10
marzo


Aviva Premiership – Welsh penalizzato, multato e forse retrocesso per l’impiego dell’Airone Keats. By Giorgio Sbrocco

 È  costata cara (per il momento, in attesa dell’esito dell’appello) la “svista formale” a causa della quale l’ex Airone neozelandese Tyson Keats è sceso in campo (pur non risultando eleggibile) con la matricola London Welsh nel massimo campionato inglese. Cinque punti di penalità in classifica generale (immediatamente conteggiati, altri 5 da spalmare nella prosisma stagione e 15 mila sterline di multa), questa la sentenza dell’organo di governo della Premiership inflitta al club degli exiles gallesi della capitale. Ora sono due i punti che separano i Welsh da Sale nella lotta per non retrocedere. Nel corso dell’inchiesta, in verità, è emersa una realtà assai differente da quella ipotizzata in un primo momento dal club. Sono infatti spuntati documenti falsi, passaporti contraffatti, e-mail tarocche e dati anagrafici assolutamente inventati. Il tutto (pare) opera del manager della squadra Mike Scott. Sul futuro della cui carriera professionale sono in pochi, oggi nel Regno Unito, a scommettere un penny.Giorgio Sbrocco

27
febbraio


Aviva Premiership – Tyson Keats (ex Aironi) inguaia i London Welsh. Penalizzazione in vista? By Giorgio Sbrocco

Promossi sul campo dal Championship (seconda divisione) alla Premiership nel maggio 2012 ma senza stadio omologato e costretti a emigrare a Oxford (Kassam stadium) per non perdere il diritto acquisito, ora i London Welsh (penultimi, tre punti sopra Sale) rischiano di retrocedere per colpa di una contratto mal stipulato e di una comunicazione non eseguita nei tempi e nei modi previsti dalla normativa vigente. La centro dell'intricato caso una vecchia conoscenza del rugby italiano: il mediano di mischia neozelandese Tyson Keats (31 anni) che nella scorsa stagione ha indossato (senza risplendere particolarmente, in verità) la maglia dei disciolti Aironi in Celtic league. Alla base del pasticcio, di cui si sta occupando in questi giorni la federazione inglese, è la posizione irregolare del giocatore che ha disputato un buon numero di partite del  campionato in corso con la maglia del club degli Exiles gallesi di Londra pur risultando ineleggibile per la competizione. Il precedente cui è possibile rifarsi per cercare di prevedere le conseguenze del fatto risale al 2011, quando Exeter fu penalizzato di due punti e multato di 5mila sterline per aver impiegato un numero eccessivo di giocatori stranieri contro Leeds. L'udienza presso la Rfu è fissata per martedì 5 marzo. I London Welsh saranno rappresentati dal Ceo Tony Copsey.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball