12
novembre


Giappone – Assolto il n. 8 Holani. By Giorgio Sbrocco

Assoluzione piena per il n. 8 del Giappone Ryu Koliniasi Holani, citato dal Commissioner Irb per un presunto placcaggio pericoloso nel corso del test match con la Scozia di sabato. La commissione, analizzate le immagini e sentito il giocatore, ha stabilito che il fallo commesso non meritasse la classificazione di cartellino rosso. Ha quindi disposto che al giocatore sia consentita la ripresa dell’attività senza alcuna sospensione.Giorgio Sbrocco

09
novembre


Scozia – Battuto il Giappone. By Giorgio Sbrocco

La Scozia si è imposta d’autorità, grazie a un ottimo secondo tempo, sul Giappone nel test disputato a Edinburgo. Per i padroni di casa: 6 mete (doppietta di Seymour) contro le due di Fukoka per il GiapponeScozia – Giappone 42 - 17Marcatori: 6’ , 21’ cp Laidlaw, 31’ mnt Seympur, 35’ cp Goramoru 43’ m. Fukoka tr. Goramaru, 46’ m. Laidlaw tr. Laidlaw,  51’ m. Fukoka tr. Goramaru, 54’ mnt Sympur, 63’ m. Dickonson tr. Laidlaw, 68’ mnt Weir, 77’ m. Lamont tr. WeirGiorgio Sbrocco

05
novembre


Scozia – Maitland estremo contro il Giappone. By Giorgio Sbrocco

Sean Maitland estremo e Ryan Grant a sinistra della prima linea nella Scozia del ct Scott Jonhson che affronterà il Giappone sabato a Murrayfield. Al flanker  Kelly Brown i gradi di capitano  e debutto in patria per Tim Swinson in seconda linea.Scozia: 15 Sean Maitland, 14 Tommy Seymour, 13 Nick de Luca, 12 Matt Scott, 11 Sean Lamont, 10 Ruaridh Jackson, 9 Greig Laidlaw, 8 David Denton, 7 Kelly Brown (c), 6 Al Strokosch, 5 Al Kellock, 4 Tim Swinson, 3 Euan Murray, 2 Ross Ford, 1 Ryan Grant.In panchina: 16 Pat MacArthur, 17 Al Dickinson, 18 Geoff Cross, 19 Richie Gray, 20 John Barclay, 21 Henry Prygos, 22 Duncan Weir, 23 Duncan TaylorGiorgio Sbrocco

29
ottobre


Nuova Zelanda – Perone fratturato per Joe Moody. Al suo posto debutterà Toomaga-Allen. By Giorgio Sbrocco

Debutto in maglia All Blacks rinviato per il pilone Joe Moody a causa di una frattura alla gamba rimediata (perone) nel corso della finale di ITM Cup Canterbury-Wellington (29-13) di sabato scorso. Al suo posto un altro uncapped: Jeffery Toomaga-Allen (Wellington, 22 anni) che di solito gioca a destra ma che il ct Steve Hansen ha convocato per giocare a sinistra. I selezionatori neozelandesi hanno anche definito il gruppo di giocatori che salterà l’impegno di Tokio contro il Giappone: Tony Woodcock, Sam Whitelock, Luke Romano, Liam Messam, Kieran Read, Israel Dagg, Cory Jane, Julian Savea, Aaron Cruden e Ardie Savea.Giorgio Sbrocco

12
luglio


New Zealand – Un sabato libero? Perché non andare a Tokio? By Giorgio Sbrocco

A leggere i comunicati del sindacato mondiale dei giocatori professionisti (Irpa), sembra che quella della rivisitazione (al meglio) dei calendari internazionali e un loro salutare alleggerimento siano  le priorità del movimento. Sarà…Intanto è di oggi la notizia che gli All Blacks, attesi in Europa a novembre per tre Test con Francia (9 novembre), Inghilterra (16) e Irlanda (23), dal momento che disponevano di un sabato libero (il 2), hanno deciso di far scalo a Tokio per un Test contro il Giappone. Così, tanto perché i giocatori non prendano cattive abitudini e non diventino tanti fannulloni choosy.Giorgio Sbrocco

