – Cammi Calvisano (ore 14.15)Girone 2: Guernika  - Cz Rovigo (ore 16.00) Giorgio Sbrocco

02
dicembre


Tags

Eccellenza – Petrarca e Mogliano vincono nei posticipi. By Giorgio Sbrocco

Vittoria del Petrarca di Andrea Moretti a Moletolo contro i Crociati nel posticipo domenicale del campionato di Eccellenza. Padroni di casa sempre in partita e per nulla disposti a concedere ai bianconeri terreno e occasioni da meta. Avanti 6-0 con due calci di Gennari, i  padroni di casa vengono sorpassati allo scadere del primo tempo dalla meta (trasformata) del pilone Novak. Nella ripresa: un piazzato al 43’ e la meta (58’) firmate dalla giovane apertura padovana fissano il risultato sul 15-6 per la formazione di Andrea Moretti che torna dal XXV Aprile con (solo?) 4 punti in tasca. All’80’ Zucconi manca l’occasione per centrare i pali e conquistare il punto di bonus difensivo.Crociati Pr – Petrarca Pd 6-15 (pt 6-7) Difficile come nelle previsioni il successo del favorito  Mogliano di Umberto Casellato nel derby veneto in casa del San Donà. A decidere le sorti del match (oltre alle pessime condizioni meteo) è stata la meta del flanker Marco Barbini al 56’ che ha rotto definitivamente l’equilibrio che si era venuto a creare in forza dei due calci realizzati da Robuschi (San Donà) al 4’ e dal moglianese Padovani allo scadere del primo tempo.. Per San Donà un importante punto di bonus all’attivo.San Donà – Mogliano 3-8 (pt 3-3) Giorgio Sbrocco Nella foto Marco Barbini man of the match nella partita San Donà-Mogliano  (ph Elena Barbini)

22
ottobre


Tags

Intervista del mese - Umberto Casellato (Mogliano): "In Europa solo tanta frustrazione". By Giorgio Sbrocco

