06
marzo


TOP 14 - XIX giornata: Canale in meta e Clermont asfalta Tolosa, Castres pareggia con Lione, Racing di misura grazie a Mirco Bergamasco e Stade Francaise male a Brive. By Giorgio Sbrocco

Sorprese e conferme nel turno n.19 del Top 14. Tolosa sconfitta nettamente a Clermont, Tolone che regola Montpellier che perde con bonus, vittoria di stretta misura del Racing su Bayonne, di Brive su uno Stade Francais sempre più lontano dalla vetta e di Biarritz su Bordeaux. Sotto break il successo di Agen su Perpignano.  Inaspettato pareggio di Castres in casa con il fanalino di coda Lione.  In classifica generale Tolosa mantiene il primato con quattro lunghezze di vantaggio su Clermont. Dietro è lotta aperta per i quattro rimanenti posti nella griglia play off. A sette turni dalla fine della stagione regolare, con 35 punti teorici ancora da assegnare, nella corsa per i quarti di finale risultano coinvolte  almeno sei formazioni. In coda, per Perpignano, Bayonne, Biarritz e Lione, ancora tutto da decidere per la retrocessione. Castres – Lione 6-6Pareggio vitale in trasferta per Lione. Un risultato importante, e non solo per il morale della squadra, fortemente voluto e perseguito con lucidità e rigore (grande dimostrazione di organizzazione ed efficacia difensiva) dalla formazione di Raphael Saint-André che alimenta le speranze di salvezza. I padroni di casa, spesso eccedendo quanto a ricerca di soluzioni individuali, non sono mai riusciti a mettere in crisi Lione, apparso equilibrato nell’occupazione degli spazi allargati (bene la difesa rovesciata), consistente nelle zone di impatto e all’altezza dei più titolati avversari in mischia e rimessa laterale. Per il XV della premiata ditta Travers-Labit si tratta della terza partita conclusa senza marcare mete. Di Teulet e Lespinas (6-6 al 23’) i punti dell’incontro. Clermont – Tolosa 35 - 5Senza storia la sfida dei quartieri alti. Pesano in casa Tolosa le assenze degli internazionali e Clermont ha vita relativamente facile a imporsi (senza bonus) al Marcel Michelin e ad avvicinarsi alla vetta della classifica che ora dista solo quattro lunghezze. Skrela dalla piazzola (23 punti personali), l’azzurro Canale al 57’ e Russel allo scadere sostanziano una superiorità mai in discussione ma divenuta concreta solo nel secondo tempo, dopo che i primi 40’ si erano chiusi sul 12-5 con Tolosa in meta con Imperial al 23’. Agen – Perpignan 22 - 17Vittoria sudata ma ampiamente meritata dell’ Agen di Christian Lanta, che ora guarda da vicino la zona play off (un punto dal Racing sesto), su un Perpignano che incassa un punto che si annuncia pesante nella futura lotta per non retrocedere. Basi della vittoria è sono state le fasi di conquista: rigorosa e ben organizzata la rimessa laterale, stabile e in costante controllo degli assetti la mischia ordinata. Quanto a utilizzo dei possessi: poca ricercatezza ma tanta concretezza. E su tutto un Barnard praticamente perfetto (6/7) nel punire il XV “Sang et Or” troppo spesso in palese difetto di disciplina. Per i catalani, sempre in partita nonostante i tanti errori, il bonus arriva a tempo scaduto dal piede del funambolo gallese Hook, autore di 9 punti personali. Due le mete: del centro Pelesasa per l’Agen al 13’ e del flanker Chouly al 71’. Biarritz – Bordeaux 38-13Primo bonus offensivo (quattro le mete segnate) della stagione per il Biarritz Olympique di Serge Mihas (prossimo assistente di Jaques Brunel?) che si impone nettamente al Parc des Sports Aquiléra su Bordeaux (allenato dall’ex tecnico di Calvisano Marc Delpoux) grazie soprattutto alla prestazione del  suo numero 9 Dimitri Yachvili, perfetto ispiratore e prezioso terminale offensivo della squadra (per lui due mete personali). Primo tempo chiuso sul 17-5 per Biarritz, la partita si decide fra il 60’ e il 66', quando i padroni di casa realizzano 15 punti in rapida successione con Yachvili (cp), Ngwenya (meta) e ancora Yachvili (meta trasformata). Qualcuno non ha capito il motivo per cui Yachvili non sia stato impiegato nella Francia del Sei Nazioni, fermata sul pareggio (17-17) dall’Irlanda a Parigi e perciò fuori da ogni possibilità di centrare il Grande Slam. La spiegazione ufficiale (il giocatore non è fisicamente a posto) promette di aprire pesanti fronti polemici sul delicato tema dei criteri di convocazione in uso presso la Ffr. Brive – Stade Francais 25 - 9Vittoria importante di Brive che prevale sui parigini dello Stade di Michale Ceika (che si confermano poca cosa in trasferta) al termine di un match molto combattuto che la squadra di casa ha saputo volgere a proprio favore nel secondo tempo, dopo che il primo si era chiuso sull 11-9. La ripresa, giocata su ritmi nettamente più “ragionati” rispetto ai primi 40’,  è stata infatti caratterizzata da un possesso quasi costante da parte degli uomini di Ugo Mola, da una netta prevalenza della loro mischia ordinata e da un numero davvero elevato di falli dei parigini che ha spianato la strada del successo sotto forma di calci piazzati da posizione agevole. Carminati (9) e Belie (6) ringraziano. Per Parigi tre centri dell’argentino Contepomi e finale in 14 per il giallo (somma di falli di squadra) al tallonatore Sempere.   Racing – Bayonne 22 – 21Una meta al 71’ (l’unica dell’incontro) dell’ala tongana Sireli Bobo (36 anni, nell’occasione capace di “sedere” Mazars et Huget prima di schiacciare oltre la linea), la successiva trasformazione e un calcio di punizione fra i pali (68’) di Mirco Bergamasco regalano al Racing diPierre Berbizier (Lo Cicero in campo dal 47’) una vittoria fondamentale per la rincorsa alla zona play off. Per la formazione di Didier Furegon un’occasione perduta per incamerare punti fondamentali per la salvezza. Per Bayonne: 18 punti dal piede dell’apertura Potgieter e tre dal mediano di mischia Garcia subentrato al 63’ al gallese Phillips.   Tolone - Montpellier 19-6 Una meta tecnica al 71' (falli ripetuti di assetto in chiusa) e 14 punti di Johnny Wilkinson confezionano l'importante successo di Tolone su Montpellier di Fabien Galthié in uno dei match puù caldi e incerti della giornata. Grazie alla vittoria sul verde dello Stade Mayol la formazione di Olivier Azam sale al terzo posto in classifica, alle spalle di Clermont e davanti a Castres. Troppo forti e organizzati in mischia (il gallese Roberts, Bruno e il neozelandese Hayman in prima linea) i tolonesi hanno per lunghi tratti dell'incontro monopolizzato possesso e territorio, affidando alla sapiente e lineare regia del grande Wilko la gestione tattica della gara. Solo due piazzati (uno per tempo) per Montpellier.   Giorgio Sbrozzo, giornalista sportivo. Classifica: Tolosa 69, Clermont 65, Tolone 56, Castres 50, Montpellier 48, Racing 45, Agen 44, Stade Fr. 42, Bordeaux, Brive 37, Perpignan 32, Biarritz, Bayonne 30, Lione 26

06
marzo


AVIVA PREMIERSHIP – Pareggio allo scadere per gli Harlequins ancora primi, si avvicinano Saracens e Tigers, alle Vespe il derby della capitale. By Giorgio Sbrocco

Harlequins a un passo dalla sconfitta clamorosa in casa dell’ultima in classifica ma ancora al comando in Aviva Premiership con  quattro lunghezze sulla seconda, dopo la disputa della 17esima giornata della regular season. Larghe vittorie di Leicester, Bath e di Exeter che consolidano o scalano posizioni importanti in graduatoria. Molto tirata la sfida fra Saracens e Northampton decisa dai calci di Hodgson pronto per la maglia numero 10 dell’Inghilterra contro la Francia. Nella parte bassa della graduatoria, da segnalare il successo dei Wasps nel derby di Londra  sugli Exiles irlandesi. Newcastle – Harlequins 9-9Serata magica al Kingston Park di Newcastle (poco meno di 8 mila spettatori, record di affluenza stagionale) per i Falcons ultimi in classifica, opposti agli Harlequins primi della classe. Solo un calcio messo fra i pali all’80’ dall’apertura Nick Evans (il terzo della partita) ha infatti impedito ai padroni di casa (peraltro penalizzati da due gialli molto pesanti al mediano di mischia Pilgrim e al tallonatore Vikers) di portare a termine la partita perfetta e di capovolgere tutti i pronostici della vigilia. Il piede del numero 10 Jimmy Gopperth ha prima impattato (52’) il match sul 6-6, per poi firmare il sorpasso (71’ in inferiorità numerica). Da segnalare l’infortunio (grave) al ginocchio del numero 2 dei Quins Chris Brooker, uscito dal campo in barella. Non una  partita di grande contenuti tecnici ma, a tratti, una battaglia dai toni agonistici molto elevati. Per Newcastle, sempre ultimo a 9 lunghezze dai Wasps, un pareggio che fa morale. Bath – Worcester 36-17Doppietta personale di Michael Claassens e Tom Biggs nella larga vittoria interna di Bath  che continua la serie positiva, vendicala sconfitta patita nel girone di andata e punta a una delle prime sei posizioni della classifica. Worcester, battagliero e tecnicamente all’altezza della situazione, in vantaggio all’11’ con l’ala Ascrott, messo impietosamente in ginocchio dalle tre mete incassate nell’arco di 12’ (Biggs, Banahan, Classens fra il 17’ e il 29’) nel corso del primo tempo. Bath in campo con due facce nuove in prima linea, Beech (per Catt) a sinistra e il 37enne Bell (per Perenise) a destra, Worcester che lamenta almeno quattro assenze di peso. Padroni di casa superiori nelle fasi di conquista e capaci di sequenze prolungate ed efficaci. Exeter – Sale 37-12Sentono profumo di Heineken cup i Chiefs di Exeter che si impongono (seconda volta in stagione) nettamente su Sale  al Sandy Park, sette giorni dopo la sconfitta interna di misura contro Bath. Il ritorno di James Hanks in seconda linea e di Bryan Rennie fra i centri hanno contribuito alla qualità complessiva dell’attacco di Exeter, in meta dopo 8’ con l’estremo Dollman e al 36’ con il n.8 Baxter. Due calci dell’apertura Ignacio Mieres hanno confezionato il 18-0 del primo tempo. Sul 30 – 0 al 55’ (meta dell’ala Matt Jess), Bath toglie il piede dall’acceleratore e rallenta il ritmo delle operazioni. Ne approfitta Sale che segna con i panchinari Burrell (64’) e Buckley (71’). Allo scadere la meta del 37-12 di Sestared trasformata da Steenson. London Wasps – London Irish 18 – 3Vincono le Vespe nel derby di Londra andato in scena davanti a 7 mila spettatori  una delle versioni più dimesse della sua gloriosa storia. Un successo che comunque serve al morale dei Wasps che interrompono la terrificante striscia di nove sconfitte consecutive e li allontana dall’ultimo posto in classifica. Tutti dal piede di Niki Robinson i 18 punti dei Wasps, gli ultimi 6 (71’ e 75’) che valgono il sorpasso vincente dopo la meta Exiles del samoano Sailosi Tagicakibau al 65’, pte servito da Joseph sugli sviluppi di una rimessa vinta e bravo a bersi d’un fiato Tom Prydie e l’estremo Hugh Southwell. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.  

