11
novembre


Italia – Primo allenamento a Cremona. E stasera arriva il presidente Gavazzi…By Giorgio Sbrocco

Primo allenamento in vista del match contro Fiji stamattina al centro sportivo “San Zeno”, per gli Azzurri di Brunel: in campo 28 atleti, mentre Marco Bortolami e Sergio Parisse hanno svolto una seduta differenziata e che domani, rientreranno nel gruppo.  All’allenamento ha assistito anche il Consigliere comunale con delega allo sport, Marcello Ventura, che già ieri sera aveva dato il benvenuto in città alla Nazionale proveniente da Torino. “Cremona è una città che si affaccia per la prima volta sul grande rugby internazionale – ha detto il Manager dell’Italia Luigi Troiani – ma già oggi abbiamo trovato un bel pubblico ad accoglierci per il primo allenamento settimanale. I Test Match sono uno strumento importante di promozione del nostro sport sul territorio, per noi è sempre piacevole essere impegnati in prima persona nella divulgazione del rugby anche in quelle piazze dove la palla ovale è in fase di espansione”. In serata è prevista la visita alla Squadra Nazionale del Presidente Alfredo Gavazzi. Per fare… il punto all’indomani della sconfitta di Torino?Giorgio Sbrocco

11
novembre


Italia – Prenderne 50 e scalare la classifica. Succede. By Giorgio Sbrocco

Aggiornato il Ranking Irb dopo la disputa della prima tornata di Test match. Per la serie: il fascino discreto della numerologia, l’Italia maltrattata dall’Australia a Torino, che prima dei 50 punti subiti occupava la posizione n.12…sale di un gradino e si attesta appena fuori dell’Olimpo delle Best Ten alle spalle (a meno di due punti) dell’Argentina e davanti a Fiji (0.09 la differenza davvero minima) che incontreerà sabato a Cremona. A confezionare questo inatteso (e immeritato) regalo è stata la sconfitta di Tonga in Romania. Bene l’Irlanda che battendo Samoa si è piazzata al sesto posto.Ranking IRB1 Nuova Zelanda - 93.202 Sud Africa - 88.513 Inghilterra - 86.314 Australia - 84.225 Francia - 81.446 Irlanda - 80.767 Galles- 80.718 Samoa - 79.249 Scozia - 77.2510 Argentina - 75.5011 Italia- 73.6512 Fiji - 73.56 13 Tonga - 73.2114 Giappone - 71.6815 Canada - 71.47 Giorgio Sbrocco  

10
novembre


Rugby League – Tonga spegne il sogno Azzurro ai Mondiali. By Giorgio Sbrocco

Si è infranto contro i coriacei tongani il sogno dell’Italia del Rugby XIII ai Mondiali in corso di svolgimento in Gran Bretagna. Serviva vincere (dopo il successo sul Galles e il pareggio con la Scozia) e invece è arrivata una sconfitta (16-0 lo score finale, 3 le mete subite). Niente passaggio del turno, niente sfida stellare agli All Blacks di SBW. Ai quarti accede la Scozia. QUARTI DI FINALE Venerdì 15: Nuova Zelanda - Scozia Sabato 16: Australia - Usa Sabato 16: Inghilterra - Francia Domenica 17: Samoa - Fiji Giorgio Sbrocco   

10
novembre


Tags
,

Italia – Azzurri a Cremona per la sifda alle Isole Fiji di sabato allo Zini. By Giorgio Sbrocco

Dimenticare Torino e i 50 punti subiti non sarà facile. Ma occorre guadare avanti, sabato a Cremona arrivano le Isole Fiji. E all’Italia di Brunel non basterà “prenderne pochi” o “perdere bene”. Allo Zini l’Italia ha un solo risultato a disposizione: la vittoria. La vita continua, dunque:  Parisse e compagni oggi dopo pranzo hanno lasciato il Piemonte in direzione di Cremona, dove sono arrivati nel pomeriggio e dove, da domani mattina al Centro Sportivo San Zeno, prepareranno la sfida con gli isolani che ieri a Lisbona hanno battuto il Portogallo.  In serata, presso l’Hotel Continental, quartier generale cremonese dell’Italrugby, hanno svolto accertamento medici le seconde linee Marco Bortolami, Antonio Pavanello e il pilone Martin Castrogiovanni. Da domani dovrebbero tornare regolarmente a disposizione del Ct Brunel  per iniziare la preparazione alla partita di sabato.  Per tutti gli Azzurri, prima della riunione tecnica serale, una lunga seduta di massaggi per smaltire la fatica della partita contro i Wallabies. Il programma di domani prevede una prima sessione mattutina per reparti ed un allenamento collettivo in un secondo momento al Centro Sportivo “San Zeno”, con apertura al pubblico dalle undici sino a conclusione.Giorgio Sbrocco

09
novembre


Italia – Non sparate sul pianista. By Giorgio Sbrocco

Non sparate (non spariamo) sul pianista! E non disperiamoci. Lasciamo perdere le sconfitte onorevoli che sono la foglia di fico dietro cui molti hanno tentato per decenni di nascondere il nulla, il vuoto assoluto e consegniamoci mai e piedi alla cruda ma onesta realtà dei fatti. Che non umilia e non offende. Anche se qualche dispiacere lo dà. Il rugby non è il calcio.  Nel rugby il più forte vince. Sempre. La quarta al mondo contro la n. 12 è partita segnata. Dieci volte su dieci vince la quarta! Quanti alla viglia del Test match di Torino hanno alimentato le speranze di un successo azzurro sostenendo che il XV di Brunel possedesse le risorse tecniche per superare i Wallabies in serie negativa nel 2013 come raramente nella loro storia recente (8 sconfitte, 3 vittorie), appartengono a due distinte categorie di persone: quella degli innamorati accecati dal sacro fuoco della passione e quella dei mentitori. Qualcuno, ma non volgiamo alimentare inutili polemiche: anche a quella dei pataccari un tanto al chilo. Noi che amiamo il rugby e siamo tifosi dichiarati dell’Italia di Jaques Brunel (innamorati, ma con qualche diottria ancora a disposizione), avevamo notato in settimana come la linea arretrata schierata dal ct McKenzie fosse di un tasso tecnico estremamente elevato. Sideralmente distante da quella azzurra. Dopo gli 80’ di Torino e i 50 punti subiti restiamo della nostra idea di partenza: gente come Folau, Kuridrani, Toomua, Ashley Cooper e Cummins (il meno stellare della compagnia, oggi tre volte in meta e Man of the match), per tacere di Lealifano che è partito dalla panchina e di Quade Cooper che, camminando, ha costruito un assit per la sua ala che meriterebbe, da solo, una sala riservata alla Hall of fame del rugby mondiale, semplicemente: noi non ce li abbiamo. E se per caso ci sono, nel senso che esistono da qualche parte del nostro territorio nazionale elementi di tale talento e di così smisurata eccellenza atletica prima ancora che tecnica,  semplicemente: non giocano a rugby. Facciamocene una ragione. E per quel poco che può servire, godiamoci la fantastica meta di McLean, quella tutta sudore, fatica e bestemmie di Cittadini e l’ultima, davvero splendida per naturalezza e nitore esecutivo, di Tommaso Allan. Non sarà come festeggiare una vittoria storica. Ma non è poco. Giorgio Sbrocco

09
novembre


Italia – Brunel: Male la difesa. Parisse: battuti nell’uno contro uno. By Giorgio Sbrocco

A fine partita il ct Jaques Brunel punta il dito sulle inadeguatezze difensive emerse nel corso del match: “La difesa ha dato meno di quanto ci si attendeva. Non è stata competitiva. Errori individuale e collettivi hanno concesso superiorità che l’Australia ha giustamente sfruttato a proprio favore. Abbiamo  una settimana per lavorare su questi aspetti fondamentali del gioco. Dobbiamo essere nelle migliori condizioni per poter battere le Fiji” Secondo capitan Sergio Parisse: “Il risultato è molto pesante, l’Australia ha giocatori di qualità e gioca un ottimo rugby.  Noi abbiamo concesso un paio di mete facili. Grande la loro abilità nel accelerare e nel mantenere vivo il pallone. Puntavamo su una difesa più aggressiva. Ma siam ostati battuti nel confronto uno contro uno. Perso quello…il resto conta poco”. Giorgio Sbrocco

09
novembre


Italia – Niente rimonta. L’Australia domina e ce ne fa 50. Ma Allan c’è! By Giorgio Sbrocco

ITALIA – AUSTRALIA  20 – 50 (pt 10 – 19)Marcatori:  5’ cp Di Bernardo, 13’ m. McLean tr. Di Bernardo, 16’ m. Mowen tr. Q. Cooper, 21’ m. Kuridrani tr. Q. Cooper, 31’ mnt Cummins, 51’ m. Cummins tr. Q. Copper, 59’ m. A. Cooper tr. Q. Cooper , 63’ mnt Cittadini, 65’ cp Lealifano, 67’ m. Tomane tr. Lealifano, 70’ m. Folau tr. Lealifano, 79’ m. Allan tr. allanItalia:  Mclean, Benvenuti, Morisi, Sgarbi, Sarto, Di Bernardo, Gori, Parisse, Barbieri, Zanni, Bortolami, Pavanello, Castrogiovanni, Giazzon, Rizzo Entrati: Ghiraldini, Aguero, Cittadini, Geldenhuys, Furno, Botes, Allan, Iannone Australia: Folau, Ashley-Cooper, Kuridrani, Toomua, Cummins, Cooper, Genia, Mowen, Hooper,  Simmons, Horwill, Timani, Alexander, Moore, Slipper Entrati: Fainga'a, Robinson, Kepu, Dennis, Gill, White, Leali'ifano, TomaneArbitro: Glen Jackson (NZ)  Nell’intervallo l’Australia è rimasta sul terreno di gioco. In cerchio ad ascoltare le indicazioni dello staff tecnico e (forse) a riflettere sul quel clamoroso e gravissimo errore di occupazione che ha generato la bellissima meta italiana. Chissà se qualcuno ha avuto il “coraggio” di rimproverare a Genia quel calcetto scellerato che ha innescato l’intero movimento…Quanto all’Italia: nessuno lo dice ma, un anno fa a Firenze, alla fine del primo tempo l’Italia perdeva 22-3- Finì 22-19…L’Australia di Torino, però, pare molto superiore a quella del Franchi. IL FILM DELLA PARTITA41’ Errore di McLean al piede. Palla direttamente fuori e rimessa australiana42’ Gori salva su grubber di Kuridrani. Australia al lancio dentro i 22. Ci salviamo per un fallo dei Hooper a terra. McLean libera.NELL’UNO CONTRO UNO VINCONO LORO44’ Buona conquista azzurra in rimessa e gioca un lungo possesso. Finisce con Barbieri penalizzato per tenutoe Cooper che porta i suoi sopra i nostri 22 a sinistra dei pali45’ Australia ridicola!!! Lancio ritardato e calcio per noi. Polli49’ Timani recupera a terra ma Gori restituisce la cortesia e guadagna una mischia. Problemi di assetto e spinta per l’Italia. Calcio contro su nostra introduzione. 51’ Mostruoso Quade Cooper. Da fermo si beve l’intera difesa italiana e mette la palla in mano a Cummins che fila in meta. E quattro!! Dentro la conversione. Australia + 1652’. Dentro Ghrialdini, Geldenhuys e Aguero53’ Bella l’Italia in chiusa!!! Canottiere impaccate e calcio a favore54’ Troppo lungo il calcio di Toomua. E troppo corte le aree di Torino. Buon pe noi. È mischia in attacco. Parisse sotto pressione con il pacchetto disassato si rifugia in tenuto. E l’Australia gioca alla mano.58’ Rimessa Australia a 5 metri in attacco. Pericolo! Dentro Dennis per Timani. Tre volte bussano sull’asse e noi li fermiano. Poi fuori per Quade Cooper che mette Ashley Cooper sul binario giusto per la meta. Forse con le bombe a mano… Sono a + 23. Firenze è davvero lontana. Tanto.59’ Dentro Cittadini a destra per Castro e Allan per Di Bernardo62’ Italia arrembante dentro i 5 metri. Cittadini schiaccia dopo che l’Italia ha vinto almeno 6 impatti!!! Nulla cambia nell’economia della partita. Ma che bella meta!! Ad Allan (forse) tremano le gambe e la trasformazione vola a lato.65’ Dentro anche Furno (Bortolami) e Iannone (Benvenuti)65’ Calcio per l’Australia. Lo piazzano. La benzina costa… e sprecarla sarebbe davvero sciocco. Calcia Lealifano (dentro per Q. Cooper) da 40 metri a sinistra e sono 36.68’ Troppo Facile!! Moore riceve il calcio d’invio di Allan e in sottomano serve Tomane appena entrato che si fa 70 metri e firma la sesta meta. Lealifano dentro dall’angolo. È + 28. Dentro anche Botes per Gori70’ Accademia Australia!!!! La meta è di Folau che arriva in perfetto sostegno su Tomane vicino alla bandierina destra. Giocano tutto e dovunque, con la leggerezza e la spensieratezza delle spiagge del New South Welsh. Beati loro!!73’ Rimessa Italia. Due mani e drive. Poi continuità e bella difesa australiana. Fuori gioco Australia. Giochiamo veloce. Furno forse schiaccia prima che qualcuno ci metta sotto le mani…Parola al TMO. Mischia a 5 per noi76’ Altro calcio contro l’Australia su in avanti di Cittadini dopo che Parisse era partito dalla base.79’ La meta la segna baby Allan che riesce a dare velocità a una trasformazione al largo che pareva destinata a niente…Tommaso gioca in Top14 e si vede!!Man of the match: Cummins probabilmente per le mete segnate. Il nostro è Toomua, secondo classificato Quade Cooper, terzo Hooper. Dell’Italia: viva Allan!!! È lui il futuro di questa Nazionale.Giorgio Sbrocco

