20
giugno


New Zealand – Carter e Ranger in campo contro la Francia. By Giorgio Sbrocco

Dopo due test trascorsi a bordo campo nel ruolo di portatore di acqua, rientra Sua Maestà Daniel Carter negli AB che a New Plymouth chiuderanno sabato la serie di Test contro la Francia (2-0 la situazione prima del match conclusivo). Oltre al grande Dan, in campo anche Rene Ranger con la maglia che fu di Jonha Lomu. Per lui: ultima apparizione stagionale con la maglia dei Tuttineri. Dopo, ha giurato, sarà solo Montpellier e Top 14.Nuova Zelanda 15 Israel Dagg, 14 Ben Smith, 13 Conrad Smith, 12 Ma'a Nonu, 11 Rene Ranger, 10 Dan Carter, 9 Piri Weepu, 8 Kieran Read (capt), 7 Sam Cane, 6 Victor Vito, 5 Samuel Whitelock, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Andrew Hore, 1 Wyatt Crockett In panchina: 16 Keven Mealamu, 17 Tony Woodcock, 18 Ben Franks, 19 Steven Luatua, 20 Matt Todd, 21 Tawera Kerr-Barlow, 22 Beauden Barrett, 23 Charles Piutau4Giorgio Sbrocco

18
giugno


Junior World Cup – Due europee nelle prime quattro al Mondiale francese. By Giorgio Sbrocco

La dittatura delle squadre dell’Emisfero sud non vale fino all’Under 20. Questa la verità (incontestabile) che sta emergendo dalla World Cup di categoria i corso di svolgimento in Francia giunta alle semifinali. A contendersi i due posti nella finalissima che assegnerà il titolo di campione del Mondo (detenuto dal Sud Africa) saranno infatti due formazione europee (Galles e Inghilterra) e due del SANZAR (Sud Africa e Nuova Zelanda).  A contendersi i tre posti che garantiranno la permanenza nel gruppo Elite e la partecipazione al Mondiale 2014 in Nuova Zelanda: un’europea (Scozia), un’americana (Usa) e due realtà del Sud Pacifico (Samoa e Fiji). L’ultima di questo quartetto lascerà il posto all’Italia di Alessandro Troncon che ha vinto il Mondialino in Cile. Questi gli accoppiamenti Junior World Cup  2013 - SEMIFINALI  Posti dal 9 al 1218 giugno, 18.00 Samoa - Fiji 18 giugno, 20.15 Scozia – Usa Posti dal 5 all’8   18 giugno, 18.00 Argentina - Australia 18 giugno, 20.15 Irlanda – FranciaPosti dall’1 al 418 giugno, 18.00 Argentina - Australia 18 giugno, 20.15 Irlanda – Francia  Giorgio Sbrocco  

18
giugno


Francia – “Poco tempo per preparare la squadra e giocatori fusi”. Il lamento di Saint-André. By Giorgio Sbrocco

Un Sei Nazioni da dimenticare e un Tour in NZ che è già stato archiviato come  totalmente negativo (manca il terzo Test di New Plymouth, ma il 30 a zero di Christchurch ha detto praticamente tutto), in Francia è il momento degli esami di coscienza e delle valutazioni. “La Nazionale ha bisogno di stare insieme per periodi più lunghi, i giocatori devono arrivare a fine stagione meno stressati”. I dati:11 settimane di raduno all’anno: poche, pochissime, per il ct Saint-Andrè; le 37 partite giocate in stagione da Picamoles e le 53 (!) da Michalack (Super Rugby compreso), entrambi infortunati abbastanza seriamente, confrontate con le 26 (al massimo) disputate dai giocatori neozelandesi pongono un serio problema di organizzazione del lavoro. “Gli All Blacks giocano insieme 145 giorni all’anno (21 settimane)!” ha tuonato il ct della Francia. Non è un caso, secondo Saint-André, che la sola manifestazione in cui la Francia ha recentemente fatto bella figura sia stata la Coppa del Mondo. “Evento per il quale ci siamo preparati, insieme, per tre mesi!”. Il futuro del rugby francese è quindi nel segno di una profonda rifondazione, con gli interessi della squadra Nazionale sopra ogni altra cosa (come accade in NZ?). Difficile prevedere una tale inversione di tendenza. Vero è che in questi giorni (e in gran segreto) è in corso una trattativa assolutamente cruciale. A portarla avanti sono Serge Blanco (FFR) e Paul Goze (LNR, rappresentante dei club). Pare che Blanco abbia avuto mandato di offrire più soldi ai club (attualmente sono 21 milioni che la LNR distribuisce secondo proprie insindacabili modalità) in cambio di una maggior disponibilità dei giocatori. La decisione in merita sarà presa dall’assemblea generale della FFR in programma sabato a Hyéres. Secondo Saint-Andrè: “Da questa decisione dipenderanno le sorti del rugby frnacese dei prossimi 10 – 15 anni”.Giorgio Sbrocco

16
giugno


Francia – Pesano i 30 punti di Christchurch. Picamoles e Michalack out. By Giorgio Sbrocco

Pesa e peserà il 30-0 di Christchurch che la Francia ha subito sabato nel secondo dei tre Test della Serie contro la Nuova Zelanda. Sicuramente il morale ne risentirà.  Dimensioni del punteggio a parte, gli AB hanno dato per intero la misura della siderale distanza che, al momento, separa il loro rugby da quello dei competitors del vecchio continente. Un dato su cui, da oggi in poi, sarà molto difficile discettare alla ricerca di sfumature che possano in qualche misura rendere meno definitiva la sentenza. Per come si è sviluppata la sfida di Christchurch e per come gli AB hanno costruito la meta di Ben Smith (48’) dopo aver difeso efficacemente su 26 incursioni francesi dentro i propri cinque metri…E per  la serie “piove sul bagnato”: Picamoles (migliore in campo dei suoi) e Michalack non ci saranno sabato a New Plymouth per gare 3. Per il forte (fortissimo) n. 8 di Tolosa la diagnosi è di forte contusione all’anca; per il mediano di Tolone: spalla lussata. Nessun nuovo convocato, fa sapere Sanit-André “dal momento che i due ruoli risultano adeguatamente coperti”.Giorgio Sbrocco

15
giugno


Tags
,
,
,

Nuova Zelanda – Francia travolta e lasciata a zero. AB davvero insuperabili. By Giorgio Sbrocco

 Nuova Zelanda – Francia 30 - 0 (pt 10 – 0)Marcatori: 4’ m. Savea tr. Cruden, 22’ cp Cruden, 49’ m. B.Smith tr. Cruden, 62’ cp Cruden, 76’ m. Barrett tr, Barrett IL FILM DELA PARTITAAB – F 17 - 048’ tentativo di drop di Michalack contrato fuori dai 22 dopo 26 fasi francesi sui cinque metri della NZ (!!). Sul susseguente recupero:  trasformazione al largo, buco di Savea, palla a Ben Smith che vola in meta. That’s AB Power mates! Partita finitaAB – F 20 - 054’ Entrata laterale di Dusautoir sulla linea dei 10 in campo francese, resta a terra Picamoles. Al suo posto entra Nyanga. Cruden cerca i pali e li trova da posizione centrale.AB – F 23 - 062’Fallo della Francia a terra, Cruden piazza da poco più di 22 metri a sinistra e trova altri 3 punti. Entra Tales (debutto in Nazionale a 29 anni) per Michalack che passa n. 9AB – F 23 - 067’ Hore (tall) gioca male un 2 contro 1 sul terzo canale a sinistra dentro i 22: il suo passaggio a Read è clamorosamente in avanti. Meta mancataAB – F 23 - 074’ Bastareaud danza (!) nel terzo canale, supera il suo diretto avversari oe serve il sostegn dentro ai cinque. Alta scuola!AB – F 30 - 076’ c’è calcio per la Francia dentro i22 davanti ai pali. Dusautoir chiede la mischia ordinata. Parte Nyanga dal lato introduzione. Recupero NZ vicino alla linea laterale (placcato Higet). Contrattacco (con rimbalzo a favore d’ordinanza) e….meta di Barrett 90 e passa metri più lontano. Nota tecnica1. Fofana è (anche) un grandissimo difensore2. Cruden sa cosa è il gioco tattico al piede3. Michalack apertura…4. Read migliore in campo dopo l’uscita di Picamoles5. Dusautoir ha eseguito 12 placcaggi. Anche se Brian Ashton ha sull’argomento un’idea…tutta sua (che modestamente condividiamo), un gran bel numero6. La difesa AB dentro i propri cinque metri è da manuale del Rugby Perfetto. Comprese alcune “licenze poetiche” in tema di regolamento che sono concesse solo a loro.Giorgio Sbrocco  

15
giugno


Nuova Zelanda – Sotto la pioggia di Chistchurch AB avanti dopo 40’. By Giorgio Sbrocco

Nuova Zelanda – Francia 10 – 0Marcatori: 4’ m. Savea tr. Cruden, 22’ cp Cruden IL FILM DELA PARTITA AB-F 7 - 0 4’ Attacco AB sulla sinistra del fronte ben dentro i 22. Partenza dalla chiusa e Ma’a Nonu inventa un perfetto chip per Savea dietro la linea difensiva francese. L’ala raccoglie e vola in area di meta. Rolland chiede il TMO che esclude il fuori gioco dell’ala al momento del calcioAB – F 7 - 020’ fallo di Read in rimessa laterale. Michalack piazza da sinistra fuori i 22 ma colpisce il PALOAB – F 10 - 022’ fallo francese a terra dentro i 5 metri sotto pressione. Cruden piazza da destra e non sbagliaAB – F 10 - 026’ errore nella salita difensiva (primo canale)della Francia da rimessa laterale. Ma’a Nonu buca e serve Dagg al largo. Tenuto alto in area di metaAB – F 10 - 028’ fallo di Domingo (?) in chiusa a cinque metri. Rolland assegna un calcio alla NZ. Piazza Cruden ma il pallone è troppo “stretto” e passa all’esterno del primo palo.AB – F 10 - 031’ Mostruoso placcaggio di Machenaud che sbatte Ma’a Nonu fuori campo sulla bandierina destra e salva la Francia. Nota tecnica1. Grande prestazione della Francia nella zona di collisione: 5 palloni recuperati al breakdown (nell’Emisfero sud  si usa poco contestare il possesso dopo il placcaggio. E si vede!)2. Rimessa laterale francese inguardabile3. Mischia ordinata francese superiore per consistenza degli assetti4. Picamoles mostruoso nel gioco in piedi a contatto. È lui il miglior n. 8 al mondoGiorgio Sbrocco

14
giugno


Francia – Samson a comandare la rimessa laterale e l’istinto del killer da trovare prima possibile. By Giorgio Sbrocco

Yanncik Bru, tecnico degli avanti del XV di Francia attualmente in Tour in Nuova Zelanda va alla fiera delle buone intenzioni e su Rugby Rama (in una bella intervista raccolta da Nicolas Zanardi) elenca le “cose” che ancora non permettono ai suoi Bleus di vincere ma che forse…  per punti:Fasi di conquista: “Non sono andate bene come avremmo voluto. D’altra parte la Nauizonale non è un club e i meccanismi di mischia e rimessa laterale, per funzionare, hanno bisogno di essere esercitati. Qui ci lavoriamo una media di mezz’ora alla settimana, con Tolosa anche due ore. Quando prepari partite contro squadre dell’Emisfero Sud sai che molto dipenderà dal confronto nella zona di collisione. È logico che sia quello l’aspetto su cui si concentra maggiormente il lavoro di preparazione della squadra. E così abbiamo fatto in vista del primo Test. Salvo renderci conto, alla fine, che le ragioni della nostra sconfitta non si sono generate sul breakdown, ma nelle fasi statiche”.Gli AB cambiano un solo giocatore, e per infortunio,  per il Test di sabato a Christchurch: “È un aspetto che non ci deve interessare e del quale non ha senso tenere conto. Noi dobbiamo essere concentrati su quanto noi riusciremo a mettere in camp in termini di efficacia e di contrato. La sola cosa di cui mi preoccupo è il livello della nostra precisione nel corso della partita. Abbiamo grandi margini di miglioramento davanti. E più che pensare agli avversari abbiamo messo massima attenzione ad alzare il nostro, di rendimento.Sul ruolo di “comandante” della rimessa laterale: “ Uno dei miei obiettivi è proprio trovatre un giocatore cui affidare un tale delicatissimo compito. Abbiamo provato con Ouedrago, ma si è infortunato. Spero che Samson (seconda linea che partirà titolare) risulti all’altezza delle aspettative”.Sulla “onorevole” sconfitta dell’Eden Park: “Partiamo col dire che…abbiamo perso. Certo, cose buone ne abbiamo fatte vedere. Ma abbiamo perso. Non possiamo dirci soddisfatti per il fatto di aver ben figurato quando il risultato dice che a vincere sono i nostri avversari. Ci manca l’istinto del killer. L’obiettivo di questa Serie è di ottenere almeno una vittoria. E finché non arriva…Di una cosa sono certo: con una settimana in più di lavoro collettivo gli AB saranno molto più efficaci in rimessa laterale e nella zona di collisione palla a terra”.Giorgio Sbrocco