16
giugno


Galles – JJ Williams: “Galles arrogante, sconfitta col Giappone meritata”. By Girogio Sbrocco

Per la serie: perdere piace a pochi. Ha fatto scalpore, e tanto ancora ne farà, la sconfitta del Galles  a opera del Giappone nel Test match disputato ieri a Tokio. Fra i primi a prendere la parola sul delicato argomento è stato uno del quale in pochi, in patria e fuori, possono contestare l’autorevolezza. JJ Williams (ala dei B&I nella Serie vinta in SA nel ’74, Nazionale dal ’73 al ’79, due volte Grande Slam, quattro vincitore del Cinque Nazioni, meglio come “il levriero gallese”) ha detto (BBC Sport) che il Galles ha pagato a caro prezzo la supponenza e l’arroganza con cui ha operato la selezione della Nazionale portata in Giappone. Più esattamente: “L’arroganza ha condotto il Galles allo storico 8-23 con il Giappone. Perché solo l’arroganza e la sopravalutazione dei propri mezzi spiegano l’allestimento di una formazione tanto debole. Mandare in campo un Galles composto in gran parte di giovani senza alcuna esperienza internazionale, con alle spalle una o due partite di livello e una mezza dozzina di apparizioni con le squadre provinciali significa cercare di perdere”. Più chiaro di così! Il riferimento, B&I a parte, è ad alcuni giocatori che sono stati lasciati volutamente a casa: Jones (Ospreys), Hook (Perpignano), James (Bath), l’ex capitano Matthew Rees, il mediano di mischia Dwayne Peel, il pilone degli Ospreys Duncan Jones, Jonathan Thomas (Worcester), l’estremo di Clarmont Lee Byrne. Gli ha risposto indirettamente coach McBryde: “La decisione di venire in Giappone con tanti giovani per fare esperienza è mia. L’esperienza fatta, nonostante la sconfitta, è stata preziosa e si dimostrerà utile in futuro”.Giorgio Sbrocco

15
giugno


Giappone – Storica vittoria a Tokio sul Galles. By Giorgio Sbrocco

Festeggia il Giappone di Eddie Jones (quello che : soste a metà tempo per bere e rinfrescarsi? Ma neanche per sogno!) che  al Chichibunomiya Rugby Stadium di Tokio, davanti a 21mila spettatori ha colto la sua prima storica vittoria sul Galles. Dragoni senza B&I, ma l’evento è comunque di portata epocale. Il risultato finale (23-8) è frutto di due mete dei nipponici (Wing al 49’ e Broadhurst al 60’) e di 13 punti di Goromaru dalla piazzola. Per i Dragoni di Roby McBride: una meta di Prydie (44’) e 3 punti di Biggar. GIAPPONE - GALLES 23 - 8 Giorgio Sbrocco

08
giugno


Galles – Senza Lions sono “altri” Dragoni. Giappone a un passo dalla storia!. By Giorgio Sbrocco

Il Galles è senza B&I. E a Osaka si è visto con chiarezza che quella dei Dragoni in Tour è, in tutto e per tutto, un’altra squadra. A Osaka il Giappone prova a vincere lo storico match con i trionfatori del Sei Nazioni. E per poco non ci riesce: segna due mete e al 69’ si aggrappa con le unghie alla partita (18-19) prima che Patchell chiuda i ldisacroso a un minuto dalla fine. Per il resto: grazie Biggar!Giappone – Galles 18-22Marcatori: 15' cp. Goromaru, 20' cp. Goromaru, 23' cp. Biggar, 29' cp. Biggar, 38' m. Broadhurst, 46' cp. Biggar, 59' cp. Biggar, 63' m. Robinson tr. Biggar, 69' m. Fujita tr. Goromaru, 79' cp. Patchell Giorgio Sbrocco

