21
luglio


Italian League Eccellenza – Domani Mogliano e Petrarca al lavoro. By Giorgio Sbrocco

Lunedì di raduni pre campionato per i campioni d’Italia di  Mogliano che si ritroveranno allo stadio Quaggia (ore 18) agli ordini del nuovo capo allenatore Francesco Mazzariol e del preparatore atletico Da Lozzo. Con loro il riconfermato Franco Properzi. Nell'agenda della squadra trevigiana un’amichevole contro le Zebre dell’ex Umberto Casellato in programma a Mogliano il 23 agosto. Alla stessa ora, a qualche chilometro di distanza, prenderà il via ufficialmente anche la stagione 2013/2014 del Petrarca Padova di Andrea Moretti e Rocco Salvan. Bianconeri che confermano la strada intrapresa della valorizzazione del vivaio con ulteriori innesti di giovani emergenti accanto a due stranieri di qualità e esperienza: l’estremo sudafricano Jordaan (Natal Sharks) e una seconda linea il cui nome verrà comunicato  a giorni. Amichevole celtica anche per i bianconeri : il 30 agosto a Monigo contro la Benetton.Giorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Dedicato a quelli che la moviola…By Giorgio Sbrocco

Lo scudetto numero 83 del rugby italiano è tornato in Veneto. Non in una bacheca agli storici vertici del triangolo d'oro della palla ovale nazionale – Treviso – Padova – Rovigo – ma nelle adiacenze di uno di essi. Esattamente a Mogliano, paesone della Marca Gioiosa di 28 mila abitanti ai confini con Venezia (lato Mestre). La finale è stata disputata al Chersoni di Iolo (Prato) è ha visto contrapposti i Cavalieri Prato e il XV veneto allenato da Umberto Casellato.Partita di grande intensità, in parte condizionata dalle pessime condizioni meteo e in parte da un arbitro (il debuttante padovano Giuseppe Vivarini) che nelle due occasioni “calde” del match (meta di Nifo nel primo tempo e meta di Roan sul finire del match, quella che poteva far imboccare allo scudetto, per la prima volta nella storia, la via della Toscana) ha preferito delegare tutto al (povero) TMO all'interno del pulmann regia (il navigato e capace Carlo Damasco), che si è perciò trovato a dover sostenere da solo il peso di un verdetto assai pesante in quanto definitivo e inappellabile.È opinione di chi scrive che la meta di Nifo non ci fosse e che invece fosse valida quella sotto i pali messa a segno dal pilone argentino de Cavalieri a tempo scaduto. Ma non è questo il problema. È che quanto accaduto nella finale del rugby dovrebbe servire da lezione ai tanti che da tempo, soprattutto nel calcio, invocano l'intervento della moviola per dirimere le questioni più spinose che il normale svolgimento di una partita genera nel corso del suo svolgimento.L'azzardo non è tanto il chiedere di avvalersi del mezzo tecnologico (discorso a parte meriterebbe il protocollo di accreditamento delle telecamere. Un conto è fare il TMO con 16 occhi elettronici a disposizione, altra cosa è averne in funzione due o tre...), quanto il ritenere che la sua consultazione sia, di per se stessa, sinonimo di giudizio oggettivo e la sua “decifrazione” operazione banale e scontata.A Prato è andata come è andata e nessuno ha protestato: non gli allenatori del XV sconfitto, non i tifosi e tanto meno i giocatori e i dirigenti. Un po' perché... il rugby è il rugby. E l'idea che, finita una partita si debba accettarne l'esito indipendentemente dal come esso sia maturato, fa parte del dna di chi questo sport lo pratica, lo segue e lo ama.Un po' perché, soprattutto a Prato, giocatori, allenatori, dirigenti e tifosi hanno ben altre cose cui pensare. Nell'ordine: i giocatori agli ultimi cinque mesi di stipendi non ancora incassati e che molto probabilmente non incasseranno mai; il tecnico parmense Filippo Frati (l'altro, Andrea de Rossi, è di Livorno), allo sfratto dall'appartamento assegnatogli dal club (la società essendo risultata morosa) a causa del quale ha dovuto trascorrere la settimana prima della finale dormendo su una brandina nello spogliatoio dello stadio; i dirigenti alle cause (lodi arbitrali) intentate loro dai giocatori nella speranza di recuperare “qualcosa” di quanto stabilito in contratto; i tifosi alla concreta possibilità che, dopo due finali consecutive, i Cavalieri scompaiano dalla massima serie del rugby italiano per ricominciare (forse) da qualche gradino più in basso e magari con un'altra ragione sociale. Tale essendo lo scenario: anche uno scudetto appaltato a un TMO non cambia la sostanza delle cose. Ma da qui a ritenere che la moviola in campo sia la panacea per azzerare questioni irrisolte e tenere lontane le polemiche...Giorgio Sbrocco (da www.quotidiano.net del 27 maggio)