PRO 12 - A Treviso arrivano i Cardiff Blues. In campo Semenzato, Van Zyl, Minto e Vosawai. By Giorgio Sbrocco

Calcio d’inizio domani alle 16.30 (arbitra l’irlandese Wilkinson)  e diretta televisiva su Raisport2 per la Benetton Treviso di Franco Smith (Derbyshire: stagione finita) che a Monigo sfida i Blues gallesi di Cardiff per la giornata numero 17 di Pro12, l’ultima in concomitanza del Sei Nazioni e con i noti problemi di indisponibilità dei giocatori impegnati con le Nazionali. All’andata (11 settembre) Cardiff, attualmente al sesto posto in classifica generale, si impose nettamente 33-18. Nell’ultima uscita ufficiale  gli uomini di Gareth Baber e Justin Burnell sono stati superati di misura (16-13) da Munster al Thomond Park di Limerick mentre la franchigia veneta si è arresa (20-34  il finale dopo una partenza bruciante) agli Scarlets sul campo di Llanelli. Franco Smith opta per una buona continuità rispetto al match della settimana scorsa con gli Scarlets. Smith deve rinunciare al centro Garcia (una settimana di squalifica) ma può disporre degli azzurri Minto, Van Zyl, Vosawai e Semenzato, al quale consegna i gradi di capitano  e la maglia numero 9 da titolare. Mediano di mischia aparte, linea arretrata invariata rispetto alla trasferta gallese. In mischia confermata la terza linea e in prima partiranno Di Stefano – Rouyet piloni con Vidal tallonatore.  Nitoglia torna a fare l’estremo con l’esperto De Jager e Dingo Williams schierati alle ali. Iannone-Pratichetti  sarà la coppia di centri e come leader della terza linea   il tecnico sudafricano punta su Filippucci. In panchina andranno cinque avanti, con Picone, Galon e l’oggetto misterioso Di Bernardo per i ruoli della mediana e dei trequarti. I Blues operano cinque cambi rispetto a venerdì in Irlanda.  Ben Blair parte estremo con Ceri Sweeney primo centro e Chris Czekaj che scala all’ala (Tom James in panchina). In mischia il recuperato Xavier Rush sarà numero 8 (Molitika parte dalla panchina). In prima linea saranno titolari Rhys Thomas, Sam Hobbs e  Ryan Tyrell, con John Yapp pronto a subentrare nel secondo tempo. Pronostico per Cardiff, mai sconfitto da squadre italiane, anche se Treviso non ha mai perso nelle ultime tre gare interne contro formazioni gallesi. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

02
marzo


17° Turno di AVIVA PREMIERSHIP - Harlequins “facili” a Newcastle. Scontri diretti al vertice e derby di Londra all’Adam Park. By Giorgio Sbrocco

È il testa coda in programma stasera al Kingston Park di Newcastle fra la capolista Harlequins (56) e i Falcons (16) ultimi in classifica, l’anticipo della 17esima giornata dell’Aviva Premiership. Padroni di casa alla ricerca delle quarta vittoria stagionale e reduci dalla pesante sconfitta con le Tigri di Leicester, consapevoli della forza dell’avversario ma determinati a vendere cara la pelle. In campo il tallonatore Rob Vickers che festeggia il cap n.100 con la maglia del club e in mischia si rivedono Fondse in seconda linea, il tongano Tu’ifua terza sul lato chiuso e Ally Hogg con il numero 8. In panchina i nuovi acquisti James Goode e Adam Balding. Biglietti a prezzi di favore (5 e 10 sterline) per “creare un ambiente che sia di concreto sostegno ai nostri ragazzi” ha spiegato il manager del Falcons Gary Gold.  Per l’occasione gli Harlequins avranno a disposizione anche gli internazionali Mike Brown, Jordan Turner-Hall e Joe Marler. Tutte in programma sabato le altre gare e tutte nel segno di un serrato equilibrio di valori che rende quasi impossibili pronostici e previsioni. A Vicarage road sono di scena i Saracens (50) secondo in classifica che sfidano i Northampton Saints terzi a quota 46. Padroni di casa in serie negativa da due turni (Leicester e Worcester), non perdono tre partite di fila sul terreno amico dal 2006. I Saints (nonostante tutto favoriti) hanno messo  in tasca 23 punti negli ultimi sei turni ma non vincono in casa dei Sarries dal lontano 2004. Lotta nei quartieri alti anche sul verde del Welford road di Leicester, dove i Tigers (45) ricevono Gloucester (41). Tricolori in gran forma (una sola sconfitta dopo la WC) e biancorossi, che non vincono a Leicester dal 2007, con un record di 5 vittorie nelle ultime 6 uscite ufficiali. Equilibrio annunciato anche a Exeter, nella sfida fra i neopromossi Chiefs (40) che nel 2012 hanno perso una sola volta in campionato ma che in casa non sono propriamente imbattibili e il Sale (40) reduce da 3 vittorie nelle ultime quattro partite. Tutti a favore di Exeter gli ultimi tre incontri con gli Squali Il Bath (34) riceve Worcester (31) al Recration Ground forte degli scontati favori del pronostico legati al bilancio favorevole di 5/6 delle ultime uscite (sconfitta interna con Gloucester il 18 febbraio) e del fatto che i Warriors non vincono in trasferta dal primo giorno dell’anno e al Rec hanno sempre perso nelle ultime sette visite. All’andata Bath uscì sconfitto 7-16. I decaduti London Wasps (23), capaci di soli tre punti di bonus difensivo nelle  ultime sei giornate di campionato, in serie negativa da cinque turni  e con Marco Wentzel e  Riki Flutey fuori per il resto della stagione, se la vedranno all’Adam Parks con i London Irish (35), che non attraversano un grande momento di forma e che in trasferta non vincono (a Parigi in Challenge con il Racing) dal 10 dicembre scorso. Exiles vincitori degli ultimi due “derby” con gli storici vicini londinesi (che in settimana hanno annunciato l’arrivo del tallonatore Rhys Thomas da Cardiff dalla prossima stagione), ma il loro 2/2 stagionale più recente risale al 2002. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Al lavoro l'Italia Emergenti di Gianluca Guidi - Prime convocazioni in vista del debutto a L'Aquila il 18 marzo con England Students. By Giorgio Sbrocco

Roma – Prima convocazione per la neo costituita Italia Emergenti (ct Gian Luca Guidi) in vista del debutto fissato per il 18 marzo a L’Aquila contro la rappresentativa delle università inglesi denominata Engalnd Studenti (diretta su Raisport2) . I 25 convocati, tutti tranne De Marchi (Aironi), Fazzari e Iannone (Benetton) provenienti dai campionati di divisione nazionale di Eccellenza e serie A, si raduneranno a Tirrenia dal 4 al 6 marzo. Spicca la chiamata di Marcato (Calvisano), che torna a indossare una maglia azzurra dopo l’ultima apparizione targata Sei Nazioni 2009 contro la Francia. “Le convocazioni – ha spiegato il tecnico Guidi – tengono conto delle performance in campionato. Ragazzi interessanti come Martinelli e Marconato che provengono dalla Serie A, che hanno meritato la chiamata e potranno mettersi in evidenza”. Il pilone Dario Chistolini (attualmente a Gloucester) potrebbe essere aggregato in vista del match. Questo l’elenco dei convocati: Andrea BACCHETTI (Femi-CZ Rovigo, 2 caps) Marco BARBINI flanker (Petrarca Padova) Nicola BELARDO (Estra I Cavalieri Prato) Giacomo BERNINI (Estra I Cavalieri Prato) Riccardo BOCCHINO (Estra I Cavalieri Prato, 12 caps) Tommaso CASTELLO (Cammi Calvisano) Alberto CHILLON (Petrarca Padova) Filippo CRISTIANO (Femi-CZ Vea Rovigo) Andrea DE MARCHI (Aironi Rugby) Carlo FAZZARI (Benetton Treviso) Marco FUSER (Marchiol Mogliano) Ornel GEGA (Petrarca Padova) Davide GIAZZON (Femi-CZ Rovigo Delta) Tommaso IANNONE (Benetton Treviso) Andrea LOVOTTI (Cammi Calvisano) Denis MAJSTOROVIC (Estra I Cavalieri Prato) Andrea MANICI (Banca Monte Parma Crociati) Andrea MARCATO (Cammi Calvisano, 16 caps) Alberto MARCONATO (Udine Rugby) Luca MARTINELLI (Fiamme Oro Roma) Guglielmo PALAZZANI (Cammi Calvisano) Michele SUTTO (Petrarca Padova) Enrico TARGA (Petrarca Padova) Pietro VALCASTELLI (San Gregorio Catania) Michele VISENTIN (Cammi Calvisano) Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

01
marzo


RABO PRO 12 – A Viadana arrivano i Dublinesi di Leinster primi in classifica. By Giorgio Sbrocco

