Top 14 – Il presidente Hollande tifa Castres? Boudjellal si infuria, poi accetta le scuse e promette un bacio. By Giorgio Sbrocco

Succede anche questo. In Francia, a margine di una finale di campionato che potrebbe incoronare l’incontrastata regina d’Europa o consegnare il titolo di miglior squadra del paese a una formazione che è arrivata alla finale partendo dal barrage. Una barragiste, come la chiamano dall’altra parte delle Alpi. Ma si diceva dell’imprevista deriva “politica” del match più importante dell’anno che vedrà Tolone e Castres sfidarsi domani sera allo Stade de France. Succede che monsieur  François Hollande, presidente della République in carica incroci all’aeroporto la comitiva di Castres appena sbarcata nella capitale. E che all’indirizzo dei giocatori appena scesi dall’aereo se ne esca con un: “A chi consegnerò sabato la coppa?” e poi guardandosi circospetto in giro e fingendo complicità: “Non ditelo in giro, ma io spero di consegnarla proprio a voi!”. Tempo un paio di minuti e Mourad Boudjellal, presidente del Tolone, ne viene informato e commenta prontamente l’accaduto dicendosi “sorpreso” e lasciando intendere che, comunque vada a finire la finale, lui non stringerà  la mano a Hollande. E per sovrapprezzo butta là un: “Voglio sperare che una tale dichiarazione non influenzi l’arbitraggio”. Immediata la telefonata di Hollande al padre padrone del club campione d’Europa. “Ho parlato con una persona imbarazzata e confusa” spiegherà alla stampa Boudjellal. “Nel corso dei dieci minuti che siamo stati al telefono il presidente ha precisato che la sua frase non era e non voleva essere in alcun modo una scelta di campo. E che se invece di Castres avesse incontrato Tolone avrebbe pronunciato la stessa frase. Abbiamo anche parlato d’altro, il presidente era molto ben informato su di me e sul mio percorso e ci ha tenuto a specificare che non era sua intenzione apparire sgradevole. Per me l’incidente è chiuso”. Ha riferito ai colleghi de La Provence. Aggiungendo che il capo dello Stato ha formalmente invitato lui e la squadra del Tolone all’Eliseo per festeggiare la vittoria in Heineken cup. “E se dovessimo vincere noi – ha concluso – vorrà dire che mi sentirò autorizzato a baciarlo”. Giorgio Sbrocco

28
maggio


Top 14 – Delirio Boudjellal: a letto con Miss Mondo e all'assalto del municipio di Parigi. By Giorgio Sbrocco

Delirio (studiato, dal momento che l'uomo è, prima di tutto e non solo per vocazione, un genio della comunicazione?) Boudjellal. Dall'intervista al Parisien, in attesa di una richiesta di smentita che non arriverà mai: Mi auguro che ad assistere alla finale ci sia il presidente della repubblica, il rugby lo meriterebbe Mi sento come mi sono sentito alla mezzanotte del 1999, con l'anno 2000 in arrivo e qualcuno che prevedeva la fine del mondo. Non so come andrà a finire, per il momento trattengo il respiro Heineken cup e Top 14! Nessuno c'era mai riuscito e credo che dopo di noi, se dovessimo farcela, nessuno ci riuscirà più. Nemmeno noi Castres ci assomiglia molto, è una squadra dura che non ha paura degli scontri, ha due grandi allenatori ma Jonny Wilkinson e Bakkies Botha giocano con noi. Botha, che uomo! Una belva attirata dal sapore del sangue della vittoria Tolone è come quel tale che è andato a letto con Miss Mondo ma che se gli si presenta l'occasione di andarci con Miss Francia...non si tira indietro In caso di vittoria non escludo l'assalto al municipio di Parigi per issarvi la bandiera rossonera della nostra città! Giorgio Sbrocco

26
maggio


Top14 – Laporte (Tolone): “Trovato il ritmo siamo venuti fuori noi!”. E il presidente chiamerà l’esercito! By Giorgio Sbrocco

“Grande impresa! Ma questi giocatori la mia stima l’avevano già guadagnata da tempo!” sostiene con la pacatezza che hanno solo i grandi quando vincono il ct di Tolone Bernard Laporte in attesa di disputare la finale di campionato sabato contro Castres. Quanto all’impresa di Nantes contro Tolosa: “Ci abbiamo messo mezz’ora a trovare il giusto ritmo, e in quel periodo i nostri avversari ci hanno messo molto in difficoltà. Ma nella ripresa siamo venuti fuori noi…Quando ho cominciato a mandare i campo la panchina e ho visto gli effetti dell’immissione sul campo di sangue fresco ho capito che ce l’avremmo fatta”. Solito stile asciutto …spartano nelle dichiarazioni del presidente Mourad Boudjellal: “Ciò che ci sta accadendo è pazzesco! Se vinciamo anche la finale di Top14, a Tolone bisognerà far intervenire l’esercito". Giorgio Sbrocco

19
maggio


Heineken Cup – Boudjellal (Tolone), il taxista irlandese, James Brown, la sbronza e del Top 14 chi se ne…By Giorgio Sbrocco

Fuochi d’artificio di Mourad Boudjellal dopo la fantastica vittoria di Dublino su Clermont (16-15) che ha portato a Tolone il titolo di campione d’Europa 2013.“Avevo già chiamato un taxi e avevo detto all’autista: me ne vado. Ma quello aveva la radio accesa, e allora ho sentito che Johnny (Wilkinson ndr) aveva messo un calcio. Allora ho detto al taxista: torna indietro, dalle parti dello stadio. Arrivati davanti all’Aviva sento che segniamo una meta e passiamo in vantaggio. A questo punto guardo il taxista negli occhi e gli dico: penso di aver incontrato l’uomo della mia vita. Non mi lasciare. Gira intorno allo stadio. Il tempo passa. Provo a chiedergli informazioni sulla partita, ma lui non mi capisce. Finalmente mi arriva un sms da mia moglie che dice : abbiamo vinto! A quel punto ho abbracciato il mio autista e me sono andato di corsa verso gli spogliatoi. Credo di essermi persino dimenticato di pagare la corsa”. Fin qui la cronaca. Una sorta di furba sceneggiatura che sembra scritta da uno che di professione le storie le… racconta. Poi la parte riflessiva: “Io sono fondamentalmente un anima gentile. Sembro aggressivo e feroce, ma non  lo sono. Le apparenze ingannano. Sono felice per la mia città, che dopo 21 anni conquista un titolo tanto importante”. E poi per gli avversari: “Perdere una finale segnando una meta più dell’avversario è dura. Si perde e si sta male. Io lo so cosa si prova perché ci sono già passato. Non li abbiamo distrutti, è che la fortuna stasera ha guardato dalla nostra parte. Auguro a Clermont un gran finale di stagione”. Possibile? Sì. Perché aggiunge, a chi gli chiede un pronostico sulla lotta per il titolo di campione del Top 14: “Sono cose che dipendono solo dai giocatori. Se vogliono provare a vincere anche il campionato sarà una loro scelta. Per me quel che contava era questa Coppa. Il resto mi interessa davvero poco. Ho vinto e voglio festeggiare: stasera ho deciso di ubriacarmi, di ascoltare James Brown e, a mezzanotte, dirò I feel good" e sarò felice”. Parole e musica del presidente Mourad Boudjellal: un grande anche quando mente e dice cose che non pensa!Giorgio Sbrocco

Rugby Ball