12
ottobre


Amlin Cup – Gloucester vince di misura la battaglia (!) di Mont de Marsan. By Giorgio Sbrocco

Battaglie senza esclusione di colpi (in tutti i sensi, purtroppo) nel match che ha aperto ufficialmente la stagione 2013 di Amiln Challenge cup fra  Mont de Marsan (neopromossa ma combattiva cenerentola del Top 14) e gli inglesi di Gloucester (D’Apice in campo nel finale), conclusasi 11-6 per gli ospiti .  A pesare in maniera determinante sullo score finale è stata la meta di dell’ala Clark alla mezz’ora del primo tempo (segnata in superiorità numerica per il giallo a Scott Murray). Da segnalare che al 55’ il Gloucester è rimato in 13 uomini per la doppia espulsione di Matt Cox (giallo) e Andy Hazell (rosso diretto). In totale: tre gialli e un rosso. Se questo è (solo) l’inizio… Amlin Cup – Girone 1Mont de Marsan – Gloucester 6 - 11  Giorgio Sbrocco  

11
ottobre


Amiln cup – Si apre stasera a Mont de Marsan l'edizione 2013. By Giorgio Sbrocco

Saranno Mont de Marsan (ultimo in classifica del Top 14) e Gloucester (quinto nel campionato inglese) a tenere a battesimo stasera l'edizione 2013 della Amlin Challenge Cup (detentore: Tolone e l'anno passato quattro francesi in semifinale). In panchina con la squadra inglese ci sarà il tallonatore D'Apice. Tutte contro formazioni francesi le nostre quattro rapresentanti che scenderanno in campo a cominciare da domani   Amlin Challenge Cup – I giornataLe partite in programma Mont de Marsan - Gloucester Grenoble - I Cavalieri Prato Bayonne - Mogliano Rovigo - Perpignan Bucharest - Bath London Welsh - Stade Français Gernika - Worcester  Calvisano - Agen L.Wasps - Newport Dragons Bordeaux v L. Irish Amlin Challenge Cup - I gironiPool 1: Bordeaux, Gloucester, Mont de Marsan, London IrishPool 2: Bizkaia Gernika RT, Rovigo, Worcester Warriors, PerpignanPool 3: Bayonne, Mogliano, London Wasps, Newport DragonsPool 4: Agen, Bath, Calvisano, Bucharest WolvesPool 5: Grenoble, I Cavalieri Prato, London Welsh, Stade Français Giorgio Sbrocco

01
ottobre


Aviva Premiership – Tommaso D’Apice debutta con Gloucester. In campo fino al 58’. Notizia (quasi) riservata? By Giorgio Sbrocco

Per la serie: anche i grandi (siti) sbagliano. Piccole cose, per carità! Ma che per il nostro rugby tanto piccole, a volte non sono. Dell’avventura del 24enne beneventano Tommaso D’Apice in Inghilterra e del suo contratto con Gloucester parlammo all’epoca della firma, dando anche notizia del suo debutto nel campionato Riserve inglese. Ieri al Kassam Stadium di Oxford il nostro è sceso in campo da titolare in Premiership nel match (vittorioso) contro i London Welsh. D’Apice è rimasto in campo quasi un’ora, venendo sostituito da Koree Britton (clase 1992) al 58’. Ora: secondo la formazione pubblicata dal sito ufficiale del massimo campionato inglese, D’Apice non compare nel XV di partenza e nemmeno nella composizione della panchina. Titolare della maglia numero 2 infatti figura il 31enne neozelandese di nazionalità australiana Huia Edmonds. Nel corso della diretta scritta, però, il cambio fra D’Apice e Britton al 58’ è correttamente riportato. Molto meglio i colleghi di www.scrum.com, che hanno inserito D’apice nello starting XV e ne hanno registrato l’uscita dal campo e il cambio con il giovane Britton. Succede. E un grazie a Duccio Fumero per la segnalazione.Giorgio Sbrocco  

03
settembre


Debutto e vittoria (82-0) a Worcester per Tommaso D’Apice in maglia Gloucester. By Giorgio Sbrocco

Prima volta  in Premiership A League (il campionato delle seconde squadre dei club inglesi di prima divisione) per Tommaso D’Apice con la maglia del Gloucester United nella sfida del Sixways  contro i Worcester Cavaliers. Netta (fin troppo) l’ affermazione di Gloucester (82-0, 14 mete!) e per il forte tallonatore italiano la soddisfazione di entrare sul terreno di gioco dalla panchina. In campo anche il “padovano” Dario Chistolini, pilone di origini sudafricane alla sua seconda stagione in Inghilterra e compagno di D’Apice nell’Italia Emergenti.Giorgio Sbrocco