Viadana – Appuntamento da non perdere domani (venerdì) allo Zaffanella (ore 19, diretta su Raisport2, dirige lo scozzese Macpherson). Per la 17esima giornata di Pro12 è infatti in programma Aironi-Leinster. I dublinesi, primi in classifica, in testa nei pronostici per la vittoria finale e detentori della Heineken cup, sono reduci dal pareggio (10-10) di Glasgow e puntano alla vittoria per mantenere inalterato l’ampio margine di vantaggio sulle dirette concorrenti nella corsa ai play off. Gli Aironi, ancora senza gran parte dei nazionali, sono attesi a una prova d’orgoglio, a sette giorni dall’amara sconfitta patita in casa contro i Dragons di Newport, maturata nel finale per una (molto discutibile) meta di penalità assegnata dal direttore di gara irlandese. Rispetto alla sfortunata esibizione con i gallesi sono cinque le novità nella formazione annunciata da coach Phillips: due nella linea arretrata e tre nel pacchetto di mischia. La maglia numero 15 va a Toniolatti (che rileva Benettin, titolare nelle ultime due uscite) mentre Riccardo Pavan (permit da Rovigo) parte all’ala insieme a Sinoti sul lato opposto. Invariata la coppia di centri Pizarro (40 cap s Aironi)-Quartaroli e la cabina di regia con Tebaldi alla mischia e Olivier numero 10. Fuori ancora una volta Williams (problemi muscolari), terza centro giocherà Sole con l’azzurro Favaro e Cattina flankers. In seconda linea la coppia titolare, indisponibile Furno, sarà Del Fava-Biagi. Niente di nuovo in prima, con Santamaria tallonatore, Romano a destra e Aguero sul lato introduzione. In panchina si rivede Orquera (fuori dalla sfida con Connacht). Con lui a disposizione: Ongaro, De Marchi, Perugini, Redolfini,   Ferrarini, Keats e Gilberto Pavan. Nel Leinster, che schiera Boss-Madigan in mediana,  torna Fitzgerald estremo dopo due mesi di assenza.  Osservata special la linea arretrata con Conway-Carr alle ali e O’Malley-Macken centri. In prima linea lo Springboks Van der Merwe a sinistra accanto a Strauss e a White sulla destra. Sabato (16.30) a Monigo sono di scena i Cardiff Blues contro la Benetton di Franco Smith. Completano il programma del 17esimo turno: Ospreys-Glasgow, Ulster-Edimburgo, Scarlets-Connacht, Newport-Munster. Tranne l’Armata Rossa di Limerick data per vincente in Galles, tutte favorite le squadre di casa. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

01
marzo


ECCELLENZA - Rischia solo il Rovigo a Roma. Per Calvisano e Prato trasferte sulla carta senza problemi. By Giorgio Sbrocco

La tredicesima giornata del campionato di Eccellenza si annuncia priva di particolari insidie per almeno quattro delle prime cinque della classe. La neo capolista Calvisano scende a Nicolosi per incontrare il San Gregorio di Bimbo Arancio (arbitra Marrana), recentemente precipitato all'ultimo posto della graduatoria con oggettivi problemi di organico e di efficienza. Gialloneri bresciani chiaramente favoriti dai pronostici e (quasi) scontato il punto di bonus. I Cavalieri Prato di De Rossi e Frati, sconfitti inaspettatamente nell'ultimo turno in casa dal Petrarca, sono di scena a Reggio Emilia (dirige Blessano), dove punteranno a intascare l'intera posta e l'extra punto offensivo. Toscani attrezzatissimi sia davanti sia dietro, Diavoli rossoneri animati da tanta buona volontà ma inferiori per tasso tecnico e individualità. Rischia invece il Rovigo quarto in classifica di Polla Roux e Alexandro Canale, facile vincitore sul San Gregorio domenica scorsa al Battaglini, che a Roma rende visita a una Lazio (arbitra l'internazionale Falzone) ormai fuori dalla corsa play off ma capace, solo sette giorni fa di fermare la corsa del lanciatissimo Mogliano, imponendo un pareggio da pochi pronosticato alla vigilia. Domenica il Petrarca campione d'Italia di Pasqaule Presutti ospita L'Aquila al Memo Geremia (dirige Sironi) con la prospettiva di incamerare cinque importanti punti in prospettiva semifinale. Abruzzesi, alle prese con il cambio di guida tecnica, praticamente salvi e tradizionalmente poco consistenti lontano dal Fattori. Padovani intenzionati a esprimere bel gioco dopo le polemiche seguire all'opaca prestazione interna con la Lazio. Copertura televisiva domenicale per la partita di Mogliano tra il Marchiol di Umberto Casellato e i Crociati Parma del suo amico ed ex compagno di squadra "Cocco" Mazzariol. Trevigiani quinti in classifica e con una gran voglia di puntare alla storica semifinale per il titolo. Emiliani recentemente rinati a nuova vita grazie alla striscia di due successi consecutivi su dirette concorrenti nella lotta per non retrocedere. Pronostico tutto per i padroni di casa, anche se il match potrebbe risultare tutt'altro che scontato nell'epilogo. Direzione affidata al padovanoVivarini, con diretta sul portale http://raisport.rai.it e differita alle ore 18 su Rai Sport 2. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