09
novembre


Italia - Super meta azzurra. Poi è solo Australia. By Girogio Sbrocco

ITALIA – AUSTRALIA 10 – 19Marcatori:  5’ cp Di Bernardo, 13’ m. McLean tr. Di Bernardo, 16’ m. Mowen tr. Q. Cooper, 21’ m. Kuridrani tr. Q. Cooper, 31’ mnt CumminsItalia:  Mclean, Benvenuti, Morisi, Sgarbi, Sarto, Di Bernardo, Gori, Parisse, Barbieri, Zanni, Bortolami, Pavanello, Castrogiovanni, Giazzon, Rizzo In panchina: Ghiraldini, Aguero, Cittadini, Geldenhuys, Furno, Botes, Allan, Iannone Australia: Folau, Ashley-Cooper, Kuridrani, Toomua, Cummins, Cooper, Genia, Mowen, Hooper,  Simmons, Horwill, Timani, Alexander, Moore, Slipper In panchina: Fainga'a, Robinson, Kepu, Dennis, Gill, White, Leali'ifano, TomaneArbitro: Glen Jackson (NZ)Gialli: C’è uno splendido sole sull’Olimpico di Torino che si va riempiendo con regolarità nei minuti prima del calcio d’invio. Terreno in perfette condizioni, ma a testarlo saranno le prime mischie ordinate. L’ultima volta che ci si giocò sopra a rugby (con l’Argentina, ai tempi di Berbizier) finì arato in più parti. IL FILM DELLA PARTITA1’ – Di Bernardo si presenta con un buon calcio di spostamento che libera i 22 azzurri dopo ricezione su calcio di invio2’ Fallo Australia in rimessa laterale vinta a due man ida Bortolami. Calcia fuori McLean: poca roba ma il lancio è nostro4’ 12 fasi azzurre ci portano fin dentro i 22. Fallo australiano a terra. Il vantaggio con porta a niente. Di Bernardo per i pali  da posizione molto favorevole. Italia avanti 3-06’ Italia in difficoltà sul calcio d’invio lungo. McLean pasticcia a terra ed è calcio contro per tenuto. Piazza Quade Cooper sulla sinistra dei pali. Fuori sulla destra!!8’ Prima mischia. È per l’Italia fra i 10 e i nostri 22 dopo un errore di comunicazione di Gori che per fortuna si è risolto a nostro favore. Rizzo subisce Alexander ma è solo reset. Problemi a ingaggiare. Rizzo anticipa. Calcio contro di noi. L’Australia gioca veloce due volte di seguito.12’ Su calcio sbagliato di Genia a seguire Castro riconquista e apre sul alto opposto: soprannumero e miss match al largo che Benvenuti ritorna all’interno per Di Bernardo che serve a McLean la palla per la meta in mezzo ai pali. META FAN TA STI CA!!!!! Italia 10-0. Si comincia a sognare16’ Reazione rabbiosa dell’Australia. Folau semina il panico, lo fermiamo ma l’avanzamento non si ferma. Mowen schiaccia a destra dei pali ben servito da Cooper che poi firma alche il – 3A QUESTO RITMO CI AMMAZZANO!!! CONVERREBBE GIOCARE UN POCO IN CONTROLLO19’ Bel turnover (Castro+Rizzo) su calcio ritornato da Cummings nella fascia centrale. Mischia per noi. Stavolta ad anticipare è l’Australia. Giochiamo il calcio alla mano (Parisse) ma perdiamo palla in avanti e la mischia fiori da 22 è loro.21’ Rizzo soffre. L’impatto sembra non del tutto regolare ma è calcio contro di noi. Ne nasce un’altra palla al largo. Ritmo indiavolato, altro buco di Folau che, placcato, serve Kuridrani che cade in meta sulla sinistra del fronte d’attacco. Non serve il TMO: è meta e la trasformano. 14-10, sorpasso effettuato.SE ACCETTIAMO UNA PARTITA STILE FORMULA 1 CI FACCIAMO DEL MALE25’ Di Bernardo usa male il piede e regala una mischia all’ Australia sulla metà campo. In mischia ordinata ci sono superiori a sinistra.31’ Mischia per noi al centro dei nostri 22. La vinciamo e Di Bernardo spara lontano. L’Australia pasticciona in fase di conquista ma sul punto d’incontro c’è un fallo azzurro e si torna a giocare nei nostri 22. Lanciano loro. Due mani e fuori: tre fasi e Cummins vola oltre la linea per la terza meta. Quade Cooper sbaglia. Australia + 9 (parzialone 19-0!)34’ Velo dell’Australia su contrattacco di Folau (bravo Mr Jackson!). Di Bernardo ci prova ma sbaglia. NON CI VOLEVA!!37’ Una pennellata di destro di Toomua finisce oltre il touch di meta. Per fortuna! Mischia azzurra a metà campo. Castro ha qualche problema spalla/gomito38’ Scintille in prima linea dopo una storta non vista di Gori e un reset che forse era calcio…39’ Calcio per l’Italia dopo fallo a terra Wallabies. Di Bernardo piazza dalla linea dei 10 e spara ancora a lato. Pesanti questi due errori!!FINE PRIMO TEMPOGiorgio Sbrocco