Aviva Premiership - Coach Davies (Gloucester): “Ci è mancato l’istinto del killer”. By Giorgio Sbrocco

Brucia parecchio la sconfitta interna (19-24), rimediata contro I Saints al debutto in campionato; al capo allenatore di Gloucester Nigel Davies: “Non abbiamo concretizzato e abbiamo concesso ai nostri avversari soluzioni facili nei momenti di loro supremazia”. Ma la cosa che più ha fatto arrabbiare e preoccupare l’ex tecnico degli Scarles è stata “la mancanza di determinazione. Quella capacità che ogni grande squadra deve possedere e che si chiama killer-instinct. Avevamo la partita a portata di mano: Northampton in 13 (Gerrit-Jan van Velze e Paul Doran-Jones fuori per giallo), noi sotto di 5 punti a 9 minuti dalla fine con una meta tecnica appena trasformata…abbiamo perso e solo per nostra colpa. I nostri avversari hanno ampliamente meritato di vincere”.  Resta comunque il rammarico “per un primo tempo giocato su buoni livelli e per l’incapacità di sfruttare le situazioni favorevoli”.Giorgio Sbrocco

01
settembre


Aviva Premiership – Northampton e Bath vincono in trasferta. Saracens e Exeter autoritarie in casa. By Giorgio Sbrocco

Due successi in trasferta e due larghe vittorie casalinghe nel pomeriggio inglese di Premiership in attesa del posticipo domenicale del Kassam stadium fra i neo promossi London Welsh e il Leicetser. Nel secondo atto del double londinese a Twickanham i Saracens recentemente sconfitti in amichevole dalla Benetton a Treviso hanno fato un sol boccone dei quotati London Irish, infliggendo agli Exiles isolani un pesante passivo e 37 punti di scarto. Tanto a poco anche al Sandy Park di Exeter fra i Chiefs e gli Squali (sdentati?) di Sale. Anche in questo caso 37 punti di differenza al  termine di 80’ combattuti ma, sostanzialmente, senza storia. Viaggio interessante e lucroso quello di Northampton al Kingsholm di Gloucester  dove la formazione di Ben Foden ha avuto la meglio su Mike Tindall e compagni grazie a un primo tempo giocato in controllo quasi totale delle operazioni. Non pronosticata e di misura la vittoria di Bath al Sixways di Worcester in casa dei Warriors. Un punto, alla fine ha diviso le due squadre, e la vittoria (prestazioone del collettivo, in questo caso, a parte) porta la firma dell’apertura Olly Barkley, capace di mettere fra i pali 8 calci di punizione. Aviva Premiership – I giornata Risultati del sabatoWasps – Harlequins  40-42Exeter – Sale 43 – 6Gloucester – Northampton 19 – 24Worcester – Bath 23 – 24Saracens – L. Irish 40 – 3Giorgio Sbrocco

24
agosto


Aviva Premiership – Capitan Hamilton non ha dubbi: “Gloucester ha cambiato mentalità. Possiamo battere chiunque”. By Giorgio Sbrocco

Facce nuove e tanta voglia di far bene, dopo un’annata (nono posto ala fine della regular season) non proprio esaltante, in casa di Gloucester. Il neo capitano Jim Hamilton (scozzese, 29 anni, chiamato a sostituire Luke Narraway emigrato a Perpignano in Top 14) non ha dubbi: “Il nuovo management contribuirà in maniera determinante al cambiamento di mentalità di cui la squadra ha bisogno. L’anno scorso abbiamo combattuto invano contro le nostre inadeguatezze e contro la mancanza di killer instinct. Ma con Nigel Davies in panchina le cose cambieranno”. Molto  dipenderà dal tipo di gioco: “Il nostro piano tattico è semplice – assicura Hamilton – e in squadra c’è un buon numero di ottimi giocatori. La linea arretrata è fantastica e in mischia c’è molta gente che si sa fare. Quando Gloucester comincerà a giocare…lo farà davvero bene!”. Ottimismo su tutta la linea, in attesa del difficile esordio casalingo in campionato sabato 1 settembre contro Northampton: “Possiamo battere chiunque. L’anno scorso siamo andati a vincere a Exeter ma poi abbiamo perso in casa con Newcastle. Non accadrà più, quello era il vecchio Gloucester, una squadra poco affidabile e inconsistente”. Morta per sempre, secondo il nuovo leader del gruppo. “Il nuovo Gloucester non perderà un colpo, affronterà ogni incontro con il massimo della concentrazione e così facendo costruirà la propria mentalità vincente”. Quanto alla posizione del veterano Mike Tindall, che rivestirà la duplice veste di giocatore e allenatore, Hamilton non ha dubbi: “Lo conosco bene, ci tiene a fare un’altra stagione in campo. Si è allenato molto in pre stagione. Per noi rappresenta qualcosa di molto importante”. Giorgio Sbrocco 