25
maggio


Italian League Eccellenza – Mogliano campione. Decide il TMO. By Giorgio Sbrocco

PRATO – MOGLIANO  11 – 16 (pt 5 – 8)Marcatori: 2’ mnt Onori, 6’ mnt Nifo, 30’ cp Fadalti, 43’ mnt Onori, 46’, 55’ cp Ragusi, 60’ cp Nathan, 80’  Arbitro: VivariniGialli: 60’ Ruffolo (P), 69’ Caccato (M), 79’ Maso (M) *Steyn ritorna un (pessimo) calcio di liberazione di Ngawin (43’) e innesca un lungo ed efficace possesso di Mogliano che si conclude con la meta di Onori dopo un perfetto buco di Swanepoel, abile a raccogliere al volo una pennellata di Lucchese*Reazione di Prato che cerca fortuna al largo e sull’asse con Roan e Ruffolo. Fallo di Mogliano e Ragusi prova a ridurre le distanze (46’) e ci riesce. Prato a - 5 Nathan libera sotto pressione (52’) e Prato contrattacca ma viene colto in fallo di tenuto*Ragusi centra i pali al 55’ e porta i suoi a una segnatura dal titoloPlaccaggio in ritardo di Ruffolo su Rodriguez e Fadalti tenta la fortuna da quasi 50 metri. Ma sbaglia nettamente.*Fadalti (60’) calcia a seguire ma viene caricato senza palla da Ruffolo (spalla) che guadagna il primo giallo di giornata. Calcio sul punto per Mogliano. Ci prova Nathan e allunga. Mogliano a + 5In avanti di Saccardo su calcio d’invio, Ragusi vola verso la meta ma è mischia per Mogliano (63’)Ceccato placca Ragusi (64’) lanciato da un perfetto contrattacco di Ngawini e ferma l’avanzata di PratoPrato (ANCORA!) falloso in attacco (65’). Stavolta è Saccardo colpevole di affossamento .Stupidata colossale di Prato (68’): calcio di punizione a favore sparato da Ragusi oltre la linea di pallone morto.Cravatta di Ceccato ai danni di Vezzosi. Giallo al centro di Mogliano (69’) quando rientra in campo Ruffolo.Drive di Prato fermato fallosamente da Swanepoel (71’). Mischia ordinata sui cinque.Prato ha l’occasione per la meta che vale lo scudetto.Ha ripreso a piovere. Diluvio sul ChersoniPrima mischia: reset.  Alla seconda Vivarini vede Garfagnoli in fallo (jQuery15205000958927935213_1369500101073). Mogliano allontana la minaccia.Mogliano prova a controllare il possesso. Prato non può commettere fallo.Palla ingiocabile (73’) e mischia Mogliano.Parte il drive di Prato da rimessa vinta a due mani dentro i 22 di Mogliano.  Calcio a favore (78’)Ancora rimessa laterale. Cavalieri a due mani. Sacking illegale di Maso (appena entrato) e giallo.Ancora Cavalieri ma il drive non si muove. Pick and go PratoRoan sembra schiacciare (79’) ma Vivarini concede mischia per palla ingiocabile.Mischia a cinque introduzione Prato: difficoltà nella formazione. Galon flanker .Crollo di Mogliano e calcio contro. Altra mischia.Meta tecnica nell’aria!Parte Saccardo, poi Cavalieri, poi Garfagnoli, ancora Roan che alla terza volta schiaccia in mezzo ai paliVivarini non concede (perché?)Parola al TMO!!Minuti di terrificante tensioneCarlo Damasco NON concede la meta e MOGLIANO E’ CAMPIONE D’ITALIAMigliori in campo: Nathan, Steyn e Lucchese per Mogliano; Ruffolo, Ngawini, Siale, SaccardoGiorgio Sbrocco

25
maggio


Italian League Eccellenza – Mogliano subisce ma chiude in vantaggio il promo tempo. By Giorgio Sbrocco