08
novembre


Italia – 1500 tagliandi in vendita domani dalle 9.30 a Torino. By Giorgio Sbrocco

Sono ancora 1500 i biglietti disponibili per il match di domani fra Italia e Australia all’Olimpico di Torino. Lo ha comunicato la Fir assicurando che domani dalle ore 9.30 saranno messi in vendita presso i botteghini di Corso AgnelliQuesti i prezzi dei biglietti nei settori ancora disponibili   Tribuna Ovest 55€Curva Nord/Sud/Ospiti 20€ Giorgio Sbrocco

08
novembre


Italia – I fumetti Glen Grant a indicare la via dell’Olimpico. By Giorgio Sbrocco

L’entusiasmo di Torino per la Nazionale è stato palpabile per tutta la settimana. Un entusiasmo che, nelle prossime ore, continuerà a coinvolgere non solo le persone, ma anche i monumenti storici del capoluogo sabaudo grazie all’attivazione sviluppata dallo sponsor federale Glen Grant con la creatività dell'agenzia A World of Events (AWE), una serie di spiritosi maxi fumetti che tra oggi e domani faranno la propria comparsa al fianco dei principali punti di ritrovo e monumenti storici torinese ricordando la partita. Le “nuvole” che appariranno al fianco di Cesare Augusto alle Porte Palatine, coinvolgeranno Ramesse II, simbolo del Museo Egizio di Torino e vedranno l’Alfiere dell’Esercito di Piazza Castello indicare al pubblico la strada verso la partita hanno fatto la loro prima uscita in Via Lagrange mercoledì sera, in occasione della visita di Sergio Parisse e compagni allo store di Italia Independent, e gli Azzurri non hanno perso occasione per improvvisarsi statue naturali e provare di persona l’effetto. Giorgio Sbrocco

Rugby Ball