13
giugno


Nuova Zelanda – Confermato il XV di Auckland per gara 2 a Christchurch. By Giorgio Sbrocco

Squadra che vince…L’adagio evidentemente vale anche agli antipodi. In vista del secondo Test della Serie contro la Francia a Chirstchurch  il ct della Nuova Zelanda Steve Henson ha confermato il XV titolare che si è imposto a Auckland sabato scorso e si è limitato a mettere mano alla panchina. Dove siederanno Tony Woodcock e Piri Weepu al posto di Ben Afeaki e Tawera Kerr-Barlow che andranno in tribunaNuova Zelanda 15 Israel Dagg, 14 Ben Smith, 13 Conrad Smith, 12 Ma'a Nonu, 11 Julian Savea, 10 Aaron Cruden, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read (c), 7 Sam Cane, 6 Liam Messam, 5 Brodie Retallick, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Wyatt Crockett.In panchina: 16 Keven Mealamu, 17 Tony Woodcock, 18 Ben Franks, 19 Jeremy Thrush, 20 Victor Vito, 21 Piri Weepu, 22 Beauden Barrett, 23 Rene RangerGiorgio Sbrocco

11
giugno


Francia – Il capitano sulla sconfitta con gli AB: “Quando giochi bene devi vincere!”. By Giorgio Sbrocco

È proprio vero: i campioni non sono quelli che amano vincere, ma quelli che odiano perdere. Così il capitano della Francia Thierry Dusautoir nel commentare la sconfitta con gli All Blacks nel primo test della Serie neozelandese 2013: “C’è molta frustrazione, avevamo i mezzi per batterli…La sconfitta? È stato un insieme di cose, ma soprattutto: troppi palloni persi nel momento dell’impatto. Ma nonostante tutto abbiamo disputato una buona partita, abbiamo giocato…Quando capita una serata come questa e si riesce a esprimere gioco come noi abbiamo fatto, però, bisogna vincere!”. Chiaro, no?Giorgio Sbrocco

08
giugno


Nuova Zelanda – Vittoria AB a Auckland. Ma che Francia!” By Giorgio Sbrocco

Vittoria AB nel primo test contro la Francia giocato a Auckland. Meno ampio e soprattutto meo ampio del previsto. Colpa di Cruden che non è…Carter? Probabile, ma anche “colpa” della Francia che è stata capace di partire a mille (in meta con Fofana al 9’) e di limitare i danni davanti al prevedibile ritorno dei neozelandesi. Da rivedere la “strana” mediana Mechenaud-Lopez. Tutto sommato: bella e consistente la Francia, non certo brillanti ma terribilmente efficaci i Tutti vneri. Per la serie: novità zero!Nuova Zelanda – Francia 23-13 (pt 17-10)Marcatori: 9' m. Fofana tr. Machenaud, 21' cp. Cruden, 32' m. Ar.Smith tr. Cruden, 35' cp. Machenaud, 37' m. Cane tr. Cruden, 46' cp. Lopez, 60' cp. Cruden, 75' cp. CrudenGiorgio Sbrocco

Rugby Ball