PRATO – MOGLIANO 5 - 8Marcatori: 2’ mnt Onori, 6’ mnt Nifo, 30’ cp FadaltiArbitro: VIvarini Piove al Chersoni, e prima grandinava, terreno pesante. Tribune colme.*Pronti: via! Ngawini prova a contrattaccare, perde palla, Mogliano muove al largo Fadalti (2’) buca e serve Nathan, da questi a Onori ed è meta! Si fa male Majstorovich. Per lui partita finita. Entra Tempestini* Nifo al piede rasoterra dentro ai 15 a sinistra dei pali di Mogliano, sprinta, si tuffa  (6’) e forse tocca. Vivarini chiede lumi a Damasco che concede (?). Pareggio Al 14’ preziosismo regolamentare di Vivarini (abbandono dell’allineamento: roba che non fischia nessun oda decenni!) che assegna a Prato un calcio in attaccoCandiago contra  Ragusi (17’) , sotto pressione Siale salta Steyn e salva la situazione. Sugli sviluppi dell’azione Prato viene colto in fallo di tenuto. Fadalti chiede i pali ma sbaglia clamorosamente la mira.Prato tenta un drive (22’) ma Mogliano (bravo Pavanello!) blocca palla e conquista un turnover.Problemi di ingaggio (Prato più forte) in mischia chiusa. Vivarini (24’) ci capisce poco e ordina il resetIl territorio dice: PratoMiracolo di Fadalti (25’): placca Ngawini e recupera sulla linea dei suoi 22. Eccellente tecnica esecutiva!Avanza Prato con 7 consecutivi pick and go (29’). Sulla trasformazione al largo McCann commette ostruzione su Nathan e l’occasione sfuma.*Fallo a terra di Bernini(30’)  su penetrazione di Steyn dopo una palla vinta in rimessa laterale. Fadalti ci prova ancora da meno di 30 metri e non sbaglia.  È + 3 MoglianoRodriguez si addormenta palla in mano appena fuori dai 22, arriva Ngawini  ()33’) e gli fa perdere palla.Bella azione Bernini – Siale – Benini sulla chiusa ma il n. 8 di Prato non ha le gambe (35’) per volare in meta.Mogliano (40’) gioca veloce con Steyn un calcio per ingaggio anticipato di Prato. Perfetto sostegno di Nathan che viene fermato dentro i 22. Trasformazione al largo. Calcio-passaggio sx/dx di Rodriguez raccolto al volo da Onori che  si tuffa in area di meta. Vivarini chiede il TMONon sembra meta e Damasco conferma che il piede dell’ala era fuori al momento del toccato Giorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Mazzariol sostituirà Casellato sulla panchina di Mogliano. By Giorgio Sbrocco

È ufficiale: sarà il trevigiano Francesco Mazzariol (esonerato dai Crociati in corso di stagione) a sostituire Umberto Casellato sulla panchina del Mogliano fresco finalista del campionato 2013. Lo ha dichiarato ieri a Il Gazzettino il presidente del club trevigiano Facchin. Mazzariol ha 38 anni, ha vestito 33 volte la maglia della Nazionale e, in carriera, ha giocato a Treviso e a Parma.Giorgio Sbrocco