Umberto Casellato (nella foto di Elena Barbini) allena da due stagioni il Mogliano nel campionato di Eccellenza ed è reduce dai primi due turni di Amlin cup che hanno visto la sua squadra impegnata a Bayonne e in casa con i London Wasps. *Quali impressioni da questo primo assaggio di Europa ovale?- Frustrazione: tanta. Abbiamo subito due sconfitte molto pesanti da squadre che ci sono nettamente superiori per qualità dell'organico e che rappresentano club di un livello organizzativo immensamente superiore al nostro. Sono uno sportivo e fare l'allenatore è il mio lavoro. Ma se a uno sportivo si toglie la possibilità di competere...resta poco o niente. Frustrazione, appunto. E tanta!*Non ritiene che misurarsi con i migliori aiuti a migliorarsi?- Sì, in linea teorica e di principio. Ma scendere in campo con le fionde al cospetto di gente che ha arsenali nucleari a disposizione...Mi risulta difficile capire come e cosa si possa imparare. A prendere un sacco di botte per 80' senza reagire? Forse. *Le squadre di Eccellenza non dovrebbero disputare la Amlin cup?- Si tratta di scelte che ovviamente non dipendono da me. E il parere di un allenatore, in questo caso, è giusto che non abbia alcuna rilevanza. Però, da allenatore, dico che c'è, anzi, che ci dovrebbe essere un limite alla disparità delle forze in campo. Sabato i miei hanno giocato contro Wade. Uno che in cinque metri è riuscito a debordare tre avversari e che, placcata dal lato cieco, è caduto a terra e in meno di un secondo si è rialzato come se nulla fosse accaduto... *Quindi: meglio evitare?- Se qualcuno mi spiega cosa è servito a Rovigo andare in Inghilterra e prendere 14 mete, o a Calvisano prendere quasi 50 punti in Romania...In Italia c'è solo una squadra che può reggere certi ritmi e certe intensità. È Treviso. Mandiamola in Amlin, aspettiamo che la vinca e che si guadagni il posto in Heineken.*A proposito di Treviso: vista la partita con Tolosa?- Ovviamente sì. E mi sono ricordato che 25 anni fa, con l'aereo privato della famiglia Benetton, andammo proprio a Tolosa per un'amichevole pre campionato. In mischia chiusa non ci fu storia: troppo forti i nostri primi cinque per i francesi. La differenza la fecero in giro per il campo, e ne prendemmo 50. Alla luce di quanto visto a  Monigo direi che le cose sono leggermente cambiate. Tolosa ha vinto quando ha messo in campo la prima linea titolare e sul dominio della chiusa ha costruito le tre mete. *Quindi?- Quindi il rugby moderno è, prima di tutto, competenze fisico-atletiche. Il resto: la tattica, lo stile di gioco, l'organizzazione...tutto in secondo piano. Se i Wasps li allenasse per un anno il custode dello stadio di Mogliano, scommettiamo che contro di noi vincerebbero lo stesso? Magari non segnando 59 punti, ma 50 di sicuro!*C'è chi sostiene che in Italia si debbano formare tre franchigie...- Mi domando con quali giocatori. Non con quelli che escono dall'Accademia di Tirrenia e che giocano in serie A1 con l'obiettivo (me l'hanno detto loro!) di fare volume! Quale: quello della radio? Smettiamola di nasconderci la realtà. Noi e gli scozzesi, in Europa, siamo come gli imbucati ai matrimoni. Contiamo poco o niente e veniamo, tutto sommato tollerati. Con la differenza che, magari per c...Edimburgo l'anno scorso ha fatto la semifinale di Heineken e Glasgow in Pro 12 potrebbe lottare per il play off.*A novembre l'Italia gioca tre importanti test: un pronostico?- Premetto che non mi iscrivo al partito di chi ritiene che batteremo l'Australia perché hanno un sacco di infortunati. Questa è una cavolata che può dire solo chi del rugby australiano nulla sa. L'Italia deve puntare a vincere con Tonga, sperando che le condizioni meteo siano “invernali” al punto giusto e che gli isolani non imbrocchino proprio contro di noi la partita buona dell'intero tour. Di solito fanno così: su quattro partite ne giocano al 100% solo una.*Pronostico Heineken?- Stavolta dico Tolosa. Con quella mischia e con quel concentrato di talento allo stato puro...non vedo chi potrebbe fare meglio.*Pronostico Amlin?- Ancora francesi. Butto là Bayonne*Infermeria Mogliano?- Ancora solo posti in piedi! Ma passerà. Orlando e Rodriguez dovrebbero farcela in due mesi, Barbini e Ravalle sembrano apposto, Fadalti torna a gennaio. Patrizio ha finito la stagione. E sabato andiamo a Roma nella caserma delle Fiamme Oro del mio amico Pasquale Presutti. Se penso che contro i Wasps Galon ha segnato la nostra seconda meta al termine di una sequenza superiore al 3'20”...dovrei dire che la vittoria è scritta nel nostro destino. Ma so che non è così. E che tornare con la vittoria in tasca sarà impresa difficile.Giorgio Sbrocco

21
ottobre


Amlin cup – London Wasps troppo forti per Mogliano. In meta anche Masi. By Giorgio Sbrocco

Sconfitta secondo pronostico per il Mogliano allo stadio Quaggia contro o London Wasps degli azzurri  Masi (una meta) e Staibano  nell’ultimo incontro della seconda giornata di Amlin cup. Per gli inglesi, in bonus già al 30’ del primo tempo (meta di Wade), alla fine le mete segnate saranno nove. Due quelle di Mogliano, firmate da Maso e Galon. Nella foto di Elena Barbini: Wasps in meta. Mogliano – London Wasps 12 – 59 (pt 5-35)Giorgio Sbrocco    

17
ottobre


Eccellenza – Emergenza – infortuni. Alejandro Canale ingaggiato da Mogliano. By Giorgio Sbrocco