12
agosto


Pro 12 – Un giovane Leinster supera nettamente Gloucester a Dublino in amichevole. By Giorgio Sbrocco

Pubblico delle grandi occasioni ieri al piccolo (6 mila posti) Tallagh stadium di Dublino per l’amichevole fra Leinster, detentore dell’HC , che debutterà l’1 settembre in Pro 12 a Llanelli contro gli Scarlets, e Gloucester. Ha vinto il XV irlandese 33-22, al termine di un incontro giocato a buoni livelli quanto a intensità e a qualità del gioco espresso. Al riposo avanti 14-10, Leinster (per l’occasione molti i giovani in campo) ha poi decisamente messo le mani sulla partita, marcando tre mete che hanno determinato  il parziale di 19-5 che ha praticamente chiuso l’incontro. La meta nei minuti finali degli inglesi ha solo ridotto le dimensioni numeriche della sconfitta. In evidenza Clark e Madigan.Giorgio Sbrocco  

18
aprile


Tags

PREMIERSHIP – LO SCOZZESE REDPATH LASCIA LA PANCHINA DI GLOUCESTER A DUE GIORNATE DAL TERMINE DELLA STAGIONE. AL SUO POSTO IL COACH DEL PACK CARL HOGG. By Giorgio Sbrocco

“È con grande dispiacere che Gloucester Rugby conferma che il capo allenatore Bryan Redpath ha rassegnato oggi le proprie dimissioni che sono state accettate dal consiglio direttivo del club. Redpath lascerà Kingsholm (la sede del Gloucester Rugby club, ndr) con effetto immediato dopo la recente serie di risultati negativi che hanno fatto scivolare la squadra fino al settimo posto in classifica”. Queste le prime righe del comunicato ufficiale emesso nel pomeriggio di martedì dalla dirigenza del club. In esso si apprende che la responsabilità della conduzione tecnica della squadra per la prossima partita di campionato con Sale (sabato) è stata affidata all’allenatore degli avanti Carl Hogg. Il 40enne tecnico scozzese (due WC da giocatore e un precedente impiego come specialista della linea arretrata di Gloucester) aveva assunto il ruolo di capo allenatore nella stagione 2009/2010 (7° posto in Premiership). La sua miglior stagione quanto a risultati fu il 2010/2011, quando vinse la LV=Cup, finì al terzo posto la regular season di Aviva e fu sconfitto in semifinale dai Saracens (che poi conquistarono il titolo) di soli due punti. “Mi assumo tutta la responsabilità del rendimento della squadra che non è stato in linea con le aspettative e con le potenzialità del gruppo” ha dichiarato il tecnico dimissionario a due giornate dal termine del torneo.  “Ho rassegnato le dimissioni con profonda amarezza” ha aggiunto. “Ho trascorso a Gloucester anni bellissimi. Il club è fantastico e la città è una vera città del rugby, i tifosi appassionati e fedeli. Penso sia giunto il momento perché qualcun altro si assuma la responsabilità della squadra”. Quanto ai ringraziamenti: Sono troppe le persone alle quali dovrei dire grazie. Troppe per un comunicato stampa. Ma devo esprimere la mia profonda gratitudine alla famiglia Walkinshaw per l’opportunità che mi è stata concessa”. Ryan Walkinshaw, membro del consiglio direttivo del club ha dichiarato: “questo è un giorno triste per il nostro club. Il consiglio ha accettato le dimissioni di Bryan con grande dispiacere. Si tratta di una persona squisita, di un buon allenatore con ottimi principi e un grande lavoratore. Si è sentito responsabile per i recenti risultati negativi sul campo e ha ritenuto che la situazione non fosse più sostenibile. Rispettiamo la sua decisione”. Una accenno alla stampa, non molto tenera nei confronti del tecnico: “Intendiamo sottolineare che la partenza di Redpath non è collegata in alcun modo alle recenti indiscrezioni di stampa circa la sua futura destinazione, ma solo ai risultati”.

Rugby Ball