AVIVA PREMIERSHIP – La classifica si accorcia. Play off ancora tutti da decidere. In coda Newcastle chiama Stringer per il miracolo. By Giorgio Sbrocco

Turno ricco di risultati fuori pronostico il 16esimo dell’Aviva Premiership inglese che, a sei turni dalla conclusione della stagione regolare, non ha ancora fornito indicazioni certe sui nomi delle quattro semifinaliste che si contenderanno il titolo di campione d’Inghilterra attualmente detenuto dalle Tigri di Leicester del pilone azzurro Martin Castrogiovanni. Le sconfitte (entrambe con bonus difensivo) di Harlequins e Saracens hanno considerevolmente accorciato la classifica, permettendo a Northampton e Leicester di avvicinarsi alla vetta. Non ancora fuori dai giochi sono inoltre Gloucester, Sale e la matricola Exeter, racchiuse nello spazio di un solo punto a quota a cinque e a quattro lunghezze dalla quarta. In coda resta grave la situazione di Newcastle, ultimo a sei punti dai Wasps, che ha annunciato l’ingaggio fino alla fine della stagione del mediano di mischia irlandese Peter Stringer (reduce da un prestito di due mesi con la maglia Saracens). La missione (impossibile) affidata al piccolo grande uomo di Munster si chiama salvezza. Sale Sharks - London Wasps 46-34Troppa la differenza di caratura tecnica e di consistenza a favore degli uomini di Nick Macleod (16  punti di piede) che superano abbastanza agevolmente le Vespe londinesi giunte alla loro nona sconfitta consecutiva in campionato. Tre mete nel primo tempo firmate da Sam Tuitupou (2) e Dwayne Peel e altrettante nella ripresa a opera di Andy Powell, Johnny Leota e Rob Miller rendono ininfluente ai fini del risultato la reazione degli ospiti che vanno due volte in meta con Joe Simpson nei minuti finali. Worcester Warriors - Saracens 16-11Il sogno dei Saracens di salire fino in cima alla classifica generale si è spento nella notte magica  di Worcester grazie a una prestazione praticamente perfetta degli uomini di Errie Claassens, capaci di non perdere lucidità e rigore tattico sotto 8-0 dopo la partenza a razzo dei londinesi, in meta con l’ala Tagicakibau dopo 9’ e a segno dalla piazzola con l’estremo Goode al quarto d’ora. Al riposo in vantaggio di un punto (fantastica la meta del centro Grove allo scadere), i Warriors hanno esibito nel secondo tempo una prestazione difensivi ai limiti della perfezione e grazie a due centri di Andy Goode (11 il suo personale bottino di giornata) hanno incassato la vittoria meno pronosticata della giornata. Leicester Tigers v Newcastle Falcons 42-15Partita già chiusa alla fine del primo tempo (23-3) in favore delle Tigri tricolori che contro il fanalino di coda Newcastle hanno esibito scampoli di grande rugby, con Thomas Waldrom in forma strepitosa due volte in meta. A segno anche Agulla, Salvi, Morris e Twelvetrees. Da segnalare i 12 punti di piede del 19enne George Ford schierato all’apertura  Exeter Chiefs v Bath 9-12La matricola Exeter si arrende di misura al Bath nella battaglia dei calci piazzati, andata in scena al Sandy Park davanti a 10 mila spettatori, al termine di 80’ di costante equilibrio e di rugby molto chiuso. Per i padroni di casa, che non vincono con Bath dal 1978, è la quarta sconfitta fra le mura amiche. Quattro (l’ultimo a 10’ dalla fine) i palloni mandati fra i pali dal numero 10 di Bath Tom Heathcote, uno più del suo omologo Ignacio Mieres Gloucester - Harlequins 29-23Non sono bastate due mete dell’estremo Ross Chisholm e 13 punti dell’apertura Nick Evans agli Harlequins primi della classe per evitare la sconfitta nella tenuta trasferta di Gloucester. Padroni di casa avanti 21-13 all’intervallo, in meta con l’estremo May, con l’ala Sharples e con il roccioso flanker Akapusi Qera. Il resto dal piede del mediano Burns London Irish  - Northampton Saints 23-30 (18-11)Illudono e si illudono i London Irish (avanti 18-11alla fine del primo tempo) che alla fine si arrendono ai più concreti ed efficaci Saints autori di tre mete nella ripresa. Decisiva la segnatura del panchinaro Nutley al 77’ (trasformata da Lamb), dopo che le marcature di Watson e Diggin (Northampton) e quella firmata da Danaher (Irish) avevano portato le squadre in parità a tre minuti dal fischio finale. Padroni di casa a segno con l’estremo Delon Armitage, l’ala Sailosi Tagicakibau e Adrian Jarvis che infila otto punti fra i pali Classifica: Harlequins 56; Saracens 50; Northampton 46; Leicester Tigers 45; Gloucester 41; Exeter, Sale 40; London Irish 35; Bath 34; Worcester 31; London Wasps 23; Newcastle 17. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