Mogliano si arrende. Preso atto della (catastrofica) situazione-infortuni che ha minato alle basi (soprattutto in mediana) la solidità della rosa, il club trevigiano è tornato sul mercato e ha messo sotto contratto l’apertura Alejandro"Magoo" Canale (già agli ordini di coach Casellato ai tempi del Venezia Mestre e reduce dal campionato provinciale argentino con la Tablada di Cordoba). Canale, fratello dell’Azzurro Gonzalo e figlio dell’ex dg di Rovigo, è italiano di formazione e perciò il suo impiego non confligge con quello degli stranieri del club.Giorgio Sbrocco

12
ottobre


Amlin Cup – Settanta punti di Bayonne alla matricola Mogliano. Di Barbini la meta della bandiera. By Giorgio Sbrocco

Bayonne – Mogliano 71 - 7 (pt 35 -0)Marcatori: 2’ m. Manukula tr. Boyet, 10’ m. O’Connor tr. Boyet, 13’ m. Bernard tr. Boyet, 25’ m. Gerber tr. Boyet, 32’ mnt Boutaty, 49’ m. Barbini tr. Padovani, 53’ m. Carrillo tr. Ugalde, 62’ mnt O’Connor, 68’ m. Lacroix tr. Ugalde, 73’ mnt Rokocoko, 80’ m. Ugalde tr. UgaldeGialli: 3’ Guarducci (M) Tariffa d’altri tempi per il malcapitato Mogliano nel debutto europeo  sul campo dei baschi di Bayonen. Partenza shock per i trevigiani, sotto di tre mete al 13’ e con un uomo in meno (Guarducci) dal 3’.  Cinque mete dei francesi nel primo tempo e quattro (contro l’unica di Mogliano firmata da Barbini al 49’) nella ripresa. Giorgio Sbrocco

12
ottobre


Amlin Cup – Per Mogliano uno storico debutto in Coppa stasera contro Bayonne. By Giorgio Sbrocco

Esordio basco per il Mogliano di Umberto Casellato che stasera (ore 19, stadio Jean Dauger) farà il suo storico debutto sul palcoscenico internazionale a Bayonne (Heymans estremo, Tialata pilone destro)b contro il XV di coach Christophe Deylaud nella prima giornata della fase di qualificazione di Amlin cup.  Mediana (parzialmente) inventata alla luce dei numerosi infortuni quella dei trevigiani, con Lucchese alla mischia e il giovane Padovani apertura. Terza linea “da corsa” con Barbini e Cobanese flankers (Candiago 8) e prima linea affidabile in chiusa con Repetto tallonatore e la coppia Allori-Meggetto piloni. Queste le formazioni annunciate:  Bayonne:15 Cedric Heymans, 14 Sam Gerber, 13 Thibault Lacroix, 12 Gabi Lovobalavu, 11 Marvin O'Connor, 10 Benjamin Boyet, 9 Guillaume Rouet, 8 Marc Baget, 7 Jean-Jo Marmouyet, 6 Guillaume Bernad, 5 Abdellatif Boutaty, 4 Robin Linde, 3 Nemiah Tialata, 2 Gregory Arganese, 1 Vitolio ManukulaIn panchina:16 Francois Da Ros, 17 Marc Legras, 18 Walter Desmaison, 19 Dewald Senekal, 20 Francois Carillo, 21 Mike Phillips, 22 Scott Spedding, 23 Matthieu Ugalde Mogliano:15 Vittorio Candiago, 14 Alessandro Onori, 13 Enrico Ceccato, 12 Ezio Galon, 11 Filippo Guarducci, 10 Edoardo Padovani, 9 Alberto Lucchese,8 Edoardo Candiago, 7 Marco Barbini, 6 Nicola Corbanese, 5 Enrico Pavanello, 4 Meyer Swanepoel, 3 Augusto Allori, 2 Agustin Costa Repetto , 1 Davide MeggettoIn panchina: 16 Ivan Gianesini, 17 Laert Naka, 18 Andrea Ceccato, 19 Federico Maso, 20 Mathew Gilbert, 21 Antonio Giabardo, 22 Giovanni Benvenuti, 23 Marco GazzolaGiorgio Sbrocco

Rugby Ball