05
giugno


Galles – Eddie Jones: “Il mio Giappone può vincere!”. By Giorgio Sbrocco

Gesti di gentilezza idrica a parte, Eddie Jones punta molto sul doppio Test dle suo Giapppone contro il Galles. Resa nota la lista dei 35 atleti nipponici convocati per il doppio appuntamemto. “Sono convinto che la nostra squadra può battere il Galle” ha dichiarato l'ex ct dei Wallabies. Che, per l'occasione, potrà disporre di Shoa Horie (Rebels), Fumiaki Tanaka (Highlanders) e Michael Leitch (Chiefs), tutti provenienti dal Super Rugby. Il Giappone è inoltre reduce dal sesto consecutivo successo nel Cinque Naizoni asiatico. I test si disputeranno l'8 giugno a Osaka e il 15 a Tokio. GIAPPONEAvanti: Yusuke Nagae (Ricoh BlackRams), Masataka Mikami (Toshiba Brave Lupus), Takuma Asahara (Toshiba Brave Lupus), Shota Horie (Panasonic Wild Knights),Takeshi Kizu (Kobe Steel Kobelco Steelers), Yusuke Aoki (Suntory Sungoliath), Hiroki Yuhara (Toshiba Brave Lupus), Hiroshi Yamashita (Kobe Steel Kobelco Steelers), Kensuke Hatakeyama (Suntory Sungoliath) Shoji Ito (Kobe Steel Kobelco Steelers), Hitoshi Ono (Toshiba Brave Lupus), Shinya Makabe (Suntory Sungoliath), Justin Ives (Canon Eagles), Ryuta Yasui (Kobe Steel Kobelco Steelers), Michael Broadhurst (Ricoh BlackRams), Michael Leitch (Toshiba Brave Lupus), Hendrik Tui (Suntory Sungoliath), Takashi Kikutani (Toyota Verblitz), Ryu Koliniasi Holani (Panasonic Wild Knights). Linea arretrata: Atsushi Hiwasa (Suntory Sungoliath), Fumiaki Tanaka (Panasonic Wild Knights), Keisuke Uchida (Univ.of Tsukuba), Kosei Ono (Suntory Sungoliath), Yu Tamura (NEC Green Rockets), Harumichi Tatekawa (Kubota Spears), Craig Wing (Kobe Steel Kobelco Steelers), Ryoto Nakamura (Teikyo Univ.), Male Sau (Yamaha Jubilo), Seiichi Shimomura (Panasonic Wild Knights), Yoshikazu Fujita (Waseda Univ.), Toshiaki HIROSE (Toshiba Brave Lupus), Yuta Imamura (Kobe Steel Kobelco Steelers), Hirotoki Onozawa (Suntory Sungoliath), Kenki Fukuoka (Univ.of Tsukuba), Ayumu Goromaru (Yamaha Jubilo) Giorgio Sbrocco

05
giugno


Galles – Fa caldo a Osaka. Ma a Eddie Jones i water breaks...By Giorgio Sbrocco

Quando si dice: la classe non è...acqua!  I fatti: il Galles deve giocare sabato a Osaka il primo dei test match contro la Nazionale del Giappone. Nella città nipponica (e in tutto il resto del paese, in effetti) fa caldo (costantemente più di 30°) e l'umidità è altissima. Succede che, dallo staff del Dragoni, arriva la richiesta di poter usufruire di due pause (water beacks) allo scadere del 20' e del 60' minuto di gioco nel corso delle quali reidratare adeguatamente i giocatori. Il regolamento Irb non prevede nulla di tutto ciò, la richiesta non ha alcuna veste formale. I gallesi lo sanno ma...siamo o non siamo fra persone di mondo? E infatti, alla “supplica” risponde prontamente Eddie Jones, ct del Giappone il quale, dopo aver ricordato che quando una formazione dell'emisfero sud passa l'equatore non è solita ricevere alcun trattamento di favore, specifica che: “In Galles d'inverno fa molto freddo e non mi risulta che ci sia mai stata concessa ad alcuno la possibilità di scaldarsi adeguatamente le mani. Non ho ricordi di aver goduto di “pause davanti ala stufa” quando ho giocato in Europa. E perciò trovo davvero buffo che adesso ci vengano a chiedere di fermare la partita per...bere”. Com'era quella storia dello sport per trogloditi giocato da gentiluomini?Giorgio Sbrocco

Rugby Ball