29
febbraio


TOP 14 – È Clermont-Tolosa il big match del 19° turno. By Giorgio Sbrocco

Con la disputa (venerdì 24) dei due recuperi della 17esima giornata che hanno visto Agen prevalere in casa su Castres 23-12 e Brive espugnare il campo di Lione con il punteggio di  22-9, il Top 14 francese può (finalmente) stilare una classifica definitiva e preparare al meglio la volata finale con destinazione play off che inizierà il 2 marzo (19esimo turno) con la notturna di Tolone-Montpellier sul verde dello stade Mayol. Tutte in programma sabato le altre sfide, fra cui spicca il big match dei quartieri alti fra Clermont e Tolosa che si disputerà al Marcel-Michelin con calcio d’invio alle 16.15. L’altro posticipo(20.45)  va in scena al Pierre-Antoine di Castres fra l’Olympique e il Lione ultimo in classifica.  Promettono spettacolo e  (tanto) agonismo anche Agen-Perpignan e Brive-Stade Francais. Pronostico sulla carta scontato a favore del Racing di Mirco Bergamasco (che ha recentemente dichiarato di credere ancora nella possibilità di un posto nella griglia play off) contro Bayonne e per il Boreaux in casa del Biarritz. In classifica generale Tolosa si conferma prima forza del campionato a quota 69, seguita a otto lunghezze da Clermont e a 17 dal Tolone terzo. Più distanziata (48) l’accoppiata Castres-Montpelier e al sesto posto (ultimo per l’accesso ai quarti di finale) i parigini dello Stade  con 42 punti, uno sopra i concittadini del Racing di Pierre Berbizier e due sopra Agen . In coda, la lotta all’ultimo sangue per evitare le due retrocessioni coinvolge  Lione, Biarritz, Bayonne e Perpignano, anche se la matematica (a otto giornate dalla conclusione della stagione regolare)  non assolve ancora definitivamente Brive e Bordeaux. Classifica: Tolosa 69, Clermont 61, Tolone 52, Casters, Montpellier 48, St. Francais 42, Racing 41,  Agen 40, Bordeaux-Bègles 37, Brive 33, Perpignano 31, Bayonne 29, Biarritz 25, Lyon 24 Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Rugby Ball