18
maggio


Italia League Eccellenza – Mogliano in finale! By Giorgio Sbrocco

Viadana – Mogliano 13 – 6 (pt 10 – 3) Marcatori: 28’ m. Padrò tr. Fenner, 32’ cp Nathan, 38’, 61’ cp Fenner, 65’ cp FadaltiArbitro: Pennè (Mi)Gialli: 15’ Candiago (M), 20’ C. Repetto (M), 26’ Meggetto (M) Lungo possesso di Mogliano che non guadagna campo ma costringe Pizarro al fallo (43’)Mogliano davanti ai 22 di Viadana alla ricerca di un calcio piazzabile. Viadana placca e mantiene l’equilibrio sul fronte. E lo fa senza falli fino a guadagnare una mischia su palla contesa a terra.Viadana trova anche il calcio a favore (48’) che Apperley spedisce sui 30 metri per una rimessa che può essere una buona rampa di lancio per l’attacco dei padroni di casa. Cattiva gestione del possesso d Mogliano si salva.Travolgente Viadana (52’) sull’asse con Padrò e Gilding. Mogliano difende come può e rischia ancora il giallo. Calcio a favore di Viadana. Padrò chiede la mischia sui cinque metri a sinistra dei pali (53’)Reset e Lucchese che tradisce un certo nervosismo. Secondo tentativo. La prima linea di Mogliano tende ad… alzarsiAltro reset. Pennè ci capisce poco o niente! Parte Padrò, lunga sequenza di pick & go e poi palla fuori per Albano che viene placcato e messo fuori da Onori (56’). Lancio lungo e Mogliano risale il campo.Barbieri in fallo su Apperley a terra (58’) e Mogliano cerca i pali ma non li trova.*Mischia Viadana (61’)  calcio per “stappamento volontario” di Mogliano. Piazza Fenner e mette il 13-3 che vale la finale!*Buco di Fadalti che entra nei 22 bruciando all’interno (65’) Apperley. Placcaggio e fallo di Viadana. Calcio  in mezzo ai pali e finale per Mogliano!Solo ping pong rugby. Mogliano guadagna tempo e Viadana pare  non trovare il necessario rigore.Attacca Mogliano palla in mano con Fadalti (31’), Nathan spara u calcione fin dentro i 22, Cowan commette in avanti ed è mischia dentro i 22 dei mantovani. Dentro Bronzini per Cowan (31’). Mogliano porta palla al largo e controlla il possesso (33’), calcio a seguire di Rodriguez e Nathan (?) manca di un soffio la presa al volo.Rimessa Viadana (34’) rubata a metà campoPioveIn avanti di Onori e mischia per Viadana. Obiettivo: calcio di punizione (35’). Lo trova sui 40 metri (Costa Repetto alto!)Fenner ha sul destro il calcio che vale la finale a meno di 4’ dalla fine!Sono 42 metri a sinistra. Pessima esecuzione. Palla fuori.Padrò autore di una fantastica galoppata dai suoi 22 rimette tutto in discussione. Ma la controruck di Mogliano è da annali!Errore di Galon al 39’! Troppo lungo il suo calcio di liberazione. Mischia Viadana sul 10 metri.Serve una spinta vincente, parte Padrò, Viadana cerca il fallo.Tempo scaduto.Pick & go davanti ai 22 e Viadana avanza!Apperley spara il drop ma la palla non raggiunge la traversa.MOGLIANO IN FINALE!Giorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Il Mogliano dei miracoli stende Viadana e continua a sognare. By Giorgio Sbrocco

Mogliano – Prato  18 – 8 (pt 6 – 5)Marcatori: 9’ cp Fadalti, 28’ mnt Robertson, , 44’, 64’ cp Fadalti, 70’ cp Apperley, 74’ dr. Galon, 76’ cp NathanGialli: 43’ Van Jaarsveld (V), 51’Lucchese (M) Mogliano insegue un sogno e…il sogno di avvera. Viadana costretto ba giocarsi tutto fra sette gironi allo Zaffanella partendo da zero. In tutti i sensi.Quaggia tutto esaurito. Maxi bandierone dei Miclas e un “Grazie Umberto” a caratteri cubitali che dice più di mille parole sul legame fra tifosi e tecnico in partenza a fine stagione. Un placcaggio alto di Santamaria su Bocchi frutta un calcio (9’) a favore di Mogliano da poco meno di 40 metri che Fadalti non sbaglia. Fuori Ravalle (spalla) sostituito da Ceccato. Scintille fra Costa Repetto e Van Jaarsveld al 12’. Liperini non prende provvedimenti. Grande difesa di Viadana. Mogliano spende molto soprattutto in zona di collisione e in fase di ripiazzamento offensivo. Per quanto potrà tenere un tale ritmo? Mischia trevigiana in sofferenza al 17’ e calcio per Viadana che Fenner manca da posizione favorevole (vento?). Un fuori gioco di Fadalti su ricezione difficoltosa concede (20’) a Fenner la possibilità di farsi perdonare. Ma non è giornata, l’ovale esce di molto a lato. La mischia di Mogliano non regge l’assetto in chiusa (Costa Repetto a sinistra non c’è). Gran meta di Viadana (28’) che da rimessa laterale a sinistra crea un perfetto 2 contro uno sul terzo canale che Fenner capitalizza servendo perfettamente Robertson che vola oltre la linea bianca. Fenner (0/3) sbaglia ancora. Torna subito avanti Mogliano grazie al piede di Fadalti (fallo a terra di Pizarro) che scrive 6-5 sul tabellone segnapunti. Turnover Viadana (35’) dopo una mischia chiusa (molto) mal controllata da Mogliano. Natan sbaglia un piazzato da 50 metri (39’) e le squadre vanno al riposo su 6-5 per i padroni di casa. In apertura di ripresa arriva il giallo (jQuery15206658576676268915_1368290542942?) a carico di Van Jaarsveld al 43’ e Fadalti manda fra i pali il relativo calcio di punizione che rutta il 9-5. Buco di Costa Repetto (51’) dentro i 22, vanificato da un successivo fallo di ostruzione in attacco dei trevigiani. Perfetto chip di Pizarro che costringe Fadalti al professionale (?) al centro della linea dei 22. Fenner sbaglia clamorosamente il calcio di punizione dal centro dei pali e il risultato non cambia. Super drive di Viadana (57’) da presa a due mani sui cinque metri. Liperini non vede il toccato in area di meta e chiede lumi al Tmo Claudio Giacomel. Che non concede la segnatura. Sugli sviluppi della successiva mischia a cinque metri Liperini vede un’ostruzione di Pizarro e penalizza Viadana. Galon (63’) spara un up & under nei pressi della metà campo, rincorre la palla e…cade (fallo di Cenedese?). Il calcio è sul punto di cauta poco fuori dai 22. Fadalti non sbaglia ed è + 7. Un’entrata laterale di Pascu offre al calciatore di Mogliano la possibilità di andare oltre break da 45 metri, molto  a destra dei pali. Ma stavolta l’ovale esce e il punteggio non cambia. L’avanzamento di Viadana costringe Mogliano al fallo (70’) a cinque metri davanti ai pali. Piazza Apperley e stavolta non sbaglia il calcio del – 4.  Al 74’ è l’estremo Galon che trova i pali con un perfetto (e ben costruito) drop. Nathan (76’) prova la porta (placcaggio uomo in volo di Pavan) da oltre 60 metri e non sbaglia! Viadana fuori bonus! Ultimo disperato attacco di Viadana da rimessa laterale dentro i 22 di Mogliano. Mogliano in trance agonistica riba pallone in ruck e Lucchese allontana di piede.Giorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Le formazioni di Mogliano e Viadana per gara 1. By Giorgio Sbrocco

Rese note oggi le formazioni di Mogliano e Viadana che domani (ore 17, diretta Raisport) si sfideranno allo stadio Quaggia per gara 1 della prima semifinale scudetto. In stagione regolare vinse Viadana. Ma era la prima giornata e i trevigiani avevano fuori per infortunio alcuni dei loro migliori giocatori. Arbitrerà il livornese Liperini, TMO il fiulano Mauro Dordolo. Queste le formazioni annunciate Viadana: Robertson; Sintich, G. Pavan, Pizarro, R. Pavan; Apperley, Cowan; Padrò, Barbieri, Pelizzari; Fondse, Van Jaarsveld; Gilding, Santamaria (cap), Cenedese. A disp.: Denti, Bigoni, Cagna, Moreschi, Pascu, Bronzini, Cipriani, AlbanoMogliano: Galon, Onori, Ceccato Enrico, Nathan, Fadalti, Rodriguez, Lucchese, Swanepoel,  Candiago E. (Cap.), Barbini, Pavanello, Bocchi, Ravalle, Gianesini, Costa Repetto. A disp.: Ceccato A., Corbanese, Meggetto, Ceneda, Endrizzi,  Padovani, Cerioni, BoniGiorgio Sbrocco

Italian league Eccellenza – Zanichelli (Viadana): “Vogliamo arrivare fino in fondo”. By Giorgio Sbrocco

Vigilia di semifinale scudetto in casa del Viadana di coach Rowland Phillips, che sabato sarà di scena alle porte di Treviso contro il Mogliano di Umberto Casellato per gara 1. Per tutti parla il ds Antonio Zanichelli: “Mogliano è la squadra che pratica un modello di gioco differente rispetto alle altre, ha uno sviluppo molto aperto sollecitando molto i trequarti. Noi più pressione? Non direi, in quanto giunti a questo punto tutti vogliono arrivare in fondo e quello che è successo durante stagione regolare si azzera e si è tutti allo stesso livello”. Quanto a un primo bilancio dell'annata del ritorno nel campionato nazionale: “Possiamo dire che l’estate scorsa sia stata piuttosto travagliata con poco tempo per rialzarsi  e proprio per questo ammetto che totalizzare un numero così consistente di vittorie (19/22, ndr) rappresenti per noi una piacevole sorpresa. Ci sono stati molti momenti importanti, ma credo che la vittoria a Calvisano, per come è maturata e per le scelte fatte, rappresenti ad oggi una tappa fondamentale”. Giorgio Sbrocco

23
aprile


Italian League Eccellenza- Sabato in diferita i lbig match di Mogliano. By Giorgio Sbrocco

 Solo differita per  Mogliano-Prato, unpo dei big match della penultima giornata del campioanto di Eccellenza. La partita dell ostadio Quaggia (calci od'invi oora 16) sarà diffusa da Raisport 2 alle orfe 21.15.Eccellenza -  XXI giornataSabato 27 aprile, ore 16.00 – differita Rai Sport 2 ore 21.15Marchiol Mogliano - Estra I Cavalieri PratoGiorgio Sbrocco

Rugby Ball